facebook twitter Feed RSS
Martedì - 20 febbraio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Cengiz eroe della patria. Ma l'esultanza è un caso

Martedì 13 febbraio 2018
Uomo della provvidenza per i tifosi romanisti, dopo la doppietta e l'assist per Dzeko nel 5-2 al Benevento. Addirittura eroe nazionale in Turchia, soprattutto per l'esultanza con il saluto militare che, in patria, è stato letto come ricordo dei tre soldati morti nell'offensiva contro l'enclave curdo-siriana di Afrin. Il gesto di Cengiz Under, il ventenne attaccante giallorosso che ha giocato 7 partite in nazionale, è stato molto apprezzato ad Ankara, anche ai massimi livelli. Il premier Recep Tayyip Erdogan ha da tempo capito che lo sport è un veicolo di consenso, tanto che il club da cui proviene Cengiz, il Basaksehir Istanbul, è nato nel 1990 ed è stato fortemente appoggiato dall'AKP, il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo del presidente. Erdogan partecipò all'inaugurazione del nuovo stadio - il Fatih Terim - giocando un'amichevole e segnando una tripletta, presumibilmente senza trovare gran resistenza nei difensori.

Cengiz è un idolo sportivo anche da esportazione. Ieri ha postato sui suoi profili social la foto dell'esultanza e l'ha completata con l'emoji della persona che prega e tre bandiere turche, lo stesso numero dei soldati caduti. Alla grande maggioranza dei tifosi romanisti l'esultanza non ha fatto né caldo né freddo: l'importante sono i gol. Ma c'è stato anche chi ha protestato, ricordando la repressione del popolo curdo da parte dell'esercito turco. Un tema molto delicato, toccato anche durante la recente visita di Erdogan a Roma. Mescolare sport e politica è un errore? Molti lo pensano. Ma è sicuro che in Turchia avviene spesso. Il cestista Enes Kanter, che gioca nei New York Knicks della NBA, rischia 4 anni di carcere nel caso in cui dovesse tornare nel suo Paese per aver «deriso e diffamato» il presidente. «Mi sembrano persino pochi - ha detto Kanter alla Gazzetta dello Sport - per tutti gli insulti che gli ho lanciato. Quella persona senza onore ne meriterebbe molti di più». Kanter è un sostenitore di Fethullah Gullen, il religioso moderato che la Turchia accusa di aver pilotato il golpe militare del luglio 2016. Tutto è politica. Anche un canestro, un gol o un'esultanza
di L. Valdiserri
Fonte: Corriere della Sera

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 19 feb 2018 
Champions Roma, alla scoperta dello Shakhtar
Gli ucraini si preparano alla sfida con la squadra di Di Francesco: ecco cosa c'è da sapere
STADIO ROMA, Raggi: "Si avvicina il sogno di cittadini e tifosi"
«Oggi abbiamo fatto un ulteriore passo nei tempi corretti per il coordinamento di...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>