facebook twitter Feed RSS
Domenica - 17 gennaio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Mancini: "All'inizio ho avuto difficoltà a Roma, Fonseca mi ha aiutato"

Martedì 04 agosto 2020
Il difensore Gianluca Mancini ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a Cronache di Spogliatoio:

Sul numero di maglia:
«Mi sono tatuato il 23 proprio per Marco Materazzi. Successivamente mi sono fidanzato il 23 con quella che è attualmente mia moglie, e mi sono spostato il 23. Infine me lo sono messo sulla maglietta. Per Marco nasce nel mito di Michael Jordan, per me parte da lui. Sono nato in una famiglia di interisti e non facevo nemmeno il difensore, però quando lo vedevo giocare con cattiveria, agonismo, con un grande mancino, a me restava impresso. Per me lui è sempre stato il 23. È il primo tatuaggio che mi sono fatto. Mio papà era interista, per lui fare un tatuaggio su un giocatore dell'Inter era subito ok, quindi lo avevo fatto anche un po' a furbetto. Avevo 15 anni e ho convinto mio padre con il numero di Marco».

Sul suo idolo Materazzi:
«È stato un difensore che segnava molto. Quando sei ragazzino i difensori è difficile ammirarli, lui segnava, mi piaceva il mondo in cui giocava e poi dove l'ho ammirato tanto è stato a 10 anni, durante il Mondiale 2006. È entrato nella partita contro la Repubblica Ceca, ha segnato il primo gol. Poi lì inizi a capire qualcosina, perché a 10 anni sei sempre piccolo ma intravedi già qualcosina, e da lì è partita la scintilla. Mi sono guardato tutti i video, quando segnava, quando entrava duro. Ho avuto la fortuna di conoscerlo, ci sentiamo ogni tanto, chiedo consigli. Per me è l'idolo».

Sul cambiamento tattico con Fonseca:
«Ci sono state due chiamate per me importanti. La prima ha riguardato alcuni consigli extra calcio, però preferisco tenerli per me. A Perugia feci un'amichevole, ero arrivato a Roma da poco, avevo cambiato proprio tutto a livello tattico da Gasperini a Fonseca. Feci un'amichevole contro l'Athletic Bilbao e non giocai bene, secondo me. A Marco invece ero piaciuto in alcune situazioni, però in quella partita feci un passaggio sbagliato e fecero gol, oltre a procurare un rigore alla fine. Il giorno dopo lo chiamai e lui quasi si arrabbiò perché vedevo errori soltanto miei, com'è giusto che sia, però lui essendo un campione con un'esperienza grandissima mi aiutò a capire: "Guarda i tuoi errori però devi vedere altre situazioni", mi spronò a continuare a fare quello che chiedeva Fonseca. Mi caricò. Da lì stetti fuori alcune partite, poi giocai il derby e dal derby sono partito nella crescita. Quando un campione come Marco ti dà un consiglio, ti aggiunge delle robe assurde a livello personale».

Su Gasperini:
«Ho avuto la fortuna di essere allenato da Gasperini perché ti apre veramente un mondo totalmente diverso a livello di testa, di allenamenti, di tattica. Non avevo mai provato una cosa del genere e lui mi ha aiutato soprattutto mentalmente a diventare un giocatore veramente concentrato: in allenamento, in partita, su tutto. E poi a livello tattico ho sempre detto che un giocatore si vede se è bravo, cerco di farlo su di me. Se cambia un allenatore non devi trovarti male, devi essere bravo a capire quello che ti chiede. All'inizio, non lo nascondo, ho trovato tante difficoltà quando sono arrivato alla Roma. Facevo le cose che facevo con Gasperini e Fonseca ogni allenamento mi riprendeva, mi metteva da parte e mi spiegava. E allora lì ho iniziato a guardare i video, come faceva la difesa Fonseca allo Shakhtar. I video degli allenamenti me li riguardavo per capire quello che voleva, mi dicevo: "Se non faccio così, non gioco". Adattarsi penso sia una cosa bella, ricoprire e provare a fare tanti ruoli può essere anche un vantaggio, è un qualcosa che metti in più nel tuo bagaglio».

