facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 21 maggio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Perotti, il dono è il contratto

Giovedì 07 dicembre 2017
Diego, Diego. Sembra ancora di sentirla, la Curva Sud, mentre ringrazia l'uomo della Champions League con il coro che i napoletani e gli argentini dedicavano a Maradona. Perotti si gira e ringrazia, ringrazia tutti, la Roma, la famiglia, la patria ma soprattutto se stesso. Se fosse rimasto Spalletti sarebbe andato via, l'ha detto lui. Ma da quando è arrivato Di Francesco è diventato uno dei giocatori più decisivi della squadra.

60 MILIONI - Benedetta sia, quella Curva. E quella porta. Forse è anche la Roma che deve ringraziare Perotti che il 28 maggio, all'ultimo respiro, segnò il gol che certificò il secondo posto in Champions mentre martedì contro il Qarabag, nella stessa rete ma con un insolito colpo di testa, ha garantito la qualificazione con tanto di primo posto, scaldando i cuori palpitanti dei tifosi infreddoliti dell'Olimpico. Non segna ancora tantissimo, rispetto alla mole di lavoro che produce, ma non segna mai gol banali. Questi due di cui parliamo alla società hanno già portato un gruzzolo che si può stimare in circa 60 milioni.

RINNOVO - E ' normale allora che si arrivi al prolungamento contrattuale che tutti vogliono, da una parte e dall'altra. Ecco, magari dopo il 5 dicembre Monchi dovrà ritoccare leggermente l'offerta per strappare il sì di Perotti, che già aveva lanciato al Siviglia. L'accordo è imminente e seguirà di pochi giorni quello firmato per Manolas: il rinnovo sarà dal 2019 al 2021 con un robusto aumento di stipendio. Perotti, con la consueta struttura contrattuale divisa tra parte fissa, avrà un ingaggio in linea con la media dei compagni migliori. Passerà quindi dagli 1,9 netti a quasi 3. Senza clausole rescissorie. In questo modo la Roma si sentirà al sicuro di fronte al prevedibile assalto estivo dei grandi club: continuando di questo passo, Perotti diventerà uno degli uomini mercato più richiesti.

EVOLUZIONE - E' interessante osservare la sua crescita da un anno all'altro. Giocando più dentro al campo, e non solo da esterno di fascia, Perotti ha visto crescere il suo rendimento in zona-gol: nella scorsa stagione aveva in realtà festeggiato un po' di più (6 reti contro 5) ma inquadrando la porta solo su rigore. Con Di Francesco invece ha già incasellato 3 gol su azione. E non può essere soltanto una coincidenza: è un giocatore più libero e pericoloso. Non è Totti ma gioca alla Totti.
di R. Maida
Fonte: Corriere dello Sport

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 20 mag 2018 
Roma, una stagione con la porta chiusa: ​18 clean sheet in campionato
REGGIO EMILIA - Si chiamano clean sheet, il solito inglesismo per dire semplicemente...
SKORUPSKI: "Migliorato anche senza giocare. Ora vorrei tornare a essere protagonista, non so dove"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA Skorupski a Roma TV Alla vigilia sembrava...
DI FRANCESCO: "Avremmo potuto fare di più in stagione. L'anno prossimo partiremo avvantaggiati..."
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "L'anno prossimo partiremo avvantaggiati perché il gruppo sa quello che voglio e viceversa. Ora dobbiamo cambiare la mentalità nella testa di Trigoria, vogliamo qualcosa in più"
Sassuolo-Roma 0-1 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Bene Manolas e Kolarov, attacco opaco
Sassuolo-Roma 0-1: autogol di Pegolo, giallorossi terzi
Decide Pegolo, che devia nella propria porta un cross di Manolas: i giallorossi chiudono alle spalle di Juve e Napoli
FAZIO: "Giocare di nuovo la Champions era troppo importante. DIsputata una grande stagione"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA FAZIO A MEDIASET PREMIUM Terzo posto...
Lazio-Inter 2-3, nerazzurri in Champions! Decide la testa di Vecino
Biancocelesti due volte avanti con un autogol di Perisic e un gol di Felipe Anderson. primo pareggio di D'Ambrosio, poi di Icardi su rigore. Decide Vecino di testa
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>