facebook twitter Feed RSS
Domenica - 12 luglio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Di Francesco: "De Rossi chiamò Pallotta per evitare il mio esonero. Monchi? Devo ringraziarlo"

Mercoledì 15 aprile 2020
Dopo le ultime esperienze in Serie A nella Roma e nella Sampdoria, Eusebio Di Francesco aspetta l'opportunità di tornare in panchina. Ma intanto si occupa dell'azienda di famiglia, come ha dichiarato in un'intervista, dove si è soffermato anche della sua esperienza in giallorosso, svelando anche qualche retroscena. Queste le sue parole:

Dopo la partita contro il Porto a marzo dello scorso anno arrivò l'esonero.
"Il calcio è così, legato a episodi: l'esonero è stato un insieme di situazioni al di là dei risultati. C'era un po' di malcontento che ci ha portato a quell'epilogo. Era un momento particolare, avevamo perso il derby."

Male.
"Sì, male, ma io su quattro derby ne ho vinti due e perso solo quello: è l'unico che si ricorda. A Oporto siamo stati sfortunati per l'arbitraggio. Meritavamo i quarti. L'anno prima arrivammo in semifinale. In Europa abbiamo fatto il massimo. resta il dispiacere della sconfitta a Liverpool, in condizioni particolari. Poi all'Olimpico ci siamo fatti gol da soli subito, l'espulsione di El Shaarawy, il salvataggio sulla linea..."

Parlava di malcontento.
"Non dico a livello personale, era un periodo particolare, difficile per tutti, se fossimo passati con il Porto non so quale sarebbe stato il mio futuro, forse avrei scelto di andarmene io."

La campagna acquisti quell'estate sfasciò una squadra che andava solo migliorata.
"Sono state fatte delle scelte non corrette, a cominciare da quella che rimpiango più di tutte, le partenze di Strootman e Nainggolan. Strootman è un giocatore straordinario, con la sua partenza abbiamo perso personalità e lo abbiamo pagato in continuità di risultati. Ho il rimpianto di non aver insistito a farlo restare, ho assecondato la sua decisione. I risultati altalenanti del secondo anno non ci furono nel primo, nonostante il caos con il mercato di gennaio, Dzeko in bilico, stava per andare al Chelsea. I giovani andavano aspettati, ho dovuto rivedere il sistema di gioco per adattarlo alle caratteristiche di certi giocatori. Under è dovuto maturare, Kluivert ha avuto bisogno di tempo. Poi Zaniolo. Tutti mi dicevano che era un ragazzino complicato, io non ho avuto nessun problema con lui, all'inizio alcune volte l'ho ripreso davanti alla squadra ed è diventato il gioiello del calcio italiano."

Pastore è stato un equivoco tattico.
"Non voglio attribuire responsabilità a nessuno. Anche quest'anno si è visto che il problema principale è il fisico. Non abbiamo avuto un buon rapporto, ma non riesco ad avere rancore per certe sue dichiarazioni. Non è riuscito a render come ci si aspettava, ho visto che anche quest'anno aveva grande voglia ma non gioca da mesi. La qualità non è in discussione."

Qual è il vero rapporto con Monchi?
"Ho avuto sempre un ottimo rapporto, devo ringraziarlo perché è stato uno di quelli che mi ha voluto alla Roma. Non è facile fare il mercato dovendo vendere Salah e Alisson, abbiamo avuto contrasti su alcune situazioni, come in una famiglia, ma abbiamo cercato di andare sempre nella stessa direzione."

La stima l'ha avuta anche dagli altri dirigenti?
"Sì, anche se non capisco il pregiudizio, io sono arrivato alla Roma dopo anni importanti al Sassuolo, con risultati straordinari, ma nessuno li ricordava. Il pregiudizio iniziale che ho dovuto combattere è stato un peso, non sono uno che si sa vendere, ma sono me stesso, anche nei miei errori sono me stesso. Mi sento ancora con Fienga, la stima è reciproca. Le critiche arrivarono alla prima partita pareggiata o alla sconfitta a Milano al 96′. Sentirsi in discussione o il capro espiatorio dispiace. Ma sono diventato più combattivo. Alla lunga però la tensione rischia di logorarti."

Come per un 2-2 a Cagliari nel recupero, dopo che vincevate 2-0. In una foto si vede lei che ride, arrivarono altre critiche.
"Era una risata di rabbia, sono cattiverie. Quella sera accadde qualcosa di impensabile, loro erano rimasti in nove, non abbiamo gestito l'ultima palla, dopo una partita dominata abbiamo pareggiato e il mio è stato un ghigno di rabbia."

