facebook twitter Feed RSS
Martedì - 20 ottobre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Roma-Juventus 2-2, Le Pagelle

Le pagelle della Roma - Veretout MVP, Dzeko sprecone. Fonseca, perché solo due cambi?
Domenica 27 settembre 2020
Mirante 6 - A dispetto dei due gol subiti, non ha grandissimo lavoro da fare. Reattivo su un colpo di testa di Danilo partito da posizione irregolare, può poco sulle due marcature dei bianconeri.

Mancini 6,5 - Dalle sue parti ci sarebbe il pericolo pubblico numero uno, che però sfonda a tratti e fa male quando naviga per altri lidi. Positivo e propositivo anche in fase di disimpegno, come al solito.

Ibanez 6,5 - Non più una sorpresa, ma una solida certezza. Il migliore del terzetto difensivo romanista, in una prova complessivamente soddisfacente del reparto, non offre spazi a Morata.

Kumbulla 6 - Un filo di emozione, comprensibile se pensiamo che parliamo di un 2000 all'esordio all'Olimpico contro la Juve. Non tradisce, però: promosso, contro un attacco pericoloso come quello bianconero.

Santon 6 - Meno cercato dai suoi compagni rispetto al dirimpettaio, contiene senza troppi patemi Cuadrado che da quel lato non è propriamente a suo agio. (Dal 68' Peres 5 - Entra e Ronaldo gli salta sulla testa. Malcapitato. Poi non fa nulla per riscattarsi).

Veretout 7,5 - Non ci fosse un certo Cristiano Ronaldo, sarebbe il man of the match. Si procura e realizza il rigore dell'1-0, poi sigla anche il secondo vantaggio romanista. Domina a centrocampo.

Pellegrini 5,5 - Molto ingenuo sul calcio di rigore, quando lascia fin troppo largo il braccio che intercetta il pallone di Ronaldo. Promosso in quasi tutto il resto, ma l'occasione è di quelle potenzialmente decisive. (Dal 72' Diawara 6 - Il casus belli, di cui ovviamente non ha alcuna responsabilità, alle spalle: entra quando la Roma incomprensibilmente non vuole più offendere).

Spinazzola 6,5 - Finché ha benzina, non lo prendono mai. Sfonda spesso e volentieri, mette la palla che Dzeko non capitalizza e invece avrebbe chiuso la partita. La Juve fa giocare Cuadrado fuori ruolo a sinistra: sicuri che non sia un rimpianto?

Pedro 6 - Tocchi e tocchetti, bei dribbling e qualche accelerazione. Parte bene, poi in concreto non punge più di tanto. Quando troverà la sua dimensione in questa squadra farà bene. Cioè male agli avversari.

Mkhitaryan 7 - Vedrà e rivedrà quell'occasione divorata al 12'. Si rifà offrendo a Veretout la palla del 2-1. Giocatore di alta e altra categoria, in questa Roma ha tutto per fare la differenza.

Dzeko 5,5 - Dr Jekyll e Mr Hyde. Trova di fronte la Signora che l'ha sedotto e abbandonato, non riesce a farle male se non per interposta persona. Decisivo negli appoggi e nel fare girare la palla (suo il lancio che porta al gol del 2-1), molto meno efficace quando può pungere, che poi sarebbe la sua specialità. Il palo trema ancora, ma aveva tutto lo specchio da poter inquadrare. Un'occasione così, uno come lui non la può sprecare.

Fonseca 6 - Voto a metà. Da un lato la bella prova dei suoi ragazzi, che per quasi tutta la partita mettono sotto i campioni d'Italia. Dall'altro, la scelta di non operare più di due cambi, proprio quando la Juve sembrava in difficoltà. Non aveva e non avrà Zaniolo, non ha una vera alternativa a Dzeko, ma qualcosa in più poteva inventarla. Un punto guadagnato o due persi? Forse la seconda risposta è quella giusta.


di Ivan Cardia


*** *** ***


Mirante 6: continua a ripagare la fiducia di Fonseca con una buona prestazione. Incolpevole sui gol, ha poco lavoro da sbrigare.

Mancini 6: gioca una buona gara ma sbaglia in occasione del secondo gol di Ronaldo, perdendo di vista il portoghese.

Ibanez 7: davanti a sé ha dei mostri sacri del calcio mondiale ma gioca con la stessa serenità di una partita in parrocchia. Bravo nell'anticipo, rapido, attento anche in marcatura. Ottima prestazione.

Kumbulla 6,5: battesimo di fuoco per l'ex Hellas Verona, che se la cava senza sbavature e con una gara diligente.

Santon 6: tiene la posizione in maniera ordinata. Dal 68' Bruno Peres 5,5: resta a guardare Ronaldo elevarsi al cielo. In fase offensiva, non fa nulla.

