facebook twitter Feed RSS
Martedì - 14 luglio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Pastore trova un lato positivo nel virus: "Basta lusso, si può essere felici con poco"

L'argentino ha raccontato la quarantena in Italia: "Il virus lascerà un segno. Io ho paura, ma ho persone intorno che mi aiutano a tirare fuori queste emozioni negative"
Martedì 28 aprile 2020
Javier Pastore racconta la sua quarantena. L'argentino ha scritto una lunga lettera all'Agencia Córdoba Deportes per descrivere come sta passando questi mesi in isolamento in Italia.

"Sono Javier Pastore, sono a Roma in quarantena con mia moglie e due bambini, la bambina di cinque anni e il piccolo di due anni. Siamo noi quattro a casa con una coppia di amici che vivono con noi qui in Italia, siamo rinchiusi da quasi 50 giorni. Facciamo acquisti online, è passato molto tempo e stiamo aspettando di vedere quando potremo uscire.

Una cosa positiva è che ho molto più tempo da condividere con i miei figli e la mia famiglia. Un calciatore è sempre in viaggio, e a me piace stare a casa. Ma c'è una paura e un pensiero negativo che ho quasi ogni giorno ed è l'incertezza di sapere quando tutto questo si fermerà e saremo in grado di condurre una vita normale. Ho anche persone che lavorano con me che mi aiutano a tirar fuori quelle sensazioni ed essere sempre positivo, ed è per questo che allenarsi ogni giorno e fare lavoro mentale o fisico ti dà la forza di pensare che tutto vada bene, che saremo in grado di andare avanti.


All'inizio avevamo una vita normale. Abbiamo guardato ciò che stava accadendo in Cina con un po' di paura, ma era normale. Abbiamo guardato la tv e i telegiornali, parlavano del virus in Cina, delle infezioni quotidiane che stavano iniziando a fare il giro degli ospedali in pochi giorni, ed è stato ciò che più ha attirato la nostra attenzione. Abbiamo tutti temuto il contagio in altri paesi perché dalla Cina molte persone viaggiano verso le capitali europee. Roma è costantemente piena di turisti e lì abbiamo iniziato a pensare che potesse succedere qui e che dovevamo stare attenti.

La Roma si è mossa rapidamente, si è comportata nel migliore dei modi, si è presa cura di noi e delle nostre famiglie, si è schierata dalla nostra parte. Non ci ha fatto viaggiare in Europa League (avevamo una partita in Spagna), non voleva che andassimo ad allenarci. Il club ha deciso che prima di tutto veniva la salute di ogni giocatore, della famiglia e di coloro che vi lavorano. Pensavamo che sarebbero state un paio di settimane e che tutto sarebbe tornato alla normalità, ma le settimane passavano e ci siamo resi conto che ogni giorno che passava diventava qualcosa di più serio e pericoloso. Dovevamo avere tutti i comportamenti giusti per combattere questo virus, rimanendo a casa e seguendo tutti i protocolli che il governo e i media ci stavano dicendo per ridurre i contagi, che era la cosa più importante.

La situazione al momento è la stessa di quando abbiamo iniziato la quarantena: cerchiamo di essere il più attivi possibile a casa, allenandoci. Cerca di stare con la mente il più lucida possibile, di divertimi molto con i miei figli e la mia famiglia. Facciamo acquisti online, compriamo cibo dai supermercati e, con i guanti, proviamo a pulire il più possibile prima di sistemarli. Non usciamo affatto, cerchiamo di essere dentro il più possibile. È una situazione difficile, penso che non sia normale per nessuno. Sarà sicuramente un brutto aneddoto che dovremo raccontare e che durerà a lungo.

Mentre tutto questo va avanti, io mi alzo la mattina e faccio l'allenamento che il club mi invia. La Roma tra l'altro ci ha inviato tutti gli attrezzi necessari per allenarci in casa. Due o tre giorni alla settimana facciamo FaceTime in gruppi di 10 o 15 per andare in bici, correre o qualunque altro lavoro. Pranzo con la mia famiglia, nel pomeriggio siamo con i bambini, li facciamo giocare, facciamo i compiti che la scuola gli ha inviati online, guardiamo le serie tv, passiamo più tempo possibile insieme. Alcuni giorni usciamo su una terrazza per respirare un po' d'aria. Ogni giorno è simile all'altro: ho due o tre allenamenti giornalieri e nelle altre ore che ho a disposizione le sfrutto per stare con i miei figli, mangiare, dormire. E poi via col giorno successivo.

