facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 1 aprile 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

PETRACHI: "Dovevo risolvere dei problemi che c'erano in questa società. Sui media escono calunnie"

"Sui media escono fuori calunnie, devo puntualizzare. Mi dà fastidio quando si dicono le cazzate. Qualcuno ha detto che mi avevano tolto la parola, sono qui a parlare. Friedkin? Non è Paperon de' Paperoni"
Mercoledì 12 febbraio 2020
Durante la conferenza stampa svolta a Trigoria dei tre neo acquisti giallorossi: Carles Perez, dal Barcellona, Gonzalo Villar, dall'Elche e Roger Ibanez dall'Atalanta, Gianluca Petrachi, direttore sportivo della Roma, ha espresso alcune considerazioni sui nuovi innesti, e non solo. Ecco le sue parole:

"Buonasera a tutti, bentrovati. Siamo qui per presentare questi tre ragazzi, ma prima della loro presentazione, mi premeva puntualizzare su alcuni aspetti, alcune cose che da qualche settimana escono fuori. Tenevo a fare chiarezza, quando si scrive si dicono cazzate, se non fermi l'emorragia si fanno passare le cose per vere. Alla mia prima presentazione, ho detto a tutti quanti che quest'anno per la Roma era il famoso anno zero, sono stato chiamato dalla proprietà per cercare di recuperare degli errori fatti negli anni precedenti, risolvere dei problemi che lo scorso anno e quello prima erano stati creati. Con tanta umiltà, voglia ed entusiasmo mi sono calato nella parte, credo che in questi sei mesi sia stata fatta una grandissima mole di lavoro. Sto portando con convinzione il credo che la società mi aveva imposto nel provare a trasformare qualcosa che non ha funzionato. Detto ciò, la Roma ha fatto una vera e propria rivoluzione. Voglio ricordare che la Roma ha fatto uscire 20 giocatori e ne ha presi 14. Volevo ricordare che la Roma non compra giocatori a 70 milioni, con 70 milioni ho comprato 7 giocatori. C'è bisogno che qualcuno capisca che ho chiesto pazienza e la comprensione di tutti, quando ci sono rivoluzioni qualcosa può venire bene e qualcosa meno. Su qualche media escono fuori calunnie e falsità da vigliacchi. Forse sarò una persona scomoda per tanti di voi, non faccio comunelle, non prendo caffè, non rispondo ai vostri messaggi da quest'estate e la mia schiena è sempre dritta. Volete attaccarmi? Nessun problema, non sarò spappolato da questo percorso. Continuerò a cercare di fare il bene della Roma, finché starò qui porterò avanti la mia idea di calcio. Ci riuscirò o no non lo so, ma ce la sto mettendo tutta. Se c'è un po' di intelligenza da parte di tutti e soprattutto buona fede, si può pensare che fino a 20-25 giorni fa si decantava una Roma importante, con un allenatore importante, che forse giocava il miglior calcio in Italia. Ora la Roma è in difficoltà; ero preparato a queste, non alle calunnie. Posso spaziare dalla Gazzetta dello Sport, al Corriere dello Sport, a Il Tempo, a tutti. Faccio degli esempi: Petrachi viene bacchettato da Dzeko perché chiede più qualità, niente di più falso. Dzeko deve fare il calciatore, ma siccome è un ragazzo molto intelligente non si sarebbe mai permesso di venire da me a dire una cosa del genere. Se deve fare una cosa lo fa all'interno dello spogliatoio, e questa era la prima cazzata. Seconda: si dice che sono stato convocato per essere messo alla prova dalla nuova società, io ho solo parlato dei programmi futuri e degli investimenti. È stata scritta una inesattezza totale, potrebbero entrare nuovi acquirenti e volevano conoscere le possibili spese future della Roma. Alcuni di voi mi hanno censurato, sembravo