facebook twitter Feed RSS
Sabato - 20 luglio 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Non è più il tempo delle bandiere

Lunedì 17 giugno 2019
Non è più tempo di simboli, neppure nel mondo del calcio. La gratitudine, quella poi l'hanno sepolta (e non solo nel pallone) da una vita. Eppure sono anni che sentiamo blaterare nei talk e in televisione che i calciatori di oggi sono diventati troppo mercenari, che non esiste più l'attaccamento per la maglia e per la città in cui giocano. Balle. Almeno nel caso di due campioni italiani, due fenomeni. Francesco Totti, romano e romanista. E Alessandro Del Piero, juventino. Il primo, il capitano della Roma, dopo aver passato una vita con i giallorossi, sino a diventare un corpo e un'anima coi tifosi e la gente romana, si ritrova a lasciare tutto quello che è stato il suo mondo. La sua vita.

Dopo 30 anni rifiuta il ruolo di direttore tecnico offertogli dalla società giallorossa perché di rimanere senza veri poteri decisionali non gli va. L'altro, Alessandro Del Piero, anni fa, dopo aver speso tutto il proprio talento per la causa juventina, terminò la propria carriera in giro per il mondo: prima in Australia, tra i canguri e poi a Delhi, a tirar calci al pallone con gli indiani. Roma e Juventus, Totti e Del Piero, due miti, due eroi sportivi del nostro tempo, che si sono fatti simbolo, per passione, e da simboli sono stati sfrattati. Con una differenza: a Torino, in casa Juventus, la società è sempre stata sacra, molto più importante dei singoli calciatori. Ma a Roma, allenatori e giocatori, sono sempre venuti prima della società, nel cuore dei tifosi e persino nelle vittorie. La Roma di Liedholm e Falcao, di Bruno Conti e Di Bartolomei, poi quella di Totti e De Rossi.

Già, Daniele De Rossi, anche a lui arrivederci e grazie. Perché più sono romantici, i calciatori del XXI secolo e più sono fuori dal tempo. In queste ore, mentre a Napoli i tifosi azzurri sono arrabbiati per il passaggio del tecnico Maurizio Sarri alla Juventus, loro (o almeno una parte) che lo avevano confuso con un Che Guevara del pallone, Totti lascia la Roma. Potevano pro- porgli di più (e non parliamo di soldi), per farlo rimanere. Come potevano chiedere a De Rossi di restare, per giocare ancora. Ma i simboli, oggi, sono ingombranti.

Nel 1990 a Firenze, era di maggio, una città intera scese in piazza a protestare contro il passaggio di Roberto Baggio dalla Fiorentina alla Juventus. Una ferita sportiva all'orgoglio di una città. Alla conferenza stampa di presentazione con i bianconeri, Baggio rifiutò di mettersi al collo la sciarpa juventina. Era già un simbolo Baggio - nonostante la brevità del tempo trascorso con la Fiorentina, dal 1985 al 1990 - per la città. Un alibi sulla fine di quel simbolo peri fiorentini, diventerà, con il tempo, il fatto che a portarlo via furono "i gobbi", a Firenze i cattivi per eccellenza, la Juventus insomma.

Ma con Totti e De Rossi, i gobbi non c'entrano. E fa tanta tristezza osservare che i simboli, nel calcio del 2019, danno più fastidio di un calciatore mercenario pronto a cambiare squadra come muta il vento. Fastidio, sì, ma non ai tifosi che in tutto questo circo, alla fine, restano fregati più di tutti. Anzi, di Totti.
di M. Lenzi
Fonte: Il Tempo
COMMENTI
Area Utente
Login

