facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 5 giugno 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Calciomercato Roma, Rudiger: "Dell'Inter se ne occupa il mio agente, io penso alla nazionale"

"L'Inter? Sono solo voci, al mercato ci pensa mio fratello. Per Totti piangeva tutto lo stadio"
Giovedì 15 giugno 2017
Ieri ci ha pensato Monchi durante la conferenza stampa di presentazione di Eusebio Di Francesco, a togliere dal mercato Antonio Ruediger. Le attenzioni dell'Inter e di Luciano Spalletti sembravano essere indirizzate sul difensore tedesco che, però, in un'intervista rilasciata a al quotidiano tedesco Bild allontana i fari nerazzurri: «Ho letto di questa indiscrezione e stranamente il mio compagno di squadra Manolas è stato spesso accostato anche lui all'Inter. Se si dovesse credere a quello che scrivono i giornali allora avrei lasciato la Roma già la scorsa estate e invece sono ancora qui. Ho anche chiesto a mio fratello, che è il mio procuratore, di lasciarmi tranquillo in Confederation Cup, anche se ci dovessero essere delle richieste». Tony, quindi, non smentisce l'interesse di altri club, ma resta comunque forte l'interesse di Spalletti: «Da quello che so lui si è presentato all'Inter solo in questi giorni, giusto? E secondo i media italiani avrebbe già scelto di comprare diversi giocatori. Fondamentalmente io di Spalletti non posso che parlare in maniera positiva. Abbiamo avuto fin dall'inizio un buon rapporto e mi ha sempre dato fiducia anche dopo l'infortunio al legamento crociato».

TOTTI E LA ROMA
Allontanato (momentaneamente) il fantasma Inter, Ruediger torna a parlare della sua esperienza nella Capitale: «Il mio obiettivo è sempre quello di migliorare anno dopo anno. Ma questo è un discorso personale e non c'entra nulla con il club in cui gioco. Roma è una città speciale, il mio primo grande passo all'estero. È sempre bel tempo, cibo delizioso e c'è anche molto da visitare, la qualità della vita è molto alta». Davanti ai 60 mila dello stadio Olimpico, Antonio ha assistito all'addio al calcio di Francesco Totti: «L'amore della gente si poteva vedere sul giro d'onore contro il Genoa: tutti stavano piangendo, o comunque avevano gli occhi lucidi. Totti è una leggenda, con una carriera incredibile. Prima lo conoscevo solo alla PlayStation, poi me lo sono ritrovato accanto nello spogliatoio, anche io ho dovuto abituarmi».

LA STAGIONE
Il dominio in Italia della Juventus non lascia possibilità ad altri club di sognare lo Scudetto, la Roma in questa stagione si avvicinata più del solito ai bianconeri, ma non è servito per vincere: «Non lo possiamo sapere cosa è successo, abbiamo giocato bene per gran parte della stagione. Ma nelle Coppe una sola brutta partita ti elimina. Così è stato purtroppo nelle semifinali d'andata. In campionato, soprattutto in trasferta, abbiamo perso punti contro squadre più piccole. La Juventus non è solo una potenza a livello nazionale, ma anche internazionale. Anche se in Europa vincono raramente. La loro mentalità vincente, in cui ogni pareggio è una delusione, è paragonabile a quella del Bayern in Germania. Sarà molto difficile rompere il loro dominio. Chi tifavo in finale di Champions? Ero imparziale, speravo in una bella partita che alla fine c'è stata». Chiusura sugli stadi e la Serie A italiana: «Gli impianti non sono certo come in Bundesliga. Anche il calcio non è veloce come in altri campionati, ma non parlerei di scarsa qualità».


*** *** ***



L'intervista integrale al quotidiano Bild

Non ha potuto giocare gli Europei per infortunio, crede di rientrare nella lista dei convocati per il Mondiale?
"Ho una buona possibilità di rientrarci se mostrerò le mie qualità anche nella prossima stagione. Ma mi rendo anche conto che non devo rilassarmi per quanto fatto negli ultimi anni, ma che devo lavorare sempre e con continuità".

