facebook twitter Feed RSS
Domenica - 24 gennaio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 
La Parola ai Tifosi
 Iulius 
1086
Rispondi Segnala Messaggio Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
la legge è uguale per tutti!!... per tutti???..per nessuno!!
I giornalai continuano a massacrare la Roma in quanto sempre più disastrata.

Ma siamo sicuri che le altre stiano meglio?
Dal 2018/2019 c'è una grossa novità.
Il fair play finanziario ITALIANO diventa gravoso:
la FIGC stabilisce che per iscriverti alla serie A il tuo bilancio deve essere SANO a
da quest'anno le squadre dovranno avere il bilancio in pareggio: tanto incassi, tanto spendi, mentre la UEFA continuerà a tollerare i 30 milioni di debito nel triennio.

Dice: vabbè ma io sono la giuve e continuo a scrivere nel bilancio che incasso 50 per trabocchetti, 80 per tiribocchi..

Sbagliato!
Le società quotate in borsa prima di iscriversi alla A devono presentare il loro bilancio alla Covisoc per i controlli: una società che valuta voce per voce e pondera se i valori iscritti sono corretti, e trovate le irregolarità passa se reiterate alla richiesta di chiarimenti e all'invio della Finanza..

Segnare a bilancio valori gonfiati per giocatori o immobili non è consentito e porta anche alla squalifica del presidente, al blocco del mercato e a decine di punti di penalizzazione o addirittura il rifiuto dell'iscrizione al prossimo campionato.

Un anno fa si scoprì che Chievo e Cesena si scambiavano giovani Primavera dai valori tecnici davvero infimi (che infatti ora giocano tra D ed Eccellenza) per cifre milionarie e quasi standard: 1mln, 2mln, 4.5mln e così via, generando plusvalenze in continua crescita e gonfiando i bilanci.
Si arrivò ai punti di penalizzazione e alla squalifica di Campedelli per 3 mesi.

Ma allora le strisciate della serie A che fanno record di plusvalenze coi giovani?
Mandragora (20), Audero (20), Sturaro (18), Cerri (9)
Ma è così che si comprano e si mantengono i Ronaldo..

E il Milan?
Vabbè autoeliminarsi dalle competizioni europee ma ad oggi non ha i requisiti per iscriversi alla serie A 2019 2020.
Secondo Tuttosport il Milan chiuderà il bilancio 2019 con 80 milioni di rosso, dopo aver chiuso quello 2018 con 128 milioni di rosso.
Ma non dovrebbe essere in pareggio?

E l'Inter?
Ha chiuso il bilancio 2018 in pareggio realizzando 45 milioni di plusvalenze grazie a MIRACOLOSE cessioni dei giovani della Primavera.
Aridaje ma non se po fa a quelle cifre!!


Come mai Gazzetta, Cds, Tuttosport non parlano di questo ma sempre e solo dei 'nostri' guai?

E Icardi/Higuain? Due grandi risorse non due grandi problemi, che bello essere strisciato. Propongo la maglia 2019 a striscie gialle rosse verticali..
 
 
Ultime Risposte
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
18
Iulius, hai fatto tutto un discorso imperniato sul fatto che Pallotta dovrebbe vendere la Roma. Ma lui, dal suo punto di vista, finora non ha avuto motivo di farlo, nonostante come società perda soldi e non raggiunga i risultati sportivi che lui aveva promesso all'inizio.

Il motivo è semplice: lo sanno tutti che lui è venuto a Roma per fare lo stadio. In un paese normale lo stadio non solo sarebbe già stato pronto da un pezzo, ma a quest'ora avrebbe cominciato perfino ad avere bisogno di un po' di manutenzione. Ma l'Italia non è un paese normale. Sono passati 8 anni e Pallotta non ha ancora avuto né un sì né un no.

Nel frattempo, dice la società, sono stati spesi 100 milioni per progetti et simili. Secondo me la cifra è esagerata, ma il punto non è questo, il punto è che lasciar passare 8 anni senza essere capaci di dire "okay, vai avanti e fai lo stadio" oppure "no, lo stadio in quell'area e in quella forma non lo puoi fare" è da paese del quarto mondo.

Visto che lui è venuto qui per quello e visto che finora un "no" definitivo non gliel'hanno mai detto, ma anzi sempre un "sì, ma...", per quanto gli possa rodere il chiccherò, James tiene botta e va avanti.

Naturalmente se si presentasse qualcuno e gli desse non dico il miliardino che ha fatto trapelare sulla stampa (si sa che si chiede 100 per avere 50), ma almeno 5-600 milioni, James la Roma gliela porterebbe in ginocchio.

