facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 18 settembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 
La Parola ai Tifosi
 Iulius 
671
Rispondi Segnala Messaggio Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
il popolo è giudice sovrano..
In questi anni americani abbiamo visto di tutto: una valanga di giocatori e allenatori passati qua senza logica alcuna.

Abbiamo visto uscite dalle Coppe contro squadre inferiori (Spezia), batoste contro squadre mediocri (7-1 storico contro la Fiorentina), bandiere e grandi promesse svenduti a due soldi, una marea di giocatori mediocri rimasti qui strapagati e straviziati, una serie di cialtronerie di santoni incompetenti che pretendono di allenare e costruire squadre di calcio come fossero di basket, saltando preparazioni estive e sostituendo la palestra alla corsa causando 60 infortuni l'anno.

La misura è colma, la gente urla basta da ogni angolo del pianeta!

E quando grida no allo stadio, non è che si vuole auto mutilare.
Ha capito che un conto è fare il presidente imprenditore che prende una squadra, la accresce prima come giocatori, poi come carisma internazionale, quindi ne risana i conti, poi ne accresce il potenziale costruendo lo stadio di proprietà, infine la rivende realizzando un'utile meritatissimo.

Un altro conto è fare il mero speculatore, prendendo una squadra piena di debiti, accrescendoli ulteriormente ogni anno comprando e svendendo giocatori tanto per campicchiare, demolire tutti gli ideali e gli idoli locali per snaturarla dalla sua identità in nome del dio denaro.

Se fosse vero che sta rifiutando le offerte del Qatar perché con l'approvazione del progetto stadio realizzerebbe più soldi, a questo della Roma non glie ne può fregare di meno.
Tengono più a noi i laziali e i rubentini che hanno esposto striscioni pro De Rossi, della serie siamo riusciti a fare pena pure a loro.

Il popolo è sovrano e difficilmente sbaglia, rifletteteci voi che sostenete Pallotta e gli squali della finanza che trattano simboli e storie come fossero indici di borsa e parlando da dietro un monitor a Boston.

E al peggio non c'è mai fine.
Tanti recriminano i 6 punti persi contro le piccole ma c'è andata sin troppo bene.

Siamo una squadra di media classifica con delle buone individualità che ci fanno galleggiare un filo più su.
Il prossimo anno ci sarà da smantellare ancora: quando cambi 6-7 giocatori più il portiere hai bisogno di 1-2 anni di assestamento, l'ha fatto il Milan ed eccolo là, ma il Milan qualche acquisto l'ha indovinato.
Se noi dovessimo sbagliare gli acquisti anche il prossimo anno, sprofondare al posto del Genoa è un attimo..

Fermati qui Pallotta, vendi ora e limita i danni, ancora sei in tempo..
 
 
Ultime Risposte
   
 
 Iulius 
671
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
14
Sia Harry che Zio parlano di ricatto.

In effetti a Gennaio in pieno marasma generale s'è capito che questa Roma non ce l'avrebbe fatta a raggiungere l'obiettivo minimo: il 4' posto.

A quel punto tutti chiedevamo uno sforzo minimo, un paio di prestiti con l'opzione di riscatto per poter ottenere quei pochi punti che sarebbero mancati alla fine.

E invece zio Pallo ha scelto di non intervenire lasciando la barca alla deriva.
E in quel momento ha lanciato la sfida, a Monchi ed Eusebio dicendogli implicitamente "o vi tirate fuori da soli dal fango oppure a fine anno non c'arrivate" e poi all'ambiente "o mi fate fare sto stadio oppure è finita l'epoca delle galline d'oro" quindi blocco degli acquisti e soprattutto blocco dei rinnovi, scelta PUNITIVA che è stata ribadita nella brutta faccenda De Rossi, ma anche Zaniolo ha 'pagato' con il mancato rinnovo.

