facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 18 agosto 2022
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Mourinho: "Evolvo per avere successo. Fiducia e leadership le chiavi"

Il tecnico giallorosso: "Con i giocatori ognuno ha bisogno di un modo diverso di comunicare. La cosa più importante è conoscere la loro natura, devono fidarsi di me"
Venerdì 24 giugno 2022
L'allenatore della Roma, José Mourinho, ha raccontato ai canali di Sky Sport Uk il suo cambiamento in panchina in questi anni, come è riuscito a rapportarsi con generazioni diverse di calciatori e a nuovi metodo di allenamento e di stile di gioco: "Sono stato capace a 60 anni di evolvermi ed avere successo? È la natura di chi vuole rimanere nel calcio per molti anni. Se non sei innamorato del calcio e hai raggiunto tutto quello che c'è da raggiungere nel calcio, smetti e ti godi le tue medaglie. E ti godi la tua vita al di fuori del calcio. Ma se ami il calcio, non vuoi smettere. Se ami il calcio, non senti che stai invecchiando. Ti senti fresco, ti senti giovane e questa sensazione dura fino ai tuoi ultimi giorni. Quindi, la motivazione fa parte del DNA. Il mio record di vittorie in Inghilterra, Portogallo, Italia e Spagna? Per di più, ho vinto in questi quattro Paesi molto, molto presto. Non ho avuto bisogno di stare lì tre, quattro o cinque anni per vincere. È successo subito. Nella prima o al massimo nella seconda stagione. Credo che questo sia dovuto al fatto che ho cercato di capire la squadra. Ho studiato. Ho cercato di trarre il meglio dalle differenze, cercando di mettere in pratica le mie idee ma allo stesso tempo rispettando le culture locali e, nel mio caso, anche il sentimento e l'approccio locale al gioco".

Sul rapporto con i giocatori, in particolare alla Roma: "Ognuno ha bisogno di un modo diverso di comunicare, di un modo diverso di dare feedback, di motivare. La cosa più importante è conoscere la loro natura, sapere tutto di loro. Poi si può interagire con loro quasi su base individuale. Direi che è un po' come quando si va al ristorante e si mangia 'a la carte', come si dice in francese. 'Alla carta' è fondamentalmente quello che devi fare con il giocatore. Non guardarli come se fossero tutti uguali, perché sono tutti diversi. Se sono un leader naturale? Non direi. Anzi, da giovane direi che ero un leader silenzioso. Ma il mio lavoro non mi permette di essere un leader silenzioso, come è nella mia natura. Devo essere sempre sotto gli occhi di tutti, devo comunicare continuamente attraverso i media e questo fa una grande differenza. La chiave del successo rimane la stessa: è tutta una questione di strategia. Non si può prevedere tutto, ma più si è preparati, più si può mettere in allenamento. Si può ridurre l'imprevedibilità e questo dà la sensazione di rendere più facili le scelte e le decisioni. Si sa che le partite di calcio comportano dei rischi, ma bisogna cercare di ridurli preparandosi al meglio".

Sulle tecnologie nel calcio: "Il gioco è cambiato negli ultimi vent'anni. In termini di allenamento e metodologia abbiamo molti nuovi strumenti per analizzare una partita anche dalla panchina. Oggi ho a disposizione qualcosa che 20 anni fa era proibito: un monitor con una telecamera tattica che abbiamo negli stadi e che può darci diverse prospettive del campo. Sono apparse nuove dimensioni dello staff tecnico. Ora ci sono molte persone specializzate in diversi settori e si può condividere il lavoro. È una situazione diversa. Per fare un esempio, qualche tempo fa c'era solo il preparatore atletico. Ora c'è l'allenatore della performance, l'allenatore del recupero, l'allenatore individuale e l'allenatore della prevenzione. È pazzesco. Ha portato il nostro lavoro a una dimensione incredibile. Ora si ha a che fare con così tante persone con caratteri ed ego così diversi. Devi anche gestire molte più informazioni rispetto a prima. A volte devo selezionare le informazioni più importanti perché semplicemente non possiamo occuparci di tutto. Credo che la situazione sia molto simile a quella delle squadre di Formula Uno. Durante la gara hanno così tanti dati che devono essere molto selettivi. Non possono semplicemente passare tutte le informazioni al pilota".