Ma chi cappero al mondo è così scemo da andare a pagare 500 milioni per una società piena di debiti, con una tifoseria che numericamente è solo la quinta d'Italia, e che sta in una città che in 8 anni non è stata capace di dire un semplice "sì" o "no" sullo stadio???????????????
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
17
Iulius, hai fatto tutto un discorso imperniato sul fatto che Pallotta dovrebbe vendere la Roma. Ma lui, dal suo punto di vista, finora non ha avuto motivo di farlo, nonostante come società perda soldi e non raggiunga i risultati sportivi che lui aveva promesso all'inizio.

Il motivo è semplice: lo sanno tutti che lui è venuto a Roma per fare lo stadio. In un paese normale lo stadio non solo sarebbe già stato pronto da un pezzo, ma a quest'ora avrebbe cominciato perfino ad avere bisogno di un po' di manutenzione. Ma l'Italia non è un paese normale. Sono passati 8 anni e Pallotta non ha ancora avuto né un sì né un no.

Nel frattempo, dice la società, sono stati spesi 100 milioni per progetti et simili. Secondo me la cifra è esagerata, ma il punto non è questo, il punto è che lasciar passare 8 anni senza essere capaci di dire "okay, vai avanti e fai lo stadio" oppure "no, lo stadio in quell'area e in quella forma non lo puoi fare" è da paese del quarto mondo.

Visto che lui è venuto qui per quello e visto che finora un "no" definitivo non gliel'hanno mai detto, ma anzi sempre un "sì, ma...", per quanto gli possa rodere il chiccherò, James tiene botta e va avanti.

Naturalmente se si presentasse qualcuno e gli desse non dico il miliardino che ha fatto trapelare sulla stampa (si sa che si chiede 100 per avere 50), ma almeno 5-600 milioni, James la Roma gliela porterebbe in ginocchio.

Ma chi cappero al mondo è così scemo da andare a pagare 500 milioni per una società piena di debiti, con una tifoseria che numericamente è solo la quinta d'Italia, e che sta in una città che in 8 anni non è stata capace di dire un semplice "sì" o "no" sullo stadio???????????????
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
16
Io non sono un esperto contabile. So solo che la Roma butta vagonate di soldi per giocatori inutili, pipponi, doppioni, false promesse, ecc. Poi, per ripianare il buco, ogni anno deve vendersi qualche pezzo buono (che però, va anche detto, spesso non vede l'ora di andarsene in una delle TOP 10 europee, e neanche lo si può biasimare).

Allora, un uomino di semplice buon senso come il sottoscritto si chiede: ma come sarebbe andata e dove sarebbe oggi la ASR senza le scelleratezze del duo Sabatini-Monchi (soprattutto Monchi, perché alla fin fine con Sabatini la Roma il suo bottino di punti l'ha fatto e, senza la Rube-monstre avrebbe probabilmente pure vinto uno scudo). Ecco... la domanda sta tutta lì. Se i soldi di Doumbia, Destro, Iturbe, Dodò, Ucan, Gerson, Peres, Stekelemburg, Kjaer, Ibarbo, Bojan, Defrel, Pastore, Olsen, Karsdorp, Schick e via dicendo (la lista completa sarebbe molto più lunga) fossero stati spesi meglio, come sarebbe andata e dove sarebbe oggi la ASR?

A chi conviene tutto questo turbinare di giocatori in entrata e uscita, oltre che a ai giocatori stessi e ai loro procuratori (che beccano fior di provvigioni ogni volta che l'assistito cambia casacca)? Alle società? Col cappero! Guardiamo il Napoli, che è la società meglio gestita in Italia, non perché mangiando pizza si diventa più intelligenti, ma perché il padrone decide tutto lui ed è uno che capisce, sia di soldi che di calcio. Se il flipper di giocatori fosse conveniente per un presidente, lo farebbe anche ADL, invece lui compra e vende col contagocce (e fa bene).

Harry dice che la Roma è messa meno peggio di quello che sembra perché il valore della rosa bilancia i debiti. Ma quello è normale in qualunque ditta che abbia un capannone e dei terreni. Gli immobili, infatti, dopo un po' di anni di ammortamenti finiscono per non valere più niente contabilmente, ma nella realtà valgono eccome. Evabbè, ma questo mica è un indice di buona gestione. Mio padre, che aveva una piccola ditta, diceva che di contabilità non capiva niente, ma che per sapere se la ditta andava bene o male, guardava quanti soldi c'erano in banca. Un po' rozzo come sistema ma efficace. Bene, la liquidità della Roma è gravemente deficitaria e la rosa vale, sì', ma non te la puoi svendere tutta, così come l'imprenditore non si può vendere il capannone. Quindi torniamo al ragionamento di partenza: ma se tutti quei soldi che abbiamo buttato via l'avessimo spesi meglio, dove sarebbe oggi l'ASR?
   
