facebook twitter Feed RSS
Martedì - 29 settembre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Covid, per la Serie A "prima i calciatori": 2mila tamponi. Medici e infermieri? Che aspettino

Pur di ripartire il pallone vuole subito 2mila tamponi
Lunedì 20 aprile 2020
FATTO FOOTBALL CLUB - Non c'è nulla da fare: il calcio italiano pur di ripartire è pronto a trasformare i tesserati in nuovi privilegiati, al fine di creare un ambiente a tenuta stagna pur di iniziare gli allenamenti e le partite. Il paese? Che si arrangi, pazienza

Nel Paese che vuole ripartire, c'è qualcuno che prova a farlo prima degli altri: il pallone. La fine del lockdown si avvicina, il governo si prepara alla "fase due" ma deve fare i conti con il mondo del calcio, che da settimane spinge per tornare in campo, e non vorrebbe aspettare nemmeno la scadenza del 4 maggio: anche una settimana o pochi giorni di anticipo possono essere preziosi per chi deve salvare una stagione (e i conti dei club). Sabato la Figc ha inviato ai ministeri dello Sport e della Salute un protocollo che dovrebbe dettare le linee guida a tutti gli addetti ai lavori e convincere il governo. Assomiglia ad una "corsia preferenziale", che passa dalla pretesa di effettuare migliaia di tamponi e test sierologici ai calciatori, in un momento in cui medici e infermieri devono aspettare.

Il piano è concludere la stagione tra giugno e luglio. Per farlo, però, le squadre devono tornare prima ad allenarsi, e diventare degli enormi ambienti sterili, a prova di virus. E questo si può fare solo con controlli a tappeto su tutti. Non solo i giocatori, anche lo staff tecnico, fisioterapisti, magazzinieri, i dipendenti a contatto col gruppo: parliamo di 50-70 persone per club. È quello che vorrebbero fare tutti gli ambienti di lavoro. Il calcio pretende almeno 2mila tamponi nel giro di 3 giorni, da analizzare nei centri regionali accreditati, che si contano sulle dita di una mano: il rischio di intasarli è concreto, e già in passato ci sono state polemiche sui tamponi a vip e calciatori. E c'è da sperare che arrivi l'ok sui test sierologici.

Poi ci sono una serie di prescrizioni quantomeno improbabili: allenamenti a 2 metri di distanza, ingressi negli spogliatoi a scaglioni, centri di allenamento blindati (non tutti sono così moderni e attrezzati). In caso di infortuni, ospedali e cliniche dovrebbero mettersi a disposizione per accogliere i calciatori in "massima sicurezza", come se non avessero altri problemi. Soprattutto, ammesso che si riesca a creare questo ambiente a contagio zero, poi bisognerà mantenerlo. I contatti con l'esterno si possono ridurre, non azzerare. E il vero problema sono i movimenti dei membri del gruppo: per assicurarsi che non si infettino, l'unica soluzione è che non escano dal ritiro. Mai, nemmeno per una passeggiata. Praticamente un sequestro di persona collettivo. L'alternativa sarebbe ripetere i controlli dopo ogni uscita, ma così il numero dei tamponi aumenterebbe in modo esponenziale.

La Figc ha fatto il suo lavoro. Ha stilato delle regole per allenarsi in (relativa) sicurezza. Per farsi dire di sì dal governo (mercoledì la risposta del ministro Spadafora), ha provato a ridurre il più possibile l'impatto della sua ripresa sul Paese, tagliando di fatto fuori la Serie C (che infatti ha già alzato bandiera bianca, annunciando la probabile fine anticipata del campionato) e probabilmente pure la Serie B: con loro i tamponi sarebbero decuplicati, ma per i campionati minori il protocollo è inapplicabile, bene che vada così giocherà solo la Serie A. Cioè i più ricchi, e già su questo ci sarebbe da discutere. Ma per il pallone che guarda solo agli interessi dei soldi e dei diritti tv, sarebbe il male minore.

È un documento fatto dal calcio, per il calcio. Ma il punto è proprio questo. Il protocollo probabilmente è davvero è a basso impatto, ma se tutti gli altri sport di squadra chiedessero di fare ugualmente non sarebbe più così. E uscendo dal mondo sportivo, lo stesso vale per altre categorie. Tutti vogliono ripartire ma non lo si potrà fare tutti insieme, almeno all'inizio della delicata "fase due". Il governo deve soppesare pro e contro, in termini innanzitutto sanitari ma forse anche di comunicazione, del via libera al calcio. Si tratta di stilare una lista delle priorità, o meglio, di cosa e quanto può permettersi il Paese a inizio maggio. Insomma, di rispondere alla domanda: "Chi riparte subito?". Per il mondo del pallone la risposta è semplice: "Prima i calciatori".
Fonte: ilfattoquotidiano.it
COMMENTI
Area Utente
Login

