facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 22 marzo 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
NEWS
   
FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

DI FRANCESCO: "Stasera deve essere un punto di partenza. Serve orgoglio e passione per stare qui"

NAPOLI-ROMA 2-4 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "Serve orgoglio e passione per essere in questa squadra"
Sabato 03 marzo 2018
DI FRANCESCO A MEDIASET PREMIUM

C'è stata una grande reazione...
"Devo dire che la sconfitta pesante è stata col Milan per l'atteggiamento. Abbiamo lavorato dal punto di vista mentale, si parlava di una squadra che era giù. Stasera deve essere un punto di partenza, contro un grande Napoli. Ci siamo affrontati a viso aperto, abbiamo messo continuità, quella che non c'è stata nell'ultimo periodo."

Dopo questa vittoria siete consapevoli?
"Deve averla, ma già aver preso il secondo gol, per nostra negligenza. Abbiamo abbassato l'attenzione, dobbiamo toglierci questa cosa. Oggi abbiamo preso quattro gol, non sempre possiamo farne."

Sei orgoglioso di essere l'allenatore...
"Io sono sempre orgoglioso, anche nelle sconfitte. Serve orgoglio e passione per essere in questa squadra."

Quando la Roma non ha nulla da perdere, come nel girone di Champions, fa meglio...
"In tante altre gare abbiamo avuto atteggiamenti buoni, ma solo per una parte, non basta. Pensiamo più agli errori che a quello che dobbiamo fare. Quando ci fermiamo su un errore non ci aiutiamo. Vincono le squadre che sbagliano meno. Abbiamo fatto quattro gol al Napoli, e non è facile. Dobbiamo lavorare bene dal punto di vista mentale, oggi abbiamo dimostrato che abbiamo forza, mentalità, mi fa rabbia, ma sono felice, non posso dire altro."

Quanto vale Under?
"Non faccio valutazioni economiche. Ha lavorato con grande impegno e disponibilità. E' importante quando si cerca una mentalità. Si è messo subito a servizio della squadra, ha una capacità impressionante di prepararsi la giocata."

Dzeko?
"Mi ha dato una grande risposta, l'ho stimolato tanto. Abbiamo parlato cinquanta minuti prima del Milan. Ha capito che doveva fare di più. Al di là dei gol, ha lavorato tanto quando il Napoli ci pressava, è la cosa che mi è piaciuta più di Edin."

Oggi ha messo dei palloni importanti...
"E' bravo quando gioca tra le linee. E' un nove quando gioca vicino alla porta, ma si districa bene e con facilità. Ho visto poche volte giocatori con leve così grandi come lui. Ibra è un po' più cattivo, a lui manca a volte. Pensa più a quello che doveva fare che quello che farà. Oggi i ragazzi hanno pensato più alla palla dopo che a quella prima."

*** *** ***


DI FRANCESCO A SKY

Ci sono giornate che restituiscono serenità, è la partita più importante da quando è qui?
"Questa prestazione darci maggiore consapevolezza nei nostri mezzi, che sono importanti. Ci siamo un po' smarriti, mentre oggi ho visto una gara di grande disponibilità. Abbiamo giocato con compattezza, abbiamo lavorato sotto l'aspetto mentale ma non ci dobbiamo accontentare. Il gol sul 4-1 mi dà fastidio."

Serviva ricompattare l'ambiente...
"Me ne sono presi tanti di demeriti, mi prendo questo merito. Cerco di dare un'impronta e un'identità alla squadra, oggi si è visto. Dovevamo dimostrare non solo a chiacchiere, le risposte che ho avuto sono affermative."

Avete provato sempre a giocare il pallone...
"Lo alleniamo a tutta la settimana, se avessi pensato qualcosa di differente avrei chiesto i lanci sugli esterni. Il Napoli ti porta ad abbassarti, non era facile venire a giocare qui. Abbiamo fatto meglio nel primo che nel secondo tempo, ma la voglia generale di andare a riprendere la palla è stata preparata bene, con atteggiamenti giusti, che fanno la differenza."

Devi convincere un ambiente che la tattica non è geografia...
"Tempo e spazio sono fondamentali nel calcio, abbiamo fatto 50 minuti di fase di sviluppo. La mia cultura nasce nel dare consapevolezza ai ragazzi, quando si sceglie un allenatore si deve sposare la sua idea, quando questa non piace si deve scegliere altro. Bisogna anche saper soffrire per vincere qui a Napoli."