 
 Iulius 
1086
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
15
Rob, il discorso è perché di supposizioni stiamo parlando nessuno ha dati certi da (di)mostrare: se un'azienda non rende trovi il modo di venderla, oppure incameri nuovi soci per smezzare le perdite, o nel caso più estremo vendi i beni vendibili e la fai fallire.

Non te la tieni a vita, a oltranza.
All'asta bandita da Unicredit si presentarono 4 offerte come scritto mesi orsono (3 oltre zio pallo).

Quando la Roma è arrivata in semifinale di Champions avresti potuto intavolare trattative per pescare soci o vendere la proprietà.
Lì siamo arrivati al punto più alto del valore della società e di appetibilità.

Meglio uscire con poco guadagno che con le perdite, ricordiamoci che ogni anno una squadra di calcio costa tra i 100 e i 200 milioni di spese di gestione (e questo lo leggiamo dai bilanci).

Il gioco SEMBREREBBE non valere la candela, eppure nessuno passa la mano.
Sedere al tavolo dei presidenti, dei potenti evidentemente ti porta quel guadagno, quel ritorno che non avresti altrove (provvigioni, affari privati paralleli, fondi?)

Un altro fatto: le cifre che girano sulla compravendita dei giocatori sono molto più alte del premio messo in palio.
E' come se io per una tombola di 100 euro arrivo a pagare 1000 euro per una cartella solo per il gusto di vincere, ok siamo trattati da scemi, ma due conti sappiamo farceli.

La juve ambisce alla vincita della Champions ma l'aumento dei ricavi sarebbe inferiore alle cifre che spendi per Higuain, Ronaldo, De Ligt ecc.

L'Inter indebitata fino al collo si parla dell'acquisto di Lukaku per 80 milioni sommato a tutti gli acquisti già fatti da Barella (50) agli altri non ti tornerebbero mai quei soldi vincendo lo Scudetto o facendo un buon cammino in Champions.

La Roma c'è passata nel periodo di sogni di gloria (e di guadagni): max arrivi a 250 milioni di fatturato, tolti 200 di spese ti resta la miseria.
   
 
 gerryrosso 
236 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
14
Ok Manuel, ammetto di aver usato un paragone un po' estremo: che mi è venuto in mente per via del fatto che pure nel ballòn d'Italy sembrano esserci i pesci piccoli e quelli "intoccabili". Sul ruolo "impeditivo" della pesca al pesce Craxi del solo Berlusca (che è stato pure quello di Canale5 fisso davanti al palazzo di Iustitia di Milàn...) ho seri dubbi, ma sono contento che le nostre più accese "divergenze" riguardino zio Pallo. Pace. FORZA Roma.
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
13
Io non sono un esperto contabile. So solo che la Roma butta vagonate di soldi per giocatori inutili, pipponi, doppioni, false promesse, ecc. Poi, per ripianare il buco, ogni anno deve vendersi qualche pezzo buono (che però, va anche detto, spesso non vede l'ora di andarsene in una delle TOP 10 europee, e neanche lo si può biasimare).

Allora, un uomino di semplice buon senso come il sottoscritto si chiede: ma come sarebbe andata e dove sarebbe oggi la ASR senza le scelleratezze del duo Sabatini-Monchi (soprattutto Monchi, perché alla fin fine con Sabatini la Roma il suo bottino di punti l'ha fatto e, senza la Rube-monstre avrebbe probabilmente pure vinto uno scudo). Ecco... la domanda sta tutta lì. Se i soldi di Doumbia, Destro, Iturbe, Dodò, Ucan, Gerson, Peres, Stekelemburg, Kjaer, Ibarbo, Bojan, Defrel, Pastore, Olsen, Karsdorp, Schick e via dicendo (la lista completa sarebbe molto più lunga) fossero stati spesi meglio, come sarebbe andata e dove sarebbe oggi la ASR?

A chi conviene tutto questo turbinare di giocatori in entrata e uscita, oltre che a ai giocatori stessi e ai loro procuratori (che beccano fior di provvigioni ogni volta che l'assistito cambia casacca)? Alle società? Col cappero! Guardiamo il Napoli, che è la società meglio gestita in Italia, non perché mangiando pizza si diventa più intelligenti, ma perché il padrone decide tutto lui ed è uno che capisce, sia di soldi che di calcio. Se il flipper di giocatori fosse conveniente per un presidente, lo farebbe anche ADL, invece lui compra e vende col contagocce (e fa bene).

