facebook twitter Feed RSS
Domenica - 15 dicembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Non c'è un motivo per spingere Daniele fuori dalla Roma

Mercoledì 15 maggio 2019
Non c'è un motivo. Non c'è un motivo per convocare De Rossi, in uno strano pomeriggio di maggio, grigio e malinconico come davvero non può essere, per comunicargli l'addio alla Roma. Non c'è un motivo, professionale, sentimentale, economico, per strappare un filo giallorosso di una ventina d'anni e pensare così di potersi cucire addosso un vestito fatto di programmi, obiettivi, con un occhio al budget e l'altro giù, freddamente inginocchiato alla Ragione. Non c'è un motivo per partecipare, iscriversi, al nuovo stile del pallone, che si alimenta con le plusvalenze e riconosce le bandiere come un minus. Meglio, eventualmente, innaffiare di rimpianti una conferenza stampa del proprio capitano, abile a tenere dentro, a proteggere, le ansie ed i pensieri, quella rabbia che ti fa gonfiare il collo, una vena in cui scorre, pulsa, sangue di campione. De Rossi che va via da Roma, dalla sua squadra, dalla sua città, da casa sua, è in un tweet del club, in un divorzio senza lacrime, in un abbraccio interminabile ai compagni, in uno sguardo a Totti, in fondo lì, alla sala, i due capitani di un'altra società, di un'altra storia, di un'altra vita, di un'altra epoca, magari. Perché De Rossi è, come poche altre - le ultime rimaste - una bandiera che viene ripiegata senza star lì a chiedersi cosa ci sarà mai dentro. Perché dentro all'addio di De Rossi dalla Roma non c'è un motivo, se non la fretta di consegnarsi ad un racconto immaginario e inimmaginabile, in cui non contano i sospiri, le grida, le tenerezze e le amarezze, le paure e le speranze, ma soltanto i numeri: l'età, l'ingaggio, i gol e le presenze. De Rossi che saluta, alla sua maniera, un tackle forte, ruvido, mai cattivo, è uno strappo, una ferita, senza un motivo chiaro per sterilizzarla. Fino a dieci giorni fa - scandita per un anno - risuonava la preghiera di ogni conferenza: «Speriamo di recuperarlo, perché la Roma con De Rossi è un'altra cosa». Detto da Di Francesco, da Ranieri, dagli uomini di campo, da quelli consapevoli che Daniele - sì, Daniele - non sarebbe mai potuto andare in campo per tutto un campionato, ma quelle venti-venticinque volte sì, e sarebbe stato decisivo. La Differenza. Dimenticato tutto, davanti a un anno di contratto, magari un terzo, un quarto, di quanto incassano fenomeni spariti nel giro di un'estate. Non c'è un motivo, tecnico, economico, diciamo così sentimentale, per spingere fuori da Trigoria un capitano, che fino a dieci giorni fa qualcuno - in maniera suggestiva - raccontava come l'allenatore in pectore e oggi non è neppure utile per giocare venti gare ed essere di riferimento nello spogliatoio. Il calcio è per certi versi misterioso, depositario di piccoli segreti, utopie ed ipocrisie, emozioni che si annacquano, scompaiono, si aggrappano disperatamente alla memoria della gente, dei tifosi, di quelli che non progettano ma soffrono, non guardano ai bilanci - magari a un tornaconto personale - ma in una mano sono pronti anche a raccogliere le proprie suggestioni. Stringendole in un pugno, perché è così - ci hanno detto da bambini - che il sangue corre più velocemente. E ti sembra quasi di sentirlo, di vederlo, come un giocatore, un campione, un capitano che ti racconterà vent'anni della tua stessa vita. E questo, che non vale solo per De Rossi, ma per tutti quelli che al pallone guardano con un po' di nostalgia - in uno scambio in cui non bisogna ricevere per forza - nessuno e niente riuscirà comunque a cancellarlo.
di A. Vocalelli
Fonte: Tuttosport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Sab. 14 dic 2019 
Roma-Spal, i convocati
16ªGiornata di Serie A
FONSECA: "Contro la SPAL non sbaglieremo atteggiamento, i giocatori hanno capito"
ROMA-SPAL, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: "Cengiz Ünder deve migliorare in molte cose. Non rischieremo Kluivert"
Diawara, un avanzo di sarrismo. Ora è l'uomo ovunque di Fonseca
Giovedì sera, quando ha preso il cartellino giallo contro il Wolfsberger, tutti...
L'obiettivo è Castagne. Petrachi su Pinamonti
"Non aspettatevi grandi colpi a gennaio". Il refrain che la Roma diffonde è in senso...
Ira Fonseca, ecco chi resterà fuori dalla Roma
Tre giocatori non fanno più parte del progetto di Zorro, altri dovranno guadagnarsi la sua fiducia
Dall'Europa solo 18 milioni. Ne mancano 48
La Roma si è qualificata per i sedicesimi di Europa League, una competizione che...
Fonseca striglia la Roma
Il pareggio contro il Wolfsberger ha lasciato l'amaro in bocca a Fonseca. Il tecnico...
L'ira di Fonseca: "Spal ultima? Non va snobbata"
Senza ogni ombra di dubbio, Paulo Fonseca è rimasto molto scottato dall'ultimo pareggio...
Numeri da Dzeko: l'indispensabile fa 200 in giallorosso. Obiettivo 100 gol
Una sfida che può dire tanto, quella di domani contro la Spal, per Edin Dzeko. Infatti...
Fonseca, la Roma è a metà
A Paulo Fonseca non è andato giù il pareggio di giovedì contro il Wolfsberger, costato...
 Ven. 13 dic 2019 
Roma, Kluivert torna in gruppo ma si ferma Mirante. Zaniolo diventa ambassador Xiaomi
Ennesima tegola per la Roma che perde anche Antonio Mirante (infortunio numero 27)...
Nzonzi messo fuori squadra dal Galatasaray: comportamento indisciplinato
Nzonzi sospeso dal Galatasaray, ma non tornerà subito a Roma
Under, Spinazzola, Mkhitaryan, Fazio: Fonseca vuole di più. E Florenzi è nel momento più buio
Il tecnico giallorosso non ha gradito la prestazione contro il Wolfsberg. Domenica con la Spal è emergenza al centro della difesa
ROMA-SPAL, domani la conferenza stampa di Fonseca
Domani è già vigilia di Roma-SPAL e, come di consueto, Paulo Fonseca incontrerà...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>