Che cos'è stata quella se non una provocazione, una sfida?
Non si sarebbe davvero potuto trovare un accordo per far fare un altro anno a De Rossi?
Invece no, Pallotta ha voluto far capire che basta, adesso comanda lui (e Baldini), e senza lo stadio il progetto non va avanti (lui non mette più un euro di più).

Proprio perché la tifoseria s'è sentita in qualche modo messa al muro è insorta giustamente.

Quello che non ha calcolato Pallotta è che la scelta di rompere, litigare con tutti è sempre una scelta di non ritorno: a quel punto come si mette se veramente lo stadio non glielo fanno fare?
Come ricompone il rapporto con tifosi, piazza, squadra?
E soprattutto come ricostruisce una squadra da Champions quando, viste le premesse ormai capite da tutti (vendere e campicchiare) nessun grande allenatore o grande giocatore accetterà mai di venire alla tua corte?
Come ci riarrivi in Champions? Con le chiacchiere?

Ormai ti sei sputtanato a livello mondiale perché l'affare De Rossi ha fatto già 3 volte il giro del Mondo: ad uno ad uno tutti gli allenatori 'big' Sarri, Conte, Allegri, Ancelotti t hanno fatto capire che da te non ci verrebbero neanche se li paghi il triplo anche per il trattamento riservato a Difra prima corteggiato poi disilluso (acquisti non adeguati e vendite esagerate) e poi liquidato in malomodo.

Niente giocatori (big) + niente allenatori (big) = fallimento calcistico e poi societario.

E' mancato di diplomazia e buon senso, proprio quelle doti essenziali per il ruolo che riveste, ormai è tardi, la frittata è fatta e i cocci non si possono nascondere sotto il tappeto..
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
13
gerry says
"è il consigliere che zio Pallo reputa più affidabile e che si è scelto per tenere gli indigeni un po' a distanza..."
e che ho detto?!?
l'infame, appunto.
per una volta che sintetizzo

plausibile non vuol dire esatta,
che ne sappiamo (e possiamo) davvero noi?
c'è il realismo e l'iper-realismo

ancora
sogni e bisogni, gerry,
e il mal comune non fa davvero mezzo gaudio, non per me almeno.
c'è un punto critico, di rottura, di non ritorno,
meglio ricominciare, gerry,
questo matrimonio è una fregatura
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
12
che in entrambe le stagioni ci sia stato un conflitto,
è indubbio, più difficile determinare gli schieramenti,
monchi nel mezzo?
tra la parte calciofila, senza poteri ne danari (difra e totti)
e quella che decide nell'ombra, sull'asse londra-boston,
tra prestiti e scommesse, aspettando lo stadio.
la stagione scorsa il primo l'ha spuntata, dopo la ribellione di gennaio, grazie ai risultati del campo (3a piazza, la semifinale di CL, soprattutto) che, di fatto, han dimostrato come le scelte del secondo (pallo & baldini) siano, non solo calcisticamente, scellerate.
quest'anno, con la squadra in difficoltà, pallo,
o ha proprio lanciato un ricatto all'ambiente romano (inteso come governo e banca) e romanista (come dice lo zio), oppure...
stanno finendo davvero i soldi?
trovo assurdo che la roma debba stare al guinzaglio di uno che rifiuta di metterci la faccia (senza il dover dimostrare l'esattezza dei suoi consigli)
   
 
 gerryrosso 
225 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
11
x Harry, che scripsit: ...molto plausibile, gerry,
fin troppo [epperché mai troppo?, se è plausibile basta e avanza... Nota di Gerry].
ma che c'azzecca con quel minimo di possibili nostre speranze?
bada bene, non ho detto godimento o felicità...
Rispondo: Infatti, NON c'azzecca. Ma è tutto il Calcio taliàno che oggi c'azzecca niente o quasi con i sentimenti tifosi.
Comunque Baldini per me non è l'infame: è il consigliere che zio Pallo reputa più affidabile e che si è scelto per tenere gli indigeni un po' a distanza...
x Iulius: è proptamente così, ma la necessità di affidare il Pupone a qualche coppia di bravi genitori timorosi di Dio è l'ultimo dei problemi, sent'ammè...
x Zio: ogni tanto mi ricordo del mio prof di storia antica che parlava di "congiure di Palazzo"... Forza Roma
   