Harry dice che la Roma è messa meno peggio di quello che sembra perché il valore della rosa bilancia i debiti. Ma quello è normale in qualunque ditta che abbia un capannone e dei terreni. Gli immobili, infatti, dopo un po' di anni di ammortamenti finiscono per non valere più niente contabilmente, ma nella realtà valgono eccome. Evabbè, ma questo mica è un indice di buona gestione. Mio padre, che aveva una piccola ditta, diceva che di contabilità non capiva niente, ma che per sapere se la ditta andava bene o male, guardava quanti soldi c'erano in banca. Un po' rozzo come sistema ma efficace. Bene, la liquidità della Roma è gravemente deficitaria e la rosa vale, sì', ma non te la puoi svendere tutta, così come l'imprenditore non si può vendere il capannone. Quindi torniamo al ragionamento di partenza: ma se tutti quei soldi che abbiamo buttato via l'avessimo spesi meglio, dove sarebbe oggi l'ASR?
   
 
 ForeverPluto 
606
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
12
Ma anche io ti voglio bene, Gerry, solo che col tempo hai preso una linea molto lontana dalla mia, e sono spesso in disaccordo.

Poi chi ha parlato di politica per primo sei tu e continui a farlo nella tua risposta e quindi continuo a farlo pure io.

Craxi è stato condannato in via definitiva: questo è un fatto.
All’epoca l’estradizione dalla Tunisia era molto difficile e Berlusconi riuscì a prendere il potere troppo in fretta. Questo ormai fa parte della storia.

Ma con Mani Pulite si poteva cambiare l’Italia è siamo in tanti ad averci creduto.
Poi non ce l’hanno fatta cambiare, ma era una lotta talmente impari...
Te li ricordi i cartelloni che per mesi hanno invaso l’Italia con il bebè che diceva “Fozza Italia” e non si sapeva bene di che si trattasse? È solo un piccolo esempio ma l’Italia è stata manipolata ad arte, purtroppo.

Quindi diciamo che il tuo paragone non mi è piaciuto e tirare in ballo Chiesa e Craxi paragonandoli a Chievo e Juventus mi è sembrato indecoroso.
Ma non ho niente contro di te. Sono i contenuti che mi fanno reagire al di là di chi li scrive.


Forza Magica Roma
   
 
 Iulius 
1086
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
11
Harry sei arrivato al punto: la Roma si sta sporcando 'mani' e 'bilanci' con queste schifezze contabili al pari di juve, milan e inter ma senza vantaggi diretti.

Ora, se invece fossimo 'puliti' a livello contabile come un ADL o un Lotito a livello contabile potremmo far partire una calciopoli 2, toglierci dalle scatole juve, milan e inter vincendo per anni (1' domanda di rob).
All'epoca di calciopoli si disse che tutto il terremoto fu lanciato da Moratti, uscito unico ad averne benefici.
Oggi che le plusvalenze e i bilanci sono arrivati al limite dell'indecenza una calciopoli 2 a chi gioverebbe? Noi siamo impelagati come le strisciate, a noi no!

E arriviamo al punto 2 della domanda di Rob.
Nel calcio i giocatori più pagati sono proprietà di fondi d'investimento, per semplificare fai conto che un C.Ronaldo sia diviso in 100 azioni, ognuna del valore di 1 milioni acquistabile dagli 'addetti ai lavori' come presidenti, procuratori, ex giocatori in modo assolutamente anonimo (le sedi dei fondi sono in paradisi fiscali e anonimi).
Se Pallotta possiede 30 azioni (il 30% di Ronaldo) e questo passa dal Madrid alla giuve James guadagna milioni di euro (tra commissioni e aumenti di valore del giocatore).
Ecco perché si movimentano ogni anno così tanti giocatori a cifre pazzsche superiori ai possibili guadagni (la juve con la vittoria della Champions non si sarebbe ripagata Ronaldo).


A proposito di Cristiano Ronaldo, ma sai che per farlo muovere s'è mossa addirittura la politica?
Altro che attrazione per il progetto juve, il campionato italiano, la vincita sicura della Champions ecc.
C. Ronaldo era finito inquisito in Portogallo per evasione fiscale sui diritti d'immagine.
Il governo cosa fa?: una legge ad personam: la legge attira ricchi.

La norma prevede che gli stranieri che decidono di trasferire in Italia la loro residenza potranno scegliere di pagare una tassa fissa di euro 100.000 l'anno a prescindere dal loro livello di reddito.
Un piccolo favore a Ronaldo che guadagna solo 100 milioni l'anno in pubblicità.
Questo l'ha convinto a venire qui altro che progetto juve: pagherà un'inezia di tasse in Italia rispetto a qualsiasi altro paese Europeo.
Se passasse la flat tax tanto voluta da Salvini altri milioni di euro di tasse risparmiate.
La giustificazione: tanti benefici e popolarità per la serie A: in pratica nessuno ha guadagnato di più con l'arrivo di Ronaldo se non lui e soprattutto chi lo gestisce: i fondi d'investimento..
   
 
 Harry 66 
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
10
roberto,
non consideri proprio quello che dicono pallotta e l'as roma.
riguardo plusvalenze (ritenute fondamentali) e il capitale impegnato (e non perduto in debiti, come insisti da quando eri falcon) nei giocatori della rosa.