il killer, dovevo essere squalificato: completamente assolto. E molti di voi ci hanno marciato, siccome ho rispettato le regole, ho sempre cercato di fare il mio lavoro in modo onesto e leale, e molti di voi sono stati smentiti per quanto riguarda le calunnie, anche a livello televisivo, non solo cartaceo. Dove voglio arrivare? Io sono consapevole che questo sia un momento difficile, è un momento in cui abbiamo smarrito un po' di umiltà. La grande prestazione del derby ci ha fatto volare troppo alti. Se questa squadra gioca con intensità, voglia e cattiveria è ujna squadra che può mettere in difficoltà chiunque, altrimenti fa fatica, è evidente che il gioco di Fonseca si basa sull'aggressione. Abbiamo sbagliato partite con Torino, Sampdoria, Sassuolo e Bologna, è una cosa che deve farci riflettere. Dobbiamo credere di più in quello che facciamo, mettere cattiveria e umiltà. Credo di aver investito su tanti giovani, ma i frutti vengono dopo un po'. Questa squadra gioca con 6/11 di nuovi acquisti. Non c'è squadra italiana che lo fa. Serve tempo, è una squadra giovane, con ragazzi che si stanno conoscendo. Mi auguravo che queste difficoltà non arrivassero mai, ora dobbiamo affrontarle. In momenti di grandi difficoltà questa squadra è venuta fuori, con 10-12 infortunati ci siamo esaltati, forse è stata la Roma migliore. Sono convinto che questo gruppo, in cui orgogliosamente mi sono identificato, è venuta meno nello spirito, cercherò di far capire loro quanto siano importanti passioni e sana cattiveria. Ai nuovi ho detto dove sono arrivati. Ho chiamato Perez il giorno dopo Sassuolo, gli ho detto che Roma è una piazza passionale, sentimentale, si affeziona al giocatore che ci mette l'anima e che l'atteggiamento avuto non mi era piaciuto. Gliel'ho detto per fargli capire dove loro sono arrivati e quello che devono fare. Credo fortemente in questi tre ragazzi. Credo che possano essere il futuro della nostra Roma, io la Roma la sento mia, credo fortemente in questa squadra. Chiedo ancora oggi un filo di pazienza, credo che questa abbia dei contenuti. Abbiamo ragazzi del 1998 e del 1999, i giovani hanno alti e bassi, questa è stata una strategia. Non ho preso un giocatore da 70 milioni, ho cercato di costruire qualche cosa che porti risultati nell'arco di un triennio. Non mi spaventa l'essere messo in discussione, mi danno fastidio le cazzate, le calunnie e le cose inesatte. Un giornalista deve sapere quello che sta scrivendo. Non ho problemi a confrontarmi e a ribadire un concetto. Sono pronto, sono qui, era stato detto che mi avevano tolto la parola, che la società mi aveva proibito di uscire, perché parlo male o ho i lapsus. Sono pronto a parlare, non ho avuto né tempo né modo di parlare a chiusura del calciomercato. Tenevo a far chiarezza e spiegare i problemi che abbiamo, che stiamo cercando di affrontarli, che lo faremo insieme. È una cazzata anche parlare di problemi tra me e Fonseca, l'allenatore ha il predominio, Petrachi è fatto in questo modo, se vedo che i miei giocatori a livello di senso di appartenza, di sana cattiveria, non fanno bene, il sottoscritto entra e dice quello che pensa, senza prevaricare".

Su Ibanez
"Sabatni ha detto che Ibanez è venuto perché gli abbiamo dato più soldi, è irrispettoso. Prende gli stessi soldi che avrebbe preso al Bologna, ha voluto la Roma convinto dal nostro progetto e dalle parole di Fonseca. Nessuno deve mettere in discussione l'aspetto morale di questo ragazzo, che ha fatto una scelta di campo. Il tempo dirà se ha fatto bene, ma non è stata una scelta economica".