Sulla finale del 2006:
«Ero al mare a Follonica, in Toscana. Ero su un terrazzino, mi ricordo che feci la prova alla PlayStation con mio cugino prima della finale».

Sulla carica dei compagni prima delle partite:
«Una volta Edin, prima di Inter-Roma, mi prese in giro un po' per stuzzicarmi. Mi disse: "Occhio che domani Lukaku e Martinez ti fanno venire il mal di testa, non la vedi mai". Capisco che lo dicono per darti forza, però è un meccanismo dentro che ti scatta. Non ho bisogno di queste cose, ognuno prima della partita trova uno spunto per caricarsi. Qualche compagno ti può tirare frecciatine e questo ti può ancor più caricare».

Sulle differenze tra Gasperini e Fonseca:
«Sono due allenamenti diversi, come ha detto Marco. Con Gasperini sono allenamenti veramente intensi, dal martedì al sabato, anche il giorno della rifinitura galoppi. In allenamento faceva possesso con partita, con 10 allunghi prima della partita, facevo forza. Ho provato 2 anni con Gasperini e sono pronto a tutto. La domenica vai forte e io sono arrivato al 90′ che potevo giocare altri 90 minuti: vedevo gli avversari con il fiatone, l'attaccante che faceva fatica a rientrare e io invece mi sentivo bene. Con Fonseca facciamo partitelle a pressione, tanti possessi palla, tante partitine dove devi recuperare subito il pallone. Chiaramente gli allenamenti di Fonseca li preferisco di più perché giochi con la palla e fai fatica, perché fai fatica quando giochi con un possesso palla e non prendi mai il giro. Con gente che sa giocare a calcio corri ugualmente e fai la stessa fatica. Io, come ho detto prima, mi adatto a qualsiasi allenamento e ognuno ha le sue preferenze. L'importante è che ogni allenamento deve permetterti di rendere la domenica. Se mi alleno bene e vado a mille in settimana, è perché la domenica devo stare bene. Se la domenica non sto bene e vado più piano è perché ho sbagliato qualcosa in settimana».
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 16 gen 2021 
VILLAR: "Non vi abbiamo potuto dedicare la vittoria, torneremo più forti"
All'indomani della sconfitta contro la Lazio nel derby perso per 3-0, Gonzalo Villar...
Roma, la sconfitta nel derby brucia: Friedkin deluso, Fonseca chiede rinforzi
Sguardi bassi e musi lunghi oggi a Trigoria in occasione della ripresa degli allenamenti....
Luis Alberto e le scuse a Villar: "Storia condivisa per sbaglio"
Lo spagnolo della Lazio, nell’euforia post derby, ha repostato una foto su Instagram che conteneva offese al giocatore della Roma
COPPA ITALIA - Roma-Spezia, Le Probabili Formazioni
Coppia Italia, Ottavi di Finale
Derby, Graziani duro: "Roma in campo per un'amichevole. Dzeko? Statico"
L'ex attaccante giallorosso: "La Roma ha perso il derby in campo, non in panchina"
TRIGORIA, oggi la ripresa. Fonseca: discorso alla squadra e turnover con lo Spezia
Questa mattina alle 11 la squadra si è ritrovata per lo scarico post partita, ma il portoghese ha anche parlato ai suoi dopo il tracollo nel derby
Roma, tifosi spietati con Fonseca: "Derby preparato male, gestito peggio
Anche giocatori e società attaccati dopo il 3-0 incassato dalla Lazio. Pruzzo attacca: “Dopo una sconfitta come questa io metterei in dubbio la sua conferma. Mi sono sentito massacrato, due gol regalati"
CALCIOMERCATO Roma, Hellas Verona e Fenerbahce su Diawara
