facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 6 agosto 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Zappacosta: "La chiamata della Roma è stata una boccata d'ossigeno. L'infortunio prima del derby..."

"L'infortunio prima del derby figlio del mio stato d'animo, Fonseca mi ha colpito molto"
Venerdì 26 giugno 2020
Davide Zappacosta è stato protagonista di una lunga intervista. Queste le sue parole:

Chi era Davide da bambino?
"Mi è sempre piaciuto il pallone, sotto quel punto di vista ho ripreso da mio padre che giocava a calcio. Mi ha trasmesso questa passione e ho iniziato a giocare a cinque anni nella squadra del mio paese".

All'inizio hai un po' seguito la sua carriera, giocando nelle squadre vicino casa.
"Sì, lui non è mai uscito da quella zona. E io inizialmente ho fatto dieci anni nelle giovanili del Sora. Ho iniziato come tutti i ragazzi pensando solo a una cosa: divertirmi".

Non pensavi di diventare di professionista?
"Quando parti da bambino sogni tante cose, ma non hai il contatto con il mondo che ti circonda. Inizi a capire qualcosa quando ti trovi catapultato in altre realtà, dove si parla di salvezza, di retrocessione, di obiettivi. Sono quelli gli ambienti che ti fanno capire quanto il divertimento sia diventato anche un lavoro. Devo dire però che già quando ero più piccolo sentivo molto la partita, la prendevo già come una cosa seria, il giorno prima non uscivo, mi riposavo, volevo concentrarmi sulla sfida. A posteriori, forse, ero già proiettato a una carriera da professionista".

La prima volta che ti sei allontanato dalla tua famiglia è stato all'Avellino?
"In realtà c'è stata prima un'avventura a Bergamo, dove sono stato inserito nella Primavera dell'Atalanta. Ero lontanissimo da casa, in un gruppo totalmente diverso. Per un ragazzo chiuso come me non è stato semplice. Lo ricordo come un periodo difficile, poi però ne è arrivato un altro, appunto quello dell'Avellino".

Ti sei trovato male?
"Fu una bella prova, perché è lì che ho cambiato il mio ruolo. Avevo sempre fatto l'esterno alto e l'allenatore iniziò a schierarmi come terzino destro. Ho fatto fatica inizialmente, non sono mai stato schierato in partita per tre mesi, ma alla fine sono riuscito a ricavarmi il mio spazio. E ho scoperto che quello era il ruolo della mia carriera".

Dopo tre stagioni sei tornato all'Atalanta, questa volta in prima squadra. Come è stato tornare lì?
"Mi chiamarono per un test, c'era Colantuono in panchina. Iniziò a schierarmi titolare nelle partite estive e poi ho giocato per tutta la stagione".

Cosa ti ricordi dell'esordio in Serie A?
"La mia famiglia era lì, a guardarmi, la loro emozione è stata bellissima e la porterò sempre nel mio cuore. L'esordio è stato il coronamento del sogno di un bambino e quella sensazione non si dimentica mai".

Nemmeno il tempo di abituarti a Bergamo che arriva la chiamata del Torino. Ti ha destabilizzato cambiare subito?
"No, a quel punto mi sentivo pronto a viaggiare, a cambiare. L'Atalanta in quel periodo aveva necessità di vendere e il Torino rappresentava una squadra che voleva lottare per l'Europa, non ho avuto problemi a trasferirmi".

Sono state due stagioni positive con i granata?
"Sì, la prima però fu un po' più complicata. Il sistema di gioco era lo stesso da qualche anno, c'era Ventura in panchina. Sono riuscito a farmi vedere, ma la continuità l'ho trovata solo con Mihajlovic, un allenatore che mi ha dato fiducia e che mi ha formato caratterialmente, quello di cui avevo bisogno in quel momento. È stato l'anno più importante della mia carriera, che mi ha permesso di trovare anche un posto in Nazionale".

Sei cresciuto talmente tanto che è arrivata la chiamata dal Chelsea. Come è nato quel trasferimento?
"Mancavano pochi giorni alla fine del mercato, mi chiamarono dicendomi che Conte mi voleva lì. Poi arrivò anche la sua chiamata. A Torino avevo trovato il mio equilibrio, volevo confermarmi, ma dato che era una squadra come il Chelsea a volermi, alla fine ho scelto di fare un ulteriore salto di qualità: il primo momento di tentennamento ha lasciato il posto all'entusiasmo e sono partito un'altra volta".