Sull'episodio di Reggio Emilia
"Dopo un 3-0 dopo 45 minuti mi è sorto spontaneo entrare nello spogliatoio e far capire ai ragazzi che si stava facendo una prestazione penosa, che ci fosse da vergognarsi, che serviva tirare fuori attributi. Con molta tranquillità, poi, il mister è entrato perché doveva parlare lui di un discorso tecnico-tattico e lo ha fatto. Dopo aver detto quello che pensavo mi sono messo da parte e ho ascoltato la ramanzina del mister. Così sono andate le cose, gravito sempre negli spogliatoi, sono sempre a contatto con la squadra, coi ragazzi. Trovo legittimo che se c'è qualche cosa debba farmi delle domande e far sentire la voce della società che il sottoscritto rappresenta. In quel momento c'era da vergognarsi. Vengo odiato perché cerco di essere omertoso, sto attento agli sciacalli che cercano di speculare, sono cose che dovrebbero rimanere all'interno e purtroppo a Roma escono. Non è sano giornalismo, è gossip. I panni sporchi vanno lavati in famiglia, non c'è nessun tipo di discrepanza. L'allenatore parla perché lui gestisce il gruppo, ma è evidente che se qualcosa non va bene ho tutto il diritto di dire quello che penso. Lo dirò finché sarò qui a fare il mio lavoro. Può piacere o meno, l'importante è che all'interno della struttura ci sia coesione".

Hai fatto riferimento alla strategia della Roma. A gennaio sono arrivati giocatori di prospettiva: come si coniuga questa filosofia con la necessità di arrivare quarti? Considerando che alla vigilia del mercato avete avuto due grandi perdite come Diawara e Zaniolo.
"Innanzitutto credo che i giovani siano linfa per l'immediato e per il futuro. Certamente le difficoltà del mercato di gennaio sono state importanti, lo sanno anche i muri che in un cambio di proprietà ci siano scompensi che si ripercuotono sul mercato in cui non sei libero di fare come vuoi. Gennaio è complicatissimo, non è facile sostituire giocatori come Zaniolo e Diawara, abbiamo perso due pilastri che stavano facendo le migliori cose della stagione. L'idea è prendere due giovani forti in cui credo, anziché andare a fare operazioni che non posso permettermi di fare. C'è un closing in atto, se potessi andare a fare delle cose e non le facessi sarei un demente, ma non si possono fare per questo tipo di criticità dettate da un eventuale passaggio di proprietà che ancora non è avvenuto. Ho spiegato bene ai miei giocatori dopo Natale, potrebbe succedere qualcosa come potrebbe non farlo. A voi non deve interessare, dovete pedalare, non dovete pensare che arrivi Paperon de' Paperoni o quello che dà il mondo. Cercheremo di fare correttivi con la filosofia giusta, per un progetto nato sei mesi fa. Se continuerà Pallotta o ci saranno i nuovi si vedrà, la squadra deve essere lasciata in pace. Il mercato di gennaio non è quello di giugno. L'obiettivo non è lontano, sabato è una finale, dobbiamo tirare fuori la sana cattiveria, ne usciremo anche più forti".

Lei ha parlato di inesattezze, non sarebbe più opportuno avere una comunicazione più aperta?
"Se devo ricevere tante telefonate da tanti di voi non posso fare figli e figliastri, non è semplice parlare con chiunque e dire delle cose. Chi fa il mio lavoro, più è silenzioso più lo fa in modo redditizio. Preferisco stare zitto, non dare notizie. Capiterà, se c'è qualche problema, sono pronto al confronto. Ma non mi sono sottratto mai a qualsiasi domanda, credo di essere stato sempre onesto. Il mio modo di essere a livello lavorativo è questo, se di tanto in tanto mi si chiede una conferenza pubblica non mi tiro indietro. Sono disposto a comunicare i pensieri e le strategie future. Se mi chiede uno di prendere un caffè per essere amico, non lo faccio per rispetto. C'è il pesce grande e quello piccolo, non do da mangiare a nessuno e non mi faccio mangiare. Posso essere simpatico o no".