Si diceva che i giocatori alla fine non la seguissero più.
"Hanno dato sempre il massimo, ci sono stati momenti in cui non sono stato bravo a entrare nella loro testa. Sono state dette tante cose sbagliate. Anche quando la società ha deciso di mandarmi via alcuni giocatori hanno fatto di tutto per far cambiare idea a Pallotta, che presa la sua decisione. Con il presidente mi sono sentito qualche giorno dopo l'esonero, le sue parole mi hanno fatto piacere."

Qual è stato il ruolo di Totti?
"Il fatto che sia stato lui a scegliere Ranieri ha fatto pensare che non fosse vicino a me. Non è stato così. Era l'uomo della società e l'amico dell'allenatore, mi ha sempre sostenuto, fino alla fine. Poi ha dovuto scegliere Ranieri, perché faceva parte del suo ruolo. Qualcuno ci ha speculato, ma i nostri rapporti sono tuttora buoni. Aveva la capacità di farmi capire le sensazioni dello spogliatoio, che conosceva bene, sa distinguere i giocatori di qualità, è un intenditore. Aveva una grande capacità di sdrammatizzare e trovare il sorriso nei momenti più difficili. L'ironia è una delle più grandi qualità."

Fu lui a parlare con Nainggolan, dopo il video di capodanno.
"Le gestione di Radja in quel caso fu condivisa da tutti, compreso il giocatore. Con lui il rapporto è stato leale. L'ho sentito durante il mercato, lo volevo portare alla Samp, mi aveva dato disponibilità, poi ha scelto il Cagliari per una questione di cuore. Capisce le situazioni in un attimo. Mi era d'aiuto in campo, come Dzeko, Kolarov, De Rossi."

Il capitano in una partito con il Genoa andò in panchina pur non potendo giocare. Già si parlava del suo esonero.
"Voleva stare vicino alla squadra e anche a me, ha dimostrato attaccamento in un momento di difficoltà."

Le è stato vicino anche alla fine?
"Sicuro. Daniele è uno di quelli che ha chiamato il presidente per evitare il mio esonero. Io dico sempre che l'allenatore è un uomo solo, ribadisco nessuno ha mai giocato contro. La Roma di Pallotta ha raggiunto il massimo con me in panchina. Nonostante gli infortuni, che sono ancora tanti. Trovare una spiegazione non è facile. A volte ci sono giocatori predisposti. Pensate a Pastore. Io vengo criticato perché cambio tanto, ma a volte tolgo un titolare per il timore che si infortuni."