Hai pensato anche di non accettare, quindi?
"Visto dall'esterno sembra facile: si pensa che se chiama il Chelsea bisogna dire di sì. E lo capisco. Ma non è sempre tutto così semplice. Io sono partito da un piccolo paese, mi ero affermato al Torino, sembrava una cosa più grande di me. Andavo in una realtà diversa, abitudini diverse, tanti campioni intorno, dove non ti conosce nessuno. Devi farti rispettare e inserirti. Non è facile, ma l'ho fatto e sono contento della scelta".

Sono state due stagioni differenti per te quelle con i blues: meglio la prima della seconda?
"Allenarsi con calciatori di livello mi ha aiutato e poi giocare in Premier League è un'esperienza importantissima. Il primo anno è stato molto positivo, sono riuscito a fare tante partite, mi sono trovato molto bene. Con Sarri, alla seconda stagione, ho avuto più difficoltà. Avevo il capitano della squadra davanti, ho fatto fatica a farmi notare, ho perso un po' di fiducia. Nel nostro ruolo corri tanto, se non senti le gambe che girano giocare una o due partite al mese fuori condizione non è semplice. Abbiamo vinto l'Europa League, però, ed è stata una bella soddisfazione".

La chiamata della Roma ha rappresentato l'occasione giusta per ripartire?
"È stata sicuramente una boccata di ossigeno. Volevo cambiare, avevo bisogno di sfogarmi e di trovare un altro stimolo. Ero felicissimo il giorno del mio arrivo qui, forse non ero mai stato così felice. Il Chelsea è una grandissima squadra, lo so, ma personalmente il secondo anno è stato davvero complicato e venire qui rappresentava un nuovo inizio".

Dopo la prima presenza arriva anche il primo infortunio, nel riscaldamento del Derby. Guardando oggi quei minuti in cui ti stavi preparando a giocare quella sfida da titolare cosa pensi?
«Penso che quell'infortunio è stato figlio del mio stato d'animo. Arrivato allo stadio ero contentissimo, era tanto tempo che non giocavo da titolare una partita di quel livello. Ero troppo carico, non vedevo l'ora di iniziare. Io non credo molto nella scaramanzia, però forse mi sono portato dietro tante scorie mentali. Dentro di me c'era una voglia assurda di spaccare il mondo. Avevo voglia di fare tanto, pensavo "ora vi faccio vedere chi sono". Forse è stato troppo».

Dopo quell'infortunio muscolare ne è arrivato uno molto più serio, al crociato, che ti ha lasciato fuori diversi mesi. In quel momento cosa hai pensato?
"Vedevo tutto scuro. Come se mi avessero messo un panno nero davanti alla vista. Non ci credevo, sentivo di essere tornato ai miei livelli. Ho mantenuto la calma, ma i primi due giorni non vedevo la luce in fondo al tunnel. Poi ho dovuto ricominciare. Ho tolto tutto dalla testa. Ho lavorato tanto, mi sono impegnato, ho lavorato tanto sul mio corpo e penso di averlo fatto bene".

Che periodo hai vissuto durante il lockdown?
"È stato un momento duro, vedere tanta gente soffrire in tutto il mondo ti mette tanta tristezza. La nostra Società è stata vicina a tante persone e questo mi ha reso orgoglioso, perché certe iniziative non sono scontate. A livello personale non avevo scelta, dovevo proseguire il lavoro, mi sono concentrato tanto sugli allenamenti, più lavoravo, più le sensazioni sul mio ginocchio e sul mio fisico miglioravano. Devo tanto allo staff di questa squadra: i ragazzi non mi hanno abbandonato un minuto, mi mandavano i programmi, hanno fatto tantissimo con tutti noi e di questo sono molto riconoscente"

Che sensazioni hai provato quando hai ricominciato ad allenarti con i tuoi compagni?
"Ne sono stato molto felice, ma ho preferito vivere alla giornata. Ho imparato una lezione, non serve spaccare il mondo. Ho fatto un errore grosso, portarmi dietro il rancore del passato. Queste cose vanno sempre dosate, con equilibrio. Bisogna porsi dei limiti. L'obiettivo era solo uno: tornare a giocare e divertirmi".

