facebook twitter Feed RSS
Sabato - 17 novembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Romanzo d'impresa

Giovedì 07 dicembre 2017
In fondo bastava cercare su whatsapp, che quando non va in down sa essere spesso d'aiuto. Eusebio Di Francesco l'ha messo nero su bianco, quell'aggettivo che sceglierebbe in mezzo a mille altri per definire se stesso: resiliente. Resiliente lui, resiliente la sua Roma, così capace di resistere alle forze contrarie, così felicemente tenace da appoggiarsi a quelle stesse forze fino a farne un trampolino per le proprie idee. «Il 24 agosto abbiamo scelto di avere rispetto, ma non timore - ha scritto l'allenatore su twitter -. Il 5 dicembre abbiamo festeggiato in campo, con i nostri tifosi, il primo posto. Grazie per il sostegno, è solo un passo, non accontentiamoci!». L'arcobaleno di 103 giorni, dal sorteggio alla vetta del girone, ha costretto i tifosi della Roma a cambiare le prenotazioni aeree per maggio, da Lione a Kiev, dalla finale di Europa League - perché la retrocessione nel torneo minore dopo l'accoppiamento con Atletico Madrid e Chelsea pareva eventualità ineluttabile - ai sogni di gloria che si allungano fino all'Ucraina: così va da queste parti, hai voglia a cercare il «grigio» di Monchi.

LA VISIONE - E infatti quel grigio era nero, ad agosto. Per tutti, sotto sotto pure per Francesco Totti, che con una manina meno fatata dei suoi piedi a Montecarlo aveva piazzato la Roma nel girone con Simeone e Conte, l'uomo due volte finalista nelle ultime quattro edizioni e il tecnico fresco campione d'Inghilterra. «Me gusta», twitta Antoine Griezmann con la foto del girone. Che si fa? Si partecipa o no? Il partito del «mai una gioia» già se la ride. A Trigoria Di Francesco legge il girone e a chi fa la faccia triste sussurra: «Difficile, vero. Ma questo Atletico è al di sotto del livello di gioco espresso nelle ultime stagioni». Lo guardano con la faccia un po' così. Alla squadra ripete più o meno lo stesso concetto. E aggiunge: «Per vincere ci si deve preparare, allenatevi al meglio». Parole, certo. A cui devono seguire i fatti, altrimenti a chi vai a raccontarla poi. L'esordio è proprio con l'Atletico Madrid, che arriva all'Olimpico con il petto gonfio: «Prima o poi vinceremo la Champions, abbiamo tutto per riuscirci», dice Simeone. Dodici settembre, l'Atletico ha una maglia gialla che fa spavento. Non fosse per Alisson, sarebbe sconfitta e sconfitta pure pesante: nove parate nove, miracoli che neppure a Lourdes, sensazione potente di una Roma impotente. Dzeko è la faccia del centravanti che non riceve un pallone giocabile, tanto che a fine partita alza la voce: «Non si può giocare così male. Quest'anno per me sarà più difficile: sento la mancanza di Totti e Salah, Nainggolan ora è più distante. Non ho toccato tanti palloni, spero di farlo nelle prossime partite».