 
 ziolupone 
416 - Medaglia d'argento
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
10
NON VOGLIO ACCUSARE NESSUNO; voglio solo dire la mia.
Che la Roma (sportiva) quest'anno abbia pagato le lotte dirigenziali di potere, non vi è dubbio. Tempo fa, parlai del triumvirato Romano (DiFra-Monchi-Totti) che si contrapponeva al duetto PalloDini d'oltremanica; già l'anno precedente, in verità, il triumvirato attraversò delle acque burrascose, dopo l'uscita del libro del Pupone e l'andamento altalenante della Maggica fino a Gennaio, se non ricordo male.
Poi, la Maggica Difranceschiana, con il pressing alto simil assimilato dai centrocampisti e con il portiere "libero" oltre che spiedrmaneroso, aggiustò il tiro, facendo vivere una notte (diverse, a dire il vero, soprattutto in Champions) Maggggica ai tifosi e al presidente, ma anche alcune traggggiche.
Fatto sta che la Roma, "forte" anche dei suoi uomini forti, aggiustò la stagione, che pure fu, per certi versi, difficile.
Quest'anno, a mio avviso, abbiamo pagato gli effetti delle lotte di potere, che i traguardi sportivi della Maggica hanno solo mitigato, partendo già dalla campagna acquisti-cessioni, già molto tribolata a livello mediatico: troppo incancreniti i rapporti tra il Ninja e Monchi; troppo alta l'offerta per Alisson, che si credeva di poter tranquillamente rimpiazzare con 2 portieri esperti e "normali"; sbagliata, questa sì, tempisticamente, la cessione di Strootman, anche se l'olandese ha affermato di averci messo del suo, x andarsene. Mettiamoci gli acquisti "fallimentari" (emblematico l'aver scartato, ancora non si sa perché, Zijech) e le "scommesse" Schick e Karsdorp naufragate e la stagione è stata fortemente indirizzata verso il "baratro". Mettiamoci, poi, la "coppia" che ogni 2-3 voleva cacciare DiFra, Monchi che faceva scudo, Pallotta che non ha scucito un soldo a Gennaio (per ripicca contro Monchi? per fare pressione sullo stadio? chi lo sa...) fatto sta, che alla fine ha prevalso una linea mediana, con Monchi e DiFra sfanculati e Totti chiamato a metterci una pezza a colori. Totti ha chiamato Ranieri, per aggiustare le cose e, in parte, c'è riuscito. Morale della favola? L'anno prossimo a me sta bene che si faccia una "rivoluzione": la cosa importante, IMPORTANTISSIMA, però è che le "anime" dirigenziali viaggino concordi, facendo, l'UNA E L'ALTRA un passo verso l'altra. In caso contrario, i giocatori avranno 1000 alibi e ognuno potrà dire il cavoletto che gli pare, con effetti ULTRAnefasti, a livello mediatico e, soprattutto, sportivo!
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
9
cambiano le prospettive ma,
pur nel tuo funesto paesaggio,
baldini fa sempre l'infame.

infattamente suggerivo un leonardo non il nostro francesco (che mai lasciò la roma papalina), uno che ha girato il mondo e che ha sempre preteso decoro,
quando impossibile lo sfarzo.
kaka, pato, thiago silva, ibra, cavani, oggi deve accontentarsi di paqueta e piatek.

preferire gazidis a leonardo, inseguendo uno come luis campos (amico di mendes),
vuol dire semplicemente che elliott, pur più ricco,
è della medesima pasta di pallotta.
povero nostro calcio
   
 
 Iulius 
671
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
8
Insomma Ger noi siamo la sposa (Roma) che dopo 8 anni ha scoperto di essere stata sposata per interesse (solo dello sposo) dopo aver pattuito con la banca e un quarto incomodo che sta a Londra il menage a 4.