I problemi li avete all'Olimpico, in casa servono altri movimenti forse...
"Condivido pienamente, è quello che dicevo sull'andare a cercare spazio con i tempi giusti. In casa ci capita di avere il possesso, la differenza è che continuiamo col troppo palleggio o con l'andare in ampiezza. Lo stiamo facendo e ci stiamo lavorando, per andare in verticale bisogna osare qualcosa, andare in orizzontale è più facile."

Dzeko...
"E' un ragazzo di grande disponibilità, a volte si ferma ma noi stiamo lavorando. Gli stiamo dicendo di non fermarsi alla giocata precedente ma lui ha caratteristiche impressionanti, è madre natura. A volte non riesce a metterle in campo, ma quando lo fa è un giocatore di grandi mezzi."

*** *** ***


DI FRANCESCO ALLA RAI

Si diceva che la Roma mancava in concretezza, invece stasera è stata spietata...
"Abbiamo fatto un gol dove tutti hanno toccato la palla. La concretezza fa parte delle grandi squadre. Noi a volte siamo mancati, ma noi abbiamo lavorato tanto sull'aspetto mentale, che conta più della forma fisica. In questo modo abbiamo trovato questa prestazione."

Dzeko e Alisson?
"Dzeko ha trovato la serata giusta. A volte si ferma, mentre oggi abbiamo avuto continuità. La parola "fratellanza" mi piace molto, e per essere squadra è fondamentale."

Meno male che Dzeko non è partito...
"Io Edin l'ho sempre schierato. Anche quando mi chiedevano di far giocare Schick. Lui ogni tanto si perde, ma ha dei mezzi fantastici, e oggi lo ha dimostrato. Lui si è reso molto disponibile per 90 minuti."

Mercato?
"Non ci penso, devo costruire e pensare a passare il turno di Champions. Non guardo indietro, guardo avanti per fare sempre meglio."

Decide sempre lei? Nessuna democrazia...
"Assolutamente, decido io. Per far capire i concetti devo spiegare: parlo, ogni tanto urlo, ma non si devono confondere la poca educazione e l'arroganza. Ho sempre deciso tutto io."

Oggi ha creato poco e segnato tanto, un'eccezione...
"Abbiamo creato i presupposti, con il Napoli non è facile. Oggi abbiamo ritrovato concretezza, e questo parte dall'atteggiamento di squadra. Devo fare mea culpa per i mesi precedenti. perché ci manca qualcosa."

Il gol di Under è stato il momento chiave?
"Sì, concordo. Ai ragazzi ho detto di non perdere mai la personalità. Non ci siamo persi d'animo, abbiamo sempre giocato mettendo in difficoltà la difesa del Napoli che è diventata timorosa."

Da Capello sono 13 gli allenatori cambiati. Secondo lei perché c'è sempre poca continuità?
"Io mi sono sempre sentito appoggiato, e i calciatori oggi mi hanno risposto. Io sono pulito dentro e metto sempre la faccia. Venni qui anche dopo un 7-0 con il Sassuolo. Poi i risultati possono arrivare o meno, ma io sento la fiducia, e se non ci fosse me la andrei a riprendere."

Nainggolan?
"Ha fatto meno rispetto alle sue potenzialità. Oggi era in dubbio perché aveva perso un dente. Si diceva che fosse fisicamente a terra, ma questo dimostra che la mentalità fa più della condizione fisica. Il resto sono chiacchiere."

*** *** ***


DI FRANCESCO A ROMA TV

Sarà contento pure Allegri...
"Noi siamo contenti per la Roma, che è la cosa più importante. Abbiamo ritrovato carattere e tanti aspetti mentali che ci sono mancati, mi auguro sia un punto di partenza."

Quanto vale questa vittoria?
"Nel finale non ero contentissimo per il gol preso, ma la squadra ha messo in campo quello che abbiamo provato in settimana. Abbiamo lavorato sullo sviluppo del gioco e i ragazzi hanno forzato rischiando qualcosina, il mio pensiero di calcio era difficile da mettere in pratica oggi ma i ragazzi hanno dimostrato grande carattere e personalità nel riportare in campo le cose richieste."

C'è qualche rimpianto?
"Sì, ma godiamoci la serata, altrimenti parliamo solo delle cose passate. A Roma spesso si guarda troppo indietro, e capita che i ragazzi fanno questo, capita che pensino a quello che è stato e non a quello che succederà. Questa squadra deve imparare che può sempre accadere qualcosa, e noi abbiamo ancora tanta strada da fare."

Hai toccato qualcosa di particolare nel colloquio con la squadra?
"Ne ho fatti sempre tanti colloqui, in questa settimana forse c'è stato quello più determinante, in cui ho ribadito che da loro mi aspetto tanto di più, che hanno le qualità per fare bene insieme. Ci perdiamo con troppa facilità al primo errore, oggi abbiamo reagito alla grandissima al gol loro. Vorrei sempre vedere questa squadra, che nelle difficoltà gioca insieme. Mi auguro che sia la vittoria della consapevolezza ma che non ci faccia perdere il desiderio di lavorare e di migliorare, dobbiamo ancora farlo in tanti aspetti."