11.10.2018
"Scontro sui conti, la Roma replica al Sole 24 Ore su debiti e iscrizione"
di Francesco Balzani

"Nell’articolo si fa riferimento al debito, salito da 192 milioni a 218. Tuttavia - secondo l'As Roma - si ignora il rapporto con i ricavi correnti: 192 su 175 lo scorso anno, 218 su 251 quest’anno. La mancanza, per il club, è ancora più evidente (e grave) se si prende in considerazione il dato complessivo dei ricavi, quello che include le plusvalenze: 320 milioni di euro. Una cifra, quella degli ultimi ricavi, che non considera le plusvalenze di 69 milioni di euro legate alle cessioni di Skorupski e Nainggolan. Secondo la Roma non sono state prese in considerazione le partenze di Strootman e Alisson, i cui guadagni rientreranno nel bilancio del 2019"

"Dragoni nel suo articolo si chiede come sia possibile l’iscrizione al campionato, arrivando alla conclusione che la pratica ha ottenuto il nulla osta della Figc, come l’Inter e il Milan. Anche su questo punto la Roma ribatte: "il club giallorosso non ha ottenuto nessun nulla osta, semplicemente opera nel rispetto delle regole. Sarebbe sufficiente comprendere che i nostri asset sono in gran parte costituiti da calciatori e – se il loro valore contabile (quello reale supera il doppio) è di 200 milioni di euro – non potranno mai costituire un problema che mina la continuità aziendale i 100 milioni di patrimonio consolidato negativo, come peraltro certificato ogni anno da sindaci, revisori esterni, Covisoc e Consob"

"Quanto al passivo di circa 25 milioni di euro di quest’anno, abbiamo già avuto modo di sottolineare come la cifra sia insignificante rispetto agli asset della Roma. Semmai rappresenta la testimonianza che il club continua a investire sulla competitività, anziché raggiungere (facilmente) il break even. Vale anche la pena ricordare che il bilancio – secondo i parametri del Financial Fair Play – è in pareggio"
   
 
 gerryrosso 
236 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
9
X Pluto, in AMICIZIA: Manuel, ti voglio bèn, non farmi dare ragione a JoHnny sul tuo conto: sii meno giovanilmente armato. Ultimamente ti sento irritato con me e non capisco perché: spero non sia perché sui padroni mericani non la pensiamo uguale uguale. Capirai, data la materia ballonara, che è FUTILE, sarebbe un vero abisso a dividerci...
Nel merito, io non ho fatto nessuna illazione: ho parlato di Iustitia in Italy, che è considerato ANCORA uno dei paesi più impuniti al mondo, e NON ho parlato di MANI PULITE, ma solo di due pesci finiti nella sua rete. Dei quali, il piccolo (Mario Chiesa) è rimasto chiuso finché non ha "riferito" e il grosso (Bettino Craxi) non proprio; e ho detto che la Iustitia è usata ANCHE e soprattutto per avvertimento (dove "avvertimento" non significa dare la soffiata" al grande, ma fargli capire che può incappare pure lui nei morsi della tagliola per sue eventuali navigazioni illegali). Per brevità ho detto che morde il piccolo per avvertimento del grande, MA NON mi sono né rallegrato del fatto che non sempre ci riesca, né mi sono detto rassegnato ai suoi fallimenti; COME quello -AGGIUNGO più chiaramente ADESSO- di Mani Pulite: dove un Di Pietro ha dovuto cercare salvezza cambiando campo di gioco, e dove tranne i suicidi sono ri-tornati TUTTI. Quanto a Craxi "condannato", mi risulta che sia morto libero e di morte naturale, all'estero, in una bella casa sua di lì, che tutti sapevano dov'era, e da dove nessuno ha mai cercato di portar via, estradandolo. Ti sei chiesto il perché?
E siccome ricordo sia l'Italia di prima che quella di dopo Mani PULITE, mi chiedo: QUALI DIFFERENZE vedi tu da Parigi, in materia di corruzione taliàna attuale, che sfuggirebbero a me da Salerno?
Ma non insisto, queste sono opinioni (legittime) di ciascuno di noi in materia di vita pubblica/comune, e io odio buttarla in politica, in un Forum di correligionari Romanisti. Forza Roma
   
 
 Harry 66 
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
8
11.10.2018
ilsole24ore
"As Roma in rosso con debiti a 220 milioni"
di Gianni Dragoni