Vogliamo il divorzio con affidamento del Pupone!
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
7
molto plausibile, gerry,
fin troppo.
ma che c'azzecca con quel minimo di possibili nostre speranze?
bada bene, non ho detto godimento o felicità...

continuando così ci trasformano a tutti gli effetti in clienti da mungere
e basta.
meno peggio fallire che rimanere al guinzaglio di sto matrimonio infelice.
lo so, lo so, possiamo sempre andare a zoccole (nobile mestiere!)
o ricominciare a fumare
   
 
 gerryrosso 
225 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
6
Se leggo bene fra le righe delle parole (non tue, Harry, ma di zio Pallo) e fra le righe degli avvenimenti presenti e prossimi passati, l'ultima cosa che farebbe zio Pallo è quella di mettere le scelte fondamentali della Roma in mano ai suoi ex-dipendenti calciatori Romani: di cui, invece, ha rigorosamente rispettato fino alla loro più conveniente/naturale scadenza i contratti pedatorii trovati già apparecchiati con l'acquisto della società da Rosella/Banca. In più, di Totti ha rispettato anche l'altro contratto, quello atipico e chissà perché concesso, di "dirigente" designato ancor prima di smettere di jocàr. Ma non si è sognato mai, 'o Mericano, di conferirgli tìtuli e priorità decisionali.
Ciò è apparso al Tifoso una mancanza di rispetto vs amatissimi Eroi locali; mentre, invece, era solo la minimale prudenza di uno che arriva su una piazza che non conosce e rischia di ritrovarsi DIETRO ai suoi dipendenti, perché stanno lì da prima di lui e sono più amati di lui dal Pòpulo: follia che nessun serio acquirente farebbe, in nessun posto del mondo.
Perciò io ho auspicato (magàra, ahò!..) sor Carletto e non sor Checco presidente. Perché il primo non farebbe ombra al Capo per stato, condizione e civiltà, a meno di divergenze profonde sulla Roma e/o la Romanità; mentre il secondo gliela fa già, e pure in una giornata senza sole. Se non fosse così, il Principo Raniero (altro Romano-Romanista già presente e fortemente radicato nell'Urbe) sarebbe già stato confermato.
E se non fosse così Baldì non conterebbe quanto contò, e conta. Insomma, per me, lui contò e conta perché è UNO che SA TUTTO il pregresso di Società ed eroi (se non ci credi cfr il suo curriculum vitae coi Sensi) e NON vive a Roma!. Eppoi, siccome gli Eroi non hanno neppure mosso un dito per lo stadio, ma che è pazzo zio Pallo a metterseli affianco (cioè davanti)?
Rassegniamoci, dunque: è stato un matrimonio d'interesse quello fatto dalla Banca con il Mericano; e i matrimoni d'interesse vanno così. Quelli d'Amore si fanno con altre persone e con altri mezzi: cioè, o ti accontenti di 2cuori e la capanna, o lo sposo c'ha i soldi non solo per comprare ma soprattutto per mantenere nel lusso la capannae quando li finisce se la vende quanto più libera possibile da persone&cose, compresa i parenti più stretti della sposa. Tertium non datur. Forza Roma.
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
5
a sor magara gli voglio un sacco di bene, gerry,
il mio favorito, per certe vene,
perfino al barone...
loro due su tutti.

ma potrebbe, farebbe, solo il presidente onorario,
con l'altro, assente,
fan due, poco utili alla contesa?

tanto vale convincere totti (affiancandolo) avendere l'anima a un moggi?
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
4
in effetti, gerry,
il psg, che prima non fu quasi niente,
dal 2011 ha vinto solo 6 campionati, sei (degli 8, otto, in tutto),
più qualche coppetta.
ma a "noi", che ce frega, che ce 'mporta?
bah!
o la champions o niente...
   
