facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 23 ottobre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Non è più il tempo delle bandiere

Lunedì 17 giugno 2019
Non è più tempo di simboli, neppure nel mondo del calcio. La gratitudine, quella poi l'hanno sepolta (e non solo nel pallone) da una vita. Eppure sono anni che sentiamo blaterare nei talk e in televisione che i calciatori di oggi sono diventati troppo mercenari, che non esiste più l'attaccamento per la maglia e per la città in cui giocano. Balle. Almeno nel caso di due campioni italiani, due fenomeni. Francesco Totti, romano e romanista. E Alessandro Del Piero, juventino. Il primo, il capitano della Roma, dopo aver passato una vita con i giallorossi, sino a diventare un corpo e un'anima coi tifosi e la gente romana, si ritrova a lasciare tutto quello che è stato il suo mondo. La sua vita.

Dopo 30 anni rifiuta il ruolo di direttore tecnico offertogli dalla società giallorossa perché di rimanere senza veri poteri decisionali non gli va. L'altro, Alessandro Del Piero, anni fa, dopo aver speso tutto il proprio talento per la causa juventina, terminò la propria carriera in giro per il mondo: prima in Australia, tra i canguri e poi a Delhi, a tirar calci al pallone con gli indiani. Roma e Juventus, Totti e Del Piero, due miti, due eroi sportivi del nostro tempo, che si sono fatti simbolo, per passione, e da simboli sono stati sfrattati. Con una differenza: a Torino, in casa Juventus, la società è sempre stata sacra, molto più importante dei singoli calciatori. Ma a Roma, allenatori e giocatori, sono sempre venuti prima della società, nel cuore dei tifosi e persino nelle vittorie. La Roma di Liedholm e Falcao, di Bruno Conti e Di Bartolomei, poi quella di Totti e De Rossi.

Già, Daniele De Rossi, anche a lui arrivederci e grazie. Perché più sono romantici, i calciatori del XXI secolo e più sono fuori dal tempo. In queste ore, mentre a Napoli i tifosi azzurri sono arrabbiati per il passaggio del tecnico Maurizio Sarri alla Juventus, loro (o almeno una parte) che lo avevano confuso con un Che Guevara del pallone, Totti lascia la Roma. Potevano pro- porgli di più (e non parliamo di soldi), per farlo rimanere. Come potevano chiedere a De Rossi di restare, per giocare ancora. Ma i simboli, oggi, sono ingombranti.

Nel 1990 a Firenze, era di maggio, una città intera scese in piazza a protestare contro il passaggio di Roberto Baggio dalla Fiorentina alla Juventus. Una ferita sportiva all'orgoglio di una città. Alla conferenza stampa di presentazione con i bianconeri, Baggio rifiutò di mettersi al collo la sciarpa juventina. Era già un simbolo Baggio - nonostante la brevità del tempo trascorso con la Fiorentina, dal 1985 al 1990 - per la città. Un alibi sulla fine di quel simbolo peri fiorentini, diventerà, con il tempo, il fatto che a portarlo via furono "i gobbi", a Firenze i cattivi per eccellenza, la Juventus insomma.

Ma con Totti e De Rossi, i gobbi non c'entrano. E fa tanta tristezza osservare che i simboli, nel calcio del 2019, danno più fastidio di un calciatore mercenario pronto a cambiare squadra come muta il vento. Fastidio, sì, ma non ai tifosi che in tutto questo circo, alla fine, restano fregati più di tutti. Anzi, di Totti.
di M. Lenzi
Fonte: Il Tempo
COMMENTI
Area Utente
Login

