facebook twitter Feed RSS
Domenica - 17 novembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Urla e rimproveri a Trigoria: Paulo il sergente non fa sconti

Sabato 13 luglio 2019
Le uniche grida che si sentono a Trigoria sono quelle di Paulo Fonseca, che ha bandito dagli allenamenti risa e schiamazzi. Il club aveva bisogno di cambiare registro, ricominciare da zero dopo una stagione deludente sia in termini di risultati ottenuti, che per i comportamenti tenuti da qualche protagonista. Il portoghese si sta dimostrando un tecnico motivatore, in linea con le necessità della società e attento a quelle dei giocatori; ma è anche un sergente di ferro che non intende lasciare spazio a distrazioni durante le 2 ore di allenamento. È lui che ha chiesto di blindare le sedute rendendole inaccessibili alla stampa, alle telecamere del club e ai tifosi (trovando terreno fertile nel ds), contravvenendo a una tradizione di ritiri ormai consolidata da decenni. A Fonseca dei curiosi non interessa, chi vorrà seguire la Roma lo farà in occasione delle amichevoli o quando comincerà il campionato. Una riservatezza che, sperano a Trigoria, porti a risultati tangibili e vittorie nel breve periodo per risollevare un ambiente depresso da addii e cessioni.

INCESSANTE - Fonseca lo aveva detto subito: «Conta costruire il futuro». E per farlo si è affidato alle sue doti da trascinatore, stimolando i calciatori con grida, una forte gestualità e discorsi carismatici. Durante l'allenamento di ieri mattina ha diviso la squadra in due gruppi per svolgere un esercizio sul possesso palla. Ogni sessione durava all'incirca 3 minuti durante i quali il tecnico ha chiesto a più riprese un pressing continuo: «Quando pressiamo camminiamo e andiamo in inferiorità numerica», ha sottolineato, riprendendo qualche calciatore che non eseguiva le direttive. Fra questi Nzonzi visibilmente sfinito dagli allenamenti e forse consapevole di essere sul taccuino dei cedibili e, quindi, non all'interno del progetto tecnico. In confusione anche Under per via della lingua, ma su di lui Fonseca ha intenzione di puntare. Cosa che non potrà fare con Dzeko, che ormai si è promesso all'Inter, ma che in un colloquio avuto con l'ex tecnico dello Shakhtar si detto disponibile ad aiutare i compagni e a motivarli negli allenamenti. Così, il bosniaco, insieme a Kolarov e Florenzi, guida sempre il gruppo durante la parte atletica. La nuova Roma sta nascendo e ha in Fonseca il suo cardine, sulle sue spalle il peso di una rinascita obbligata che - al momento - non sembra pesargli.
di R. Martini
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Sab. 16 nov 2019 
Florenzi: "Fonseca sceglie altri e lo rispetto, ma io voglio metterlo in difficoltà"
Al termine della bella vittoria dell'Italia sulla Bosnia, Alessandro Florenzi ha...
CALCIOMERCATO Roma, ag. Veretout: "Ero convinto di portarlo al Milan, poi è arrivato Fonseca.."
Mario Giuffredi, agente tra gli altri di Jordan Veretout, ha palato a Radio Kiss...
Niente Eur o Casal Palocco, i calciatori della Roma ormai scelgono il centro per vivere
Cambiate le abitudini del passato: Fonseca, per esempio, ha scelto una delle vie più belle di Monteverde per vivere l’atmosfera della Capitale. Con lui, Kolarov e tanti altri...
Un virtual coach in panca: ecco la novità per la serie A
Dall'inizio del girone di ritorno del campionato, a gennaio, la Lega Serie A doterà...
De Gregori in concerto con la maglia del suo idolo Di Bartolomei
Si tratta di una t-shirt con l’immagine di Ago già scelta per la locandina dei suoi ultimi live. Il figlio dell’ex capitano della Roma ha commentato: “Su quella maglia non è Ago, ma un ragazzo della periferia di Roma che prova a comportarsi in maniera civile e a fare il suo lavoro con serietà e professionismo. Uno dei tanti romani che non sbraita, che non scoatta”
Kean alla Roma: Petrachi all'assalto. Ecco il piano
Prestito di 6 mesi con diritto di riscatto non oltre i 23 milioni
Dirigenti, stadio e nuovi soci. Roma nel futuro
Una squadra tutta nuova sul campo, una dietro la scrivania che ha stravolto i suoi...
Minacce e un proiettile a Conte. Decisa la vigilanza per l'allenatore
Le pattuglie in strada di polizia e carabinieri passeranno con più frequenza intorno...
Mkhitaryan freme: niente panchina, pronto per giocare
Per recuperare al meglio la condizione fisica, dopo la lesione tendinea all'adduttore...
Under, dalla Turchia con furore: la nazionale per convincere Fonseca
A inizio stagione era titolare indiscusso. Il debutto con gol al Genoa (più l'assist...
Kean o Dani Olmo: la Roma studia colpi e soluzioni per il suo futuro
L'azzurro piace, può arrivare a gennaio. Lo spagnolo è un obiettivo di tante big europee. Sullo sfondo anche il baby croato Gvardiol
Florenzi, un po' di gamba e tanta voglia: ora l'azzurro è il suo paradiso a tempo
Strano vederlo lì, tra gli undici. Petto in fuori, pure. A cantar l'inno. La maglia...
La grande occasione della Roma
Archiviata la sosta, è tempo di tornare a lottare per il vertice. Domani alle 14.30...
CALCIOMERCATO Roma, Petrachi ancora al lavoro per trattenere Smalling: gli aggiornamenti
Gianluca Petrachi continua a lavorare per trattenere Chris Smalling, il cui cartellino...
PAU LOPEZ: "Spagna un premio, bello esordire con la Roja in una gara ufficiale"
Quella di ieri è stata una serata indimenticabile per Pau Lopez, che ha esordito...
 Ven. 15 nov 2019 
Pastore: "Ibrahimovic alla Roma? Perché no, è un grande. Ho un bel rapporto con lui e la famiglia"
Il trequartista argentino sullo svedese: "Abbiamo un bel rapporto con lui e la famiglia, in privato è un personaggio diverso rispetto a come si mostra in pubblico. Sarebbe bello riavere Ibrahimovic come compagno di squadra. Non vado via dalla Roma"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>