 
 Iulius 
671
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
3
Harry so d'accordo, serve una figura che, anche con la nuova proprietà, rivesta una figura a 360 gradi da manager della squadra a scopritore di talenti, da portavoce della la società fino a simbolo dei colori giallorossi all'estero.

Chi se non Totti?
E' ora che il pupone spicchi il volo, diventi grandi, si prenda le sue responsabilità e faccia fare il salto di qualità alla società.
Certo deve avere carta bianca e piena credibilità dalla società sennò è perfettamente inutile la sua presenza così tanto per ricordarsi che qualcuno nella Roma è stato grande.
Duole fare un nome della concorrenza: Tare ex giocatore albanese della Lazio ora ds a tutto tondo, perfettamente sconosciuto di bilanci, società, e contratti fino a poco tempo fa ora stimatissimo ovunque.

"Metodo Tare? Non c’è, e non ci sono osservatori: non amo lavorare in tanti - dice -. Ho un collaboratore per i dati, uno che mi prepara clip dei giocatori, uno per l’analisi degli avversari. E poi i report di tanti amici in giro per il mondo. Ma la cosa che fa davvero bravo un d.s. è capire prima come può diventare un giocatore sconosciuto. E vederlo non basta: ci devi parlare“.

Per me dev'essere così s'è visto col fallimento di Monchi che aveva 300 osservatori.
Pochi collaboratori ma buoni.

Gerry l'arabo non è un fine, è un mezzo, quello economico.
Il nuovo proprietario non lo possiamo scegliere, è lui che sceglie noi.
Gli arabi non hanno ancora vinto, però hanno fatto quello che dovevano: mettere i soldi, investire, a noi quello serve, non è che siano grandi conoscitori di calcio esattamente come i cinesi, ma appassionati si, non sono imprenditori che vengono qui per lucrare perché il loro obiettivo non è fare i soldi col ballun come Pallotta, ma portare avanti l'immagine del loro paese attraverso le vittorie della squadra.

Come vedi i loro obiettivi coincidono coi nostri..
   
 
 gerryrosso 
225 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
2
Ma siamo sicuro, amigi, che l'Arabo ami Roma, e non i soldi degli affarucci suoi, più del Mericano? Io, dico la verità, potessi scegliere, preferirei un magnate russo: più conseguente, meno contorto, bizantino, meno milleeunanotte. Che poi, si sa, con l'Arabo, il Psg ha vinto tutto...
Ah, un Carletto Mazzone presidente... Forza Roma.
   
 
 Harry 66 
347 - Medaglia di Bronzo
Rispondi Segnala Risposta Tutti i Messaggi
Area Utente
Login
1
se per quello il popolo, troppo spesso?
è pure bue
😜

aspettando i qatarioti,
pallo nun fa' come lotito!
che tira tira ma alla fine stringe sempre molto meno di quel che avrebbe potuto...
innanzitutto ci servirebbe un presidente.
punto.
il resto vien di conseguenza.

a maggior ragione, non volesse vendere,
manco mollare lo scranno?
boh, vai a capire che se ne faccia (se non danni)
necessario come il pane un amministratore delegato che tratti "di pallone",
non solo di speculazioni o d'intrallazzi.
totti (a prescindere da capacità e autorevolezze presenti e future), da solo,
non basta a controbilanciare gli altri uomini del presidente (?),
baldini, baldissoni mo fienga...
ci affossano già in partenza.

