facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 29 maggio 2023
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

Conte piace a quattro big: la Serie A si agita

Occhi puntati sull'allenatore in rotta con il Tottenham: costa molto e molto pretende, per un progetto ambizioso potrebbe ridursi l'ingaggio
Mercoledì 22 marzo 2023
Servitevi da soli. Antonio Conte è di nuovo libero come l'acqua, pronto a riversarsi dove troverà una conca abbastanza accogliente da riceverlo, e come il fuoco, disposto a bruciare ancora gli animi e i campi. Quasi libero, in realtà e a rigor di regola, perché con il Tottenham sta tuttora riflettendo sul bene comune e anche sulla buonuscita, per quanto limitata dai pochi mesi di contratto che restano. Meglio per il club, visto che il Chelsea facendo piazza pulita di Antonio e dei suoi impeti di furente oratoria ha dovuto sborsare quasi trenta milioni di euro dopo aver deciso di andare in causa. Del resto Conte non è mai stato gratis. Nonostante questo in tanti accorrono al suo richiamo, come topini al seguito del pifferaio, anche dal nostro povero calcio costretto a tastare lo spessore del portafogli a ogni occasione. Non si può negare che le notizie di rottura definitiva e imminente con gli inglesi abbiano sollecitato sollevarsi di palpebre e rizzarsi d'orecchie. Possiamo citare la Juventus, dove Conte divenne Conte in tutte le sue sfaccettature, compresi il vizio di vincere, gli eccessi nella ribellione alle situazioni sgradite e il pressing psicofisico asfissiante sui calciatori. E certamente possiamo citare Inter e Milan, entrambe in una delicata fase di equilibrio instabile nei confronti degli allenatori attuali. Anche se Simone Inzaghi tutto sommato è arrivato ai quarti di Champions e non è mai facile, mentre Stefano Pioli si è messo largamente avanti con il credito già nella stagione scorsa, conclusa con lo scudetto. Ci metteremmo pure la Roma, alla quale l'alterno fluire dei risultati non consente certezze sul futuro di Mourinho. E così via.