Rassegna Stampa - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 22 ott 2019 
È l'ora di Pastore e Perotti: Fonseca prepara il tango
Probabilmente non ci avrebbero creduto neppure loro se, qualche settimana fa, qualcuno...
Fonseca ha scelto la coppia
Da Manolas-Fazio a Mancini-Smalling. Forse è arrivato il momento di domandarselo:...
Gladbach, pronta l'invasione neroverde: scatta il piano della sicurezza
Per la sfida di giovedì prossimo di Europa League contro il Borussia Moenchengladbach...
Petrachi e il lavoro "fuori tempo": la difesa vuole Fienga e Marotta
Un'ora e mezzo in Procura Federale, un fuoco di fila di domande e risposte che,...
Borussia Mönchengladbach, l'avviso di Neuhaus: "All'Olimpico per vincere"
Florian Neuhaus sta collezionando consensi in tutta la Germania. Sono 40 le sue...
Il cuore di lady Dzeko: "Io e quel tunnel della vita che va da Sarajevo a Roma"
Ci sono le wags, tutte uguali. E poi c'è lei, Amra Silajdzic, 35 anni, mamma, modella,...
Duecento assenze per infortunio
Da agosto 2018 sono cambiati allenatori, medici, fisioterapisti, preparatori atletici,...
La Roma sempre più a pezzi
Ennesima tegola sulla stagione della Roma. Il club giallorosso, martoriato dagli...
Troppe partite alla fine rompono
«Si giocano troppe partite e questo aumenta il numero degli infortuni». Ultimo,...
Fonseca cancella gli alibi: "Senza coraggio non andiamo da nessuna parte"
Improvvisamente la Roma non c'è più. Nella rosa, rasa al suolo dagli infortuni,...
Roma, 12 gol in 8 gare: mai così pochi dal 2011
Un allenatore offensivo come Paulo Fonseca sta andando peggio di tutti. Già, perché...
 Lun. 21 ott 2019 
Fonseca deluso nel box
Fonseca ha scontato la sua giornata di squalifica sedendosi nel box televisivo che...
Oggi Petrachi in Procura
Audizione in arrivo per Petrachi dopo il caso Dzeko di quest'estate. Oggi il d.s....
Roma in ginocchio, tra k.o. e troppi gialli
14 infortunati e ben 32 i cartellini gialli incassati dai propri giocatori. Numeri...
Un infortunio tira l'altro: non è più il caso di appellarsi al caso
Fonseca, invece, di contare i punti in classica, solo 13 su 24 a disposizione, si...
Samp-Roma, Senza qualità, zero follia e pochi guizzi: in crisi il reparto che vive di solo Dzeko
Tutto sta a scegliere l'angolazione da cui osservare, e quindi giudicare, la partita...
La Roma è un punto di domanda
Il compitino non basta. Ancora di più se sciatto e superficiale. La Roma recita...
Sampdoria-Roma 0-0, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: SAMPDORIA-ROMA 0-0 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Dom. 20 ott 2019 
Dalla tristezza riemerge Perotti
La Roma ritrova un titolare. Non adesso, non subito. Ma per Fonseca è una buona...
Dzeko parte e la vede. Kalinic cerca il gol
Ha mandato un sms alle persone più care, un po' in ansia dopo la convocazione per...
Stadio a Tor di Valle: 10 giorni per dire sì alla bozza del Comune
Dieci giorni. E' questo il tempo che si è presa la Roma per rispondere alla bozza...
Per Zaniolo c'è di nuovo Maresca
Zaniolo ritrova Maresca dopo il pasticcio estivo dell'amichevole con l'Athletic...
Paulo si sente già troppo solo
Claudio, uno di noi? Oggi no, perché Ranieri, cuore romanista, è un avversario molto...
Roma, a Genova doppia allerta
Marassi fa il pieno per Sampdoria-Roma. Non di pubblico, però. C'è comunque altro...
Sampdoria-Roma, Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
Di seguito riportiamo le probabili formazioni di Sampdoria-Roma secondo le principali...
 Sab. 19 ott 2019 
Per Hysaj sarà gioco al ribasso
Hysaj insiste: vuole lasciare Napoli. In questa stagione l'albanese è stato relegato...
Non c'è Dzeko? Roma fa più gol. Tocca a Kalinic
Domani Dzeko non ci sarà, al massimo partirà per Genova per accomodarsi in panchina....
Gabbia-Quaglia in attacco. Società-tifosi, ora è rottura
(...) Domani contro i giallorossi Ranieri si affiderà al modulo che offre le maggiori...
Cristante, da oggetto misterioso a intoccabile. La Roma lo ha trasformato in stacanovista
(...) Arrivato con l'etichetta di «miglior centrocampista italiano insieme a Lorenzo...
Roma, Veretout è nel mezzo: Fonseca punta sul francese, sta a lui prendere la squadra per mano
Se non fosse stato per quella caviglia, probabilmente Jordan avrebbe fatto l'en...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>