Sui giovani: "Il giovane del 2000 è diverso dal giovane del 2022. Leadership significa che le persone devono seguirti. E per seguirti, devono credere in te. Di solito credono in te se sentono empatia, se sentono onestà. Nel mio caso personale di leader, questo significa esattamente la responsabilità di non deludere i tuoi collaboratori. Devi essere con loro e per loro, tutto il tempo. Devono fidarsi di te".
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mer. 17 ago 2022 
Roma, presto incontro con arbitri a Trigoria
Volontà club di tenere buoni rapporti con Aia
Roma attiva sulle uscite: Kluivert a un passo dal Fulham. Le ultime
Giornata attiva sulle uscite in casa Roma, la novità più rilevante riguarda Justin...
Come può cambiare la Roma nelle ultime due settimane di mercato
Due possibili colpi in entrata, esuberi da piazzare e un rinnovo eccellente in vista:...
Incontro Roma-Zaniolo: rimane giallorosso. A settembre appuntamento per il rinnovo
Summit a Milano tra il procuratore Vigorelli e la società: nessuna maxi offerta per l'idolo della Sud, a fine mercato le parti si rivedranno per discutere nei dettagli il prolungamento del contratto
Calciomercato Roma, Cristante manda un segnale alla società: lavori in corso per il rinnovo
Cristante segna e manda un segnale alla società: lavori in corso per il rinnovo
Calciomercato Roma, Mourinho non si accontenta: Belotti davanti, Lindelof o Gabriel dietro
Il tecnico vuole ancora due colpi per chiudere il mercato. In attacco per il Gallo si attendono solo i movimenti in uscita. Per il centrale, oltre a Bailly, Zagadou e Natan, spuntano due nomi dalla Premier
Toyota-Roma, una partnership con vista stadio
La Toyota sulle maglie (per ora solo di allenamento) della Roma. Era nell'aria,...
Roma, un anno di Abraham. E lui dichiara amore ai giallorossi sui social: "Casa mia"
Il centravanti giallorosso ribadisce il legame strettissimo con il club e soprattutto i romanisti
Fonseca: "Alla Roma sono stato 8 mesi senza ds. Il derby? Incredibile"
L'allenatore portoghese, ora al Lille, ricorda la sua esperienza in Italia: "Ho imparato molto nelle due stagioni in Serie A"
Mourinho 'il motivatore': ora l'Inghilterra lo rimpiange
Il tecnico giallorosso è tornato lo 'Special One'. Virale sui social un video del portoghese ai tempi del Tottenham
Samuel ritorna a casa: visita a Trigoria
Lo storico difensore argentino ha assistito all'allenamento della Roma di José Mourinho. Il club l'ha omaggiato con una maglia numero 19
UFFICIALE: Toyota nuovo Main Global Partner della Roma
Toyota nuovo Main Global Partner, comparirà sui training kit
Roma, tante scelte per Mourinho. Ma in mediana c'è un solo posto
Matic, Cristante, Wijnaldum: con la formula Abraham-Dybala-Zaniolo, dietro servono polmoni e sacrificio
Rosella Sensi ricorda il papà Franco: la commovente dedica social
La primogenita delllo storico presidente della Roma richiama la memoria del padre: "Sei sempre nel mio cuore, mi manchi tanto"
Designazioni Arbitrali 2ªGiornata di Serie A
SERIE A TIM - DESIGNAZIONI 2ª GIORNATA DI ANDATA
Zaniolo straripante, ora è l'arma in più di Mourinho
Nicolò è tirato a lucido e fisicamente non è mai stato così bene in passato. E ieri scambio di cuori social con la Roma
Roma-Cremonese - Le Probabili Formazioni
2ªGiornata di Serie A
Mourinho davvero può permettersi sempre i Fab Four?
Se riesce, sarà la più grande risposta di Mourinho a chi lo accusa di difensivismo....
Abraham, tocca a te. La Roma brilla, lui a secco: caccia al vice
Anche lo scorso anno ci ha messo un po' a carburare, basti pensare che nelle prime...
Incontentabile Mou
L'allenatore chiede un attaccante ma prima bisogna vendere. Si blocca la cessione...
Calciomercato Roma, Kluivert aspetta il Fulham e rinnova (automaticamente)
Del futuro di Justin Kluivert una sola cosa è certa: lascerà la Roma. La destinazione...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>