facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 13 novembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Da zona Cesarini a zona Colosseo: l'attitudine nichilista del 95'

Sabato 09 novembre 2019
Zona Cesarini o Zona Colosseo? Il finale delle romane è "hot". Scotta come il pallone tra i piedi. Roma e Lazio si tengono alla larga dall'happy end. Brutta abitudine. E l'Europa non le aspetterà. Gli altri continuano a pedalare e loro crollano. Perché? C'è un imprevedibile e invisibile dettaglio di sistema: l'insicurezza dei collettivi cui manca un vero leader in campo. Per quei pochi minuti cruciali, Celtic e Borussia sono apparse, emotivamente, di un altro pianeta. Cosa che non è. Ma può diventare se uno si impegna (alla rovescia). Questa presunzione di decidere arbitrariamente quando la partita deve finire, in Europa non te la perdonano. E nemmeno Italia, se è vero che anche la Spal ha colpito Inzaghi in quel lembo di mare, con la terra a un passo, in cui pensi che la traversata sia finita. Perdi concentrazione anche per un solo minuto, magari l'ultimo, e lì si spalanca l'abisso. Prendere lezione dal City che difende in 10 e con un giocato re di movimento in porta il pareggio con l'Atalanta. Non aprirsi, non accanirsi, non cercar vana gloria. Meglio fare quadrato. Un pareggio è sempre meglio di una sconfitta. Giovedì sera Roma e Lazio hanno servito alle avversarie la loro debolezza meno quantificabile: il carattere. E quando giochi le fasi conclusive paralizzato dalla paura che qualcosa possa andar male, qualcosa andrà male di sicuro. Tutto diventa più rigido. Dal muscoli dei giocatori al viso dei tifosi. All'Olimpico Berisha ha commesso un errore inspiegabile in uscita e senza pressioni. In Germania Fazio e Smalling hanno lasciato a Thuram spazio e tempo sufficienti per bersi un aperitivo prima di colpire di testa. Solo episodi di negligenza difensiva? Potrebbe sembrare. Ma in realtà il guasto parte da molto più lontano e coinvolge le squadre nella loro globalità. le rose, le società, i tecnici e lo spirito dei loro tempi (in campo). La sconfitta all'ultima curva è mentale. Paradossalmente ancor più della Champions, l'Europa League pretende un surplus di energie nervose. Ed è sempre in agguato la sensazione che si tratti di una manifestazione più scomoda che attraente. Le italiane vorrebbero arrivare in finale senza faticare né soffrire. E senza doversi preoccupare dei Cluj o del Basaksehir. Ma purtroppo {o per fortuna) non funziona così.
di E. Sisti
Fonte: La Repubblica
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 12 nov 2019 
Fiction "Un Capitano", ecco chi interpreterà Francesco Totti
Il regista Luca Ribuoli dirigerà sei episodi da 50 minuti ciascuno per Sky
Calciomercato Sampdoria, Ferrero chiama Florenzi: "Mi piacerebbe prenderlo, magari!"
Il presidente blucerchiato accoglierebbe il terzino della Roma a braccia aperte
BALBO: "Dzeko è un campione. Florenzi? Strano che non giochi ma Fonseca non è matto"
"Florenzi sente il peso della fascia. Mi dispiacerebbe se andasse via"
SPINAZZOLA a Villa Stuart per gli esami strumentali al flessore destro: niente lesioni
Niente lesione al flessore della coscia destra per Leonardo Spinazzola: il terzino...
Mkhitaryan sceglie la Roma: no all'Armenia per tornare al top già contro il Brescia
Manca da 40 giorni per infortunio, ma dopo la sosta sarà a disposizione e Fonseca pensa di schierarlo subito per aiutare uno Dzeko in difficoltà
Parma-Roma 2-0, Le Decisioni del Giudice Sportivo
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
Calciomercato Roma, Mertens in partenza dal Napoli: anche i giallorossi su di lui
Il caos che sta sconvolgendo il Napoli in questi giorni potrebbe avere dei risvolti...
Petrachi a caccia di affari low cost, ma il sogno resta sempre Hysaj
Il ds sta cercando un centravanti e un terzino: gli occhi puntati sulla Premier e in Bundesliga
Capello sul caso Ronaldo: "Anche io a Roma tolsi Totti contro la Juve, poi Francesco capì"
Fabio Capello, ex allenatore tra le altre squadre anche della Roma, ha commentato...
Ora prepariamoci a una lunga volata
Sarà un cammino lungo, difficile e faticoso. Ma non solo per la Roma. [...] Non...
La Roma aspetta rinforzi
Il conto è arrivato tutto alla fine. Salatissimo. La Roma ha perso le ultime due...
Da Smalling e Under fino a Kolarov: quando la sosta non è uguale per tutti
La sosta è uguale per tutti (nazionali e non), ma per alcuni è più (o meno) uguale....
Fonseca: con Mkhitaryan la mia Roma volerà
Il tecnico giallorosso fa il punto della situazione dopo la sconfitta di Parma: "Sono ottimista per il futuro"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>