facebook twitter Feed RSS
Martedì - 1 dicembre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

DDR, il derby dei misteri

Martedì 29 marzo 2016
L'ultimo derby lo ha visto dalla tribuna. Da solo, senza nessuno vicino. Chissà se per casualità o volontà. Vittima dell'ennesimo infortunio al polpaccio, De Rossi è però riuscito a ritagliarsi un ruolo da protagonista anche fuori dal campo. Perché più del rigore di Dzeko, dell'infortunio di Salah o della corsa senza freni di Gervinho verso il 2-0 (con la sofferenza dipinta sul volto di Mauricio che invano provava a stargli dietro), l'ultima stracittadina sarà ricordata per l'esultanza di Daniele al rigore trasformato da Dzeko. Con una Sud semivuota per la nota protesta sulla divisione del settore, per una volta è bastato lui, barba folta e cappellino di lana in testa, a gridare il cognome del bosniaco dopo il gol. Per un attimo quell'urlo a squarciagola ha riempito il vuoto che c'era.

FUTURO INCERTO Quello di domenica è un derby strano. Per la Roma che rincorre la chimera del secondo posto. Per la Lazio che è appesa a 90 minuti per non bollare la stagione come la più fallimentare degli ultimi anni. E per lui. Perché come già accaduto al principe Carlo che all'ombra della Regina Elisabetta s'è fatto vecchio senza diventare mai re, anche stavolta l'interesse per il futuro di Totti regala a Daniele solo qualche briciola. È vero che il capitano si libera a giugno e la questione oramai ha assunto i connotati di una telenovela sudamericana ma il domani di De Rossi, nonostante l'accordo sino al 2017, non è certo come poteva essere un paio di anni fa. Nei prossimi mesi diventerà padre per la terza volta e questo potrebbe incidere non poco sul futuro prossimo. Se a Roma - rispettando il contratto e provando a vincere quello scudetto vanamente rincorso in una carriera - o altrove, sarà Daniele a deciderlo. Anche perché tra Mls (Los Angeles Galaxy) e Boca Juniors (in Argentina è da mesi che sono convinti del trasferimento in estate) le sirene non mancano.

LA SPERANZA Domenica saranno due mesi esatti dall'ultima gara giocata dal primo minuto (Sassuolo-Roma, 2 febbraio). De Rossi ha come obiettivo di tornare titolare. A 32 anni, sarà il suo derby numero 26. Tra campionato e coppa Italia ne ha vinti 11, pareggiati 6 e persi 8. Un solo gol all'attivo che non ama ricordare particolarmente. Perché avvenne in un derby perso (4-2), sempre a rincorrere la Lazio, prima avanti 2-0 e poi 3-1. Il 3-2 di Daniele a 10 minuti dal termine fu l'illusione regalata ad una Roma (con Spalletti in panchina) costretta a giocare la ripresa prima in 10 (espulsione Panucci) e poi in 9 (rosso a Mexes). Illusione durata lo spazio di 5 minuti, prima del 4-2 finale di Kolarov. Ben più comunque dei 48 secondi con l'Inter, quando è entrato in pieno recupero per sostituire El Shaarawy. Daniele riparte da quel minuto scarso consapevole che una Trigoria priva di 14 nazionali può giocare a suo favore. Perché il modus operandi di Lucio non cambia: gioca chi si allena. E poco importa se a lasciargli spazio sarà Keita, Pjanic o Nainggolan. Rinunciare a De Rossi è sempre difficile. Figuriamoci se al 100%, dopo essersi allenato assiduamente e in una gara come il derby. Daniele ci spera. Vuole tornare a urlare a squarciagola. Stavolta in campo, da protagonista.
di S. Carina
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Sassuolo-Roma - News

 
 <<    <      3   4   5   6   7    
 
 Dom. 16 ott 2016 
I segreti della Roma spacca Napoli
Da Edin Cieco a Edin Dzegol: basta un mese alla Roma per trasformare un anatroccolo...
 Lun. 03 ott 2016 
All'Olimpico non si passa! Con Spalletti è una media da scudetto
Nonostante l’assenza della curva Sud, i giallorossi hanno vinto ben 11 partite su 14 con una media di 2.57 punti a partita. Solo Juve e Napoli hanno fatto meglio
 Mar. 06 set 2016 
DDR e il polpaccio che non dà pace
Per fortuna è arrivato Noah. La gioia più bella, quella per la nascita di un figlio,...
 Ven. 06 mag 2016 
Strootman cerca un posto tra i titolarissimi della Roma
Il termine «titolarissimi» lo ha inventato Walter Mazzarri, ma può andare bene anche...
 Mar. 12 apr 2016 
I pali e il Bologna frenano la Roma a metà strada tra il Napoli e l'Inter
C'è sempre Roberto Donadoni tra la Roma e i suoi problemi. Il 15 febbraio 2015 portò...
 Ven. 08 apr 2016 
De Rossi l'altro Ninja
Una maglia per tre. Che non è il remake di «Una poltrona per due» ma il semplice...
 
 <<    <      3   4   5   6   7