CRESCENDO - È un colpo basso che Di Francesco non si aspetta. Anche perché il progetto era chiaro: «Non l'avevo detto ai giocatori, di solito non ragiono così. Ma questa partita, più che a vincerla, ho pensato a non perderla». Di Francesco resiste. Resiliente. È qui che conquista lo spogliatoio: si chiarisce con Dzeko e lo spinge a rettificare, mostra intelligenza quando in campo sceglie la difesa a tre. Il 27 settembre, a Baku, la Roma vince soffrendo con il Qarabag, che due settimane prima ne aveva presi sei dal Chelsea. Dubbi, anche con quattro punti in portafoglio. Il bivio vero allora è a Londra, ombelico del mondo. Occhio alle date, è il 18 ottobre. Quattro giorni prima la Roma era stata colpita e affondata dal Napoli all'Olimpico. Nel secondo tempo, però, la squadra come d'incanto s'era scrollata di dosso le paure e aveva cominciato a giocare con il «DiFra style». Non era bastato per pareggiare con Sarri, è sufficiente per svoltare. Resilienza Roma. Allo Stamford Bridge Eusebio predica nello spogliatoio: «Ripartiamo dal secondo tempo,facciamo noi la partita». Ne esce una sinfonia, Di Francesco dirige e Dzeko - proprio lui - esegue. Il 3-­3 è persino carico di rimpianti, ma indica la via: ora alla qualificazione credono tutti, specie se l'Atletico a Baku non va oltre il pareggio. Il resto lo fa Halloween: le streghe le vede Simeone, che bissa la X con gli azeri. E streghe pure all'Olimpico per Antonio Conte, che dalla Roma ne prende altri tre ma senza riuscire a battere Alisson. È la cassaforte del passaggio del turno, è il calcolo che a Trigoria nessuno ammetterà, eppure risulterà perfetto. Perché perdere a Madrid alla quinta giornata aumenta il dispendio nervoso ma allo stesso tempo consente all'Atletico di andarsi a giocare le chance all'ultimo turno a Londra. Perfetto antipasto del giorno 103, il primo posto nel girone, tre match su sei col portiere imbattuto. La volta prima, la Roma quei tre clean sheet li aveva messi su in 39 partite. «Che questi risultati siano la normalità», è l'augurio del d.g. Baldissoni. Juan Jesus, intanto, accende il telefono e twitta a Griezmann: «No gusta mas», non ti piace più?
di D. Stoppini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 16 nov 2018 
ITALIA, Mancini: "Florenzi a casa dopo la partita contro il Portogallo"
Nel corso della conferenza stampa della vigilia del match contro il Portogallo in...
Schick: "Voglio restare a Roma. Le voci di mercato solo speculazioni"
L'attaccante giallorosso smentisce qualsiasi ipotesi di partenza a gennaio in prestito, come aveva fatto anche il suo agente qualche giorno fa
DE ROSSI verso il recupero: in gruppo nei prossimi giorni
il capitano della Roma Daniele De Rossi è in via di guarigione. Nei prossimi giorni,...
TRIGORIA, due giorni di riposo per la Roma: lunedì la ripresa degli allenamenti
La Roma è scesa in campo questo pomeriggio per l'ennesimo allenamento senza nazionali...
Roma, Riccardi ancora in gol con l'U19 ma non basta
In gol il gioiello della Roma e il talento della Juventus nella prima delle due amichevoli di Recanati: gli azzurrini sono già qualificati all'Europeo di categoria
Giroud, nel calcio impossibile dirsi gay
Campione del Mondo a Le Figaro: dura a dirsi, ma resta tabù
Zaniolo: "Mi piacerebbe giocare l'Europeo con Luca Pellegrini"
"Contro l'Inghilterra troppe occasioni sciupate"
TRIGORIA 16/11 - Seduta tecnico-tattica. Perotti si divide tra gruppo e individuale.
ALLENAMENTO ROMA - Presente anche parte della Primavera
DESCHAMPS parla di Nzonzi: "Lo vedo molto bene alla Roma, ha tutto per esprimersi al meglio"
Didier Dechamps, tecnico campione del mondo con la Francia, ha parlato in conferenza...
MANOLAS nulla di grave, comunque rientra a Roma prima del previsto
Nella gara di Nations League della sua Grecia contro la Finlandia, Kostas Manolas...
Calciomercato, un mondo di svincolati: possibili affari a costo zero in Italia e all'estero
Fioccano le occasioni, sia sul mercato italiano che su quello estero. Da chi cerca squadra come il campione del mondo Zaccardo, Palladino e Pepito Rossi, ai possibili affari che offre la Premier. Occhio, però: non è tutto oro quello che luccica. Un parametro zero importante può costare parecchio, tra ingaggio e commissioni...
Obiettivi Roma, ecco la lista di Monchi per gennaio
Il ds giallorosso è pronto a tornare in azione nel mercato invernale per sistemare il reparto arretrato e il centrocampo: vi sveliamo tutti i suoi obiettivi
Abel Balbo: "La Roma è una passione, è la squadra a cui sono più legato"
L'ex attaccante giallorosso si racconta al Romanista: "Vivo nella Capitale per la maggior parte dell'anno. Vicino c'è anche Aldair. Lui è eccezionale"
Stillitano: "Se il progetto dello stadio verrà bloccato, il mio amico Pallotta lascerà"
Definito dal New york Times come il manager invisibile più potente del calcio mondiale,...
Il caso dell'ultrà romanista in manette e sanguinante
Prima la foto, che lo ritrae disteso a terra, senza maglia e con il volto sanguinante...
La meglio gioventù nata all'alba del terzo millennio
Tra il 1999 e 2001 c'è una schiera di talenti, in quasi tutti i ruoli del campo....
Strootman cuore giallorosso: "Io non vi dimentico"
Stavolta è davvero finita. Sono passati poco meno di tre mesi, era il 28 agosto,...
Ansia Manolas: con la Grecia esce per infortunio
Piove sul bagnato. La sosta che doveva servire per rimettere insieme i pezzi e fornire...
Stadio, il Comune pronto al sì. Le mani di Pallotta sui terreni
La sindaca Virginia Raggi scalpita per fischiare il calcio di inizio alla costruzione...
Roma, i difensori del gol: su 22 centri 8 vengono da dietro. A Monchi piace il fratello di Hazard
Un gol ogni tre segnati. Anzi, addirittura qualcosa in più (uno ogni 2,75). È la...
Roma, da Karsdorp a Perotti e Marcano: ecco i big a rischio
C'è chi potrebbe partire per andare a giocare e chi, invece, potrebbe partire perché...
 Gio. 15 nov 2018 
RAFINHA: "Vado da Monchi"
Nuovo nome per il centrocampo della Roma. Si tratta di Rafinha, centrocampista del...
La Roma e Pallotta donano 150 mila euro alla famiglia Cox per le cure riabilitative
Il presidente: "Speriamo che Sean recuperi quanto prima".
Totti entra nella Hall of Fame: la cerimonia prima del Real Madrid
Il 27 novembre poco prima della sfida di Champions contro il Real, il club omaggerà il suo ex capitano con l’ingresso nella Hall of Fame giallorossa: "E' un privilegio essere stato inserito al fianco di idoli miei e di generazioni di tifosi"
GONALONS, frattura del malleolo tibiale
Nuovo infortunio per Maxime Gonalons. Il centrocampista del Siviglia, in prestito...
UEFA, rassicurazioni dai club: no alla Superlega e sì a una terza coppa
I club calcistici europei hanno promesso di restare uniti alla UEFA offrendo rassicurazioni...
La moglie di Dzeko: "Roma la nostra casa, qui stiamo bene perché..."
La moglie di Edin Dzeko, attaccante della Roma, parla a N1. Queste le parole...
La Serie A studia da grande: ​i numeri raccontano la crescita ma ora serve un salto
Tornato a volare a un'altitudine perfetta per tenersi al riparo dallo stallo, il...
TRIGORIA 15/11 - Squadra in campo con i ragazzi della Primavera. Perotti in gruppo part-time
ALLENAMENTO ROMA - De Rossi e Luca Pellegrini in miglioramento
Roma sotto assedio: da Pellegrini a Under il rischio addio è alto
La Roma è sotto assedio e rischia concretamente di perdere una parte importante...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>