La Serie A freme per il ritorno di Conte
La Serie A si è messa a fremere, ritenendo il ritorno di Conte, questa volta, un'eventualità concreta. Anzi, un'opportunità. Nonostante il fatto che Antonio non è gratis. Si è sempre fatto pagare bene per arrivare, per restare e per andarsene. Dell'andarsene abbiamo parlato. Normalmente, perché resti più a lungo del solito occorre sostenere le sue ambizioni sul mercato. Per farlo arrivare, occorre presentargli un contratto che lo scaldi. Al Tottenham lo hanno fatto: oltre 17 milioni di ingaggio annuo, quasi 190 milioni per l'ingresso di nuovi giocatori. Conte è molte cose: frenetico, istintivo, iracondo, volubile. E intelligente. Di sicuro non ingenuo. Al Tottenham e in Premier, dove il denaro non manca, ha toccato con mano un passaggio di civiltà tra due epoche diverse del calcio, quella in cui i soldi non erano un problema e quella in cui i soldi sono il problema. In Inghilterra, come spesso accade, l'effetto arriva in ritardo, forse perché c'è nebbia sulla Manica. E comunque lui stesso ha smarrito l'aura di invincibilità. Resta però un investimento prezioso. Da una dozzina d'anni, cioè dal primo contato con la Juventus, dovunque passa lascia almeno un trofeo di rilievo. O almeno un rilancio in stile, come accaduto in azzurro. L'eccezione è proprio il Tottenham, aggravata dall'ultima alzata d'ingegno inconsueta persino per lui, contro i giocatori pigri e la proprietà che regge venti stagioni senza vincere un tubo. Dunque, Conte sa che se vuole lavorare in Italia (e vuole, tanto da tornarci ogni volta che può in voli a basso prezzo) deve compiere il bel gesto di un taglio sostanziale all'ingaggio. Sa di non poter pretendere spese esagerate sul mercato, anche se non accetterà mai la mediocrità. Sa pure che è bene moderare le sparate verbali da cui nessuna delle sue squadre si è salvata, dall'Arezzo alla Nazionale italiana, dalla Juventus all'Inter al Chelsea. In realtà, quelle potrà continuare a concedersele. Sono troppo divertenti. Fanno parte di lui e della sua forza, come i capelli fanno parte di Sansone. Conte non è solo un cervello, è un cuore da riportare a casa.
di Marco Evangelisti
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Serie A - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 28 mag 2023 
Dall'Inghilterra sicuri: "La Roma su Maguire, ma il ricco ingaggio blocca tutto"
I Red Devils aprirebbero anche al prestito di un anno per permettere al centrale inglese di rilanciarsi, come ha fatto Smalling, ma le cifre in ballo per lo stipendio sono altissime
Fiorentina-Roma 2-1, Le Pagelle dei Quotidiani
37ªGiornata di Serie A
 Sab. 27 mag 2023 
Fiorentina-Roma 2-1, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - El Shaarawy non basta, senza Smalling la difesa imbarca acqua
Serie A - Fiorentina-Roma 2-1
37ªGiornata di Serie A
Fiorentina-Roma - Le Formazioni UFFICIALI
37ªGiornata di Serie A
Roma, è baby boom con Mourinho: l'ultimo arrivato è Pagano
Dybala, Pellegrini e altri big fuori dalla lista dei convocati, il tecnico punta sui più giovani
Fiorentina-Roma - Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
37ªGiornata di Serie A
 Ven. 26 mag 2023 
Maxischermi allo Stadio Olimpico: info biglietti
IL 31 MAGGIO CON LA VOCE ALL'OLIMPICO E CON IL CUORE A BUDAPEST
Totti: "Con la Roma avrei voluto giocare una finale di Champions"
L'ex capitano giallorosso ha rilasciato alcune dichiarazioni a margine del torneo di padel organizzato dalla Lega di Serie A
 Gio. 25 mag 2023 
Bove, dichiarazione d'amore alla Roma: "La cosa più bella del mondo"
Le parole del centrocampista giallorosso, ospite speciale nella nuova edizione dell’Evolution Camp di Miracoli FC: "Tutti sbagliano, anche in Serie A"
Designazioni Arbitrali 37ªGiornata di Serie A
SERIE A TIM - DESIGNAZIONI 37ª GIORNATA
Zona Champions, mercato e... le battute ingenerose di Re Mou verso il club che lo ha voluto
I meriti del tecnico portoghese sono innegabili, ma anche quelli della società. L'Europa League è un traguardo storico per la Roma, perché non pensare solo a quello?
 Mer. 24 mag 2023 
Totti: "Mercato Roma, Mourinho ha ragione. Se resta? Ho poca fiducia..."
L'ex capitano giallorosso si sbilancia sul futuro del tecnico portoghese: "Ci ho parlato..."
 Mar. 23 mag 2023 
Totti: "Budapest? Non parlo. Bove è bravo è duttile"
Francesco Totti ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla Roma prima dell'esordio...
Roma, ecco perché Mourinho ha scelto l'Europa League
Il motivo della scelta di Josè, che ha preferito la corsa in coppa fino alla finale a quella in campionato
Roma-Salernitana 2-2, Le Pagelle dei Quotidiani
36ªGiornata di Serie A
 Lun. 22 mag 2023 
El Shaarawy e Belotti, due strade opposte verso il rinnovo con la Roma
Il Faraone e l'ex capitano del Torino hanno il contratto in scadenza tra un mese: oggi, contro la Salernitana, prestazioni differenti. E il club valuta
Roma, non basta la doppia rimonta: con una bella Salernitana è solo 2-2
Apre un gran gol di Candreva, poi El Shaarawy e nuovo vantaggio di Dia, ma all’83’ arriva il pari definitivo di Matic. Parapiglia finale, espulsi due componenti delle panchine
SERIE A - Roma-Salernitana, Dybala in tribuna
Paulo Dybala out per Roma-Salernitana. Allo Stadio Olimpico, a nove giorni dalla...
Roma-Salernitana - Le Formazioni UFFICIALI
36ªGiornata di Serie A
Vai Belotti, ti ricordi i 106 gol in Serie A?
È vero, lo abbiamo detto o almeno pensato tante volte, ma questo lunedì assomiglia...
Roma-Salernitana - Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
36ªGiornata di Serie A
 Ven. 19 mag 2023 
 Mer. 17 mag 2023 
Designazioni Arbitrali 36ªGiornata di Serie A
SERIE A TIM - DESIGNAZIONI 36ª GIORNATA
Svolta calcio in tv. La Lega approva il bando: sabato una partita in chiaro?
È successo con largo anticipo e con un sì all'unanimità: la Serie A ha approvato...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>