Paulo Fonseca che impressione ti ha fatto come allenatore?
"Cerca sempre di metterci nelle giuste condizioni, ci dà le sue indicazioni, molto chiare, ci offre le soluzioni per non andare in difficoltà, ma poi ci offre libertà di movimento in campo, ci lascia la possibilità di esprimere le nostre potenzialità. Non è facile trovare allenatori con questa filosofia, mi ha davvero colpito".

Contro la Sampdoria c'è stato il rientro in campo: che sensazioni hai provato?
"Sono state sensazioni molto forti, non era semplice dopo un lungo stop, ma ora serve solo la massima concentrazione sul prossimo futuro. Devo allenarmi al massimo, giorno dopo giorno, e concludere degnamente questa stagione con i miei compagni".

Ti aspettavi di tornare in campo al primo match dopo lo stop?
"Mi ero preparato molto bene a ogni decisione del mister. Nell'aria respiravo l'opportunità di poter entrare a partita in corso. Sono molto contento della fiducia del mister e di essere rientrato dopo questo lungo stop".

Cosa hai provato al primo pallone toccato?
"Ero carico, positivo, ma volevo solo aiutare la squadra a vincere la partita. Ce l'abbiamo fatta, grazie a una bella prova di squadra che non ha mai smesso di provarci. E poi sono arrivati quei due grandi gol di Edin".

Più bello il primo o il secondo?
"Forse il primo, la palla arrivava dal suo stesso lato, da dietro, non l'ha persa mai di vista, ha calciato con il sinistro: bellissimo gol. Anche il secondo non era semplice, però".

Cosa vi aspetta ora?
"Saranno partite impegnative, abbiamo l'obbligo di crederci, non conta giocare in casa o fuori, è uguale per tutti e serve lo stesso approccio, senza calcoli".
Fonte: As Roma
COMMENTI
Area Utente
Login