"... Tifosi e azionisti della Roma (e non solo) potrebbero chiedersi come può essere iscritta al campionato una società che ha un patrimonio netto negativo. La ragione è che la Figc non considera il bilancio consolidato, che dà la rappresentazione più completa dei conti, ma il bilancio di esercizio della sola Spa capogruppo. Poiché anni addietro la Roma ha fatto operazioni di scorporo del marchio e del ramo d’azienda commerciale, conferendoli a due nuove società controllate, ha iscritto nei conti plusvalenze derivanti da operazioni infragruppo, come se avesse fatto una rivalutazione dei propri cespiti.
Nel bilancio consolidato le plusvalenze infragruppo vengono annullate. Invece nel bilancio «separato» della capogruppo questi proventi vengono contabilizzati, secondo il codice civile e appare, come per magia, un patrimonio netto positivo per 30,9 milioni. È un’operazione di cosmesi contabile, però viene accettata dalla Figc e consente l’iscrizione al campionato. Lo stesso è stato fatto dalla Figc per altre squadre in una situazione simile, Inter e Milan, almeno fino all’anno scorso. I loro bilanci a giugno 2018 non sono ancora stati pubblicati"
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
7
Su Mani Pulite ha ragione Pluto, ogni tanto anche in Italia succedono cose normali. Iniziò quasi per caso e divenne una valanga che travolse tutto.
Per il resto, però, ha ragione Gerry. Il calcio è uno strumento di gestione delle masse.
Il vento è sempre di tramontana (cioè tira da nord) non solo perché ha dietro di sé i grandi poteri economici italiani, ma anche perché, in un'ottica politica, tenendosi buoni i tifosi delle strisciate ci si tiene buona 3/4 dell'intera mandria calcistica italiana, il resto sono frattaglie.

La mia lettura della storia della Roma americana è questa: una macchinazione di Unicredit per rientrare sia dei debiti verso Sensi, sia di quelli verso Parnasi, prendendo due piccioni con una sola fava, chiamata "stadio". Nessuno abboccò come compratore-speculatore, sia perché per gli stranieri il sex appeal della Roma è stato sempre ben poco rispetto a quello delle squadre del nord, sia perché gli italiani, soprattutto i romani, sapevano che a mettersi contro Caltagirone a Roma vuol dire andarsi a scontrare contro un TIR (e sia perché ce n'erano diversi che aspettavano solo il fallimento per prendersi la Roma a 1 euro). Invece abboccò un allocco americano. Che arrivò strombazzando che la Fontana di Trevi, che aveva appena comprato, sarebbe diventata l'attrazione turistica numero uno al mondo. Non capendo niente né di calcio né di come funzionano le cose a Roma, né di come si devono scegliere gli uomini a cui delegare, si è legato mani e piedi a tre personaggi (Baldini, Sabatini e Monchi) che hanno combinato solo disastri dopo disastri, tanto mica pagavano loro... Molto tardivamente il boss ha capito che deve interessarsi di più della squadra e circondarsi di gente normale, e Petrachi sembra il primo passo verso la normalità. In quanto allo stadio... Good luck James!
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
6
Scriveva Iulius:
A oggi altro che arabi, l unico sistema per ribaltare questo treatrino fatto di bustarelle e omerta' e' denunciare, vincere un paio d anni e scappare col malloppo (e i trofei).

[Questa frase non l'ho capita]

Non assolvo Pallotta perche' secondo me s'e' fatto piacere troppo presto il compra e vendi, lucra non avendo ambizioni di vittoria.

[Pallotta con la compravendita non ha lucrato un accidenti di niente, ma dove te li sogni questi lucri? La Roma è piena di debiti, più di quando l'ha presa lui, perché spende, per acquisti giocatori, stipendi e spese varie, più di quanto ricava da diritti TV, incassi e vendite giocatori. Pallotta il lucro lo farà se gli concederanno di costruire lo stadio, e qui il "se" ormai sta diventando grosso come una casa. In caso contrario in tutta questa storia Pallotta ci avrà rimesso solo anni e quattrini, altro che lucro...]

D'altronde se non sei un presidente tifoso tutto il polverone che serve a ribaltare il carrozzone non lo alzi manco mmazzato..

[Nemmeno quei pochi presidenti tifosi che sono rimasti, e presto saranno solo un ricordo anche loro, stanno facendo niente contro il sistema. Non conviene. Se pure riesci a raggiungere un titolo, poi te lo fanno pagare a caro prezzo]
   
 
 ForeverPluto 
606
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
5
Mamma mia ancora illazioni su illazioni, Gerry...

Ma come fai a dire "Perché l'intervento della Iustitia in Italy è usato anche e soprattutto come AVVERTIMENTO: inizio a foptere il piccolo mariuolo (Chiesa) perché tu grande (Craxi) ti stia più attento"

Ma che é giustizia questa? Funziona cosi' in tutta Italia o solo a Napoli?
Perché la giustizia é un'altra cosa e penso sia doveroso fare una puntalizzazione.

