facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 5 giugno 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

AIC, Tommasi: "L'agenda non la dettiamo noi, ma la comunità scientifica. Taglio degli stipendi..."

"Taglio degli stipendi? Dobbiamo capire che chiunque dovrà perdere qualcosa"
Venerdì 03 aprile 2020
Il presidente dell'AIC Damiano Tommasi è intervenuto sulle frequenze di Radio Marte per trattare i consueti temi legati alla ripresa del campionato e al taglio degli stipendi. Ecco le sue dichiarazioni:

Sulla possibilità di tornare in campo
"Siamo tra una riunione e l'altra e sono sempre più spesso e più lunghe, visto che sono da casa. Non so chi mi critichi e chi mi dia schiaffi, ma la situazione è seria e ancora imprevedibile. Difficile prevedere quando finirà, ma da alcune settimane abbiamo delle certezze, ovvero quella che bisogna stare a casa, che non si può giocare a calcio e che non ci si può allenare. Non si può tornare all'attività calcistica normale, anche perché in questo momento l'emergenza, oltre che la Lombardia, riguarda l'intero paese. Noi che ci occupiamo di calcio dobbiamo andare avanti e capire settimanalmente cosa si può fare e quali siano le posizioni. Oggi l'agenda non la dettiamo noi, né la Fifa, né la Uefa, ma la comunità scientifica, in base ai dati che arrivano quotidianamente da tutti i paesi. Ricordiamo che questa è una pandemia, non è un tema che riguarda Bergamo o l'Italia".

Sulle misure da tenere in caso di ritorno in campo
"Il problema è che ci si illude che il parere della maggioranza possa determinare le scelte. Conta quello che dice la comunità scientifica in base ai dati e alle misure che si devono contrapporre a essi. Inoltre sarà importante che la ripresa delle attività sia graduale e progressiva. Sul tema della salute dei ragazzi bisogna vedere se chi è stato contagiato ha qualche cicatrice o addirittura danni permanenti che possano comprometterne l'idoneità fisica per l'attività agonistica. È un tema da tenere sotto controllo, vedremo anche il protocollo che verrà formulato. Dovremo controllare non solo i calciatori, ma tutti quelli che lavorano intorno. Anche per quanto riguarda i mezzi di trasporto, per esempio. Su questo ci stiamo lavorando, perché la sicurezza viene al primo posto. Non vediamo l'ora di metterci a lavoro e tornare a giocare. È fuorviante discutere di quanti club vogliano ripartire o meno, lo stesso per le Leghe, ripeto, non c'è un discorso di maggioranza".

Sul taglio degli stipendi
"Con la Lega finora abbiamo avuto più discussioni attraverso i giornali che tra di noi, l'esito dell'assemblea ci darà un suggerimento su come andare avanti. Bisogna sottolineare i casi specifici, perché ad esempio chi è in scadenza non può avere lo stesso trattamento di chi ha un contratto di cinque anni. Le situazioni individuali le devono sbrigare i club con i giocatori. Il nostro obiettivo è che società e calciatori trovino l'accordo, vogliamo aiutare le parti a essere in sintonia, non alimentari contrasti. Qualsiasi discorso di riduzione, spostamento o sospensione degli stipendi dipenderà anche dall'eventuale ripresa della stagione in corso. I calciatori sono disponibili a fare la loro parte, ma se dall'altra parte non c'è qualcuno disposto a fare la propria vuol dire che stiamo sbagliando qualcosa. Bisogna capire che tutti in questa fase dovranno perdere qualcosa. Quando si parla di stipendi bisogna fare la differenziazione tra le categorie, ci sono quelle non professionistiche ma in cui di fatto ci sono calciatori che giocano a calcio come prima attività. Bisogna trovare il modo di tutelare al 100% queste fasce di reddito. Il problema vero della Lega Pro è che non si può pensare di tagliare stipendi a cuor leggero, perché lì sono necessari per la sussistenza".