Rassegna Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 19 lug 2019 
Stadio a Fiumicino? Il sindaco: "Verifiche in corso"
"Da parte nostra c'è tutta la disponibilità a continuare le verifiche già in corso...
Simone Beccaccioli lascia la Roma. Per l'area scouting contattato Luxoro
Simone Beccaccioli lascia la Roma dopo 10 anni. La società ha deciso di mandare...
Calciomercato, Juve e Roma sono d'acccordo, Higuain ancora no e fa muro
L'operazione è difficile ma non impossibile perché Fonseca può contare sulla Juventus...
De Rossi divide il Boca
Sarà il dodicesimo europeo a indossare la maglia del Boca, il quarto italiano e...
Calciomercato, l'Inter accelera: si sblocca Dzeko
Servirà ancora qualche giorno, ma la trattativa che sta portando Dzeko all'Inter...
Stadio, M5S in pressing: "Rispettare le prescrizioni"
Se non lo fanno in Campidoglio, ci pensano alla Pisana a chiedere conto dei «vizi...
Zaniolo resta? Il tormentone continua
Resti?, e poi il silenzio. Come accaduto con Dzeko. Ieri fuori Villa Stuart, dove...
Manca solo il Pipita. Dodici gol e buona la prima, Spinazzola già convince
L'Argentina nel destino e il pressing come marchio di fabbrica. Il primo gol stagionale...
Roma, la prima è in maschera
«Press, press», non è un'invocazione ai giornalisti, ma il refrain di Paulo Fonseca....
Veretout quinto acquisto
Veretout sarà il quinto acquisto della Roma targata Petrachi-Fonseca. La situazione...
Veretout, ora ci siamo. Hysaj, parte il pressing
Non è un'amichevole contro il Tor Sapienza che può regalare indicazioni di mercato....
 Gio. 18 lug 2019 
Corsa, entusiasmo e voglia di novità: ecco il primo test in attesa di Zaniolo
Spinazzola e - probabilmente - Pau Lopez saranno i due volti nuovi nella Roma che...
Lo Stadio ora è appeso alla Roma-Lido
La richiesta ufficiale è stata presentata il 10 luglio scorso all'ufficio dell'architetto...
Roma, legittima difesa
Oggi pomeriggio, a Trigoria, primo test: Roma-Pro Calcio Tor Sapienza, ore 17,30,...
Il Tottenham su Florenzi, la Roma ascolta e pensa a Hysaj
Da un lato la conferma dell'interesse per Hysaj. Dall'altro il timido sondaggio...
Fonseca lo chiama, Higuain risponde
«Pronto Gonzalo? Sono Paulo Fonseca». Lunedì scorso, squilla il telefono di Higuain...
Pallotta torna nella Capitale a settembre
Pallotta è pronto a tornare a Roma. Ad oltre un anno di distanza dalla sua ultima...
De Rossi al Boca, trova Caicedo
Il biglietto è già stampato, l'esperienza argentina ora è pronta ad iniziare. De...
Dal Colosseo alla Pampa. L'argentino Higuain più vicino alla Roma
Per un campione (De Rossi) che emigra a Buenos Aires, ce ne è uno che nella capitale...
Sabatini: "La Roma senza Totti e De Rossi è possibile, ma senza presidente è imperdonabile"
A pochi giorni dall'annuncio choc di Sinisa Mihajlovic dove ha confessato di essere...
 Mer. 17 lug 2019 
Calciomercato Roma, via uno tra Olsen e Mirante un portiere è di troppo
Sono quattro i portieri che si stanno allenando in questo momento a Trigoria più...
Quei maledetti 20 milioni che ballano sulle punte
Venti milioni. Servono venti milioni per innescare il rimbalzo di attaccanti tra...
Fonseca prepara l'esordio
Fonseca continua a far sudare i suoi calciatori con doppie sedute a ripetizione...
Zaniolo si taglia le vacanze. Domani la prima amichevole
Tornerà a Trigoria oggi per poi domani, dopo le visite a Villa Stuart, allenarsi...
Gonzalo sgobba con Sarri, il fratello tesse la sua tela
«Oooh! Ora mi piace!», urla di soddisfazione Maurizio Sarri dopo una combinazione...
Icardi, Higuain e Dzeko: la lunga partita a scacchi
In palio non ci sono solo tre centravanti. La grande sfida tra Inter e Juve monopolizza...
Obiettivi da centrale: Mancini a Roma, ora Alderweireld. Pronto anche il piano B per Lovren
La vera rivoluzione parte dalla difesa. Il Mancini day, infatti, è finalmente arrivato...
Calciomercato Roma, colpo doppio: presi Mancini e Veretout. Dettagli e risvolti delle trattative
A 24 ore dalla prima amichevole stagionale contro il Tor Sapienza (aperta ai media),...
Fonseca sorride: ecco perchè ha voluto il guerriero e il cervello
Fonseca ora è più sereno e sa che può affrontare gli allenamenti con due pedine...
 Mar. 16 lug 2019 
La trasformazione dei calciatori da bandiere a voci di bilancio. Il valore sportivo non conta più
I nostalgici si lamentano che i calciatori non si immedesimano più nei club per...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>