Quando parlo con persone in Argentina, mi chiedono come vanno le cose in Italia. Fortunatamente posso dire che ci sono pochissimi contagi al giorno. Quello che mi lascia tranquillo, rispondendo alla mia famiglia e ai miei amici che sono preoccupati in Argentina, è che a Roma e nell'Italia meridionale, o in gran parte, i contagi sono diminuite molto e siamo super controllati. Cerchiamo di comunicare sempre con FaceTime, è uno dei pochi modi per coltivare le relazioni e per per far vedere ai miei figli la mia famiglia in Argentina. Parliamo sempre di come stanno lì, di come stiamo qui e ci raccontiamo un po' in ogni Paese come si evolve la situazione. Ovviamente, parliamo dei bambini, dei nipoti e sono le cose che lasciano un sorriso sui nostri volti alla fine della chiamata.

Questo virus porterà molte riflessioni, oggi si riflette molto, si pensa e si ripensa. La verità è che molte volte le persone vivono pensando a cose materiali o cose da mostrare agli altri, pensano che questo li renda persone migliori o migliori amici, non lo so. Ora invece ci rendiamo conto che con poco si può vivere, che con le piccole cose siamo felici e che passare il tempo con la famiglia ci rende sereni. Queste sono cose che non sono si pensano nella vita di tutti i giorni, nella vita normale. Pensiamo di andare a cena, nella bella macchina o di fare cose stravaganti, ma ora ci stiamo rendendo conto che con pochissimo siamo felici. Oggi ci rendiamo conto che l'importanza della vita è davvero un'altra e non esagerare nel lusso o altro, ma essere in buona salute, essere in grado di parlare con la propria famiglia e sapere che stanno bene. Ci riempie la nostra anima e il nostro cuore sapere che un'altra persona sta bene. Non si pensa ad altro se non ai sentimenti, ai bei pensieri diretti verso le altre persone. Questo è ciò che ci riempie davvero e ci fa andare a dormire la notte.

Penso che il segno che sta per lasciare in ogni persona sia molto personale e dipende da ognuno di noi. Chi ha perso qualcuno della famiglia o degli gli amici saranno quelli che soffriranno di più e che avranno una cicatrice molto grande. Ma in ognuno di noi il virus lascerà qualche insegnamento personale. Spero che siano segnali positivi che ci invitino a riflettere su quanto siamo stati male questa volta, pensando a quanto abbiamo sofferto vedendo le vite spezzate di famiglie e amici. Questo ci deve lasciare un grande ricordo, dobbiamo essere migliori come esseri umani, come genitori o amici.