Rinuncia a una parte delle vacanze per giocare la Confederations Cup, ne vale la pena?
"Certo, per me è un sogno che avevo da quando ero bambino giocare nella Nazionale. Ora ho questa possibilità, anche se non è un Europeo o un Mondiale, ma rimane sempre la mia nazionale. La mia seconda nazionalità è la Serra Leone, so dei problemi che hanno lì perciò non posso lamentarmi se dovrò fare una o due settimane di vacanze in meno".

La scorsa stagione è stato uno dei migliori difensori della Serie A, è pronto per il passo successivo?
"Quale sarebbe il passo successivo? Il mio obiettivo è di migliorarmi ogni anno. Ma questo si basa sul mio lavoro personale, non sul club se allude a questo".

L'Inter sarebbe la squadra giusta per migliorare?
"Ho letto di queste voci. Curiosamente anche il mio compagno di squadra Manolas è spesso accostato all'Inter. Se dovessimo credere a quello che dicono i giornali, sarei dovuto andare via già la scorsa stagione. Invece sono ancora qui. Proprio per queste voci ho delegato mio fratello di occuparsi di queste cose, così posso concentrarmi esclusivamente sulla Confederations Cup, indipendentemente dal fatto che ci siano o meno richieste".

L'Inter ha preso Spalletti, che parla molto bene di lei...
"Per quanto ne so Spalletti è diventato il tecnico dell'Inter solamente da pochi giorni. Secondo i media italiani invece Spalletti avrebbe già indicato di prendere diversi giocatori. Fondamentalmente di lui posso dire cose solo positive, abbiamo avuto fin dall'inizio un buon rapporto e lui mi ha dato molta fiducia anche dopo la rottura del crociato".

I bambini sognano di giocare in grandi club, lei quale sognava?
"Una volta il Borussia Dortmund perché ci giocava mio fratello Sahr".

Roma?
"Per me Roma è una città speciale, il mio primo grande passo all'estero da giovane. Quasi sempre bel tempo, cibo delizioso e una città tutta da visitare, anche se essendo un giocatore è difficile girare per le vie del centro".

Francesco Totti è un esempio di bandiera. Cosa ne pensa?
"Basta guardare il giro d'onore che ha fatto al termine dell'ultima partita contro il Genoa. Tutto lo stadio piangeva, o almeno aveva gli occhi lucidi. Totti è una leggenda con una carriera incredibile, prima lo conoscevo solamente con la Playstation, poi all'improvviso me lo sono trovato vicino. Mi ci sono dovuto abituare (ride, ndr)".

La scorsa stagione avete avuto un discreto successo, ma non siete riusciti a fare il ‘grande colpo'. In campionato quattro punti dietro la Juve e fuori dalle coppe, come è successo?
"Non lo possiamo sapere cosa è successo, abbiamo giocato bene per gran parte della stagione. Ma nelle Coppe una sola brutta partita ti elimina. Così è stato purtroppo nelle semifinali d'andata. In campionato, soprattutto in trasferta, abbiamo perso punti contro squadre più piccole".
di Gianluca Lengua
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Bundesliga - News

