facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 20 aprile 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Ottobre il mese di Roma-Napoli. Romanzo di emozioni e record

Giovedì 12 ottobre 2017
Sono passati vent'anni, e qualche giorno, da quando all'Olimpico la Roma di Zeman si regalò una delle sue giornate migliori. Fece 6 gol al Napoli, ne incassò due, il grande protagonista fu Abel Balbo, autore di una tripletta, ma a mettere la firma sul risultato ci pensarono anche Candela, Gautieri e Di Francesco. L'attuale tecnico della Roma segnò il gol forse più bello di tutti, un destro potente dal limite dell'area (dopo aver servito un assist e colpito un palo) e ad applaudirlo, in tribuna, c'era anche un sorridente Massimo D'Alema. Proprio lui, che qualche settimana fa non era stato tenerissimo nei suoi confronti, parlando di Roma da salvezza,salvo poi ricredersi e scusarsi.

C'ERA UNA VOLTA­ - Argomento chiuso, storia finita, mentre non è finita la storia di quello che una volta era il derby del Sole e oggi è una sfida talmente delicata per l'ordine pubblico che la trasferta è stata vietata ai residenti in Campania. «Sono sicuro però ­- ha detto Nainggolan ­- che sarà una bella partita e piacerà anche a chi è spettatore neutrale». In attesa del responso del campo ovviamente, che spesso ha regalato partite divertenti e incerte fino all'ultimo. Dieci anni fa finì 4­-4, c'erano meno spettatori di quelli che ci saranno sabato (soltanto i 27mila abbonati), ma in campo c'erano De Rossi e Hamsik, mentre ad ottobre, ma del 1986, il Napoli vinse a Roma con un gol di Diego Maradona.

BRUTTI RICORDI - Di quel giorno è facile trovare una foto di un bell'abbraccio tra Bruno Conti e Diego, ma è facile trovare anche tanti ricordi che col fair play hanno decisamente poco a che fare: dal gesto dell'ombrello di Bagni allo sputo di Lavezzi a Rosi, fino agli striscioni contro Strootman al San Paolo, tanto per citare alcuni esempi. Tornare ai tempi di Maradona e Conti, oggi, sembra impossibile.

OTTOVOLANTE - Indimenticabile, soprattutto per Pjanic: la Roma di Garcia viaggiava col vento in poppa e liquidò il Napoli con un secco 2­-0 grazie a una sua doppietta. La prima rete arrivò con una punizione di destro a giro talmente perfetta che Maradona, come l'Olimpico tutto, si alzò in piedi ad applaudire: «Ho rivisto le immagini­ le parole del bosniaco ­ ed è stata una soddisfazione enorme». Sua e della Roma, che quella sera ­ ed anche in quel caso era ottobre, mese caro alle sfide tra romanisti e napoletani ­ conquistò l'ottava vittoria di fila in campionato. Praticamente, lo stesso traguardo che vuole raggiungere Sarri sabato sera. Pjanic non c'è più, Maradona non sarà sugli spalti, ma il fascino di Roma­-Napoli è lo stesso. Anche senza l'Olimpico vestito a festa. Di Francesco se lo ricorderà, visto che quel giorno di 20 fa allo stadio c'erano quasi 60mila persone.
di C. Zucchelli
Fonte: Gazzetta dello Sport

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 19 apr 2018 
Monchi: "Contro il Barcellona una delle chiavi è stata la fisicità. Quello che abbiamo vissuto..."
"Quello che abbiamo vissuto allo stadio è indescrivibile”
IL LIVERPOOL chiederà spiegazioni all'UEFA per il prezzo del settore ospiti dell'Olimpico
Secondo quanto scrive l'edizione online del Liverpool Echo, i Reds chiederanno all'UEFA...
Roma-Liverpool, lettera del tifoso al benefattore: "Ti sei offerto di pagarmi il biglietto. Grazie"
Tifosi in coda 36 ore, sacchi a pelo, pranzo al sacco, materassi e tutto il necessario...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>