L'Italia soffrirà molto come molti altri paesi del mondo a causa di questo problema, dal punto di vista sanitario, economico o in tutte le aree. Ci saranno problemi, ma sarà sicuramente un Paese che avrà la forza di andare avanti perché le persone sono molto forti. Non so quanto tempo ci vorrà, anche l'essere umano è fatto per soffrire e inciampare, ma si è sempre rialzato e sicuramente anche dopo questo si rialzerà. Sarà difficile, saranno alcuni anni difficili, ma penso che insieme, e valutando quanto abbiamo sofferto, avremo la forza di andare avanti e affrontare tutti i tipi di avversità".
di Marco Prestisimone
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Allenamento - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 19 giu 2020 
Roma, giornata di relax per i calciatori: Zaniolo in barca a Ponza, Spinazzola al Bioparco
I calciatori della Roma si godono l'ultimo giorno libero concesso dal tecnico Paulo...
TRIGORIA 19/06 - Si ferma Mkhitaryan: in dubbio per la Sampdoria
Notizie positive e meno positive da Trigoria. Lorenzo Pellegrini è tornato a svolgere...
 Mer. 17 giu 2020 
Pellegrini e Pau Lopez in dubbio per la ripresa. Ok Mancini
Resta ai box Lorenzo Pellegrini a causa di affaticamento muscolare rimediato durante...
Capello ricorda lo scudetto: "Batistuta la ciliegina di una squadra costruita per vincere"
Fabio Capello, allenatore della Roma che il 17 giugno del 2001 vinse lo scudetto:...
 Sab. 13 giu 2020 
Sampdoria, Ranieri: "La partita con la Roma ci sveglierà subito"
Claudio Ranieri, ex allenatore della Roma attualmente sulla panchina della Sampdoria,...
Roma sulle spalle: Dzeko è pronto
Tra i calciatori che scalpitano in vista della ripresa del campionato va sicuramente...
 Ven. 12 giu 2020 
Mirante, l'amuleto della Roma ancora una volta titolare. E ricomincia contro Ranieri
L’infortunio di Pau Lopez lo proietta in campo dal 1’: ritrova il tecnico che gli diede fiducia un anno fa. E con lui i giallorossi non hanno mai perso nelle ultime 12 gare
TRIGORIA 12/06 - Seduta individuale per Zaniolo. Visita per Pau Lopez
Nicolò Zaniolo ha svolto una seduta individuale a Trigoria dopo l'intervento al...
 Mer. 10 giu 2020 
Pau Lopez: "Speriamo che queste ultime dodici partite ci portino al risultato che vogliamo ottenere"
"Sono arrivato a Roma senza sapere una parola in italiano"
 Mar. 09 giu 2020 
Petrachi: "Fonseca capace, ma deve capire la A. E se servono confronti forti..."
"Voglio creare una Roma più forte. L’obiettivo è trattenere Smalling, Mkhitaryan e Zaniolo”
 Lun. 08 giu 2020 
Petrachi: "Poca cattiveria negli ultimi allenamenti". Domani il futuro di Zaniolo
Il direttore sportivo giallorosso domani spiegherà quanto la crisi economica e la cessione societaria potranno influire sulle scelte future di mercato
 Mar. 02 giu 2020 
#BLACKLIVESMATTER, anche la Roma si inginocchia
La Roma come il Liverpool e il Chelsea. Prima dell'allenamento di oggi al centro...
La Roma inizia a fare sul serio: partita di un'ora sotto gli occhi di Fonseca. Out Perotti
A tre settimane dalla ripresa del campionato, il tecnico intensifica il lavoro. Osservati speciali Pastore, Diawara e Zappacosta
Messo a punto lo sprint finale. Fonseca cambia orari e dieta
Adesso che si conosce con certezza il giorno della ripresa del campionato (la Roma...
Nainggolan cuore giallorosso
Sono passati quasi due an­ni dal suo addio alla Roma, ma Radja Nainggolan ha sempre...
 Lun. 01 giu 2020 
TRIGORIA 01/06 - Aumentata l'intensità degli allenamenti. Perotti torna in gruppo
In attesa di sapere quale sarà il calendario della squadra, alla ripartenza della...
 Sab. 30 mag 2020 
Partenza sprint, si lavora con il modello Shakhtar
Per la Roma si concluderà con l'allenamento di oggi la seconda fase della preparazione,...
Ispettori federali visitano Trigoria
Ad assistere alla penultima seduta di allenamento della settimana della Roma c'erano...
 Gio. 28 mag 2020 
Ancora tamponi a Trigoria. E poi allenamenti... a due modalità
Fonseca (senza Zaniolo, Perotti e Pau Lopez) cerca di alternare sedute dure e intense ad altre più rilassanti, necessarie per allentare lo stress
Bologna, tampone negativo: nessuna quarantena
Il componente dello staff non ha il Coronavirus, non sarà necessario alcun ritiro blindato
 Mar. 26 mag 2020 
Roma in gruppo per la Champions
Il pallone, i contatti, la partitella, la tattica e i gol: 75 giorni dopo dall'ultimo...
Coronavirus, il virologo Rebuzzi: "Per gli atleti colpiti allenamento solo dopo test al cuore"
«Questo virus può dare problemi a livello dell'endotelio delle coronarie, può causare...
 Lun. 25 mag 2020 
TRIGORIA 25/05 - Allenamento collettivo: provata la difesa a 3. Out Pau Lopez, Perotti e Zaniolo
ALLENAMENTO ROMA - Torello, focus atletico e tecnico:
 Dom. 24 mag 2020 
La Roma frena, la Champions può attendere
Squadra in campo a Trigoria, Fonseca opta ancora per un lavoro individuale
 Sab. 23 mag 2020 
Veretout: "Strano vedere gli stadi vuoti, non scendiamo in campo per giocare tra di noi"
"Stagione da completare per intero, i playoff un'ipotesi"
 Mar. 19 mag 2020 
Totti: "Sarei stato un buon elemento nella Roma ancora oggi. Giocatori come Messi, Ronaldo e io..."
"Giocatori come Messi, Ronaldo e io hanno il diritto di decidere quando smettere"
 Dom. 17 mag 2020 
Roma e Lazio restano in attesa
I calciatori hanno seguito le norme previste e svolto il tampone, risultato negativo
 Sab. 16 mag 2020 
Roma, senza certezze niente rischi per la salute
Dzeko e compagni temono che un nuovo stop vanifichi tutti gli sforzi
 Gio. 14 mag 2020 
Niente ritiro a Trigoria. La Roma e gli altri club ribelli
Niente ritiro da lunedì. La Roma e altri club di Serie A ( per ora si parla di Inter,...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>