facebook twitter Feed RSS
Sabato - 24 ottobre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Ceferin: "Tre piani per il calcio. Nulla sarà come prima"

Sabato 28 marzo 2020
Aleksander Ceferin, presidente dell'Uefa, ha rilasciato un lunga intervista per parlare delle contromisure che il massimo organo calcistico europeo sta pensando di adottare contro l'emergenza sanitaria mondiale legata al coronavirus. Queste alcune delle sue parole:

Il calcio europeo fermo simboleggia l'assedio della pandemia?
«In questo momento drammatico la cosa più importante è la salute, uscire da questa crisi. Certo, il calcio interrotto simboleggia che l'Europa e il mondo si sono fermati».

L'obiettivo non è il profitto, disse lei il 3 marzo al congresso di Amsterdam: un presagio?
«Già prima della pandemia l'Uefa aveva distribuito l'87% di tutti i ricavi. Dopo la crisi l'unica strada possibile per unire il calcio europeo, cioè quasi il calcio mondiale, è che l'Uefa assuma la leadership. Sacrificare l'Europeo ha mostrato che ogni emergenza è la nostra emergenza e che ogni club è il nostro club. La videoconferenza con Eca, Leghe, Fifpro e poi con le federazioni è stata una fantastica dimostrazione di unità e solidarietà. Questa situazione terribile rivela chi le possiede e chi no: il calcio europeo è unitissimo».

Qual è il piano Uefa?
«Nessuno sa quando la pandemia finirà. Abbiamo il piano A, B o C: siamo in contatto con le leghe, con i club, c'è un gruppo di lavoro. Dobbiamo aspettare, come ogni altro settore».

È nato un governo di crisi con lei e Infantino, il presidente Fifa?
«La videoconferenza era di tutti i soggetti del calcio europeo, la Fifa non era coinvolta. Con Gianni Infantino ho parlato prima e dopo, siamo solidali. La comunicazione è continua. È molto importante dimenticare interessi personali e disaccordi».

Le date della ripresa dell'attività?
«Non è una risposta diplomatica: non sapendo quando finirà la pandemia, non possiamo avere un piano definitivo. Per ora ne abbiamo diversi. Non si può paragonare il sacrificio di Euro 2020, principale introito per 50 federazioni su 55, con quello del Mondiale per club, che ancora non esiste. Ma era la decisione giusta».

Quali sono le opzioni?
«Ricominciare a metà maggio, a giugno o anche alla fine di giugno. Poi, se non ci riusciamo, probabilmente la stagione è persa. C'è anche la proposta di finire questa stagione all'inizio della prossima, che comincerebbe un po' più tardi. Vedremo la migliore soluzione per leghe e club».

I campionati nazionali sono la priorità?
«Se i club iniziano a giocare, anche noi possiamo finire le coppe. Si possono sfruttare le stesse date. Esempio: martedì Milan-Inter e anche, che so, Barcellona-Juventus. Lo stesso giorno: è una situazione speciale e unica».
Giocare d'estate comporterebbe deroghe a contratti e mercato?
«Sui contratti tra giocatori e club non abbiamo giurisdizione. Se la stagione ricominciasse, servirebbe un compromesso: che i contratti scadano più avanti e che il periodo per i trasferimenti slitti».

Ma nella prossima stagione c'è l'Europeo.
«Io penso che partirà l'11 giugno 2021. Se necessario, i club dovranno adeguare il numero di partite, ma è troppo presto per dire qualcosa».

Scudetti e qualificazioni alle coppe in caso di mancata conclusione dei campionati?
«Siamo in contatto con le leghe. Il gruppo operativo lavora notte e giorno».

Si riprenderà a porte chiuse?
«Mi è difficile immaginare tutte le gare a porte chiuse, ma ora non sappiamo se riprenderemo, col pubblico o senza. Se non ci fosse alternativa, sarebbe meglio finire comunque i campionati. Posso dire che non penso alle finali delle coppe europee a porte chiuse».

Le preparazioni atletiche?
«Non possiamo tirare fuori i giocatori dalla quarantena e farli giocare subito, c'è anche il rischio di infortuni».

Andranno sostenute di nuovo le visite di idoneità?
«Non sono un esperto. Se non ti muovi per due o tre settimane, hai un problema, anche se sei un atleta professionista. Il calcio ad alto livello è intenso, duro, si gioca due o tre volte la settimana. Ma la sfida ora è la pandemia».

