facebook twitter Feed RSS
Domenica - 28 novembre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "I Friedkin e Pinto hanno ereditato tanta m***a. Ora ridono con le tasche piene"

ROMA-NAPOLI, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "I Contro il Napoli gioca la stessa squadra che ha giocato con la Juve. La proprietà ha dovuto rimediare agli errori di altri e alcuni ora ridono con le tasche piene"
Sabato 23 ottobre 2021
Josè Mourinho è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita in programma domani alle ore 18 contro il Napoli. Queste le parole del portoghese:

Il significato di questa partita?
"Non è una svolta, stiamo facendo un campionato positivo, con prestazioni più positive dei risultati. Abbiamo 15 punti, ne meritavamo di più. Non penso alla svolta, penso a vincere. La partita è difficile, loro le hanno vinte tutte e stanno bene".

Le condizioni di Zaniolo e Karsdorp?
"Sono pronti per giocare, gioca la squadra che ha giocato con la Juve".

Ha detto che il Bodo era più forte della Roma del primo tempo. In quella Roma però giocavano tre giocatori (Kumbulla, Diawara e Perez) che sono stati pagati più di 70 milioni. Dov'è l'errore? Questi giocatori hanno margini di crescita?
"Non rispondo nello specifico sui singoli. A livello globale voglio dire che c'è tanta gente che ride di quello che ha fatto la Roma. I Friedkin hanno ereditato tanti errori fatti dagli altri, così come Tiago Pinto. La proprietà ha speso tanto per rimediare a quegli errori, e c'è gente che ride. Alcuni ridono con le tasche piene di soldi. Tanti milioni sono stati spesi e abbiamo dovuto spendere altri milioni per creare le condizioni per il successo del progetto. Quando qualcuno scrive la bugia che Mourinho non è contento mente. Mourinho, come tutti gli altri allenatori, vuole più giocatori, vuole una rosa di livello più alto. Ma Mourinho non è uno str****. Mourinho ha grande rispetto dei Friedkin e di Tiago Pinto. L'unico responsabile della sconfitta di giovedì sono io, nessun altro, perché ho fatto giocare una squadra che aveva grande rischio di perdere la partita, ma non pensavo a un disastro del genere. L'ho fatto per la paura degli infortuni, del campo, del clima, per le troppe partite. L'ho fatto pensando che dovremo giocare col Napoli, col Cagliari e col Milan e ho sbagliato. La responsabilità è solo mia".

Domani ci sarà uno stadio pieno, sarà una bellissima cornice. Dopo quello che è successo, ritiene che un'eventuale vittoria possa cancellare la sconfitta?
"Un'eventuale vittoria 6-1 con il Napoli non cancella niente. Non cancella la sensazione che ho, il senso di colpo. La prossima partita contro il Bodo/Glimt giocherà la stessa squadra di sempre. Se dopo qualcuno si infortuna è un peccato. Noi qui dentro lavoriamo dentro. Abbiamo ereditato una cicatrice emozionale di un record infortuni che non ho mai visto nella vita. La Roma ha un record infortuni che non ho mai visto nella vita. Una delle grande preoccupazioni che abbiamo avuto è che a questo livello dobbiamo per forza migliorare tanto. Lavoriamo tanto, tutti insieme. Questa cicatrice mi ha anche fatto pensare che fosse un'opportunità di far riposare gente ed anche di dare a bravi ragazzi la possibilità di giocare. Ripeto: sono bravi ragazzi, è gente che lavora e che merita l'opportunità di giocare. Quando siamo andati in Ucraina era una squadra con un equilibrio. A Bodo il campo sintetico ha spaventato tutti. Ho pensato che fosse un'opportunità di far riposare gente: ho sbagliato, responsabilità mia. Purtroppo storia mia e della Roma, rimarrà nella storia meritatamente."

Nel caso di un risultato negativo pensa che la gente continuerà a supportare questo progetto?
"Non penso ad un risultato negativo."

La Roma ha già perso contro la Juve e la Lazio, nonostante episodi non chiarissimi a livello arbitrale. Nelle ultime stagioni c'è una media preoccupante negli scontri diretti...
"Non sono d'accordo. I numeri sono veri. Per me c'è solo un complesso: nelle ultime stagioni siamo arrivati sesti e settimi. È l'unica cosa che interessa. Se in questa stagione miglioriamo rispetto a quella scorsa e non vinciamo con le grandi non è un problema. Domani giocheremo contro il Napoli e cercheremo di vincere."

