facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 7 giugno 2023
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

Gigi Riva: "Nazionale rovinata da troppi stranieri. Napoli entusiasmante, Mourinho è unico"

"Mancini fa quello che può ma i giovani italiani così non possono emergere"
Mercoledì 22 marzo 2023
Guardo poco calcio, mi annoia, ragiona Gigi Riva. Il suo mondo è a Cagliari da sessant'anni esatti, da quando nel 1963 il presidente Andrea Arrica lo strappò a Renato Dall'Ara, numero uno del Bologna, acquistandolo dal Legnano per 37 milioni di lire. Un piccolo aereo che volava basso tra le nuvole lo portò dalla Lombardia alla Sardegna, «ma guarda dove sto andando, me ne torno subito» i suoi pensieri, lo sguardo torvo.

Invece Luigi Riva da Leggiuno, che nel tempo sarebbe diventato Giggirriva e tanto altro, dall'Isola non si è più mosso. Proprio ieri il Comune di Cagliari ha deciso all'unanimità di intitolargli il nuovo stadio: Riva lo ha appreso con grande soddisfazione.

Vive circondato dal popolo sardo che lo ha eletto a simbolo e mito, dall'affetto dei due figli, Nicola e Mauro, e di cinque nipoti, tutte ragazze, Virginia, Ilaria, Sofia, Gaia e Cecilia, tra i 21 e i 7 anni: a loro trasmette i suoi valori di sempre, coerenza, dignità e onestà. «Sto abbastanza bene» racconta ora anche se cammina poco, Riva, i tanti calci presi sui campi di tutto il mondo gli hanno presentato il conto; non va allo stadio da quando nel 2017 Malagò gli consegnò il Collare d'Oro e la gente cantò per lui come ai bei tempi. E si commosse.
Pochi amici, scelti, come Reginato e Tomasini, suoi scudieri del Cagliari dello scudetto. Tanto sport in Tv, tennis, ciclismo, i grandi eventi. Oggi ha 78 anni e custodisce un record di ferro, 35 gol con l'Italia in 42 partite: da allora nessuno come lui, nemmeno da vicino. E sì che la Nazionale avrebbe bisogno di uno così: Roberto Mancini è alla disperata ricerca di attaccanti che non ci sono. Siamo andati a pescarli in Argentina, come un tempo si fece con i "carasucia", gli Angeli dalla faccia sporca Angelillo, Maschio e Sivori, e non ebbero fortuna. Ma non può essere la ricetta, sostiene Riva. Anzi: tutt'altro.

Non ci sono più attaccanti in Italia: possibile?
«Gli stranieri hanno rovinato la Nazionale. Sono troppi nel nostro calcio. E non c'è più un italiano che abbia la possibilità di farsi notare, di mettersi in evidenza. Sono quasi tutti attaccanti stranieri nelle squadre di vertice».

Un tecnico del passato diceva che è colpa delle mamme: non ne fanno nascere.
«Mah, è un periodo un po' così, in effetti. Mancini convoca quelli che ha a disposizione, sia chiaro, chiama i migliori che può».

Chi le piace degli attaccanti azzurri di adesso?
«Non vorrei dirne uno e far dispetto ad altri...».

Ai suoi tempi c'era invece abbondanza, i commissari tecnici dovevano fare scelte impopolari.
«E' vero, c'era una rivalità fortissima, erano tutti affamati di calcio. Oggi ci sono soprattutto stranieri, a volte non ci si riesce a ricordare nemmeno come si chiamano».

Chi era il più forte italiano della sua epoca, presenti a parte?
«Tanti... Ma mi ripeto: non vorrei scontentare nessuno...».

Lei ha giocato contro Pelé, che ci ha lasciato da poco. Se dovesse scegliere un aggettivo?
«Era il mio maestro. Cosa si può dire di Pelé? Grande, grande».

C'è una foto a Cagliari con voi due, il Santos vi giocò nel 1968 e nel 1972. Ma anche voi lo vedevate così inarrivabile?
«Lui non ti faceva pesare la sua forza. Era sempre disponibile, si fermava per fare le foto, era una persona eccezionale».

Oggi c'è l'attaccante del Manchester City, Erling Haaland, che ha media-gol alla Riva, una potenza notevole, un sinistro devastante: un altro Rombo di Tuono?
«Se segna così è un temporale! Così come Mbappé, è forte, mi piace».