senza questo plenipotenziario,
e con l'allenatore mai manager (giustamente imho, al 99% non fa per lui/loro, di ferguson uno ce ne fu...), la figura dei sabatini, poi monchi, tende a valicare,
"colmare" il vuoto che si viene a creare con la proprietà.
ritengo: per assoluta volontà delle parti assenti,
sia pallo che il pifferaio londinese (o viceversa che sia).
massara è quel che è,
petrachi? sempre fatto "l'esecutore".
mentre a noi servirebbe più uno (non quello, neh?) come il marotta ora all'inda.
dove, piuttosto che basi, in pochi mesi ha demolito di brutto, 😂.

vi (ri)faccio un nome: leonardo (nascimento...).
che al milan si sta prendendo colpe non del tutto (se, non proprio) sue,
capitando in un ambiente altrettanto complicato, inarticolato e IMPERSONALE,
frustrato e depresso?
col diavolo (e il biscione cinese, se per quello) che si mordon la coda come la lupa.
leonardo è persona di mondo, poliedrica, infiltrata e informata,
compentente perfino nell'allenare e pure come talent-scout.
nel caso, sa prender pure a testate arbitro e var.
l'ideale anche per far fuori, finalmente,
quello che vuol sempre metterci il becco e mai la faccia.
lui uno che potrebbe riportare il pallone al centro de l'as,
tentare di ricucire l'as al bandierone
Avvertenze e Regolamento del Forum
Ogni opinione espressa nei commenti è unicamente quella del suo autore, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato.

Il dibattito in questo forum è moderato. La Redazione si riserva il diritto di modificare, rifiutare, sospendere un commento o bloccare un nickname a suo insindacabile giudizio. Il non rispetto delle regole, provocherà il blocco definitivo dell'utente.

I messaggi sono pubblici e possono essere letti da tutti gli utenti, anche da persone che non fanno parte di questo forum, quindi consigliamo di non inserire informazioni personali.
Solo gli utenti registati nell'area riservata 
Area Utente
Login
 posso rispondere e inviare nuovi messaggi.

Regole dei cartellini gialli e rossi

I cartellini gialli e rossi, vengono assegnati agli utenti che hanno subito una segnalazione , approvata dal Moderatore del forum (di seguito Moderatore), per comportamento non rispettoso nei confronti delle persone e delle regole del forum, con il seguente criterio:

- Verrà assegnato un cartellino giallo alla prima segnalazione approvata dal Moderatore;
- Verranno assegnati due cartellini gialli alla seconda segnalazione approvata dal Moderatore;
- Verrà assegnato il cartellino rosso alla terza segnalazione approvata dal Moderatore che comporterà l'espulsione dal forum dell'utente segnalato in modo temporaneo (minimo un mese) o definitivo.
- Verrà assegnato direttamente il cartellino rosso e conseguentemente l'espulsione definitiva dal forum se il Moderatore riterrà grave il comportamento dell'utente segnalato.

Si fa presente che il Moderatore potrà assegnare direttamente cartellini gialli o rossi, anche senza la segnalazione da parte degli utenti.

I cartellini gialli potranno essere tolti dal Moderatore in base al futuro comportamento dell'utente segnalato.

I post segnalati, verranno cancellati e contrassegnati con la dicitura "spam".

La segnalazione dovrà essere effettuata esclusivamente utilizzando il link " Segnala post" che si trova di fianco al messaggio che si vuole segnalare al Moderatore.

Si precisa che le decisioni del Moderatore sono inappellabili.

Medaglie per gli utenti più attivi

Medaglia d'oroMedaglia d'oro: utente che ha più di 600 messaggi attivi
Medaglia d'argentoMedaglia d'argento: utente che ha più di 400 messaggi attivi
Medaglia di BronzoMedaglia di bronzo: utente che ha più di 200 messaggi attivi
I messaggi più vecchi vengono cancellati automaticamente.

Il Responsabile si riserva il diritto di modificare la suddetta informativa previo avviso all'utente, da effettuarsi mediante pubblicazione della versione aggiornata all'interno del sito RomaForever.it.