facebook twitter Feed RSS
Domenica - 24 marzo 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
NEWS
   
FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Mancini: "Roma, fai come noi contro il Real. Alisson è un fenomeno"

Martedì 13 marzo 2018
A poche ore dalla gara di Champions League tra Roma e Shakhtar, l'ex calciatore giallorosso Amantino Mancini è intervenuto ai microfoni di Teleradiostereo. Ecco le sue dichiarazioni:

Il gol contro il Real.
"Una bella serata all'Olimpico, dove li abbiamo battuti per 2-1."

Ultima vittoria in casa della Roma negli scontri diretti in Champions League...
"Sono passati un po' di anni, speriamo che la Roma possa fare la stessa cosa che abbiamo fatto noi."

Quando sei arrivato eri un laterale basso, poi hai fatto grandi giocate e grandi numeri come attaccante.
"Ho iniziato come terzino ma avevo buoni piedi, per questo con Capello è stato facile giocare un po' più alto. Per questo non ho avuto grandi problemi ad adattarmi a quel ruolo. E' più difficile al contrario tornare terzino. Nel calcio di oggi tutti si conoscono e le squdre giocano a specchio. I terzini di oggi devono quindi essere bravi a saltare l'uomo e creare la superiorità numerica."

Oggi stai portando avanti il corso di allenatore, come cambia la percezione del campo?
"Se io avessi avuto prima la testa di oggi, sarei stato un altro calciatore. Vedo il calcio in un'altra maniera e sicuramente il mio rapporoto con gli allenatori sarebbe stato diverso. Prima, da calciatore, le uniche preoccupazioni erano quelle di stare bene fisicamente, fare i gol la domenica, ascoltare e capire quello che dicono in giro. Il resto ti sfugge e i giocatori vanno in difficoltà."

La Roma ha tantissimi brasiliani: un commento su Juan Jesus, Alisson e Bruno Peres?
"Juan Jesus gioca poco, secondo me ha le qualità per diventare un difensore forte. Quando viene chiamato in causa fa sempre il suo tranquillo e gioca semplice. Alisson è un fenomeno e l'ho visto giocare all'Internacional. All'inizio ha avuto dei problemi ma è normale per i giocatori che vengono dal Brasile. Adesso ha capito la piazza, la cultura e si vede il suo valore. Bruno ancora ha difficoltà e ha avuto problemi extracampo, l'ho conosciuto e deve capire che il calcio non è solo sul campo ma anche fuori. Però è un ragazzo che può aiutare ancora la Roma."

Quando giocavi tu lo stadio era pieno a prescindere. Noti una differenza in questo momento tra i tifosi e la squadra?
"Tantissimo, se parliamo di 13-14 anni fa era tutto diverso. Con i miei amici dico sempre che l'Olimpico ora è vuoto, prima era pieno. Probabilmente è un discorso anche di soldi e la gente può aver perso un po' quel senso di fiducia nella società."

Tu sei arrivato giovanissimo a Roma. Che consigli daresti ai giocatori giovani di questa squadra?
"A loro direi di imparare a conoscere la piazza in cui sono arrivati e continuare a lavorare e avere fiducia in Di Francesco. C'è Under che sta cominciando ad avere continuità, Schick sta facendo un po' più di fatica ma ha le doti tecniche per fare bene. Bisogna avere pazienza e non mettere pressione ai ragazzi per non rischiare di bruciarli."

Quando arrivò Gerson ci parlarono di una stella del calcio brasiliano. Era un'esagerazione o ci sono le potenzialità?
"Assolutamente sì, c'è potenziale. Gerson ha doti tecniche sopra la media, deve solo capire il calcio italiano per riuscire a crescere. Se riesce ad entrare nel sistema secondo me è fortissimo. Non è facile inserirsi subito, si vede adesso che ha cambiato testa e riesce a fare la differenza anche quando entra dalla panchina."

Prima di arrivare a Roma, dove ti sei ambientato subito, sei passato per Venezia. Lì forse c'è stata un po' più di sofferenza vista la "saudade" e il modo diverso di vivere rispetto al Brasile. Quel passaggio ti ha aiutato?
"Quei primi quattro mesi a Venezia sono stati fondamentali. Mi hanno aiutato ad ambientarmi e a capire il calcio italiano. Se io non avessi fatto quell'esperienza forse non sarei stato il giocatore che sono stato alla Roma. Poi sì, la nostalgia è una cosa che i brasiliani soffrono tanto, noi siamo molto attaccati alla famiglia e agli amici, siamo un po' più particolari."

Tu hai vissuto il primo Spalletti, lo hai trovato diverso rispetto a quando lo avevi lasciato?
"L'ho trovato alla stessa maniera, non è cambiato nulla."

E' stato più bello il gol alla Lazio o i mille doppi passi al Lione?
"Ma che domanda è? (ride ndr). Quello alla Lazio è stato il mio primo gol in Serie A, non potevo colpire la palla diversamente. E' stata una grande emozione, il derby è sempre una partita speciale. Ma anche quello di Lione è stato un gol splendido, feci otto finte e l'azione fu bellissima, proprio in stile Spalletti con la palla che girava veloce e i tocchi di prima."