Lei è stato un'istituzione in azzurro anche come dirigente: vedere due Mondiali senza l'Italia che effetto le fa?
«Mi fa male, è un discorso che chiuderei subito. Ma la partita della Nazionale a Napoli la vedrò, certo, agli Europei mi sono emozionato».

Le piace guardare il calcio di oggi
«Faccio un po' fatica, in effetti. Bisogna rassegnarsi e accettare quello che c'è. Ci sono dei bei giocatori, non lo metto in dubbio. Ma vedo troppi passaggi, in continuazione, è noioso, si va in fondo e si crossa... Troppa tattica, troppo possesso di palla, poca fantasia».

Qualcosa di buono?
«Ma sì, c'è chi fa qualche numero. Ma le partite di oggi mi sembrano noiose. Fatichi a ricordare i nomi, ci sono squadre con dieci stranieri e un italiano. Non sembra nemmeno il nostro campionato».

Il calcio si allarga, sempre più competizioni, il prossimo Mondiale avrà 48 squadre. Quanti gol avrebbe fatto Riva in questo calcio senza pause?
«Ma no... io posso dire solo di aver vissuto un bel periodo, c'erano giocatori di grande peso, come Rivera e Mazzola».

Il Napoli di oggi la diverte?
«L'ho seguito: è entusiasmante. È una bella squadra, sta facendo un campionato meraviglioso. E ha quei due là davanti...».

Cosa pensa di Mourinho?
«Ha personalità, temperamento, trasmette alla squadra il suo carattere. Chi era come lui ai miei tempi? Ognuno ha le proprie caratteristiche, Scopigno era l'opposto ad esempio. Mourinho nel suo genere è unico».

Il ritorno di Ranieri?
«Si sta comportando molto bene. Richiamarlo è stata un'ottima decisione del presidente. Il Cagliari è migliorato moltissimo, anche se rimane una sofferenza vederlo in B».

Lei è diventato un soggetto di grande interesse per il cinema, il teatro. Le piace come viene rappresentato?
«Mi fa piacere che emerga la mia semplicità. Non mi sono mai proposto, mai messo in primo piano».

