facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 16 aprile 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Musso: "Essere accostato alla Roma mi fa piacere e mi motiva molto. Il salto arriverà quando..."

"Il salto arriverà quando sarà necessario"
Lunedì 15 febbraio 2021
Juan Musso è stato recentemente accostato alla Roma. Il portiere dell'Udinese ha rilasciato un'intervista al quotidiano Olè. Tra i temi trattati l'interessamento della Roma, il momento di forma e la Nazionale. Queste le parole:

A proposito dello stato di forma..
"Questo è il momento più bello della mia carriera, ma ho degli obiettivi importanti. Sto arrivando al mio quarto anno in Serie A, contando anche l'Argentina. Mi sento rafforzato, ogni giorno imparo a conoscere meglio la posizione e il campionato italiano, uno dei più importanti. E come persona sono molto più maturo."

Che cosa ti ha portato a questa consapevolezza?
"Non mi sentirò mai completo; pensare che non si possa migliorare sarebbe un errore. Ho molta autostima e fiducia in me stesso. Questo mi fa amare questo sport, allenarmi al cento per cento e affrontare ogni partita come una finale. Non devo perdere la mentalità di voler migliorare. È un modo di guardare alla mia carriera e alla mia vita. Guardando sempre avanti, sapendo che tante cose sono state fatte bene e che c'è sempre spazio per crescere."

C'è stata una partita o una sequenza di partite che ha segnato la tua svolta positiva in Italia?
"Più che una partita, un periodo. Nel mio primo campionato qui ho giocato molto bene. In casa ce n'è stata una contro il Milan, molto completa sotto tutti i punti di vista. Dopo quella partita ho seguito la strada, insieme al mio allenatore dei portieri. Con lui (Alex Brunner) abbiamo fatto due chiacchiere e mi ha fatto vedere qualcosa che sentivo."

Cosa ti è successo?
"Ne parliamo in modo molto frontale. Mi ha chiesto che tipo di portiere volevo essere. Ha visto che avevo le condizioni per salvare al club che volevo, senza porsi limiti. Mi ha detto che, per quello, dovevo dimostrare lo stesso livello ogni domenica, al di là di uno più o di uno meno. Abbiamo parlato di trovare la giusta mentalità per ogni gioco. Soprattutto nella concentrazione."

È stato difficile per te sotto quell'aspetto?
"Sì. Ma ho imparato a essere sempre concentrato, su tutto il gioco. Nel mio primo campionato qui ho capito che: che dovevo cambiarlo. Ho cliccato sulla mia concentrazione a 90 o 95 minuti."

In quali situazioni ti sei deconcentrato, per esempio?
"In qualsiasi momento. È molto facile perdere la concentrazione, soprattutto quando sei in una squadra che non arriva così tanto. All'inizio era un'altra cosa: l'Udinese era una squadra in allenamento e venivano da me molto. Lì è stato obbligato a stare attento, anche se lì ha trascorso 15 minuti senza toccare la palla. Questa è la parte più difficile del portiere: in quattro partite possono raggiungerti due o tre volte, come mi sta succedendo adesso, e devo essere coinvolto per rispondere. È difficile rimanere senza azione per molto tempo."

Quando l'allenatore al tuo posto ti ha chiesto che portiere volevi essere, cosa hai risposto?
"Gli ho detto che volevo essere il miglior portiere possibile. E lì gli ho chiesto cosa pensava che mi mancasse per raggiungere il massimo. So di essere in un club di serie A e che, logicamente, il salto può arrivare se fai bene le cose tutte le domeniche ... Ma per questo devi faticare. Tutti gli arcieri hanno le condizioni e noi siamo qui per un motivo. La differenza la fa la regolarità, che è ciò per cui lavoro oggi."

Ti senti riconosciuto in Italia?
"Sì, mi sento ben visto e apprezzato. Non leggo tanto, ma molti vedono la regolarità che ho raggiunto e costruito in questi anni."

Nel mercato passato si parlava molto di club che ti volevano bene, compresa Inter o Roma, e non è successo. Ti ha frustrato?
"No, ferma tutto. Era qualcosa che mi piaceva, mi ha motivato molto perché significava che sto facendo qualcosa di buono. Sapevo che il portiere dell'Inter aveva ancora due anni di contratto (Handanovic), e forse quell'investimento si poteva fare in un altro momento. Ho sentito anche della Roma ... Ma tutto questo mi ha influenzato solo positivamente. Quel salto arriverà quando sarà necessario. Sono sicuro ... è quello che voglio. Voglio giocare in una squadra abituata a stare in Champions, che ha motivi per lottare per il titolo. Questo è ciò a cui aspiro. Se deve accadere, arriverà al momento giusto."

