facebook twitter Feed RSS
Martedì - 28 giugno 2022
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "Non ero euforico prima e non mi deprimo ora. Non entro nella dinamica di problemi grossi"

ROMA-UDINESE, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "In 3 mesi puoi sviluppare una squadra che è già squadra. Vina non sarà a disposizione domani. La nostra stagione non è un'autostrada"
Mercoledì 22 settembre 2021
José Mourinho, tecnico della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Serie A contro l'Udinese. La gara è in programma domani alle ore 20.45 presso lo Stadio Olimpico. Queste le parole del portoghese:

Vi manca qualcosa dal mercato?
"Il mercato è chiuso e già state parlando di mercato, ma non lo faccio. Non posso parlare con voi di quello che vedo io, non capisco la tua domanda, nemmeno la prima parte in cui chiedi perché la squadra soffre in determinate condizionate. Venivamo da 6 vittorie consecutive e non ho parlato di mercato. Abbiamo perso una partita giocata male e non ho niente da dire a voi. Abbiamo analizzato il match con i miei calciatori, guardando al futuro e non più alla gara contro l'Hellas Verona dove abbiamo perso i tre punti".

Dopo un passo falso così ha bisogno della controprova o ha già capito che è stata una giornata storta?
"Non ho capito molto bene la domanda. Perché pochi si aspettano la sconfitta? Perché abbiamo vinto prima? Qui è troppo facile andare con l'euforia e poi in depressione. Quando mi avete visto euforico un minuto in due mesi? Soltanto una volta. Non mi avete mai visto in questa dinamica. Adesso non mi vedrai nella dinamica opposta perché abbiamo perso. Forse sono troppo onesto e dopo quella partita lì dovevo dire dell'arbitro che non doveva dare il giallo a Veretout, il campo, la pioggia. Magari sono troppo onesto quando ho detto che abbiamo giocato male. Magari un pareggio andava bene, ma abbiamo perso. Siamo tristi, ma siamo ancora equilibrati. So perfettamente perché sono venuto qui. Penso che sono venuto qui per il mio livello di esperienza, di maturità, di equilibrio per non mandare questa gente in euforia o in depressione perché abbiamo perso una partita. Abbiamo tanto da fare. Voi cercate, in modo generale, di metterci nello stesso gruppo di squadre che hanno finito 20 punti sopra. Lasciateci tranquilli. Siamo solo candidati a vincere la prossima partita, solo questo. Volete analizzare con me il Verona, ma non posso. Lunedì giorno libero non per me, non per il mio staff. Lavoriamo tutti i giorni per analizzare e preparare, poi arrivano i giocatori. Ora siamo candidati a vincere una partita molto difficile contro l'Udinese, ma anche loro. Noi vogliamo vincere questa partita. Siamo equilibrati. Meno felici? Normale perché abbiamo perso. Trasformiamo la tristezza in motivazione e non in depressione. Pensate chi ha perso 2 partite, chi ne ha pareggiate 2. Noi facciamo la nostra strada e tranquillità. Abbiamo ambizioni con base di tranquillità."

Che insidie si aspetta da domani?
"Uno schiaffo nel risultato ma non nel gioco. Hanno giocato contro una squadra forte. Gol da palla inattiva, sul primo gol anche un po' strano. L'organizzazione di gioco contro la Juventus, fino al Napoli dimostra che sono solidi. Sanno come si gioca, come si difende. È una squadra difficile. Giocheranno ancora con 5 dietro ma diverso dal Verona. Hanno stabilità nel loro gioco. Hanno questa fisicità ma anche qualità."

L'equilibrio che si è impostato si è smarrito?
"Se non dobbiamo lavorare di più i Friedkin mi avrebbero fato 3 mesi di contratto e non 3 mesi. Per qualche ragione sono 3 anni. In 3 mesi è molto difficile. Puoi sviluppare una squadra che è già squadra, puoi dare qualcosa di personale. Quando non è una squadra non lo sviluppi in 3 mesi. Le occasioni contro il Sassuolo sono conseguenza di nostra ambizione non è un problema per me. Se perdiamo per ambizione o voglia di vincere, anche qualche cambio che ho fatto quando la partita era già "rotta", è un cambio che rompe ancora di più. Se Pellegrini è stanco gioca da solo a centrocampo con Cristante sapevo quello che facevo. Sapevo di vincere o perdere. Un problema sono i 3 gol che sono troppi. Quando segni 2 gol fuori casa devi vincere e nemmeno pareggiare. Difensivamente abbiamo avuto dei problemi è vero, ma anche offensivi. Non abbiamo giocato bene. Non entro nelle dinamiche perché Gotti magari è interessato. Ma posso dire che abbiamo giocato male. Poteva essere un pareggio, si. Faraoni ha fatto il gol della vita mentre potevamo tornare. Non ho voluto cercare alibi. Non sto in questa dimensione di cercare alibi."

Come sta Vina?
"Domani no."