Si va verso meno tornei e un tetto di 18 squadre ai campionati?
«I problemi nazionali spettano alle singole leghe. A livello internazionale io penso che non siano necessarie nuove competizioni per club: le abbiamo già. Il calendario è già pieno».

La Nations League cambierà?
«No, è un enorme successo. Le nazionali migliori giocano tra loro e così le più piccole. E tutti possono qualificarsi per Europeo o Mondiale. Per le prossime finali dobbiamo solo trovare spazio nel calendario».

Le critiche per Valencia-Atalanta e per l'attesa nel rinviare l'Europeo e fermare le coppe?
«Per l'Europeo dovevamo esaminare più di 100 contratti, parlare con sponsor e broadcaster. Non si fa in un giorno. Quando c'è stata Valencia-Atalanta, si giocava ancora dappertutto in Europa. Era a porte chiuse e sui tifosi radunati davanti allo stadio la giurisdizione era delle autorità spagnole. Ho sentito anche una critica idiota per l'andata a Milano. Il 19 febbraio nessuno sapeva che la Lombardia sarebbe stata il centro dell'epidemia. Chi eravamo per dire non si gioca? Ci sono autorità preposte».

Cosa pensa del taglio degli stipendi?
«I contratti sono tra giocatori e club. Ma di questa crisi tutti soffriremo le conseguenze. Non c'è spazio per gli egoismi: vedremo quanta solidarietà c'è. Molti giocatori sono d'accordo».

I contratti potranno essere prolungati oltre fine giugno?
«Se non si può giocare per un mese, i club perdono i giocatori? Non ne sono sicuro. Naturalmente poi dovrebbe essere prolungato anche il mercato. Non puoi dire: giochi con noi fino a fine agosto, però poi non puoi trasferirti perché è chiuso».

Il Financial Fair Play verrà sospeso?
«La crisi coinvolge anche i club: abbiamo già posticipato alcuni requisiti da fine marzo a fine aprile. Dipende da come si evolverà la situazione. Nulla sarà più lo stesso, dopo questo anno terribile, nel mondo intero. Sul Ffp ci sono più opzioni aperte».
[..]
Fonte: La Repubblica
COMMENTI
Area Utente
Login