Allenamento - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 17 giu 2020 
Pellegrini e Pau Lopez in dubbio per la ripresa. Ok Mancini
Resta ai box Lorenzo Pellegrini a causa di affaticamento muscolare rimediato durante...
Capello ricorda lo scudetto: "Batistuta la ciliegina di una squadra costruita per vincere"
Fabio Capello, allenatore della Roma che il 17 giugno del 2001 vinse lo scudetto:...
 Sab. 13 giu 2020 
Sampdoria, Ranieri: "La partita con la Roma ci sveglierà subito"
Claudio Ranieri, ex allenatore della Roma attualmente sulla panchina della Sampdoria,...
Roma sulle spalle: Dzeko è pronto
Tra i calciatori che scalpitano in vista della ripresa del campionato va sicuramente...
 Ven. 12 giu 2020 
Mirante, l'amuleto della Roma ancora una volta titolare. E ricomincia contro Ranieri
L’infortunio di Pau Lopez lo proietta in campo dal 1’: ritrova il tecnico che gli diede fiducia un anno fa. E con lui i giallorossi non hanno mai perso nelle ultime 12 gare
TRIGORIA 12/06 - Seduta individuale per Zaniolo. Visita per Pau Lopez
Nicolò Zaniolo ha svolto una seduta individuale a Trigoria dopo l'intervento al...
 Mer. 10 giu 2020 
Pau Lopez: "Speriamo che queste ultime dodici partite ci portino al risultato che vogliamo ottenere"
"Sono arrivato a Roma senza sapere una parola in italiano"
 Mar. 09 giu 2020 
Petrachi: "Fonseca capace, ma deve capire la A. E se servono confronti forti..."
"Voglio creare una Roma più forte. L’obiettivo è trattenere Smalling, Mkhitaryan e Zaniolo”
 Lun. 08 giu 2020 
Petrachi: "Poca cattiveria negli ultimi allenamenti". Domani il futuro di Zaniolo
Il direttore sportivo giallorosso domani spiegherà quanto la crisi economica e la cessione societaria potranno influire sulle scelte future di mercato
 Mar. 02 giu 2020 
#BLACKLIVESMATTER, anche la Roma si inginocchia
La Roma come il Liverpool e il Chelsea. Prima dell'allenamento di oggi al centro...
La Roma inizia a fare sul serio: partita di un'ora sotto gli occhi di Fonseca. Out Perotti
A tre settimane dalla ripresa del campionato, il tecnico intensifica il lavoro. Osservati speciali Pastore, Diawara e Zappacosta
Messo a punto lo sprint finale. Fonseca cambia orari e dieta
Adesso che si conosce con certezza il giorno della ripresa del campionato (la Roma...
Nainggolan cuore giallorosso
Sono passati quasi due an­ni dal suo addio alla Roma, ma Radja Nainggolan ha sempre...
 Lun. 01 giu 2020 
TRIGORIA 01/06 - Aumentata l'intensità degli allenamenti. Perotti torna in gruppo
In attesa di sapere quale sarà il calendario della squadra, alla ripartenza della...
 Sab. 30 mag 2020 
Partenza sprint, si lavora con il modello Shakhtar
Per la Roma si concluderà con l'allenamento di oggi la seconda fase della preparazione,...
Ispettori federali visitano Trigoria
Ad assistere alla penultima seduta di allenamento della settimana della Roma c'erano...
 Gio. 28 mag 2020 
Ancora tamponi a Trigoria. E poi allenamenti... a due modalità
Fonseca (senza Zaniolo, Perotti e Pau Lopez) cerca di alternare sedute dure e intense ad altre più rilassanti, necessarie per allentare lo stress
Bologna, tampone negativo: nessuna quarantena
Il componente dello staff non ha il Coronavirus, non sarà necessario alcun ritiro blindato
 Mar. 26 mag 2020 
Roma in gruppo per la Champions
Il pallone, i contatti, la partitella, la tattica e i gol: 75 giorni dopo dall'ultimo...
Coronavirus, il virologo Rebuzzi: "Per gli atleti colpiti allenamento solo dopo test al cuore"
«Questo virus può dare problemi a livello dell'endotelio delle coronarie, può causare...
 Lun. 25 mag 2020 
TRIGORIA 25/05 - Allenamento collettivo: provata la difesa a 3. Out Pau Lopez, Perotti e Zaniolo
ALLENAMENTO ROMA - Torello, focus atletico e tecnico:
 Dom. 24 mag 2020 
La Roma frena, la Champions può attendere
Squadra in campo a Trigoria, Fonseca opta ancora per un lavoro individuale
 Sab. 23 mag 2020 
Veretout: "Strano vedere gli stadi vuoti, non scendiamo in campo per giocare tra di noi"
"Stagione da completare per intero, i playoff un'ipotesi"
 Mar. 19 mag 2020 
Totti: "Sarei stato un buon elemento nella Roma ancora oggi. Giocatori come Messi, Ronaldo e io..."
"Giocatori come Messi, Ronaldo e io hanno il diritto di decidere quando smettere"
 Dom. 17 mag 2020 
Roma e Lazio restano in attesa
I calciatori hanno seguito le norme previste e svolto il tampone, risultato negativo
 Sab. 16 mag 2020 
Roma, senza certezze niente rischi per la salute
Dzeko e compagni temono che un nuovo stop vanifichi tutti gli sforzi
 Gio. 14 mag 2020 
Niente ritiro a Trigoria. La Roma e gli altri club ribelli
Niente ritiro da lunedì. La Roma e altri club di Serie A ( per ora si parla di Inter,...
Kluivert: "Quando i tifosi vogliono fare una foto con te capisci che sei sulla giusta strada"
"Mi godo ogni istante qui e voglio rimanere a lungo"
Juan Jesus: "Quando mi ha chiamato la Roma non ci ho pensato due volte. Vorrei restare tanti anni"
Dai lunghi viaggi per andare ad allenarsi con l'America Mineiro fino al calcio italiano,...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>