La rabbia per la partita in Norvegia può aiutare contro il Napoli? Meglio per lei che il Napoli abbia vinto giovedì?
"Queste cose non mi interessano, è una partita contro una grande squadra, contro un grande allenatore, sono cose ovvie perché reali. Partita difficile per noi, non credo che sia facile neanche per loro. Ho un grande piacere di salutare Spalletti, di ridere con lui. La partita di giovedì non si dimentica, ma preferivo perdere quella perché possiamo ancora passare il turno senza problemi, possiamo arrivare fino in fondo alla competizione. Preferisco perdere una partita 6-1 che sei 1-0, ma comunque non si dimentica".

Giovedì Spalletti ha detto che non fosse preoccupato dal fatto che la Roma avesse perso in quel modo, oggi ha aggiunto che avrebbe preferito non avesse perso così. Si può trasportate il sentimento di rabbia facendo una grande partita? È più tranquillo che il Napoli ha vinto e non perso?
"Quando avevamo solo vittorie in campionato, ho parlato di San Pietro, scherzando ma senza scherzare troppo. Faccio un esempio: se Chiellini è infortunato nella Juve, gioca de Ligt. Se Alex Sandro è stanco, gioca De Sciglio. Parlo di Allegri, perché con me non si arrabbia. La nostra squadra ha alcune soluzioni di livello in alcune zone, ma in altre no, non c'è da nasconderlo. Un contro è una squadra, un conto è una rosa. Stiamo costruendo una squadra, ma dobbiamo costruire una rosa e per farlo servono più soldi, più finestre di mercato. E la proprietà sta facendo uno sforzo incredibile e deve essere rispettate. Quando leggo che io ho problemi con loro mi sembra assurdo, io li rispetto e tutti i romanisti devono rispettarli. Stanno costruendo il futuro del club. C'è gente con le tasche piene di commissioni, di premi, e poi sparisce. E poi pagano i Friedkin, paga Tiago e pago io che vado in panchina. Ma io sono onesto e mi prendo la responsabilità delle mie scelte, lasciate gli altri in pace che stanno facendo un lavoro fantastico. Se poi possono aiutarmi di più a gennaio o in estate li ringrazierei tantissimo. Domani vedrete la panchina, non ci sono giocatori scarsi, ma ci sono molti giovanissimi".

Domani serve un sacrifico ulteriore degli esterni in fase difensiva?
"Penso che loro devono preoccuparsi di Zaniolo e Mkhitaryan. Loro sono bravi, tutti bravi, ma anche Zaniolo, Mkhitaryan ed El Shaarawy sono bravi. Dobbiamo sfruttare i punti forti degli avversari, ma anche Luciano sa che deve preoccuparsi di noi".




COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Sab. 27 nov 2021 
MOURINHO: "Il Torino non concede molte opportunità, ci sarà bisogno di una gara offensiva"
ROMA-TORINO, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: : "Il problema non sono più i terzini, ma il centrocampo"
CEO Berardi: "Il nostro obiettivo è essere presenti con forza nel panorama internazionale"
Il CEO della Roma Berardi: "Stiamo rafforzando l'area business". Ingaggiato Ryan Norys
PRIMAVERA 1 - Juventus-Roma 2-2
Nella 10ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
MASCHERA DI PROTEZIONE BRANDIZZATA ROMAFOREVER. Spedizione Gratuita tutta Italia!
Mascherina filtrante tessuto 100% Cotone brandizzata RomaForever, lavabile a mano quante volte vuoi. (Made in Italy)
JURIC: "Vogliamo fare punti domani, spesso con le big abbiamo perso per episodi"
ROMA-TORINO, LA CONFERENZA STAMPA DI IVAN JURIC: "La più grande qualità di Mourinho è l’empatia che sa creare con squadra e ambiente. La Roma sta crescendo, ma vogliamo fare punti"
Nicolò supera Nordhal ed entra nella top 100
Un gol in più di Nordhal: il pompierone aveva 36 anni quando chiuse la carriera...
La nuova Roma intriga Mourinho
Quando la svolta arriva grazie all'emergenza. Una situazione tipica del calcio si...
Cristante ora spera: stamattina c'è il test
La sorpresa può essere Bryan Cristante. Nell'emergenza centrocampisti, Mourinho...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>