Ha parlato de Il Tempo come giornale che ha calunniato. Quali sono?
"Non ho parlato de Il Tempo. Sono uno che non legge per star fuori da certi tipi di dinamiche, ho un servizio stampa che mi dice le cose. Se ho detto Il Tempo chiedo scusa. Mi è scappato e non era mia intenzione".


COMMENTI
Area Utente
Login

Conferenza Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 31 mar 2020 
Si cambia: ok a passeggiata genitore-figli. De Luca e Gallera: a rischio sforzi fatti
Equivale a "esercitare il diritto al sole e alla primavera", ha commentato Roberto Bernabei del Comitato tecnico scientifico (Cts)
 Lun. 30 mar 2020 
Coronavirus, lo studio: "Il 16 maggio possibile azzeramento casi Italia". Date Regione per Regione
Coronavirus, lo studio: "Il 16 maggio possibile azzeramento casi Italia". Il Css: "Ritorno alla normalità sarà graduale". Il Css: "Ritorno alla normalità sarà graduale"
 Dom. 29 mar 2020 
Roma, trattative in stand by: i dirigenti verso la conferma
Dovevano essere i giorni del cambiamento. Si stanno trasformando in quelli della...
 Sab. 28 mar 2020 
CONTE: "Subito 4,3 miliardi ai Comuni e fondi per aiutare persone in difficoltà"
Lʼannuncio del premier: "Vogliamo dare un segnale concreto della presenza dello Stato". Gualtieri: "Vogliamo dare ossigeno ai bilanci e aiutare le persone in difficoltà". Decaro: "Risposta veloce"
Coronavirus, in Italia, 3.651 positivi (ieri 4.401), 889 morti (ieri 969), superati i 10.000 morti
In Italia 70.065 positivi (+3.651), da ieri 889 nuovi decessi e 1.434 guariti
 Mer. 25 mar 2020 
COVID-19 - Febbre per Borrelli, sospesa la conferenza stampa: bollettino medico sempre alle 18
Come riportato dal sito ufficiale della Protezione Civile, il capo Angelo Borrelli...
 Mar. 24 mar 2020 
Coronavirus, in Italia oggi 743 morti e 5.249 contagiati in più
8.326 guariti, 894 più di ieri Sono 8.326 le persone guarite in Italia dopo...
 Lun. 23 mar 2020 
Coronavirus Mondo, Oms: pandemia sta accelerando. Onu chiede un cessate il fuoco mondiale
Morto impiegato italiano del Parlamento Ue. L'uomo, 40 anni, è la prima vittima all'interno delle istituzioni europee. Nel mondo un miliardo in isolamento. In Spagna ricoverata la vice premier Carmen Calvo. Dieci anni da Obamacare, l'ex presidente Usa: "Oggi ne avremmo bisogno". Merkel negativa al test. Membro Cio: "Ipotesi rinvio Olimpiadi al 2021". Zuckerberg: "Sistemi a rischio"
Coronavirus, in Italia superate 6mila vittime, 601 in più di ieri
Calo dei contagi a Bergamo, deciso peggioramento a Brescia. Dimesso il Paziente 1, il suo appello: "State a casa"
 Dom. 22 mar 2020 
Coronavirus, in Italia oggi meno morti rispetto a ieri: 651 e 3.957 malati in più
In tutto le persone positive nel nostro Paese sono 46.638. Frena la crescita dei positivi (ieri è stata di 4.821). Aumenta il numero dei guariti, salito a 952 (7.024 in tutto). Borrelli: "Speriamo nel calo"
 Sab. 21 mar 2020 
 Ven. 20 mar 2020 
Coronavirus, in Italia picco dei decessi, sono 627. Superate le 4.000 vittime
Bilancio: 37.860 contagi (+4.670), 4.032 decessi (+627)
 Gio. 19 mar 2020 
Coronavirus, l'Italia prima al mondo, supera la Cina: 3.405 vittime, solo ieri 427
Il virus ha ucciso più in Italia che in Cina
 Mer. 18 mar 2020 
Coronavirus, in Italia 1.084 guariti, 2.648 positivi, 475 morti
Coronavirus: 2.978 le vittime, 475 in un giorno Sono 2.978 le vittime del coronavirus...