Perché si hanno determinati cali?
"Non lo so, non dico che sia una costante della Roma ma è successo anche in passato. Dobbiamo migliorare questo aspetto, da quando sono arrivato a Roma dico ai ragazzi che serve capacità di mantenere attenzione. Ho chiesto a loro disponibilità nei sacrifici, ma non oggi. Attraverso questo si raggiungono determinati risultati."

*** *** ***


DI FRANCESCO IN CONFERENZA STAMPA

Il gol corale finalizzato da Dzeko?
"E' stata una azione da Napoli, spesso fa queste giocate. E' il calcio che piace a me, la squadra è venuta qui per giocare contro una formazione fortissima. Abbiamo giocato a viso aperto, non perdendo la mentalità. S'è visto l'atteggiamento di squadra e la compattezza, abbiamo toccato la palla in undici calciatori della Roma. C'è motivo di soddisfazione, ma c'è tanto da lavorare."

Come stanno De Rossi e Under?
"Botta alla caviglia per De Rossi, valuteremo per lunedì. Under è uscito solo perché l'ho visto un po' stanco, non era più brillante come lo era prima"."

Questa Roma è da Champions?
"Certamente, l'abbiamo fatto per 50′ ma dobbiamo farlo per 80′. Nel finale abbiamo concesso qualcosa al Napoli per nostra negligenza. Devo fare i complimenti al Napoli, gioca il miglior calcio in Italia ed è tra le prime in Europa."

Questa gara alimenta rammarico per la stagione?
"Alimenta qualche rammarico ma guardo avanti e non dietro, abbiamo avuto questo atteggiamento e ci siam ritrovati. Abbiamo tirato fuori la voglia di essere squadra, mi prendo la soddisfazione di aver fatto quattro gol al Napoli. Non è facile, bisogna ripartire da questa partita, senza accontentarci."

E' la miglior prestazione stagionale della Roma?
"Non è la migliore, ma tra le migliori. Col Chelsea è stata migliore di questa, ma in questo momento è la miglior Roma vista anche in ottica Champions."

La Roma ha brillato per compattezza, ha trovato il modo per disinnescare il gioco del Napoli?
"No, il Napoli ha un'identità precisa. Serve per costruire qualcosa, serve avere continuità a questa mentalità. Non mi piace giocare sulle seconde palle, ma fanno parte del calcio. Noi proviamo anche a giocare palla a terra, non sempre è possibile perché ci sono squadre brave a giocare sugli scarichi. Noi lo abbiamo fatto al Napoli, non con grande continuità ma con buona iniziativa".

Ha deciso sistema di gioco.
"A volte si travisano le parole, il sistema di gioco non c'entra nulla. Ho vissuto una squadra con delle debolezze, più mentali che tecnico-fisiche. La colpa, se non si rimedia, è dell'allenatore. Non sono abituato a mollare niente, si passa attraverso momenti negativi e mi auguro di averlo superato definitivamente"