Federico Buffa la accomuna a Fabrizio De André, due sardi per scelta.
«Il giorno che ci siamo conosciuti, ci siamo stretti la mano e siamo stati mezzora senza parlare...(ride) eravamo a Genova. Poi ci siamo incontrati in Sardegna, sono andato all'Agnata, a Tempio, nella sua tenuta. Mi piacevano le canzoni, certo, ma soprattutto il suo temperamento, De Andrè sapeva vedere la vita in un modo migliore di quella che era realmente. Un grande personaggio».
di Pietro Cabras
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 06 giu 2023 
Calciomercato Roma, dai contatti per Tielemans a El Shaarawy: la situazione
Dal rinnovo di El Shaarawy alla situazione Tielemans: il punto sul calciomercato della Roma
Calciomercato Roma, in arrivo N'Dicka: 5 anni di contratto. Presto la presentazione di Aouar
La Roma sta definendo gli ultimi dettagli con N'Dicka: 5 anni di contratto. Arriva a zero dall'Eintracht. Aouar verrà presentato il giorno del ritiro
BEAUTYLEI | Crema Antiacne BIO 🌿 Combatte Brufoli e Punti Neri
✅ 🌿 📃 💬 📃 🧾 ⬜ 🇮🇹...
La Roma e le nuove strategie di mercato (post ko di Abraham) per soddisfare l'Uefa
Il settlement della scorsa estate vincola il club giallorosso: non possono essere inseriti i 13,5 milioni di Zaniolo. Si punta alla cessione dei giocatori in prestito, all’addio di qualche big o di giovani come Zalewski e Bove
Il saluto social di Wijnaldum: "Grazie per il meraviglioso sostegno"
Il centrocampista olandese rende omaggio ai tifosi giallorossi con un post su Instagram
Dybala, la vendetta sulla Juve e il futuro alla Roma oltre la clausola
Ha cambiato volto alla squadra e lo sa, si è già assicurato l’aumento chiesto ma quei 12 milioni tentano le grandi
Roma, niente stop per l'arbitro Taylor. E Mourinho rischia 4 giornate di stop
L’inglese che ha diretto la finale di Europa League, contestato duramente dal portoghese, invitato all’ultimo atto della Champions. Nel mirino anche le proteste continue della panchina giallorossa
La Roma chiama Nzola e Belotti rinnova: i dettagli
L’infortunio di Abraham costringe i giallorossi a cambiare piani: per il bomber dello Spezia Mourinho si è già mosso
 Lun. 05 giu 2023 
De Rossi a Mourinho: "Mister rimani? I tifosi sono qui per te". Mou: "Sono rimasti anche quando..."
Lo Special One: "Sono rimasti anche quando siete andati via tu e Totti"
Zalewski, che caduta! Il calciatore inciampa sui tabelloni durante l'esultanza (VIDEO)
Tra la confusione generale dopo la rete di Dybala, che ha portato la Roma in vantaggio...
Calciomercato Roma, monitorato Lukaku, piacciono Nzola e Arnautovic
Probabile l'addio a Belotti, in bilico il rinnovo di El Shaarawy
Roma-Spezia 2-1, Le Decisioni Del Giudice Sportivo
Un turno di squalifica a Dybala e Pellegrini. Due per Foti
Parla Abraham dopo il grave infortunio: la promessa sui social
Il messaggio del centravanti inglese, finito ko nel match contro lo Spezia e destinato a un lungo stop: ecco cos'ha scritto ai tifosi
Juve, Di Maria commenta Dybala sui social: tifosi infuriati
L'apprezzamento del bianconero nei confronti del compagno di nazionale ha fatto adirare i sostenitori bianconeri: cosa è successo
Dybala ed El Shaarawy, giorni decisivi per il futuro alla Roma: i dettagli
È già tempo di pensare alla prossima stagione: la situazione legata Joya e al Faraone e i colpi in entrata
Abraham, lesione al crociato: si teme uno stop di almeno 3-4 mesi. Dybala: "Il mio futuro? C'è tempo
L'attaccante della Roma si è fatto male in uno scontro con Ampadu. Ora potrebbero cambiare i piani del club giallorosso
Tutti i romanisti con Mourinho
Qualcosa si muove tra Mourinho e i Friedkin. Ieri la stagione della Roma è terminata...
Roma-Spezia 2-1, Le Pagelle dei Quotidiani
38ªGiornata di Serie A
ABRAHAM: trauma distorsivo con lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro
Brutto infortunio per Tammy Abraham durante Roma-Spezia, con l'inglese costretto...
Mourinho salutando i tifosi dopo lo Spezia: "Io resto qui" (VIDEO)
Roma-Spezia: giro di campo fine gara per i giallorossi.
DYBALA: "Se rimango? Ho due anni di contratto. Oggi il pubblico meritava di festeggiare"
ROMA-SPEZIA 2-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA DYBALA A DAZN Quanta voglia avevi di...
 Dom. 04 giu 2023 
ZALEWSKI: "Contento della reazione, ma qualcuno ci ha impedito di andare in Champions"
ROMA-SPEZIA 2-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA ZALEWSKI IN CONFERENZA STAMPA Cosa significa...
Roma-Spezia 2-1, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Dybala brilla, Zalewski rimedia. Belotti chiude a zero gol in
Dybala al 90' porta la Roma in Europa League. Spezia ko e allo spareggio-salvezza
Partita carica di tensione, durata 104 minuti: liguri in vantaggio con Nikolaou, poi i giallorossi pareggiano con Zalewski. E nel finale il rigore trasformato dall'argentino. Espulso Amian
ROMA-SPEZIA, ammoniti Pellegrini e Dybala: diffidati, saltano la prima giornata prossimo campionato
Allo Stadio Olimpico la Roma chiude il campionato e la sua stagione contro lo Spezia,...
Roma-Spezia: Mourinho non si vede, ma lo Stadio Olimpico è solo per lui. Fischi a Wijnaldum
All’annuncio delle formazioni fischi per Wijnaldum e applausi per gli altri. Il re è sempre e solo l'allenatore portoghese
Serie A - Roma-Spezia 2-1
38ªGiornata di Serie A
PINTO: "Incontro Mourinho-Friedkin? Il futuro è la partita con lo Spezia. Vogliamo arrivare..."
ROMA-SPEZIA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA, TIAGO PINTO: "Vogliamo arrivare il più in alto possibile in classifica”
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>