facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 23 ottobre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Salutando, Totti disse: "Ho paura". Adesso sappiamo perché...Dubbi e veleni che hanno divorato il re

Tutto quello che c'è da sapere sull'addio dell'ex capitano giallorosso dopo trent'anni di amore. Come nel "Ritratto di Dorian Gray" ad un certo punto deve essersi guardato allo specchio scoprendo di essere diventato ciò che aveva sempre detto di non voler essere
Domenica 16 giugno 2019
Il mondo ha denti d'acciaio, il sorriso ingannatore e il pugnale dietro la schiena. E se questa verità malinconica ognuno di noi la vive ben presto sulla propria pelle, se ti chiami Francesco Totti arrivi a scoprirla quando il tempo comincia a rubarti il respiro. Dietro l'addio alla Roma, in fondo, c'è anche questo. Trent'anni d'amore, vissuti nell'adorazione laica di una città, sono stati un anestetico formidabile verso il male di vivere che alla fine, in qualche maniera, cresce fino a presentarti il conto. Il capitano di una generazione, d'altronde, aveva iniziato a capirlo quando la sua parabola calcistica stava giungendo alla conclusione.

Lasciamo da parte Spalletti e le sue ombre, la rugginosità palese nel rapporto con la dirigenza, persino la sorprendente «ingratitudine» di una parte della tifoseria (sì, un tempo a Roma c'erano gli spallettiani) quando il fiato cominciava a diventare corto e i muscoli di vetro. Il tramonto della sua carriera di artista del calcio, sublimato in quell'addio che ha fatto il giro del mondo, lo aveva fiaccato nell'anima per quello che certificava: il senso della fine e la necessità di un rito di passaggio. Totti infatti due anni fa, in uno dei momenti più struggenti del suo discorso alla gente, lo aveva detto chiaramente: «Adesso ho paura». Niente poteva essere più sincero, niente poteva rendercelo più fratello.

Da quel giorno, chi lo ha osservato dall'esterno ha dovuto fare attenzione soprattutto ad una cosa: evitare i luoghi comuni. Si può essere ricchi, sposati con una bella moglie, avere una splendida famiglia e godere dell'affetto di tutti coloro che ti circondano, e nello stesso tempo scoprire come i timori che pensavi di aver addomesticato col semplice trascorrere del tempo, in realtà erano un grumo nero addensato nel pensiero, pronto a trasformarsi in un rancore sordo verso chi mostrava con sussiego la tua inadeguatezza verso la seconda parte della storia romanista, quella in giacca e cravatta. Chissà quante volte Francesco avrà riattraversato quella linea d'ombra che lo riportava con la memoria ai giorni del calcio giocato. Belli a prescindere, perché i problemi si risolvevano con un assist, un tacco, un tiro che scuoteva la rete e l'anima della città. Quello che a quasi tutti era impossibile, al Capitano veniva naturale. Niente a che vedere con ciò che è venuto subito dopo. Che fare? Un corso da allenatore? Sì, no, magari più tardi. Da direttore sportivo? Più avanti. E l'inglese che serve per parlare col mondo del calcio fuori dalle Alpi? Verrà anche quello. Il problema è che nella vita ciò che non afferri, viene preso da altri.

Gli uomini in grigio (copyright Ranieri), quelli che sanno far di conto, hanno conoscenze giuste, fanno un passo indietro e uno di lato. Non nascondiamolo: ovunque essi siano - Boston, Londra, Trigoria, ma anche Milan, Torino e Napoli - è gente di certo non immacolata, ma indispensabile a far funzionare qualsiasi club. Ciò non toglie comunque che - a dispetto delle fazioni - l'invisibile duello rusticano che ha diviso negli anni Totti e Baldini, giudicato a mente fredda sembra venato da una comune immaturità che stupisce.

Forse per questo in Francesco, negli suoi 24 mesi vissuti da dirigente, la voglia di evasione è stata evidente. C'è una partita da giocare, dell'erba da calpestare, un cucchiaio da servire? Dalla Russia al Qatar, lui ha risposto presente, perché probabilmente quello è stato l'unico modo per acquietare quel senso di frustrazione che gli si agitava nel petto. Non è escluso che abbia peccato d'ingenuità, credendo davvero che sarebbe bastato indicare la bravura o meno di un calciatore - come se fosse uno scout di alto livello - per materializzare un percorso da direttore tecnico. Non è andata così, e persino i suoi stessi tifosi non hanno mai avuto certezze sulla sua grandezza da manager, anche se tutti di sicuro hanno pensato: visti i risultati degli altri, almeno lasciate provare lui.

