facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 21 maggio 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Più Schick con Dzeko

Giovedì 07 dicembre 2017
Dzeko è giù di corda. Lontano dalla condizione straordinaria della scorsa stagione e dall'inizio di quella attuale. Ha segnato un solo gol negli ultimi due mesi, contro la Spal, ma è sempre molto utile alla squadra e Di Francesco difficilmente lo lascerà fuori domenica a Verona. Ha deluso anche contro il Qarabag, ma è rimasto in campo per tutti i novanta minuti. Ha smarrito la capacità realizzativa, ma non la voglia di lottare. Schick migliora giorno dopo giorno e si candida per partire finalmente da titolare. Probabilmente non per prendere il posto del bosniaco, ma per giocare con lui. Contro il Chievo mancherà ancora Defrel, non è guarito dall'infortunio al ginocchio riportato nel finale della partita contro il Genoa. Schick ha dovuto rinviare ancora l'esordio in Champions, ma ci sarà bisogno di lui domenica. Oggi la squadra torna ad allenarsi dopo il giorno di riposo concesso da Di Francesco, che farà la sue valutazioni. C'è anche Perotti che non è al cento per cento, martedì sera ha chiesto il cambio nel finale. In corsa per un posto c'è anche Gerson, che contro il Qarabag è entrato subito in partita.

LA SFIDA - L'utilizzo di Schick al fianco di Dzeko è la grande sfida di Di Francesco per far compiere alla Roma il salto di qualità. Insieme, non uno alternativo all'altro. Con il ceco che parte da destra e si accentra, si accentra molto. Schick ha già fatto l'esterno offensivo con Giampaolo alla Samp e lo ha fatto bene. Nelle tre brevi apparizioni in giallorosso, l'attaccante ceco è già stato schierato esterno destro. Un quarto d'ora contro il Verona alla quarta di campionato, otto minuti (compreso recupero) contro il Genoa, durante i quali ha sfiorato per due volte il gol, altri ventisei venerdì scorso, contro la Spal. Contro gli emiliani la scorsa settimana è stato tutto molto facile, ma si è visto qualcosa di quella che potrà essere una miscela esplosiva. I movimenti del tridente composto da El Shaarawy, Dzeko e Schick erano quelli giusti. I terzini, che erano Florenzi e Kolarov, restavano larghi, mentre il tridente è rimasto stretto. Non un tridente troppo rigido, ma modulabile per mettere Schick in condizione di accentrarsi e di non ripiegare troppo indietro. Quando Florenzi avanzava Schick andava a fare un taglio in diagonale ed entrava in area. L'utilizzo del ceco sarà più facile con un terzino che sa coprire tutta la fascia come l'azzurro. E la Roma può crescere ancora.
di G. D’ Ubaldo
Fonte: Corriere dello Sport

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 20 mag 2018 
Roma, una stagione con la porta chiusa: ​18 clean sheet in campionato
REGGIO EMILIA - Si chiamano clean sheet, il solito inglesismo per dire semplicemente...
SKORUPSKI: "Migliorato anche senza giocare. Ora vorrei tornare a essere protagonista, non so dove"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA Skorupski a Roma TV Alla vigilia sembrava...
DI FRANCESCO: "Avremmo potuto fare di più in stagione. L'anno prossimo partiremo avvantaggiati..."
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA EUSEBIO DI FRANCESCO: "L'anno prossimo partiremo avvantaggiati perché il gruppo sa quello che voglio e viceversa. Ora dobbiamo cambiare la mentalità nella testa di Trigoria, vogliamo qualcosa in più"
Sassuolo-Roma 0-1 Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Bene Manolas e Kolarov, attacco opaco
Sassuolo-Roma 0-1: autogol di Pegolo, giallorossi terzi
Decide Pegolo, che devia nella propria porta un cross di Manolas: i giallorossi chiudono alle spalle di Juve e Napoli
FAZIO: "Giocare di nuovo la Champions era troppo importante. DIsputata una grande stagione"
SASSUOLO-ROMA 0-1 LE INTERVISTE POST-PARTITA FAZIO A MEDIASET PREMIUM Terzo posto...
Lazio-Inter 2-3, nerazzurri in Champions! Decide la testa di Vecino
Biancocelesti due volte avanti con un autogol di Perisic e un gol di Felipe Anderson. primo pareggio di D'Ambrosio, poi di Icardi su rigore. Decide Vecino di testa
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>