facebook twitter Feed RSS
Sabato - 20 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Montati i palchetti lanciacori all'Olimpico: addio multe

Venerdì 10 agosto 2018
Eccoli. Finalmente. In Curva sono arrivati i palchetti lanciacori. Pedane d'acciaio dove si potrà stare in piedi, liberamente e spalle al campo, per coordinare il tifo, a partire già dalla prima gara di campionato all'Olimpico, lunedì 27 agosto alle 20.30, contro l'Atalanta. Una lunga attesa, ripagata. I tempi previsti sono stati rispettati: il 9 agosto era stato indicato come termine ultimo per il fissaggio delle strutture. E così è successo. Roma, Coni, Osservatorio Nazionale per le manifestazioni sportive, Gos, Commissione Provinciale di Vigilanza, Questura e Prefettura hanno contribuito ognuno nei propri settori a rendere il palco realtà. In tutto sono quattro: due in Curva Sud, altrettanti in Nord.

L'idea del palchetto nasce in inverno, nel mese di febbraio per la precisione (era in cantiere già da novembre), quando la Roma lo ha presentato ufficialmente al Prefetto (per cercare di evitare la pioggia di multe che continuavano a colpire i tifosi che lanciavano i cori in Curva) incassando l'approvazione del Gruppo Operativo per la Sicurezza. Ci si era poi messo l'Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive a complicare le cose con una circolare firmata dal segretario Massucci, nella quale con motivazioni tecniche e di sicurezza si negava la fattibilità dei palchetti. A quel punto, è stato il direttore generale Mauro Baldissoni a spiegare alla presidente Stradiotto che bloccare l'idea sarebbe stato controproducente, visto che le pedane per garantire la sicurezza dei lanciacori rientrano perfettamente nelle linee guida tracciate dal Protocollo d'intesa firmato la scorsa estate da Lotti, Minniti e le principali istituzioni sportive. La Stradiotto, comprese le ragioni della dirigenza romanista, ha dato l'ok.

Poi si è passati alla fase due: la società ha presentato il progetto al Coni che, a sua volta, lo ha fatto approvare dalla Commissione Provinciale di Vigilanza: l'Olimpico, infatti, è di sua proprietà e qualsiasi modifica da apportare va presentata dall'ente dello sport italiano. Il progetto avrebbe dovuto consegnare all'Olimpico le attese pedane già nel mese di marzo, ma a un certo punto ha subito un brusco rallentamento per questioni esterne che ne hanno rinviato l'inizio dei lavori, alla ricerca di una soluzione che accontentasse tutte le parti. Superato anche questo successivo ostacolo, la strada è stata tutta in discesa. Le nuove pedane in acciaio permetteranno, nei settori dove il tifo è più caldo, che chi coordinerà i cori della tifoseria possa farlo in tutta sicurezza e, soprattutto, senza violare il Regolamento d'uso dello Stadio Olimpico, cioè senza ergersi sulle balaustre.

Niente più multe, quindi. Finalmente. Giustamente.
Coordinare il tifo della Curva Sud è stato compito di ragazzi divenuti autentici simboli della tifoseria romanista fin dagli albori del tifo, un passaggio di consegne di generazione in generazione che per diversi mesi è sembrato vicino ad un radicale cambiamento che ne avrebbe snaturato l'essenza. Invece, a partire dalle 20.30 del prossimo 27 agosto contro l'Atalanta i due palchetti della Sud (rispettivamente uno ai piedi dell'ingresso 18/19, l'altro di quello 20/21) permetteranno ai lanciacori di volgere le spalle al campo, disinteressandosi del calcio giocato per vivere la partita usando gli occhi altrui come specchio, con il solo e unico fine di aiutare la Roma con l'unica arma in possesso della tifoseria: il canto. Questo il desiderio di tanti da decenni a questa parte. Quel canto aggregativo che molto spesso, recentemente, è stato anche censurato ma fortunatamente è difficile da imprigionare nelle fredde sbarre di un altrettanto freddo regolamento. Nei difficili mesi in cui la pioggia di multe caratterizzava le giornate di molti romanisti, ci si augurava la nascita di un ombrello tanto grande da poter proteggere i tifosi della Roma. Così sarà. Finalmente. Un ombrello capiente e ben posizionato, di modo da consentire ai lanciacori di espletare il compito che per primo si arrogò Dante Ghirighini - noto ancor oggi per il suo "Daje Roma daje" - e poi tanti indimenticabili ed indimenticati protagonisti del tifo romanista.
di S. Pettoni - G. De Gennaro
Fonte: Il Romanista

