facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 13 dicembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Totti ferma il tempo e incanta Tbilisi

Sabato 30 settembre 2017
È un attimo, Francesco Totti lascia la hall dell'hotel e subito viene riconosciuto da un gruppo di giapponesi. Sono le nove del mattino di un venerdì qualsiasi, Milano, zona Fiera-ex Expo. Il Capitano viene preso d'assalto. Inizia così la giornata che porta al ritorno in campo di Francesco Totti dopo il commovente saluto all'Olimpico dello scorso maggio.

DA KALADZE - Una volata in Georgia, a casa Kaladze, Tbilisi. L'ex milanista è candidato sindaco, e dall'Italia è partita un'impressionante parata di stelle per dare una mano a un Paese che è stato recentemente colpito duro da una serie di drammatici incendi. Con Totti, sul pullman che porta a Malpensa, ci sono fra gli altri il c.t. dell'Under 21 Di Biagio, il vicepresidente Fifa Boban, Seba Rossi, Angelo Di Livio, Marco Delvecchio, Dario Simic, Dino Baggio, Favalli, Candela e Luca Toni. I due campioni del mondo, Totti e Toni, si siedono vicini, parlano di progetti, corsi vari e se la ridono da vecchi amici che hanno condiviso qualcosa di magnifico. Poi ecco Paolo Maldini, Billy Costacurta, Shevchenko, Albertini, Zanetti, Cordoba, Abbiati, Dida, Ba, Angelo Carbone e Ambrosini. Ci sono pure Rivaldo e Cafu! Maldini abbraccia subito Totti. Domani si gioca Milan-Roma: tanta nostalgia di certe sfide. Costacurta e Boban sono asciutti come ragazzini, ma in generale sono tutti in buonissime condizioni, compreso «nonno» Vierchowod. Il più in forma? Simic.

IN AEREO - Partenza alle 10.40, quattro ore di volo. Cordoba guarda da lontano Sheva e Totti: «Sarò un angelo in campo, hanno appena compiuto gli anni, non picchio, promesso». Si ride di gusto anche in zona romanista, con Di Livio, Delvecchio e Di Biagio. Lì accanto ecco Francesco Totti, «rapito» da Candela: si gioca a scopa, e pare che vinca sempre il francese. A Tbilisi, però, trionfa Francesco. Compaiono telecamere, microfoni e taccuini ai piedi dell'aereo. Sono tutti per Maldini e appunto Totti. Il Capitano non si nega. Sarà rimasto a Roma tutta la vita, scelta per alcuni provinciale, ma la faccia di Francesco è conosciuta ovunque e l'uomo è amatissimo: allora ha avuto ragione lui! Ed è ressa pure fuori dal The Biltmore, hotel che ospita le star. All'interno c'è Kaladze ad accogliere tutti i suoi amici, all'esterno è sempre caccia all'autografo di Totti. Compare però anche una gigantografia dell'Inter del Triplete, in primo piano Javier Zanetti, che ringrazia. Intanto alla banda si è unito Hernan Crespo, proveniente da Dubai. Sul gruppo vigilano gli angeli custodi Mauro Tavola e Donato Albanese, di fatto primi collaboratori della federazione georgiana in questa iniziativa.