Sembri convinto che questo passaggio arriverà ...
"Si certo. Senza quell'illusione sarebbe molto difficile per me andare avanti. Uno ha bisogno di quel tipo di obiettivi, traguardi ... Come la squadra nazionale e avere una posizione lì. Questo per me è fondamentale. Ma non significa che sono ansioso. Le cose, molte volte, accadono quando meno te le aspetti. In Racing ho lavorato a lungo per essere il portiere titolare, ed è successo quando meno me lo aspettavo: quando hanno portato Agustín (Orion). Non si sa mai."

Hai appena parlato di Racing. Da quel Musso a questo quanto sei cambiato?
"Uno sta diventando più consapevole dei pericoli di un gioco che può sembrarti tranquillo, e un altro che può sembrare difficile e poi non è stato poi così male. Il portiere fa i gol, le partite. Cerco di non sbagliarmi due volte sulla stessa cosa. Il mio primo anno nelle corse, in una squadra gigante in Argentina ... Non ti aspettano. Quando entri, le persone si aspettano che tu sia migliore di come eri. Questo è stato il mio processo in Racing. Non c'è rimpianto per niente. È stato un anno che mi ha insegnato molto, mi ha segnato e ha dato le linee guida su che tipo di portiere voglio essere."

Quali portieri ti piacciono?
"Dall'Europa, quelli che mi piacciono di più con Oblak (Atlético Madrid), Neuer (Bayern Monaco), Ter Stegen (Barcellona) ... Sono completi, affidabili, regolari. È pieno di bravi arcieri. E in Serie A tutte e 20 le squadre hanno un buon portiere. Mi aiuta a tirar fuori qualcosa da loro, ma cerco sempre di essere fedele al mio stile, senza imitare nessuno. È molto difficile trovare due portieri simili."

Nella tua ultima chiamata nella Nazionale ti sei rotto un menisco. Cosa ricordi di questo?
"Allora ho avuto un po ‘di paura perché il mio ginocchio era molto gonfio e non sapevano cosa fosse. Più tardi, quando ho visto la risonanza magnetica e c'era la possibilità che mi sarei ripreso in pochi giorni, mi sono calmato. Ero stato in tutte le citazioni e questo mi spinge a dare il massimo. Non penso solo a quello che faccio all'Udinese: voglio essere portiere e titolare della Nazionale. Per questo, devo essere all'altezza del compito in ogni partita."

Dici di voler diventare il portiere della nazionale. Quanto vedi dalla proprietà?
"Non lo vedo né lontano né vicino. È un sogno da quando ero bambino. È stato il mio turno per l'Under 15. Per me la Nazionale è la migliore. È più alto di qualsiasi club, di qualsiasi altra cosa."

Pensi di aver meritato di essere il capo della Nazionale?
"Ho fatto i miei meriti, così come quelli che vanno. Essere tra quelli citati per fermarne uno è già tanto e vado con la più grande felicità del mondo. È una bellissima competizione che può solo generare cose buone per te."

Ti vedi in Copa América?
"Sono emozionato. Anche perché abbiamo una squadra che lavora sempre meglio e, ovviamente, sarà candidata a vincerla. Sono rimotivato e mi sento come se avessi la possibilità di andare."

E poi il Mondiale ...
"Mi manca molto e nel calcio tutto può cambiare in sei mesi, immagina in due anni. Ho sempre quel pensiero nell'angolo della testa, quel desiderio di essere. Lo staff tecnico guarda tutti. E lo so: fanno spettacoli per te. In quel senso sono calmo perché dipenderà dal livello che ho. E sono convinto che lo farà."

E come definiresti Juan Musso come portiere?
"Un portiere che si assume responsabilità e rischi ... che cerca sempre la soluzione migliore per ogni gioco. Con il potere, mi sento molto bene fisicamente. Questi sono i miei punti di forza."

Quali sono i tuoi sogni?
"Vinci una Champions League e una Coppa del Mondo."
COMMENTI
Area Utente
Login