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 19 ott 2018 
MALCOM escluso di nuovo dalla lista dei convocati del Barça
In casa Barcellona fa sempre più discutere il caso legato a Malcom; il brasiliano...
Roma-Spal, i convocati di Semplici
Leonardo Semplici, allenatore della Spal, in vista della gara di domani contro la...
Roma-Spal, Le Probabili Formazioni
9ªGiornata di Serie A
Roma-Spal, i convocati
Ecco i 21 convocati giallorossi per Roma-Spal: Olsen, Fuzato, Mirante, Luca Pellegrini,...
Roma-Spal: la promo studenti è estesa anche alla Tevere Parterre Nord!
A seguito dell’imminente esaurimento del settore Curva Nord, la promozione in oggetto è estesa anche al settore Tevere Parterre Nord al costo di € 20.
PRIMAVERA 1 - Roma-Palermo 5-0
Nella 5ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
TRIGORIA 19/10 - Tattica nella rifinitura. Terapie per Perotti e Karsdorp, individuale per De Rossi
ALLENAMENTO ROMA - Rifinitura tattica in vista della Spal
Semplici: "La Roma tra le migliori in Serie A, ma nessun timore. Djourou è out"
Leonardo Semplici, tecnico della Spal, ha parlato in conferenza stampa prima della...
DI FRANCESCO: "Qualche problemino per Schick, va valutato. De Rossi e Kolarov non saranno convocati"
ROMA-SPAL, LA CONFERENZA STAMPA DI ESUSEBIO DI FRANCESCO: "Sono veramente dispiaciuto per Perotti, vive il calcio con amore, è un calciatore che va aiutato sotto tutti i punti di vista. Luca Pellegrini titolare"
Giannini: "Roma, Berardi può fare al caso di Di Francesco"
Le vittorie contro il Frosinone, la Lazio e l'Empoli in campionato e contro il Viktoria...
BURDISSO: "A Roma ho trovato la consacrazione definitiva"
Nicolas Burdisso è stato intervistato per il numero dell'AS Roma Match Program...
Calciomercato Roma, futuro Herrera: l'annuncio di Sergio Conceicao
IL CENTROCAMPISTA MESSICANO È IN SCADENZA DI CONTRATTO A GIUGNO
Il Barcellona scarica Malcom ex obiettivo della Roma
L'acquisto estivo di Malcom è divenuto un caso a Barcellona. Soffiato l'estate scorsa...
Stadio Roma, revocati gli arresti domiciliari a Parnasi: obbligo di firma e dimora nella capitale
L'ex amministratore della Eurnova era stato accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione
Calciomercato Roma, il caro Berardi tenta i giallorossi
Attaccante di destra, mancino, fisico: è l’uomo che manca. Ora DiFra può spingere
Calciomercato Roma, c'è un altro figlio d'arte nel mirino
Non solo Kluivert, la Roma sta provando a portare a Trigoria un altro figlio d'arte....
Capitan De Rossi presente e futuro
Tic-tac, manca poco. Meno di un anno, per contratto, o forse qualcosina in più....
De Rossi e Kolarov resteranno a riposo. Pastore "vede" la Spal
Per la prima volta dall'inizio della "sosta nazionali", Di Francesco oggi avrà tutta...
Santon paradosso dell'insostituibilità
«Prenditi il diritto di sorprenderti». Senza scomodare lo scrittore Milan Kundera,...
La Roma valuta ció che è Justin
Non è esattamente un taciturno. Justin Kluivert parla, a volte lancia grida di dolore...
 Gio. 18 ott 2018 
Fece rapine a mano armata: chiesti 4 anni all'ex Roma
Il calciatore marocchino era stato arrestato lo scorso marzo in Belgio, dove aveva fatto perdere le sue tracce dopo il prestito al Westerlo. Lo portò Sabatini nel 2016, la sua procura era gestita da Raiola
Santon:"Ci siamo ritrovati, parlare tra noi ci è servito. Contento di aver giocato e vinto il derby"
"L'accoglienza di Monchi è stata bella, mi ha fatto sentire subito importante. Dal primo giorno di ritiro ho sempre dato il massimo"
Slovacchia, il ct spiega l'addio: "7 giocatori tra cui Skriniar a una festa dopo il ko"
Kozak si era dimesso dopo la sconfitta con la Repubblica Ceca: «Mi ha fatto male, è stato come uno schiaffo»
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>