 
 <<    <      3   4   5   6   7    
 
 Gio. 09 nov 2017 
Calciomercato, da Pastore a Denis Suarez ecco la formazione degli scontenti
C'è una formazione extralarge di calciatori delusi che si guarda intorno, aspettando...
 Mer. 08 nov 2017 
Var, dopo le polemiche in Germania gli arbitri davanti al video saranno due
La Federcalcio tedesca (DFB) ha reagito alle critiche che ha ricevuto sull'uso del...
 Sab. 04 nov 2017 
Roma, il cartellino giallo è sconosciuto: è la "più buona" d'Europa...
Di Francesco ha forgiato una squadra aggressiva che non cade negli eccessi. Nove gialli e nessun rosso, solo l’Arsenal è alla pari
 Gio. 05 ott 2017 
Dieta, Bibbia e Kuerten. Così Alisson ha alzato il muro sulla Roma
Non inganni il cognome, non è quel Boris che pure fino a 15anni si è diviso tra...
 Mer. 04 ott 2017 
Attacchi da panico
Sbanda, la grande carovana del campionato di calcio. Agitata dal vento del duello...
 Mar. 03 ott 2017 
Calciomercato Bayern, la lista per il dopo Ancelotti: c'è un ex Roma
Bayern Monaco, ecco i nomi del dopo Ancelotti
 Gio. 21 set 2017 
Calciomercato, il Wolfsburg apre a Dzeko: "Se lascia la Roma noi ci siamo"
L’attaccante giallorosso potrebbe tornare in Bundesliga?
 Lun. 18 set 2017 
Bundesliga, la ricetta del successo dell'Hannover: sigarette, Coca Cola e Nutella
Quattro partite, dieci punti. Uno in più dei campioni del Bayern che sta permettendo...
 Lun. 28 ago 2017 
Il paragone con Van Basten, il gol alla Bergkamp e il mito Ibra: ecco Schick nuova stella della Roma
Il ciuffo biondo sempre perfetto, la faccia da tipico bravo ragazzo. L'aria, quella...
 Gio. 24 ago 2017 
Le conseguenze del Var ora i padroni del calcio vogliono il tempo effettivo
Nemmeno il tempo di abituarsi al Var che è già tempo di valutarne le conseguenze....
 Dom. 20 ago 2017 
Difesa, c'è Dragovic in cima alla lista. Ma occhio a Ruiz
Strada sbarrata. Il Real Madrid ha bloccato Nacho Fernandez dopo aver già ostruito...
 Gio. 17 ago 2017 
Calciomercato, il tormentone del pallone impazza sotto l'ombrellone
ROMA Che differenza c'è fra Aubameyang e «Despacito» di Luis Fonsi? Fra Perisic...
 Mar. 15 ago 2017 
Calciomercato Roma, Stark per la difesa
E' necessario l’arrivo di un altro centrale da affiancare a Manolas: Monchi sonda il mercato come aveva fatto a inizio estate
 Mer. 09 ago 2017 
Svolta per la A: gli orari delle gare decisi dalle tv
Nel bando per i diritti tv esteri del 2018-21, appena pubblicato dalla Lega, c'è...
 Dom. 06 ago 2017 
Roma, aspettando i sorteggi: le insidie della Champions League
In attesa del completamento del quadro delle 32 partecipanti alla fase a gironi i giallorossi si preparano all’urna di Montecarlo, che il 24 agosto decreterà la composizione dei gruppi della Champions
 Mer. 02 ago 2017 
Stallo Mahrez, Monchi sfida la Viola per Emre Mor
A Districarsi nel mercato della Roma è apparentemente facile. All'appello mancano...
 Mar. 25 lug 2017 
Dzeko: "A Roma si vive per il calcio. E noi siamo affamati di vittorie"
Edin Dzeko ha rilasciato una lunga intervista alla Nbc, parlando del suo passato...
Calciomercato Sadiq, è sfida Verona-Crotone
Dopo un primo momento di incredulità e di sbandamento, il Verona si è scrollato...
 Mer. 19 lug 2017 
Pallotta: "Inizieremo a costruire lo Stadio della Roma nel mese di febbraio"
“Tra 10 giorni dovremmo ottenere l’approvazione definitiva per lo stadio della Roma. Inizieremo a costruire da febbraio”
 Ven. 14 lug 2017 
Calciomercato Roma, per la difesa piace Kostas Stafylidis
Terzino sinistro cercasi in casa Roma, a maggior ragione dopo la partenza di Mario...
 
 <<    <      3   4   5   6   7