L'Hellas Verona e il Fenerbahce hanno chiesto alla Roma il cartellino di Amadou...
Lazio-Roma, la moviola: Orsato ha polso ma c'è il dubbio sul secondo gol
Nel primo tempo, in occasione del raddoppio di Luis Alberto, Orsato valuta che Caicedo (in fuorigioco geografico) non disturbi Pau Lopez e Mazzoleni è assai tenero nel contestare. Scopri i dettagli
Roma, fatta con la New Balance: annuncio imminente, ecco le novità
Trattativa chiusa, l'azienda ha mostrato i prototipi delle maglie al club giallorosso
Bernard-El Shaarawy: la Roma decide
L’agente del brasiliano a giorni parlerà con l’Everton che chiede 10 milioni. Il fratello manager del Faraone tratta con lo Shanghai
Il ballo amaro dei debuttanti
Il primo derby non si scorda mai. I Friedkin l'hanno vissuto senza pubblico, senza...
La nostalgia infinita di De Rossi
La nostalgia di De Rossi e l'attesa di Petrachi. Ieri è stata una giornata strana...
La serata da incubo del "povero" Ibanez
Una partita da incubo, nettamente la peggiore da quando indossa la maglia della...
Non c'è Covid che tenga
Un abbraccio che mancava da troppo tempo. L'amore per i colori è stato più forte...
Edin, il capitano evaporato
Sconfitta disastrosa. Che fa e farà dannatamente male perché toglie troppe certezze,...
Lazio-Roma 3-0, Le Pagelle dei Quotidiani
18ªGiornata di Serie A
 Ven. 15 gen 2021 
Contro le big è una Roma... piccola piccola. Zero vittorie e 18 gol subiti in 6 gare
La netta sconfitta nel derby con la Lazio è l'ennesimo indizio: i giallorossi soffrono i confronti diretti contro le grandi del campionato. Così è dura andare in Champions...
SMALLING: "C'è grande delusione, è una sconfitta inaspettata. Dobbiamo reagire subito"
LAZIO-ROMA 3-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA SMALLING A ROMA TV Come si giustifica...
FONSECA: "Mai attaccato bene e due gol regalati. Ci è mancato coraggio"
LAZIO-ROMA 3-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, PAULO FONSECA: “Non abbiamo mai avuto la capacità per attaccare bene. Dopo il secondo gol era difficile tornare in partita”
Lazio-Roma 3-0, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Spinazzola e Ibanez, che disastro. Passo falso di Fonseca
MASCHERA DI PROTEZIONE BRANDIZZATA ROMAFOREVER (Spedizione Gratuita!)
Mascherina filtrante tessuto 100% Cotone brandizzata RomaForever, lavabile a mano quante volte vuoi. (Made in Italy)
KARSDORP: "Voglio ancora migliorare, soprattutto in fase offensiva"
LAZIO-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA KARSDORP A SKY Come stai? "Adesso gioco,...
VERETOUT: "Bello vedere tifosi fuori Trigoria. Derby è particolare, dobbiamo prendere i tre punti"
LAZIO-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA VERETOUT A ROMA TV I tifosi fuori da Trigoria?...
Strootman: ''Con la Roma un'esperienza speciale. Questa sera guardo il derby"
"Non sentivo fiducia in me e ho deciso di andare via. I giallorossi possono lottare per il titolo"
Lazio-Roma, Le Formazioni UFFICIALI
18ªGiornata di Serie A
Trigoria, 300 tifosi per incitare la squadra: cori, fumogeni e una gru per alzare lo stendardo "ASR"
I tifosi giallorossi incitano la squadra con cori e fumogeni
Derby planetario, undici nazioni in campo in Lazio-Roma
Per giocare all’Olimpico i titolari hanno percorso oltre 56mila km. Il colombiano arriva da più lontano, Lorenzo unico romano
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>