UEFA - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 30 apr 2020 
Serie Andata. Il Governo dice stop ai campionati. La Federcalcio: "Così moriremo"
Il semaforo rosso lo accende Vincenzo Spadafora, anche se non è ancora una decisione...
 Lun. 27 apr 2020 
Calcio il 18 maggio... forse
Lo Sport prova a ripartire. Dal 4 maggio gli atleti potranno riprendere gli allenamenti...
 Dom. 26 apr 2020 
Calcio sempre più nel caos
La ripartenza del calcio italiano si inceppa sul protocollo. Diciassette squadre...
 Sab. 25 apr 2020 
Le tv non pagano, la Fifa sì
I conflitti all'interno del sistema calcio rischiano di archiviare definitivamente...
 Ven. 24 apr 2020 
Due opzioni per chiudere stagione, ipotesi Fase Finale ad agosto. Roma-Siviglia verso la gara unica
La UEFA ha stilato due calendari provvisori per cercare di chiudere la stagione...
Un'estate in... Champions. Campionati fino 2 agosto e poi le coppe, dall'Uefa subito soldi ai club
Campionati e coppe da giocare fino alla fine. Magari cambiando anche le formule...
 Mar. 21 apr 2020 
UEFA: "La raccomandazione di terminare i campionati, presentate alle federazioni ipotesi calendari"
Di seguito, la traduzione in italiano del comunicato emesso questo pomeriggio dall'UEFA....
Conclusa l'assemblea della Lega Serie A: "Confermata all'unanimità la volontà di ripartire"
S'è conclusa l'Assemblea della Lega Serie A che s'è svolta questa mattina in videoconferenza....
Lega Serie A, tra il fronte del no che si allarga (8 club) e i diritti televisivi regna l'icertezza
Mentre regna l'incertezza sulla ripartenza del campionato con otto club contrari...
Bundesliga dal 9 maggio. Da oggi l'Uefa al lavoro per la Champions d'agosto
La Bundesliga sarà sarà il primo campionato a ripartire, anche se a porte chiuse...
 Lun. 20 apr 2020 
Cristante e Spinazzola per arrivare a Mandragora e Biraghi: la Roma alla partita delle plusvalenze
Il mercato obbligato dalla diminuzione del valore dei giocatori con gli ammortamenti in calo: le operazioni sull'asse con la Juventus e la Fiorentina
 Gio. 16 apr 2020 
Serie A, la Lega risponde a Malagò: "Stupiti per leggerezza e l'ingerenza del presidente del CONI"
Dopo le parole di Giovanni Malagò, presidente del CONI, la Lega Serie A ha risposto...
UEFA, Riunionione il prossimo 23 aprile: possibile una decisione sulla ripresa
Il 23 aprile potrebbe essere i giorno giusto per sapere quando ripartirà il calcio....
Coppe "compresse" e forse 5 sostituzioni
Anche per quanto riguarda la Champions è ancora tutto in aria. Così, mentre continuano...
Malagò: "Si procede a vista"
"Avrei chiuso in una stanza Figc, Lega, Aic, Uefa e tv per produrre un documento condiviso"
 Mar. 14 apr 2020 
Gara secca e campo neutro: l'idea Uefa
Uefa ed Eca avrebbero raggiunto un accordo per programmare le fasi finali delle...
 Ven. 10 apr 2020 
Coronavirus, Marino: "La Cina insegna. La Serie A non ripartirà"
Il capo dell'area tecnica dell'Udinese Pierpaolo Marino si proietta già alla prossima...
Coronavirus, Galliani: "Giocare in estate, poi campionati da inizio 2021. Sì, si può fare..."
Anche Adriano Galliani, storico amministratore delegato del Milan, presente negli...
 Gio. 09 apr 2020 
La seconda vita di De Rossi
Il mondo ha problemi più importanti da risolvere. Ma tra bollettini di guerra, paure...
 Mar. 07 apr 2020 
Dacourt: "A Roma giocai sei mesi senza percepire stipendio. Ripresa campionati? Nessuno sa quando"
"Calciatori non obbligati a tagliarsi l'ingaggio. Ripresa dei campionati? Nessuno sa quando ne usciremo, prima di iniziare a giocare nuovamente le squadre avranno bisogno di settimane o mesi per la preparazione"
Ipotesi estrema, la serie A gioca soltanto a Roma (e in clausura anche gli arbitri)
Due ipotesi. Se si torna a giocare (a giugno) il taglio degli stipendio dei calciatori,...
 Lun. 06 apr 2020 
Serie A, accordo raggiunto per il taglio degli stipendi: il comunicato ufficiale
Nella giornata di oggi è andata in scena la riunione di Lega Serie A ed è stato...
I soldi di Sky e Dazn: incubo della Serie A
A inguaiare i presidenti di Serie A adesso c'è anche il problema del pagamento in...
 Dom. 05 apr 2020 
L'ultima ipotesi di Gravina: "Serie A 2019-20 fino a settembre-ottobre"
Il presidente della Figc fissa come prioritario il completamento dell’attuale stagione: “Altrimenti avremo una valanga di contenziosi, il campionato si giocherebbe nelle aule dei tribunali”
Ettore Viola: "Friedkin? C'è meno entusiasmo ma Pallotta vuole vendere. Lupetto di Gratton..."
"All'inizio mio padre aveva delle perplessità sul lupetto di Gratton"
UEFA, arriva la smentita: la stagione non deve terminare entro il 3 agosto
La UEFA ha pubblicato una nota ufficiale per smentire la notizia circolata nella...
Tommasi: "Ora sappiamo che oltre il 3 agosto non possiamo andare"
Damiano Tommasi ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Rai News 24....
 Sab. 04 apr 2020 
Ceferin: "3 agosto deve essere tutto finito. Valuteremo il sistema migliore per concludere stagione"
Il Presidente della UEFA Aleksandar Ceferin ha parlato alla TV tedesca ZDF:...
Tommasi: "I tempi per la ripresa li detta il Coronavirus. Bisogna capire se ci sarà il tempo..."
"Bisogna capire se ci sarà il tempo di riprendere"
La minaccia della Uefa alle Leghe: un paradosso per Agnelli e la Juve
La lettera firmata da Uefa, Eca e European Leagues che non lascia troppo spazio...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>