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 23 mar 2019 
Roma, una buona notizia: torna Ünder
Dopo due mesi di stop, il turco è pronto a rientrare fra i convocati. L'obiettivo di Ranieri è di schierarlo contro il Napoli alla ripresa del campionato
Bebe Vio: "Sono romanista e firmo Totti dopo gli assalti in pedana"
La rivelazione arriva in diretta tv, dagli schermi di Sky Sport. Bebe Vio,...
Roma, la mappa delle wags: ma dominano... una mamma e una sorella!
La moglie di Dzeko è la più seguita, dietro di lei lady De Rossi. Compagne e fidanzate però costrette a inseguire la madre di Zaniolo e la sorella di Schick
Bollettino Medico: Alessandro Florenzi
Lesione al soleo sinistro per Florenzi: 2-3 settimane di stop
Calciomercato Roma, da Zaniolo a Manolas: Il punto sui rinnovi
I GIALLOROSSI VALUTANO PROLUNGAMENTI E NUOVI CONTRATTI, MA IL MONTE INGAGGI SARÀ ABBASSATO
CALCIOMERCATO Roma, Mancini più vicino, l'Atalanta cerca il sostituto
L'Atalanta è pronta a cedere in estate Gianluca Mancini e Roma al momento rappresenta...
Italia-Finlandia ore 20.45: dove vederla in tv e le probabili formazioni
Gli azzurri debuttano nelle qualificazioni per Euro2020 contro la Finlandia. Roberto Mancini sceglie la linea green e promette gol e spettacolo
Roma, pugno di ferro: ora Dzeko rischia il posto
La rissa tra Edin ed El Shaarawy spinge il club a intervenire. Ranieri ha il compito di riportare la disciplina
Le primarie per guidare la Roma
«La direzione sportiva è stata affidata a Frederic Massara». La Roma ha chiuso con...
Florenzi ko, niente Napoli. In Cina applausi per Totti
Infortunio al polpaccio che ha costretto Alessandro Florenzi ad abbandonare il ritiro...
I giallorossi tornano in America: 10 giorni a luglio con tre amichevoli
I giallorossi tornano in America: 10 giorni a luglio con tre amichevoli
Tormenti Florenzi: infortuni, errori e nervosismo. Il futuro è incerto
Un mese da dimenticare. La certezza si avrà soltanto oggi, ma la sensazione è che...
Stadio Roma: Pallotta è pronto allo scontro legale
Tornano i dubbi sulla realizzazione dell'impianto giallorosso. Il club resta fiducioso però ha pianificato una strategia legale per tutelarsi
 Ven. 22 mar 2019 
Stadio Roma: riunione tra la Raggi e i minisindaci M5S, sul tavolo anche la questione delle penali
Una riunione con i minisindaci Cinque Stelle convocata dalla sindaca Virginia Raggi...
Stadio della Roma, Mezzacapo: "Pallotta se ne deve andare... qui l'impianto non si fa"
Poi aggiunge: “Stadio della Roma? Io sono contro da sempre”
Roma, Florenzi salterà la partita con il Napoli per una lesione al polpaccio
Alessandro Florenzi salterà la partita contro il Napoli del 31 marzo a causa di...
Roma, dopo la lite Dzeko-El Shaarawy ripercussioni sul mercato
L'esterno, infastidito perché è rimasto negli spogliatoi a Ferrara quando era stato il centravanti a scatenare la polemica, frena sul rinnovo. Il bosniaco probabilmente finirà sul mercato
NAINGGOLAN: "A Roma solo bei ricordi, Spalletti ha fatto tanto per portarmi a Milano"
Il centrocampista dell'Inter Radja Nainggolan ha parlato al canale Youtube della...
Roma, Aquilani ricorda il debutto in Serie A: "L'arbitro Pieri mi aspettò..."
Divertente “siparietto” sui social tra il giocatore e l’ex direttore di gara, che ritardò la fine del match affinché il romano toccasse il suo primo pallone. Tutto in un Roma-Torino del maggio 2003
FLORENZI: "Dispiace lasciare i miei compagni per queste due partite importanti, forza azzurri!"
Alessandro Florenzi ha dovuto lasciare in anticipo il ritiro della Nazionale, a...
TRIGORIA - Manolas, Pellegrini, De Rossi, Ünder e Pastore tra terapie ed individuale
ALLENAMENTO -ROMA - Solo terapie per Kolarov
Dzeko andrà via: lo vuole l'Inter. El Shaarawy, ora il rinnovo si complica
La Roma è disposta a vendere il centravanti mentre vorrebbe ottenere la firma del Faraone
Di Francesco alla Fiorentina, primo vertice
I viola nel futuro: con Pioli in scadenza e quasi ai saluti, faccia a faccia con Eusebio per mettere le basi. È la prima scelta del club
Le plusvalenze coprono la voragine. Rosso ridotto con i 731mln di cessioni, ma rimane alto il debito
Il fatturato continua a crescere ma crescono di più i costi, e se non fosse per...
Alla Roma nessuno ha più il posto fisso
C'è un pezzo di Roma che rischia il posto. Non nel futuro, come ha detto chiaramente...
Idea Under 23 se si centra la Champions
Era l'8 settembre quando Federico Balzaretti, uno dei più stretti collabora­ tori...
Elsha e Zaniolo ok, Dzeko verso l'addio. E' il risiko del futuro e anche Florenzi è ko
Un'altra tegola, l'ennesimo problema muscolare, arriva questa volta dalla Nazionale....
Gestione Monchi: la difficile eredità in cerca di futuro
[...] I 21 acquisti «veri» della gestio­ne Monchi - la maggior parte ancora nella...
Attacco giallorosso: da Schick a Under, tutti sotto esame
[...] Da Dzeko a Schick, da El Shaarawy a Perotti, da Kluivert a Under - pur con...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>