Mercato - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 21 mar 2019 
GONALONS vuole rimanere al Siviglia
Maxime Gonalons vuole rimanere al Siviglia. Lo riporta muchodeporte.com,...
Stadiopoli a Roma: non paghino società e tifosi
Andrea Di Caro, vicedirettore de "La Gazzetta dello Sport": "Se il club è responsabile degli errori di mercato, tecnici o strutturali interni, nella questione stadio è soltanto parte lesa. E con la Roma lo sono i suoi tifosi"
C'è il Gallo per il dopo Dzeko
Il Gallo di Calcinate per far dimenticare il Cigno di Saravejo. Tra esoneri, dimissioni...
Roma, da Dzeko a Under: il futuro si im-punta
Il futuro, a Trigoria, passa inevitabilmente da una rivoluzione. A fine stagione...
 Mer. 20 mar 2019 
Zaniolo star anche in Spagna: "Tra le top 10 sorprese di mercato!"
Anche dalla spagna celebrano l’exploit del giovane giallorosso, proponendolo come uno dei migliori affari per il futuro
Calciomercato Roma, Zaniolo ed El Shaarawy, via all'operazione doppio rinnovo
Il club giallorosso vuole blindarli. L’ex Inter pronto a passare a 2 milioni a stagione
E Totti ritorna al centro del gioco. Si occuperà anche del mercato
Scende in campo Francesco Totti, stando a quanto riferisce il quotidiano sportivo....
Sette uomini d'oro, Dzeko-Inter è proprio un flirt. Da monitorare situazioni di De Rossi ed El Sha
È spessa la trama che già lega Edin Dzeko all'Inter. La crisi della Roma ha avvicinato...
Anche Dzeko nel mirino dell'Inter del dopo Icardi
Dzeko o Lewandowski come chiocce per Lautaro Martinez. Il dopo Icardi per l'Inter...
Calciomercato, Di Francesco sempre nel mirino della Fiorentina per la panchina
Come da diversi giorni a questa parte, il nome di Eusebio Di Francesco è affiancato...
 Mar. 19 mar 2019 
I 15 acquisti che nessuno ricorda della Roma americana
Da Jedvaj a Nego, da Nico Lopez a José Angel: ecco le meteore che sono passate per...
Roma, tutte le incognite del futuro: tecnico, d.s. e giocatori... Kolarov, tu che farai?
Primo fascicolo sul tavolo quello di Kolarov. Tentato dal Partizan, non è convinto di andarsene. Pallotta vorrebbe tenere anche Coric, mentre Nzonzi potrebbe partire
Roma-Dzeko ai titoli di coda
Il suo contratto scadrà nel 2020 e non sarà rinnovato: i giallorossi cercano un’alternativa di livello. Nervoso e meno efficace rispetto al passato (nessun gol a squadre di prima fascia): addio inevitabile, lo cercano West Ham e Inter
Il logorio della vita moderna
Mai come quest'anno, non vedo l'ora arrivi l'estate. Solitamente non sopporto l'estate...
 Lun. 18 mar 2019 
Calciomercato Roma, futuro in Argentina per Pastore?
Quintero ko: il River Plate pensa a Pastore. Alla Roma la stagione è stata al di sotto delle aspettative: ora il trequartista, secondo quanto scrivono a Buenos Aires, potrebbe tornare in Argentina
MONCHI: "Pallotta ha idee diverse dalle mie. Alla Roma sono cresciuto, resterà sempre nel mio cuore"
"Via per incomprensioni con Pallotta, mi dispiace che le cose siano finite così. Totti sta crescendo come dirigente, spero che i frutti del mio lavoro si vedano in futuro"
Calciomercato Roma, senza Champions sarà rivoluzione: chi parte e chi resta
Dai confermati agli esuberi, vi sveliamo il possibile futuro dei giocatori della rosa giallorossa
Roma, si cerca l'allenatore: Gasperini, Giampaolo e non solo
Per il ruolo di nuovo ds in pole position c'è Petrachi che è grande amico di Conte...
Mistero Trigoria: chi decide il futuro del club?
Quando, come accaduto ieri, la Lazio demolisce in scioltezza il Parma a conferma...
La Roma è una polveriera
Un passo indietro che scatenerebbe l'ennesima rivoluzione. Di più: una vera e propria...
Senza Champions servono 60 milioni: in tanti a rischio
Una Roma fuori dalla Champions dopo cinque stagioni (dove c'è stata anche quella...
Ora il club ripensa a Sabatini salvatutti
Il ritorno di Sabatini per risolvere i problemi creati da Monchi. Potrebbe succedere...
Petrachi in pole, poi ipotesi Totti-Massara
La corsa alla successione di Monchi è aperta. Se Sabatini off record continua a...
Monchi torna a Siviglia: in valigia danni e soldi
«Ci vediamo al Circo Massimo?», disse una volta a un gruppo di tifosi, facendo come...
Tutti sotto processo: Ranieri è l'accusa
«Io sto qui solo tre mesi, ma se andiamo avanti così, non sarò l'unico ad andare...
 Dom. 17 mar 2019 
Calciomercato Roma, dal Sabatini bis a Petrachi: è caccia al nuovo direttore sportivo
Champions League a parte, alla Roma sarà ancora rivoluzione. Ma qui non c'entrano...
Roma, nervi tesi dopo la Spal: lo sfogo di Ranieri nello spogliatoio
Il tecnico si è scagliato contro i giocatori, nella pancia dello stadio Mazza prima che davanti ai microfoni: "Non avete più alibi". Dopo l'addio di Monchi passa la linea dura del club: chi non dimostrerà di tenere al club finirà sul mercato. Anche in caso di quarto posto
Roma, senza Champions sarà rivoluzione. Ecco chi può partire
Mancando il quarto posto il club sarà costretto ad abbassare il monte ingaggi. Alcuni big potrebbero salutare
Monchi se ne torna a Siviglia e lascia una squadra da rifare
Di Francesco non c'è più. Monchi ha confermato sui social che, incredibile ma vero,...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>