facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 25 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Paulo Sergio: "A Roma sarei voluto rimanere più anni. Va dato tempo a Di Francesco"

"Di Francesco può far tornare grandi i giallorossi e su Totti..."
Venerdì 12 gennaio 2018
Un passato niente male alle spalle con le maglie di Bayer Leverkusen, Roma e Bayern Monaco. Paulo Sergio ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport. L' ex attaccante giallorosso ha risposto alle domande sulla situazione in casa Roma, ricordando il suo periodo in giallorosso e non solo:

"Di Francesco ha cominciato bene il suo lavoro con la Roma, ora gli va lasciato un po' di tempo per sistemare la tattica. Anche Guardiola ha avuto bisogno di tempo. Di Francesco può fare grandi cose. Sono stati tempi bellissimi a Roma, dove ho imparato tantissimo. Una bella città, sono stato due anni ma volevo rimanere di più. Contro il Milan è stato un bellissimo gol. Ci sono due partite che ricordo benissimo, questa col Milan e anche quella con la Juve dove abbiamo vinto all'Olimpico con l'assist di Totti. Sono stati tempi bellissimi che non dimenticherò mai. Ho giocato con la nazionale brasiliana e abbiamo fatto un'amichevole con il Milan di van Basten e Baresi, poi l'ho affrontato con la maglia della Roma".

Su Tommasi e l'assenza dal Mondiale: "Tommasi sta facendo bene da dirigente. E' sempre stato un bravo ragazzo, in gamba. Non ho mai avuto problemi con lui, era un esempio da calciatore e ora lo è anche da dirigente. L'Italia fuori dal Mondiale è un peccato, anche per noi brasiliani. Se l'Italia fosse stata al Mondiale sarebbe stata una delle favorite. Nel 2006 nessuno si aspettava che potesse vincere. Ho anche io dei ricordi nella finale del 1994, mi dispiace tantissimo non vederla ai Mondiali. Il calcio italiano è molto cambiato, prima lo vedevo e c'erano giocatori come Junior, Careca, Casagrande, Socrates, Falcao. Ora non ci sono più. Mi hanno chiesto chi è il giocatore brasiliano più importante in Italia e io ho risposto Alisson".

Su Totti: "Lo metterei sicuamente nella mia top 10. Sono arrivato nel '97, aveva appena cominciato a giocare alla grande, con personalità. Senza dubbio ‘Chicco' farebbe parte della mia squadra se ne facessi una. Mi ha fatto tantissimi assist. Aveva una forte personalità e per questo nessuno sbagliava mai nel dire qualcosa. Parlava tantissimo con Aldair, parlava molto con noi".

Su Guardiola e Ancelotti al Bayern e la Bundesliga: "Guardiola ha fatto un grandissimo lavoro, ha anche cambiato la nazionale tedesca che poi ha vinto il Mondiale. Ha avuto dei problemi con alcuni giocatori e se n'è andato. Di Ancelotti mi è dispiaciuto tantissimo, aveva perso qualcosa nello spogliatoio. Erano cambiati tantissimo i dirigenti. In Germania ci sono 41mila spettatori di media, ora è uno dei grandi campionati".

PAULO SERGIO A FOX SPORT

"Il campionato italiano è uno dei più belli. Io ho avuto la possibilità di giocarci, ho fatto 2 anni a Roma e penso di aver fatto bene e infatti ho avuto il contratto con il Bayer. Avevamo una grande squadra e quando sono andato via è arrivato Capello e ha vinto lo scudetto. Ho un ricordo bellissimo. La partita con la Juve è il momento più bello, ho fatto un gol bellissimo che tutti i romanisti ricordano. La mia pasta preferita era l'amatriciana. Zeman l'ho visto due anni fa e abbiamo visto una partita insieme. Il mio ricordo di lui sono i gradoni (ride ndR). Abbiamo fatto un bellissimo calcio con lui"

Su Totti: "Era un giocatore intelligente. Già da giovane faceva cose meravigliose. E' stato un grandissimo, è stato un piacere giocare con lui. Immaginavo che sarebbe diventato un simbolo, aveva una voglia troppo grande e per questo è diventato un'icona".

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 24 apr 2018 
Roma, il poker misto di Momo alla squadra che amava e ha lasciato sul più bello
LIVERPOOL Il Liverpool non è "solo" Salah, quante volte lo abbiamo sentito dire?...
KLOPP: "Sarei stato più contento con un 5-1 o un 5-0. Ai miei ragazzi dirò di divertirsi"
LIVERPOOL-ROMA 5-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA
DI FRANCESCO: "Chi non ci crede, sia in campo che sugli spalti, può restare a casa"
LIVERPOOL-ROMA 5-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Se perdiamo tanti duelli difensivi e non scappiamo coi tempi giusti perdiamo la testa e la capacità di rimanere in gara”
FLORENZI: "Peccato non aver giocato da Roma, ci hanno fatto del male e poi siamo stati bravi...."
LIVERPOOL-ROMA 5-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA FLORENZI A ROMA TV La prima parola...
MONCHI: "Momento difficile ma 90 minuti allo Stadio Olimpico sono molto lunghi"
LIVERPOOL-ROMA 5-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA
DE ROSSI: "Ci aggrappiamo a quello già fatto, il diritto ed il dovere di crederci e provarci..."
LIVERPOOL-ROMA 5-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA DE ROSSI A MEDIASET PREMIUM Come hai...
Liverpool-Roma 5-2 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Juan Jesus in imbarazzo, Perotti entra bene
Salah da Pallone d'oro. La Roma crolla poi risorge. 5-2 Reds: bisogna crederci
L'ex giallorosso è mostruoso: doppietta come Firmino, a segno pure Mané. Nel finale Dzeko e Perotti accorciano, all'Olimpico serve un altro miracolo
FAZIO: "Siamo guerrieri, lotteremo fino all'ultimo secondo per rimontare"
LIVERPOOL-ROMA 5-2 LE INTERVISTE POST-PARTITA FAZIO A MEDIASET C'è margine per provare...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>