La Giustizia colpisce e punisce chi é colpevole, al di là della sua importanza.
Il fatto che questo non succeda sempre, non significa che siamo obbligati ad accettarlo.

Per di piu' quello che dici é svilente per Mani Pulite che, con tutti i suoi errori, é stato uno dei momenti forti della Giustizia Italiana.
Perché Craxi é stato condannato, insieme a tanti altri.
Quindi non é vero che si attacca il pesce piccolo per avvertire il grande.

Ma sto deviando dal tema di Iulius...
La questione é perché le regole non sono uguali per tutti?
Perché Juve, Inter e Milan, pur essendo indebitate oltre i limiti non hanno restrizioni sugli acquisti, mentre la Roma si'?

Purtroppo non ho la risposta ma c'é una chiara differenza di trattamento tra Roma e squadre del Nord. E' cosi' da sempre e non é giusto.
Pallotta sta combattendo questo sistema, o lo sta sfruttando per i suoi interessi?

Anche in questo caso non ho la risposta.

Forza Magica Roma
   
 
 Iulius 
1086
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
4
Calciopoli c'e' stata e ha prodotto un ciclo di scudetti e di vittorie dell inter.

A oggi altro che arabi, l unico sistema per ribaltare questo treatrino fatto di bustarelle e omerta' e' denunciare, vincere un paio d anni e scappare col malloppo (e i trofei).

Non assolvo Pallotta perche' secondo me s'e' fatto piacere troppo presto il compra e vendi, lucra non avendo ambizioni di vittoria.

D'altronde se non sei un presidente tifoso tutto il polverone che serve a ribaltare il carrozzone non lo alzi manco mmazzato..
   
 
 gerryrosso 
236 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
3
Caro Iulius, come sappiamo tutti, il Calcio (non solo in Italy) è un POTENTE strumento di distrazione di massa. Il quale, va trattato con prudenza e attenzione se no "il controllo del Pòpulo" può saltare, ed esplodere dove meno te l'aspetti. In effetti, per risanare il circo-calcio basterebbe una visitina della GdF fatta IN CONTEMPORANEA nelle sedi delle società. Ma NON la si fa perché le conseguenze "sociali" NON sono prevedibili.
Ciò detto, tu chiedi: perché le piccole (Chievo, Cesena..) sì, e le Grandi no? Perché l'intervento della Iustitia in Italy è usato anche e soprattutto come AVVERTIMENTO: inizio a foptere il piccolo mariuolo (Chiesa) perché tu grande (Craxi) ti stia più attento. Sotto questo punto di vista il Mericano non è il primo venuto e ha capito che se sul piano della competitività sportiva non c'era ciccia con quella Giubbe (stava oggettivamente più avanti...) sul piano finanziario il grasso poteva e può colare lo stesso, e cola più facilmente dal "movimento complessivo" che dalla singola ghiotta operazione.
Molti amici di Forum che questa cosa la SANNO MEGLIO DI ME continuano tuttavia a fare i finti tonti chiedendosi perché mai la rosa della Roma sia stata e resti così "liquida". La risposta è che se i DS delegati da zio Pallo avessero fatto BENE il loro mestiere di compratori di gente valida e seria zio Pallo avrebbe continuato a pretendere e ad avere il suo "grasso" ma i risultati sportivi sarebbero stati migliori facendo, almeno, contenti anche noi Tifosi. Ma hanno prevalso altre logiche e comodi vetero-"cumparellistici" che hanno indotto zio Pallo a rompersi il ca' e a correre ai ripari con Ds e Coach meno permeabili (speriamo). Invece nel Forum si continua ad oscillare fra la RETORICA DER CORE degli eroi perduti (Manolas, per es. doveva avercelo avuto grande grande) e L'INDAGINE INTELLETTUAL-CONTABILE su quello che si mira a far diventare (a vantaggio di chi?) il nostro ESCLUSIVO PALLOTTAGATE. Io mi concentro sul campo, su quello che vedo sul campo o che posso logicamente intravedere dietro i comportamneti visibili dei personaggi di campo (epperciò dalla capzate fatte in campo Manolas lo avevo già citato fra quelli che SE NE VOLEVANO SOLO ANDARE). Il resto lo lascio ai puri&duri, ai fini analisti ideologici, e agli integralisti nostalgici. Forza Roma
   
 
 Iulius 
1086
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
2
Ovviamente era una domanda retorica.

La questione e' se imponi il pareggio di bilancio per l iscrizione alla serie A e costringi le piccole (compresa la rometta di pallotta) a vendere e svendere..