Calafiori al posto di Vina?
"Calafiori è valido per noi, poi ha sempre 19 anni. Se fai la stessa domanda a 4-5 squadre più forti in Serie A, magari il loro tecnico ti direbbe che non è valido perché hanno due giocatori esperti in tutti i ruoli. Per noi Calafiori è valido, secondo me ha fatto una partita timida ma equilibrata, quando parlo di problemi difensivi posso anche dire che dai miei terzini mi aspetto un po' di più. È un ragazzo di 19 anni con qualità e senza grande esperienza, ha bisogno di tempo per acquisire maturità".

Come stanno Cristante e Veretout?
"Alcune squadre possono gestire alcuni calciatori, per noi è più difficile. In alcune posizioni abbiamo giocatori allo stesso livello di qualità, esperienza, intensità, ritmo. Ci sono altre posizioni, invece, dove è più complicato fare questo. Di solito non dico chi gioca o no, però ti dico che domani gioca sia Cristante che Veretout".

Questa euforia/depressione può colpire anche i calciatori?
"Non posso controllare i tifosi, i miei calciatori fuori di qui. Posso cercare di influenzarli quando sono con me, mi è piaciuto tutto dopo le vittorie, abbiamo celebrato quell'ultimo minuto contro il Sassuolo perché è stato incontrollabile, ma lo spogliatoio è stato sempre equilibrato, poi eravamo tristi domenica e mi piace perché vogliamo riscattarci. Dobbiamo trasformare la tristezza in motivazione, rimanendo stabili. Prima della sconfitta abbiamo parlato della nostra cena, la nostra stagione non è un'alta pista ma è fatta di curve e serve guidare con concentrazione, visione e tranquillità, non è un'autostrada se non per una squadra super top tipo Bayern Monaco, PSG. La nostra stagione non è un'autostrada, andiamo avanti piano piano".



COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 27 giu 2022 
Calciomercato Roma, per il centrocampo spunta Lukic del Torino
La Roma continua ad essere molto attiva sul mercato. I giallorossi avrebbero messo...
Calciomercato Roma, Juventus-Zaniolo: spuntano nuovi nomi per le contropartite
Nicolò Zaniolo continua ad essere al centro delle voci di mercato. L'interesse da...
CALCIOMERCATO, tra giovedì e venerdì incontro Roma-Juventus per Zaniolo
Novità in casa Roma per quanto riguarda il fronte calciomercato. Secondo quanto...
Dietrofront Roma: niente trofeo Gamper. Il Barcellona valuta azioni legali
La Roma cancella l'amichevole e il Barça la prende male: "Valutiamo azioni legali"
Calciomercato Roma, spunta un nome nuovo per la difesa. In attacco piovono smentite per Morata
Lenglet, centrale mancino del Barcellona, potrebbe rappresentare un affare meno costoso di Senesi e Ndicka. In attacco si tiene sotto controllo Belotti che potrebbe rappresentare un'opzione
Giannini: "Zaniolo lo terrei sempre alla Roma, ma lui cosa vuole fare?"
Il pensiero del Principe sulla possibile partenza del talento giallorosso: “In caso di addio servirà un Dybala”
La Roma lavora sulle cessioni: la situazione da Diawara a Carles Perez
Tanti nomi in uscita, ma anche tante richieste per i giocatori che Mourinho vuole lasciar partire
Dalla Spagna: "La Roma tenta lo sgambetto a Monchi: contatti con il Lione per Aouar"
Pinto non ha perso di vista il centrocampista: il club giallorosso starebbe puntando con decisione sul talento in uscita dall'Olympique
Tifosi sulle spine per Cristiano Ronaldo: Chelsea e Sporting pronti allo sgambetto
È la "mission impossibile" che infiamma il mercato, la suggestione che prova a schivare...
Roma, pugno duro con Zaniolo. ll club è stanco e avvisa: troppe parole e poca gratitudine
Dal silenzio al pugno sul tavolo. È quanto sta succedendo alla Roma sul fronte Nicolò...
 Dom. 26 giu 2022 
Calciomercato Roma, dalla Spagna: ottimismo per Guedes
Ottimismo per Guedes, verso operazioni distinte per la contropartita Carles Perez
Calciomercato Roma, tre club della Bundesliga su Diawara
Hertha Berlino su Diawara, offerti 500mila euro per il prestito oneroso con diritto di riscatto. Anche Augsburg e Schalke 04 interessate
Calciomercato Roma, dalla Spagna: "Mourinho pensa a Lenglet"
Secondo i media spagnoli, il tecnico portoghese avrebbe trovato nel difensore del Barcellona il profilo giusto per la prossima stagione. È sfida al Tottenham di Conte
Almaviva, il predestinato: dalla fascia di Totti al tricolore Under16
Il centrocampista a cui Francesco infilò la banda di capitano nel giorno dell'addio al calcio è stato il migliore in campo nella finale vinta ieri contro il Milan
Ansia Zaniolo: ha capito che la Roma vuole venderlo
Nicolò è deluso dal mancato rinnovo del contratto che gli era stato promesso a gennaio. Ora spera nelle offerte di Juve e Milan
Calciomercato, dall'Inghilterra: Roma su Veltman. Piace anche al Siviglia
La trattativa per Celik è in stallo - restano da definire alcuni dettagli con il...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>