 Mer. 11 mar 2020 
Il Premier Conte: "Chiudono tutte le attività commerciali tranne alimentari e farmacie"
Coronavirus, il premier Conte agli italiani: "Chiusi tutti i negozi commerciali, bar e ristoranti ad eccezione di alimentari e farmacie, almeno per due settimane. Restrizioni in tutta Italia. Commissario 'Ad Acta' Dottor Domenico Arcuri"
 Lun. 09 mar 2020 
Coronavirus, Figc: domani consiglio straordinario in conference call, niente conferenza stampa
Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha convocato per le ore 14 di domani,...
 Ven. 06 mar 2020 
Coronavirus, termoscanner e niente bambini in campo: così riparte la serie A
Niente interviste flash in campo, non ci saranno nemmeno le riprese negli spogliatoi
ISS: "Tutta la Lombardia zona rossa? Valutiamo"
L'intera Lombardia potrebbe diventare una zona rossa. L'ipotesi non è stata esclusa...
 Gio. 05 mar 2020 
EUROPA LEAGUE, Siviglia-Roma, il programma della vigilia
Giovedì 12 marzo la Roma andrà a giocarsi l'andata degli ottavi di finale di Europa...
 Mer. 04 mar 2020 
KOLAROV: "Mihajlovic? Ho un grande rapporto con lui, è un uomo sincero e leale"
Il terzino della Roma Aleksandar Kolarov non ha mai nascosto di avere un bel rapporto...
 Dom. 01 mar 2020 
FONSECA: "Bellissima Roma, ma non dovevamo soffrire così. Pellegrini o Mkhitaryan? Bel problema..."
CAGLIARI-ROMA 3-4, LE INTERVISTE POST-PARTITA, PAULO FONSECA: "Pellegrini o Mkhitaryan? Un bel problema per un allenatore. Dobbiamo credere nella Champions"
 Sab. 29 feb 2020 
FONSECA: "La squadra è stanca, non abbiamo avuto il tempo di recuperare, ma non è una scusa"
CAGLIARI-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: "Difficile vedere Perotti a Cagliari, Veretout sta bene. Quarto posto? Vedo che la squadra ci crede ed io credo in loro. Domani giocherà Kalinic"
MARAN: "Situazione surreale. Siamo in ripresa, sappiamo come affrontare la gara contro la Roma"
CAGLIARI-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI ROLANDO MARAN
 Ven. 28 feb 2020 
CAGLIARI-ROMA, sabato la conferenza di Fonseca
In vista del match tra Cagliari e Roma di domenica, ore 18:00, parlerà Paulo Fonseca...
 Gio. 27 feb 2020 
FONSECA: "Campo molto pesante, abbiamo dimostrato un buon atteggiamento difensivo"
EUROPA LEAGUE - GENT-ROMA 1-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA, PAULO FONSECA: “Spero che Diawara sia pronto per la prossima settimana. E’ assurdo non giocare il lunedì, i giocatori ne risentono”
 Mer. 26 feb 2020 
KLUIVERT: "Posso fare sempre meglio e quello è il mio obiettivo. Ci siamo arrabbiati per la serie.."
EUROPA LEAGUE, GENT-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI JUSTIN KLUIVERT: "Ci siamo arrabbiati per la serie di sconfitte. Non ci possiamo fermare”
FONSECA: "Dovremo essere concentrati e passare il turno, Kolarov può giocare tre partita di fila"
EUROPA LEAGUE, GENT-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: “Non va bene se pensiamo soltanto a difendere, è importante fare gol. Vogliamo giocare con ambizione”
Thorup: "Vista la gara d'andata, abbiamo delle possibilità. Dobbiamo attaccare e concedere poco"
EUROPA LEAGUE, GENT-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI JESS THORUP: "Depoitre? E’ pronto”
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>