Quel giorno non è mai arrivato. Come nel «Ritratto di Dorian Gray» ad un certo punto Totti deve essersi guardato allo specchio scoprendo di essere diventato ciò che aveva sempre detto di non voler essere: solo una bandiera buona da sventolare ai sorteggi e in tv. Troppo poco per uno che voleva essere grande con la Roma, scoprendo però che, se da calciatore almeno conosceva la strada, da dirigente avrebbe dovuto impararla. Col rischio di sbagliare, naturalmente, e vedendo così incrinare agli occhi della sua gente quel senso di perfezione che trent'anni di calcio finora non sono riusciti a scalfire. Se è vero che gli eroi muoiono tutti giovani, forse la gioventù di Francesco termina davvero solo adesso. Davanti ha mille possibilità, ma anche tante sirene ingannevoli e feroci. Noi però restiamo ottimisti. Un capitano, in fondo, non perde mai la rotta. E allora, chi meglio di lui?
di Massimo Cecchini
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 22 ott 2019 
EUROPA LEAGUE 2019-2020 - Roma-Mönchengladbach, il programma della vigilia
Dopo un inizio scoppiettante, il pareggio contro il Wolfsberg ha un po' complicato...
Kolarov riprende Florenzi: "Chiamatelo, con chi c**** sta parlando?"
Il terzino serbo ansioso di scendere in campo nell'intervallo di Sampdoria-Roma
Cristante, per ora niente operazione. Fonseca spera per Under e Mkhitaryan
Consulto in Finlandia per l'azzurro: scelta la terapia conservativa, tra 10 giorni nuovi esami. Il turco e l'armeno puntano alla sfida col Milan
Sampdoria-Roma 0-0, Le Decisioni del Giudice Sportivo
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Roma-Mönchengladbach, Le Probabili Formazioni
UEFA Europa League 2019-2020 - Fase a Gironi: 3ª Giornata
CRISTANTE si sottoporrà per 10 giorni a una terapia specifica e poi si capirà se operare
E' un momento delicato per Bryan Cristante che contro la Sampdoria ha riportato...
Salah abbracciato da una modella su Gq: l'Egitto si scandalizza
Indignazione tra i musulmani per la copertina della nota rivista, che immortala l'attaccante del Liverpool con la bella Alessandra Ambrosio
GENOA, esonerato Andreazzoli
Il Genoa Cricket and Football Club informa di aver sollevato dall'incarico l'allenatore...
Roma: Smalling-Mancini, che coppia! Con loro in campo, un solo gol subito
Tra le varie combinazioni possibili per Fonseca al centro della difesa, quella con l'inglese e l'azzurro è la più solida
Roma, prime indiscrezioni sulla prima maglia della stagione 2020-21 (FOTO)
Sarà ispirata a quella del 1979-80
Roma, emergenza infortuni: tre soluzioni per Fonseca
Oltre ad Antonucci, verrà convocato per la prima volta Riccardi per la sfida in Europa League contro il Borussia Mönchengladbach
È l'ora di Pastore e Perotti: Fonseca prepara il tango
Probabilmente non ci avrebbero creduto neppure loro se, qualche settimana fa, qualcuno...
Fonseca ha scelto la coppia
Da Manolas-Fazio a Mancini-Smalling. Forse è arrivato il momento di domandarselo:...
Gladbach, pronta l'invasione neroverde: scatta il piano della sicurezza
Per la sfida di giovedì prossimo di Europa League contro il Borussia Moenchengladbach...
Petrachi e il lavoro "fuori tempo": la difesa vuole Fienga e Marotta
Un'ora e mezzo in Procura Federale, un fuoco di fila di domande e risposte che,...
Borussia Mönchengladbach, l'avviso di Neuhaus: "All'Olimpico per vincere"
Florian Neuhaus sta collezionando consensi in tutta la Germania. Sono 40 le sue...
Il cuore di lady Dzeko: "Io e quel tunnel della vita che va da Sarajevo a Roma"
Ci sono le wags, tutte uguali. E poi c'è lei, Amra Silajdzic, 35 anni, mamma, modella,...
Duecento assenze per infortunio
Da agosto 2018 sono cambiati allenatori, medici, fisioterapisti, preparatori atletici,...
La Roma sempre più a pezzi
Ennesima tegola sulla stagione della Roma. Il club giallorosso, martoriato dagli...
Troppe partite alla fine rompono
«Si giocano troppe partite e questo aumenta il numero degli infortuni». Ultimo,...
Fonseca cancella gli alibi: "Senza coraggio non andiamo da nessuna parte"
Improvvisamente la Roma non c'è più. Nella rosa, rasa al suolo dagli infortuni,...
Roma, 12 gol in 8 gare: mai così pochi dal 2011
Un allenatore offensivo come Paulo Fonseca sta andando peggio di tutti. Già, perché...
 Lun. 21 ott 2019 
Pallone d'oro 2019, i nomi dei candidati
Oggi è il giorno in cui France Football rivela i trenta pretendenti al più ambito trofeo calcistico del mondo: nel 2018 ha vinto Modric
Roma, Petrachi ascoltato dalla Procura Federale per il caso Dzeko
Un'ora di audizione per il direttore sportivo, dopo aver parlato di una trattativa per il bosniaco con l’Inter cominciata quando era ancora sotto contratto con il Torino
PROF. CERULLI: "Bisognerebbe dedicare più tempo all'allungamento muscolare e meno alla palestra"
Il noto ortopedico Gianluca Cerulli ha parlato ai microfoni di NSL Radio...
Cristante vola in Finlandia per un consulto dal medico che operò Beckham
Il centrocampista, accompagnato dal procuratore e dal medico della Roma, farà scalo a Malpensa per poi volare a Turku
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>