..come mai juve, milan e inter continuano a comprare sbandierando acquisti per centinaia di milioni e non rispettano le regole del coni, della figc e pure della consob e covisoc due organi che il solo nominarli basta a fartela fare addosso visto che i bilanci sono taroccatissimi e alla luce del sole si continua a lucrare?
Doping amministrativo, una bella retata della GdF e tutti al gabbio.
Del Cesena e del Chievo se ne parlo' su striscia la not ora visto che in ballo ci sono 3 squadre care a mediaset e sky il silenzio assoluto.
Aspetto risposte da chi puo' assicurarmi sulla regolarita' della serie A senno' tutti i discorsi che facciamo sul calcio sono perfettamente inutili.
Sai che e' tutto truccato e manipolato e accetti tutto..
   
 
 Roberto+ 
757
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
1
"Come mai Gazzetta, Cds, Tuttosport non parlano di questo ma sempre e solo dei 'nostri' guai?"

Perché la stampa sportiva (e non solo sportiva, ma qui noi ci occupiamo di quella), è in mano ai soliti noti, tutti nordici. Amici della Roma: zero.

Tuttosport è notoriamente l'organo ufficiale della Real Casa.

Il maggiore azionista dell Gazzetta dello Sport, dalla fine dell'impero Rizzoli e fino al 2013 è stato il gruppo Fiat. Adesso appartiene a Cairo, che pur essendo il presidente del Torino si guarda bene dal mettersi contro l'impero degli agnellini, perché altrimenti lo schiaccerebbero come un insetto molesto.

Il Corriere dello Sport, diffuso soprattutto nel centro Italia, si occupa di più di Roma, Lazio e Napoli. Ma non facciamoci illusioni, in Italia i poteri forti hanno in mano tutto, direttamente o indirettamente, ciò che si vede e ciò che non si vede.

Basti pensare che nemmeno il potentissimo Andreotti potè fare mai molto per la Roma. Eppure il suo braccio destro Evangelisti, ne fu perfino presidente.

Della sua presidenza si ricorda che vendette i pezzi migliori per risanare il bilancio. Era il 1965. E c'è gente nel forum che crede che questa sia una cosa che succede adesso perché la Roma è in mano all'amerikano.... hahaha, a Roma è stato sempre così. Con la differenza che la Roma americana è stata quasi sempre fra le prime 3, quella di Evangelisti & C. lottava per non retrocedere.
Avvertenze e Regolamento del Forum
Ogni opinione espressa nei commenti è unicamente quella del suo autore, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato.

Il dibattito in questo forum è moderato. La Redazione si riserva il diritto di modificare, rifiutare, sospendere un commento o bloccare un nickname a suo insindacabile giudizio. Il non rispetto delle regole, provocherà il blocco definitivo dell'utente.

I messaggi sono pubblici e possono essere letti da tutti gli utenti, anche da persone che non fanno parte di questo forum, quindi consigliamo di non inserire informazioni personali.
Solo gli utenti registati nell'area riservata 
Area Utente
Login
 posso rispondere e inviare nuovi messaggi.

Regole dei cartellini gialli e rossi

I cartellini gialli e rossi, vengono assegnati agli utenti che hanno subito una segnalazione , approvata dal Moderatore del forum (di seguito Moderatore), per comportamento non rispettoso nei confronti delle persone e delle regole del forum, con il seguente criterio:

- Verrà assegnato un cartellino giallo alla prima segnalazione approvata dal Moderatore;
- Verranno assegnati due cartellini gialli alla seconda segnalazione approvata dal Moderatore;
- Verrà assegnato il cartellino rosso alla terza segnalazione approvata dal Moderatore che comporterà l'espulsione dal forum dell'utente segnalato in modo temporaneo (minimo un mese) o definitivo.
- Verrà assegnato direttamente il cartellino rosso e conseguentemente l'espulsione definitiva dal forum se il Moderatore riterrà grave il comportamento dell'utente segnalato.

Si fa presente che il Moderatore potrà assegnare direttamente cartellini gialli o rossi, anche senza la segnalazione da parte degli utenti.

I cartellini gialli potranno essere tolti dal Moderatore in base al futuro comportamento dell'utente segnalato.

I post segnalati, verranno cancellati e contrassegnati con la dicitura "spam".

La segnalazione dovrà essere effettuata esclusivamente utilizzando il link " Segnala post" che si trova di fianco al messaggio che si vuole segnalare al Moderatore.

Si precisa che le decisioni del Moderatore sono inappellabili.

Medaglie per gli utenti più attivi

Medaglia d'oroMedaglia d'oro: utente che ha più di 600 messaggi attivi
Medaglia d'argentoMedaglia d'argento: utente che ha più di 400 messaggi attivi
Medaglia di BronzoMedaglia di bronzo: utente che ha più di 200 messaggi attivi
I messaggi più vecchi vengono cancellati automaticamente.

Il Responsabile si riserva il diritto di modificare la suddetta informativa previo avviso all'utente, da effettuarsi mediante pubblicazione della versione aggiornata all'interno del sito RomaForever.it.