Pellegrini 6: peccato per il braccio largo in area perché gioca, nel complesso, una buona gara da centrocampista centrale. Si alterna con Veretout su chi deve andare a pressare in avanti e fa uscire il pallone in maniera pulita ed efficiente, oltre a dare un apporto importante in fase di contenimento. Dal 72' Diawara SV.

Veretout 7,5: doppietta alla Juventus. What else?

Spinazzola 6: punta il suo avversario nell'uno contro uno ma, diversamente dal solito, non è impeccabile nella scelta di gioco.

Pedro 6: va a corrente molto alternata e cresce un pochino nel finale.

Mkhitaryan 6,5: si divora un gol a inizio gara ma offre una prestazione di qualità, soprattutto nel primo tempo. Suo l'assist per il secondo gol di Veretout.

Džeko 5,5: il destino gli ha offerto come avversaria proprio la squadra in cui il bosniaco credeva di dover giocare. Troppo per lui e in campo sbaglia due gol fatti.

Fonseca 6,5: potrebbe avere 6 punti e ne ha solo 1. La Roma spreca troppo in area di rigore, è questo l'unico verso difetto. I giallorossi fanno l'altro errore di smettere di giocare dopo l'espulsione di Rabiot.

di Alessandro Carducci

*** *** ***


Le pagelle della Juve - Pirlo ringrazia Ronaldo. Rabiot torna un incubo, Cuadrado pesce fuor d'acqua


Szczesny 6,5 - Regista aggiunto, intuisce ma non para il rigore di Veretout. In precedenza, bravo su Mkhitaryan, poi attento quando chiamato in causa. E incolpevole sul 2-1 sempre del francese.

Danilo 6,5 - Lotta alla pari con Spinazzola quando l'esterno romanista si presenta dalle sue parti. Tra le note di merito, l'assist per la rete di Cristiano Ronaldo.

Bonucci 5 - Pronti via, Mkhitaryan lo secca e sfiora il gol. Dzeko lo supera in un paio di occasioni e in fase di regia cede spesso e volentieri, decisamente troppo, il palcoscenico a Szczesny.

Chiellini 5,5 - Qualche sbavatura qui e lì, non aiuta come al solito lo storico compagno di reparto.

Kulusveski 5,5 - In quella posizione, avrebbe probabilmente più senso Bernardeschi. Da esterno a tutta fascia non ha, almeno non ancora, la fase difensiva ed è una cosa che si sente. Lì davanti, tra controlli, tacchi e suggerimenti, delizia. (Dall'85' Frabotta s.v.-).

Rabiot 4,5 - Torna il francese che fa venire gli incubi ai tifosi bianconeri. Non per la prestazione, nel complessivo positiva. Questa volta ci mette l'ingenuità: rigore e giallo nel primo tempo, scivolata e secondo giallo nella ripresa. Lascia i suoi in dieci, nel momento peggiore possibile.

McKennie 5 - Legge malissimo il contropiede che porta al secondo gol di Veretout. Regia compassata e senza troppa inventiva, ma d'altro canto non è il suo pane quotidiano. (Dal 58' Arthur 6 - Non cambia la partita, ma l'espulsione di Rabiot dopo quattro minuti complica parecchio la vita anche a lui).

Cuadrado 5 - A sinistra è come un pesce fuor d'acqua. Non spinge e non soffre Santon soltanto perché quest'ultimo lo punta fin troppo di rado.

Ramsey 6,5 - Gioca in posizione ibrida: copre a sinistra, inventa al centro. L'unico dei cinque di centrocampo che provi a fare qualcosa di diverso e ci riesca con una certa costanza. (Dal 68' Bentancur -).

Morata 5 - Non gli serviva familiarità né con la maglia né con il partner d'attacco. Con gli schemi di Pirlo forse sì, sta di fatto che si accende di rado. Qualche strappo e qualche spunto, nel complesso nulla da ricordare: niente buona la prima. (Dal 58' Douglas Costa 6 - Una sua accelerazione porta alla rete del 2-2).

Ronaldo 7,5 - Anima, cuore e gol di questa Juve. 450 reti nei cinque grandi campionati, stasera gli tocca inseguire Veretout. Ovviamente, gli riesce. Freddo sul rigore, imponente nello stacco di testa. Offre persino qualche ripiegamento: segnale di personalità, non che sia una novità.