Schick è stato una scommessa azzardata?
"Nel 4-3-3 faceva fatica, per me è un centravanti o una seconda punta, riusciva a far meglio più vicino al centravanti. È arrivato in una condizione fisica inadeguata, poi si è fatto male, lo abbiamo dovuto gestire. Davanti aveva un giocatore come Dzeko, che su 60 partite 55 te le fa ad altissimi livelli. Come Kolarov. Per come si curano, per il rispetto del loro corpo sono professionisti straordinari. Schick era condizionato dalle critiche e del prezzo che era stato pagato."
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Calciomercato - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 08 giu 2020 
Schick al Lipsia: intesa vicina. Petrachi su Pedro
Patrick Schick dovrebbe essere la prima plusvalenza incassata dalla Roma. Il problema...
 Dom. 07 giu 2020 
Bivio Pallotta entro fine anno
I dati illustrati dalla dirigenza della Roma in una relazione per gli azionisti...
 Sab. 06 giu 2020 
SCHICK: "Futuro? Ho detto più volte di voler rimanere al Lipsia"
Patrik Schick ha deciso di concedere un'intervista a Sport Buzzer parlando del suo...
 Ven. 05 giu 2020 
Rosella Sensi e l'affare Batistuta: "Papà volava dalla gioia"
A pochi giorni dal ventesimo anniversario dell'arrivo alla Roma di Gabriel Omar...
Mancini, l'intoccabile che piace a mezza Europa. Fonseca se lo tiene stretto
L'ex Atalanta ha conquistato il tecnico e in poco tempo è diventato prima un difensore affidabile poi, con l’emergenza a centrocampo, anche un regista su cui contare
 Gio. 04 giu 2020 
Calciomercato Roma, la Juve offre Rugani. Petrachi si avvicina a Biraghi
Smalling ora spera nella conferma. Per Pedro la Roma è in attesa del sì
Roma, serve un piano immediato per evitare i saldi al calciomercato
La Roma ha bisogno di un piano di rilancio immediato, che James Pallotta dovrà fin...
Lipsia-Schick, aria di sconto. Biraghi e Pedro: si tratta
«Abbiamo un budget rigoroso, non credo che potremo riscattare Schick». Così ieri...
 Mer. 03 giu 2020 
Calciomercato Roma, spunta DaGrosa: "Il mio club modello City"
Pallotta cerca acquirenti, l'ex proprietario del Bordeaux vuole una squadra per far partire il suo ambizioso progetto in stile Manchester City
Roma, possibili scambi con la Juve: difficile Zaniolo-Bernardeschi, Kluivert o Under per Rugani
Altre prove di scambi tra Roma e Juventus. Dopo quello della scorsa estate tra Leonardo...
La Roma accelera per Pedro
Gli esuberi sono stati messi alla porta, mentre Pedro si avvicina sempre di più...
L'esperto: "Fonseca sa come si fa... E Mkhitaryan è meraviglioso"
Ugolini, ex preparatore dello Shakhtar: "Tecnico bravo, conterà sulla rosa maxi. Micki super, ma ebbe paura di smettere"
Vent'anni fa l'acquisto di Batistuta
Un sogno di inizio estate destinato a tramutarsi nella pazza gioia di uno scudetto...
 Mar. 02 giu 2020 
Pallotta a caccia di plusvalenze: Zaniolo rischio cessione. Ritorno di Nainggolan resterà un sogno
Il sogno di un ritorno a Roma di Radja Nainggolan è...
CALCIOMERCATO Roma, preso l'israeliano Suf Podgoreanu
La Roma ha chiuso un'operazione in prospettiva. Infatti, il club giallorosso ha...
Roma, Nainggolan non torna. Però i tifosi non smettono di sognarlo
I tifosi su radio e social invocano il ritorno del Ninja, che dal suo canto stravede per la città. Ma è un’idea che non rientra nei piani giallorossi
Kean può essere il vice-Dzeko, Montiel l'uomo della fascia
L'obiettivo della Roma in vista della prossima sessione di mercato è regalare a...
Rischio saldi sul mercato
Le deroghe introdotte nei giorni scorsi dal Consiglio Federale in tema di calciomercato,...
Il ritorno di Pau Lopez. Baluardo per la ripresa
Giocare la prima partita della ripresa il 24 giugno, quando la Roma affronterà in...
Nainggolan cuore giallorosso
Sono passati quasi due an­ni dal suo addio alla Roma, ma Radja Nainggolan ha sempre...
 Lun. 01 giu 2020 
Roma-Smalling, tutti vogliono il "sì". E la trattativa con lo United avanza...
Il difensore inglese si sente a casa nella Capitale e vuole finire questa strana stagione in giallorosso. Il club è al lavoro per accontentarlo, con l'obiettivo di averlo in rosa anche l'anno prossimo
Cellino: "Nainggolan tornerà alla Roma"
È stato il primo presidente a opporsi alla ripartenza. Ha cambiato idea soltanto quando ha capito che non c’erano alternative. Da Balotelli al gioiello del Brescia, è sempre al centro: "Mario? Scommessa persa. Lotito mi soffre"
 Dom. 31 mag 2020 
Per la Roma sarà un mercato di giovani e parametri zero
In uno scenario in cui il debito strutturale è salito a 278,5 milioni, il fatturato...
Calciomercato Roma, sulla destra spunta Odriozola
Tra i ruoli su cui si stanno concentrando gli sforzi di mercato della Roma c'è quello...
Roma, sì al piano per blindare Pellegrini e Zaniolo
A Trigoria c'è pessimismo sulla riapertura della trattativa tra James Pallotta e...
 Sab. 30 mag 2020 
Florenzi: "Voglio dare tutto me stesso per il Valencia e i tifosi"
Il terzino in prestito al club spagnolo è pronto per la ripresa della stagione
CALCIOMERCATO, ag. Veretout: "Sta bene nella Capitale, il suo futuro è a Roma"
Mario Giuffredi, procuratore di Jordan Veretout, è intervenuto ai microfoni di Radio...
Calafiori nel limbo: a breve l'incontro con Raiola. E dalla Roma nessuna chiamata
Petrachi potrebbe sacrificarlo per fare una plusvalenza secca. Lui, romano e romanista, vorrebbe restare e sogna l'esordio con la maglia giallorossa. Psg, Inter, Juve e Manchester monitorano la situazione
Bustos, l'agente: "Per la Roma è una priorità". E spunta il 'like' al tifoso
Petrachi si muove per bloccarlo aspettando di fare cassa con le cessioni. L'attaccante piace anche a Siviglia e Valencia ma lancia segnali ai giallorossi
Viavai sulle fasce a Trigoria: Pedro l'obiettivo, Teté il sogno
La Roma è pronta a cambiare, soprattutto sulle fasce. Attualmente degli esterni...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>