Sarri - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 01 ago 2020 
Juventus-Roma 1-3, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Perotti, notte da bomber. Zaniolo illumina, bel debutto per Calafiori
Juve, la testa è già alla Champions: fa festa la Roma, 3-1 in rimonta
Apre Higuain, poi rimonta giallorossa con la rete di Kalinic e la doppietta di Perotti. I bianconeri chiudono il campionato con due sconfitte
 Gio. 30 lug 2020 
SARRI critico sul calendario: "Vediamo se sabato è il caso di schierare l'Under 23"
Il tecnico della Juventus Maurizio Sarri nel dopo gara di Cagliari ha parlato anche...
 Mar. 07 lug 2020 
Milan-Juventus 4-2, pazzesca rimonta dei rossoneri
Bianconeri in controllo per 60’, poi un rigore assegnato con la Var apre le porte al ribaltone. A segno Rabiot, Ronaldo, Ibra, Kessie, Leao e Rebic
 Gio. 18 giu 2020 
Zaniolo pronto per l'Europa
I giri del suo motore stanno aumentando vertiginosamente e a breve Nicolò Zaniolo...
 Lun. 15 giu 2020 
Champions ed Europa League: ecco tutte le date e dove si giocherà
L’ufficialità della Uefa dovrebbe arrivare nella giornata di mercoledì: Final Eight a Lisbona e in Germania
 Ven. 05 giu 2020 
Cercasi soci disperatamente
Nella giornata di ieri, con un comunicato, l'As Roma ha annunciato un'operazione...
 Sab. 02 mag 2020 
Serie A come la Francia? Lo scudetto andrebbe alla Juve, la beffa al Milan
Scudetto alla Juventus, Brescia e Spal in Serie B. E Milan fuori dalle coppe. Non...
 Mar. 31 mar 2020 
Coronavirus, la paura di Pepe Reina: "Per 25 minuti mi è mancato l'ossigeno"
Il portiere dell'Aston Villa, ex Milan e Napoli, racconta i sintomi del virus: "Era come se la gola si fosse ristretta e l'aria non riusciva a passare. Ora sto bene, il fisico ha reagito"
 Dom. 29 mar 2020 
CORONAVIRUS, Gravina ringrazia la Juve: "Un esempio per tutto il sistema"
Il presidente della Figc Gabriele Gravina è molto soddisfatto. L'accordo sul taglio...
 Dom. 08 mar 2020 
Ramsey scioglie l'Inter, Dybala la condanna: la Juve vince e torna in testa
Il gallese e l’argentino, appena entrato, segnano i gol decisivi nella ripresa. La squadra di Conte non demerita ma sparisce nel finale. Sarri di nuovo primo a +1 sulla Lazio
 Ven. 06 mar 2020 
Zeman: "Ritornare alla Roma? Dipende dai programmi e da che si può fare. Spero che la Lazio vinca.."
Il tecnico boemo: “Spero che la Lazio vinca il campionato, anche se la Juve ha la rosa più forte”
 Lun. 17 feb 2020 
Roma, la grande paura si concretizza? E "L'oh nooo..." stavolta può diventare giallorosso
La possibilità che la Lazio vinca lo scudetto sparge terrore tra i romanisti. Nell'ultima giornata la squadra di Fonseca dovrà vedersela con la Juve a Torino. E se all'undici di Sarri servissero punti per battere sul filo di lana i biancocelesti cosa farà la Roma?
 Mer. 12 feb 2020 
Idea Paratici per la Roma
È nei pensieri da tempo e questa potrebbe essere la volta buona. La Roma ha in mente...
 Mar. 11 feb 2020 
Roma, la Champions è appesa ai fedelissimi di Fonseca
Quel «tutti sotto esame», testo del ceo Fienga durante il confronto di sabato mattina...
 Gio. 06 feb 2020 
Roma, il borsino di Friedkin: chi parte e chi resta
Ecco cosa cambierà nell’organigramma societario con il prossimo passaggio di proprietà
 Mar. 28 gen 2020 
Roma, la nuova èra è nel segno di Fonseca
Finalmente il varo della Roma di Fonseca. Al 29 match stagionale (21° di campionato),...
 Lun. 27 gen 2020 
Malagò: "Striscioni beceri? Servono le norme inglesi"
N.1 Coni,'quando manca cultura sportiva, intervengano sanzioni '
 Dom. 26 gen 2020 
Roma-Lazio, derby tra Champions e scudetto: è sfida Capitale
Il significato del 152° derby di campionato (ore 18) si legge in classifica: la...
 Gio. 23 gen 2020 
Quando i limiti dei singoli escono fuori alla luce della sconfitta
Non ci sarà mai una controprova, ma nulla ci vieta di ipotizzare che se la Roma...
Roma, figuraccia prima del derby
10 ko su 10 visite in 8 anni, 24 gol incassati e 4 realizzati. I numeri di una serie...
Lo Stadium colpisce ancora. Piccola Roma, la Juve vince facile
Il decimo ko allo Stadium della gestione Pallotta è servito, ed è uno dei piatti...
 Mer. 22 gen 2020 
Alla Juve basta un tempo: 3-1 alla Roma e semifinale. CR7 a segno, Buffon fa un autogol
La Signora chiude i conti in 45’ col portoghese, Bentancur e Bonucci: adesso la sfida contro la vincente di Milan-Torino
Juventus-Roma, i convocati di Sarri
I giocatori a disposizione di Mister Sarri per i quarti di finale di Coppa Italia all'Allianz Stadium
Missione impossibile nello stadio proibito
Uno snodo cruciale per la stagione, in uno stadio da cui la Roma non è mai uscita...
 Mar. 21 gen 2020 
SARRI: "La Roma in trasferta rende meglio che in casa, ci aspetta una gara difficile"
COPPA ITALIA - QUARTI DI FINALE, LA CONFERENZA STAMPA DI MAURIZIO SARRI: "Cuadrado oggi senza febbre. Si può riproporre tridente con Douglas. Cristiano sarà verificato domattina"
La settimana dei tabù
Dieci anni esatti. Tanto è passato da una vittoria della Roma a Torino contro la...
 Dom. 12 gen 2020 
SARRI: "Abbiamo fatto molto bene per 60 minuti e non per 10. In casa della Roma è lecito soffrire"
ROMA-JUVENTUS 1-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA MAURIZIO SARRI: "I giallorossi sono una squadra di gamba, accelerazione e tecnica quindi quasi inevitabile soffrire. Dybala arrabbiato? Non me ne può fregare di meno"
Roma-Juventus 1-2, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Da Kolarov a Veretout, quanti errori. Bene Diawara
La Juve domina e poi trema. Ma batte la Roma ed è campione d'inverno con Demiral e CR7
Infortuni al ginocchio per il turco, autore del primo gol, e Zaniolo, fuori in lacrime. Nella ripresa inutile gol di Perotti su rigore
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>