Pirlo 5,5 - Idee ne ha e si è capito. Non le inquadra appieno: Cuadrado a sinistra è una scelta non troppo felice, Kulusevski decentrato si spegne. Rimandato al suo primo grande esame d'allenatore, soffre la Roma e vede Rabiot complicargli le cose. Grazie a Ronaldo esce dall'Olimpico con un punto: alla fine conta il risultato, ma non è stata una bella Juve quella di questa sera.


di Ivan Cardia
Fonte: TMW
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 19 ott 2020 
Fienga traccia la via e chiede aiuto ai tifosi: "Favorite il delisting, ci rafforziamo"
Il ceo del club giallorosso: "Con l'aiuto del nostro azionista di maggioranza stabilizzeremo la situazione finanziaria al fine di avere sempre una squadra competitiva sia in Italia sia in Europa"
Calciomercato Roma, Mirante show: il portiere "agguanta" il rinnovo
Il portiere giallorosso è tra i migliori di questo inizio stagionale. Ieri, ha confezionato anche un prezioso passaggio per il gol di Dzeko
MASCHERA DI PROTEZIONE BRANDIZZATA ROMAFOREVER
Mascherina filtrante tessuto 100% Cotone brandizzata RomaForever, lavabile a mano quante volte vuoi. (Made in Italy)
Dahlin "pentito": "Invece di andare alla Juve, ho voluto la Roma. È stato un errore!"
Il rimpianto dell’attaccante svedese: “Nella capitale ho trovato tanta concorrenza. Tre mesi prima avevo un contratto con i bianconeri, dove sarei partito sin da subito titolare: mi volevano fortemente”
Roma, i problemi restano fuori dal campo: in A è a 12 risultati utili di fila!
Ad eccezione dello 0-3 a tavolino con il Verona, i giallorossi non perdono in campionato da 5 luglio con il Napoli. Nove vittorie e 3 pareggi con una media di 2.5 gol a partita. Il tecnico: “A me questo calcio offensivo piace molto”
Da Pedro a Carles Perez, è una Roma alla spagnola
Personalità, gol ed esperienza: i due iberici, insieme a Borja Mayoral e Villar, hanno lasciato il segno nella sfida con il Benevento. Una storia di grandi nomi, da Peirò a Del Sole a Guardiola
Young Boys-Roma - Le Probabili Formazioni
Fase a Gironi - 1ª Giornata
La Roma si chiude a Trigoria: isolamento fiduciario fino alla gara col Milan
Il club ha deciso di far restare i calciatori nel centro sportivo dopo la positività di Calafiori
La Spagna esalta Pedro e Carles Perez: "Con loro la Roma brilla!"
I media iberici lodano la prestazione dei due giocatori contro il Benevento
Vittoria che rappresenta un freccia importante per Fonseca nella battaglia a viso aperto con Fienga
La Roma va sotto, si rialza e asfalta il Benevento
La rivincita degli over 30. Dzeko, Mkhitaryan e Pedro: classe al servizio della Roma
Due gol per il bosniaco, altrettanti assist per l'armeno e una rete per lo spagnolo: la vittoria contro il Benevento arriva dagli over 30
Roma-Benevento 5-2, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-BENEVENTO 5-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Dom. 18 ott 2020 
La dedica dell'Olimpico per il papà di Totti: "Ciao sceriffo, tifoso dal cuore d'oro"
In tribuna Tevere viene esposto il manifesto in ricordo del papà di Francesco, scomparso lunedì a causa del Covid-19
PEREZ: "Sono molto felice e possiamo dire che qualcosa ho imparato da Messi"
ROMA-BENEVENTO 5-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA PEREZ A ROMA TV Complimenti per il...
FONSECA: "Abbiamo fatto una bella partita. Lotteremo per la Champions, non parliamo di Scudettto"
ROMA-BENEVENTO 5-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA, PAULO FONSECA: "La squadra è in fiducia, il campionato è lungo. Abbiamo sempre controllato la partita. Possiamo giocare sia a 3 che a 4 dietro"
PEDRO: "Tutta la squadra ha giocato bene. Mi trovo a mio agio con Dzeko e Mkhitaryan"
ROMA-BENEVENTO 5-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA PEDRO A ROMA TV Partita bellissima...
Roma-Benevento 5-2, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Pedro il migliore, l'asse Dzeko-Mkhitaryan regala spettacolo
Si sblocca Dzeko, Pedro e Michi incantano: manita Roma al Benevento
Caprari segna subito, poi il tridente di Fonseca dà spettacolo e il bosniaco fa doppietta. A segno anche Lapadula e Veretout su rigore e Carles Perez
Dpcm anti-Covid, Conte: "Palestre e piscine, 7 giorni sotto esame". Stretta sulla movida
I sindaci possono disporre coprifuoco alle 21. Tra le altre misure: scuola in presenza ma con ingressi flessibili e turni pomeridiani alle superiori; nei bar e ristoranti consumazioni solo al tavolo dalle 18 alle 24; stop agli sport di squadra dilettantistici
MIRANTE: "Ho visto Mkhitaryan libero e l'ho servito. Loro sono stati bravi a concretizzare"
FINE PRIMO TEMPO: ROMA-BENEVENTO 2-1 MIRANTE A SKY SPORT Quella tua apertura su...
PELLEGRINI: "Abbiamo tante cose da migliorare, dobbiamo pensare solo a noi stessi"
ROMA-BENEVENTO, LE INTERVISTE PRE-PARTITA PELLEGRINI A SKY SPORT Come sta la Roma?...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>