Serie A - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 15 apr 2021 
Designazioni arbitrali 31ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 12ª Giornata di ritorno
Serie A, bufera sulla Lega Calcio: 7 club chiedono le dimissioni di Dal Pino
Questa mattina 7 club di Serie A - fra cui Inter, Juve, Napoli e Lazio - hanno presentato...
 Mer. 14 apr 2021 
La A chiama i tifosi: i club chiedono stadi riaperti. Subito in 1000, a maggio il 25%
Era in corso l'assemblea di Lega quando è arrivato l'annuncio dal governo: l'Olimpico...
Lazio-Torino blocca tutto: ipotesi derby il 15 maggio
Tutto in sospeso, appeso a Lazio-Torino, la partita senza tempo. Lo sono le ultime...
 Lun. 12 apr 2021 
Pastore, fine di un incubo. Ora la missione Champions, poi dirà addio alla Roma
L'argentino ha giocato con il Bologna i primi 6' della sua stagione dopo i tanti problemi fisici che lo hanno tormentato. Vuole un finale da protagonista prima di salutare
Da Peirò, Pedro e Mayoral, quando un bomber parla la lingua spagnola
E' una Spagna dominante, quella che Fonseca rilancia in campionato. Destini diversi...
Mezza Roma basta: Mayoral prenota l'Ajax
Doveva essere la stagione della "Champions o morte", nel senso che al quarto posto...
Dazn, problemi tecnici per trasmettere. Le scuse, la spiegazione: "Guasto di un partner"
Rotelle e fermi immagine, è stata una domenica complicata per migliaia di tifosi...
Roma-Bologna 1-0, Le Pagelle dei Quotidiani
30ªGiornata di Serie A
 Dom. 11 apr 2021 
Roma-Bologna 1-0, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Un lampo di Mayoral, troppi errori per Pedro. Reynolds da sei
REYNOLDS: "Giornata speciale per me, mi sto abituando al gioco veloce e ai ritmi alti"
ROMA-BOLOGNA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA REYNOLDS A ROMA TV La Serie A? "Il gioco...
Roma-Bologna, Le Formazioni UFFICIALI
30ªGiornata di Serie A
Borja Mayoral: "Roma sfida stimolante, qui sto bene"
Lo spagnolo ai canali ufficiali del club: “La serie A è complicata per gli attaccanti. Il mio obiettivo è maturare come giocatore”
Roma, Mayoral a caccia di gol per sperare
La Roma non vuole abbandonare la corsa al quarto posto e per mantenere vive le speranze...
Serve la Roma di coppa
Nella testa di Fonseca c'è solo il Bologna, almeno apparentemente. Il tecnico nella...
 Sab. 10 apr 2021 
FONSECA: "Il mio futuro non è importante, conta la Roma"
ROMA-BOLOGNA, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: "Vincere col Bologna è importante. Europa League e campionato sono due competizioni diverse, se mancano giocatori importanti è difficile fare bene sempre"
Roma-Bologna, i convocati
30ªGiornata di Serie A
Roma-Bologna, i convocati di Mihajlovic
30ªGiornata di Serie A
 Ven. 09 apr 2021 
Forte, sorridente e con le idee chiare: il baby Calafiori riparte da Amsterdam
Contro l'Ajax serata da ricordare (pallonata del raccattapalle a parte) per il gioiellino prodotto del settore giovanile della Roma, che in Olanda ha avuto la sua chance e l'ha saputa sfruttare: "I giovani hanno talento, fateci giocare"
Roma e Fonseca: tre motivi per continuare, tre per dirsi addio
Il successo sull’Ajax rilancia le quotazioni del tecnico portoghese dopo le critiche in campionato: tre motivi per rimanere, altri tre per dire addio
Petrachi: "Ecco qual è stato il grande errore di Pallotta"
Parla l'ex direttore sportivo della Roma: "Spinazzola l'ho pagato sette milioni, per Pau Lopez è dura rialzarsi dopo un blackout. Ho preso Villar per la sua postura"
Roma, con l'Ajax sono i tuoi giovani a brillare. Calafiori e Ibanez: il coraggio di reagire
Elogiati i lancieri per i tanti talenti sfornati dalle giovanili, ma sono quelli della Roma ad aver fatto la differenza nei quarti di Europa League
 Gio. 08 apr 2021 
PEDRO: "Abbiamo giocato una buona gara, per noi è una vittoria importantissima"
EUROPA-LEAGUE, AJAX-ROMA 1-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA PEDRO A SKY SPORT Che partita...
Odoacre Chierico: "Noi, la Roma, siamo stati una famiglia"
Parla il gemello "rosso" di Bruno Conti: "C'era un papà come Dino Viola e una mamma come Flora, sua moglie"
Designazioni arbitrali 30ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 11ª Giornata di ritorno
Ajax-Roma in diretta TV e Streaming: dove vederla in chiaro
L'Ajax sfida in casa la Roma nell'andata dei quarti di finale di Europa League: tutto sulla gara, dalle formazioni a dove vederla in tv e streaming.
 Mer. 07 apr 2021 
Uomini più ricchi al mondo: anche Friedkin nella lista di Forbes
La nota rivista statunitense ha aggiornato la sua classifica annuale: da Zhang a Commisso, quanta Serie A! E Berlusconi vince un primato...
Giannini: "Vedo una squadra lenta". Graziani: "Sensazione che Fonseca sia stato primo ad arrendersi"
Una Roma a due facce. Da una parte quella bella e concreta, dall'altra quella che...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>