INVASIONE DI CAMPO - Alle 21.10 ora locale il fischio d'inizio, con squadre mischiate. E Totti - accolto da un'ovazione all'entrata in campo -, con la fascia da capitano degli azzurri. La prima giocata è un colpo di tacco e i 50 mila dello stadio di Tbilisi si alzano in piedi ad applaudire. Francesco è la star indiscussa. E l'attacco è da sogno: Totti, Toni e Rivaldo tutti insieme. Sarà un caso, ma Francesco ispira e Toni la butta dentro dopo neanche un minuto. Subito dopo, Totti manda in porta Salgado. E nella ripresa decide di salire in cattedra, riceve palla ai 25 metri e scarica una fucilata di esterno destro che manda in visibilio lo stadio. Uno di quei gol col marchio di fabbrica: tocco di palla e tiro resteranno sempre gli stessi. Esce all'89' ed è ancora standing ovation. Poco prima, un invasore solitario riesce ad abbracciarlo, realizzando il suo obiettivo da tifoso. Il resto è una grande festa per la gente di Tbilisi. Piovono gol da una parte e dall'altra. Finisce 6-5 per gli azzurri sui bianchi (doppietta di Toni e reti di Salgado, Rivaldo, Totti e Delvecchio per gli azzurri. Iashvili, Cafu, Kuranyi, Demetradze e Shevchenko per i bianchi). Proprio Sheva è uno spettacolo e Frey regala miracoli d'altri tempi nonostante qualche chilo di troppo. In mezzo al campo si diverte anche Kaladze, che tra i suoi amici ritrova parte del suo passato. Il futuro, spera, è da sindaco della sua amata Tbilisi.
di M. Graziano
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Albertini - Le Ultime News

 
    1    
 
 Mer. 05 giu 2019 
La leva degli Under che piace a Mancini
Continuare il setaccio dei giovani del calcio italiano: è la parola d'ordine a Coverciano,...
 Gio. 16 mag 2019 
Albertini, De Rossi simbolo
Bandiere spariscono,valutazioni club solo tecniche e non emotive
 Mar. 10 lug 2018 
MILAN, rivoluzione in corso con Elliott: possibile ritorno di Gandini
Umberto Gandini potrebbe lasciare Roma per tornare al Milan. Dopo le note vicende...
 Lun. 07 mag 2018 
Addio al calcio di Pirlo, la "Notte del Maestro": ecco i convocati
Svelati tutti i nomi, sarà una parata di stelle. Da Ronaldo a Totti, da Shevchenko...
 Mer. 31 gen 2018 
Due commissari oppure Malagò
La partita è maledettamente difficile. C'è da ricostruire la Federcalcio, trovare...
 Mar. 30 gen 2018 
Malagò commissario con Costacurta, Mancini o Ranieri ct
Il presidente del Coni studia la rivoluzione del calcio
 Sab. 13 gen 2018 
Figc, Tommasi: "Lotito candidato? Non è la risposta a Italia-Svezia..."
«Una eventuale candidatura di Lotito alla Figc? Non è impossibile visto che dice...
 Ven. 12 gen 2018 
Tommasi: "Subito le seconde squadre. Lotito? Non può aggregare"
Damiano Tommasi, presidente dell'Associazione Italiana Calciatori ed ex centrocampista...
 Gio. 16 nov 2017 
Il derby è anche politico
È il settimo anno che si sfidano ma la crisi è iniziata molto prima. Anzi, c'è sempre...
 Ven. 29 set 2017 
Totti in campo Tblisi: assist e un gol ad Abbiati. Un tifoso fa invasione e lo abbraccia
L'ex capitano romanista è tornato a giocare a quattro mesi dall’addio al calcio. È stato la stella di una gara benefica organizzata dalla federazione georgiana e da Kakha Kaladze. Per il numero dieci una rete e tante giocate da applausi. Invasione di campo per abbracciarlo
Amichevole di Tbilisi: Maglia numero 10 e fascia da capitano per Totti
THE WORLD FOOTBALL STARS FOR GEORGIA
 Mer. 30 mar 2016 
Accadde oggi: 30 marzo 1993, la notte di Cervone e del rigore di Papin
San Siro e una serata indimenticabile, due giorni dopo l'esordio di Francesco Totti
 Gio. 17 mar 2016 
E il capitano diventa poesia: l'Infinito...
La Roma ha vinto otto partite di fila, sabato all'Olimpico arriva l'Inter e lo stadio...
Il software che cancella Totti
Una relazione complessa con tanto di dati forniti da un software e un resoconto...
Albertini: "Totti era ed è la Roma...Lasciare la propria squadra del cuore non è facile"
Demetrio Albertini, vicepresidente della FIGC, ha rilasciato alcune dichiarazioni...
 Sab. 12 mar 2016 
Italia, comincia il dopo Conte
Donadoni il primo della lista
 
    1