Su quanto successo in Belgio
"Quella del Belgio per ora non è una decisione, ma una proposta, vedremo se si farà. In Olanda invece si vuole riprendere, ma poi hanno gli allenamenti sospesi fino a giugno. Il mio timore è quello di non riuscire in una ripresa graduale in Italia, perché se appena appena si aprono le porte non seguiamo più le direttive della comunità scientifica si rischia di tornare al punto di partenza. La ripresa della stagione dipende dalla condizione del paese e non del referendum di favorevoli e contrari".
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 04 giu 2020 
COVID-19 in Italia, diminuiscono attualmente positivi: -868 (ieri -596), 88 morti (ieri 55)
Covid-19, i casi in Italia: 4 giugno ore 18 - Confermato trend in calo degli attualmente positivi
Coronavirus, a Roma 10 nuovi casi. Nel Lazio 11 positivi
La Regione Lazio ha reso noto nel bollettino giornaliero che a Roma e provincia...
DaGrosa frena: "Roma solo una delle opzioni sul tavolo"
In un’intervista a offthepitch.com l’ex patron del Bordeaux: “È solo uno dei numerosi club che abbiamo esaminato in maniera molto preliminare”
COVID-19, allo Spallanzani: 27 contagi totali, 6 pazienti necessitano di supporto respiratorio
L'Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ha diffuso il bollettino odierno riguardo...
La Roma è preoccupata. Chiamata a Pallotta: "Ci sei?"
I manager italiani sono preoccupati dalle scadenze finanziarie di giugno. Il patron dovrà condividere il piano industriale da sottoporre ai piccoli azionisti
Calciomercato Roma, la Juve offre Rugani. Petrachi si avvicina a Biraghi
Smalling ora spera nella conferma. Per Pedro la Roma è in attesa del sì
Pallotta anticipa 30 milioni per le spese della Roma
La proprietà della Roma si muove per dotare la società delle risorse necessarie...
Roma, serve un piano immediato per evitare i saldi al calciomercato
La Roma ha bisogno di un piano di rilancio immediato, che James Pallotta dovrà fin...
Il piano di DaGrosa: network di società in tre continenti
Dopo lo stop delle trattative Dan Friedkin, James Palotta cerca ancora soci per...
Lipsia-Schick, aria di sconto. Biraghi e Pedro: si tratta
«Abbiamo un budget rigoroso, non credo che potremo riscattare Schick». Così ieri...
Pallotta non molla e scopre nuovi soci
Dopo aver rifiutato l'ultima offerta di inizio maggio di poco superiore ai 450 milioni...
 Mer. 03 giu 2020 
VILLAR bocciato all'esame all'università, ma la prende bene: "Chiedo la Var!"
Gonzalo Villar ha approfittato dello stop agli allenamenti per dedicarsi agli esami...
CONTE: "Possiamo ripartire, ma la distanza e le mascherine restano misure necessarie"
Il premier in conferenza stampa nel cortile di Palazzo Chigi: "Dal 4 maggio i dati sui contagi da coronavirus sono incoraggianti. Se possiamo ripartire è perchè abbiamo accettato i sacrifici."
Diaconale: "Accaniti contro Lotito su ogni fronte. Non è il male del calcio"
Il responsabile della comunicazione biancoceleste va in difesa del patron: “Proprietario accorto e grande manager. Vogliono colpire anche la squadra”
Coronavirus, a Roma 6 nuovi casi. Nel Lazio si registrano 7 casi positivi
Nessun contagio a Frosinone, Rieti, Viterbo e Latina
Calciomercato Roma, spunta DaGrosa: "Il mio club modello City"
Pallotta cerca acquirenti, l'ex proprietario del Bordeaux vuole una squadra per far partire il suo ambizioso progetto in stile Manchester City
COVID-19, allo Spallanzani: 28 contagi totali, 6 pazienti necessitano di supporto respiratorio
L'Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ha diffuso il bollettino odierno riguardo...
COVID-19, tra i giocatori positivi c'è anche l'ex difensore della Roma, Castan
Il Vasco da Gama al centro del ciclone Coronavirus in Brasile. Sono ben 19 i positivi...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>