facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 16 ottobre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

PASTORE: "Non ho avuto continuità, ma non vedo alcuna ragione per andarmene"

"Interesse di Boca e River? Con me non ha parlato nessuno"
Sabato 15 giugno 2019
Javier Pastore, centrocampista della Roma, ha rilasciato un'intervista. Queste le sue parole:

Qual è la tua analisi per questo primo anno nella Roma?
"È stato un po' strano. Perché sono venuto a Roma per provare a giocare di più ed essere indispensabile per la squadra. Questi erano il mio desiderio e quello del club. Ma per diversi motivi non è stato così. Non ho avuto tanta continuità, ma niente di così negativo. L'importante è che poi sono stato bene, che ho giocato di nuovo e segnato diversi goal. Sono molto felice. La cosa più importante è che sono uscito dal circolo vizioso delle continue lesioni nei gemelli. Inizierò la pre-season con obiettivi molto più alti e con il desiderio di rendere un anno più competitivo e bello di quello che è passato."

Com'è stato tornare a un calcio che ti ha fatto formare e che ti ha permesso di fare il salto in nazionale e in Francia?
"Il ritorno in Italia è stato qualcosa di molto bello per me. Ho la mia famiglia che viene dall'Italia, i due anni a Palermo sono stati meravigliosi. Ho fatto il salto in Europa e questo mi ha permesso di andare alla squadra nazionale e al PSG, dove ho trascorso sette anni positivi. Sono diventato campione molte volte, sono cresciuto come giocatore e come persona. Ho sempre pensato di tornare in Italia, dopo tanti anni in Francia. C'era la possibilità di andare a Roma, che è un club molto grande con giocatori importanti e che ha grandi obiettivi che cercheremo di soddisfare. È una tappa diversa da quella iniziale con quella del Palermo, la cui discesa mi ha ferito. L'ho seguito e doveva salire e, a causa di problemi finanziari, è dovuto scendere in serie B. Ho amici che erano persino entusiasti di giocare con la Roma, quindi ci siamo visti."

In questa fase di rinnovamento della squadra nazionale argentina?
"Quando ho visto che la selezione si stava rinnovando molto, sapevo che non sarei stato chiamato. I giocatori scelti erano molto più giovani di me, stanno facendo cose molto bene in Europa, e hanno meritato questa chiamata per provare a dimostrare le loro condizioni nella squadra nazionale. È giusto. Lo meritano. Come quelli che ci sono andati sempre. Sono di gran lunga il migliore dei tre campionati più forti d'Europa. (Ángel) Di María, (Lionel) Messi, (Nicolás) Otamendi e (Sergio) Agüero sono ai massimi livelli. Sono molto d'accordo con i nuovi progetti della selezione. Ci sono persone addestrate, che hanno fatto carriere molto importanti come giocatori in Europa e che ora sono DT o assistenti. È positivo. A (Lionel) Scaloni arriverà l'esperienza dei suoi collaboratori. I risultati sono stati positivi."

Il problema degli infortuni è stato un fattore determinante, ma quanto hai pensato di giocare nella squadra nazionale?
"La mia ultima partita nella selezione è stato nel 2016 e sì, sono stato condizionato dagli infortuni. Nel 2015, con Gerardo Martino, ho avuto l'anno più positivo. Ho giocato diverse partite iniziali nella Copa América del Cile. Mi ha dato fiducia. Nel 2016 mi sono fatto male diverse volte prima di andare in nazionale. Ho sempre voluto andare anche se non ero in una posizione. Volevo essere lì perché non ho mai detto no a una chiamata della nazionale. Anche se ho avvertito che non ero in piena forma. Alla Copa América 2016 sono stato anche infortunato, con la speranza di poter recuperare nelle ultime fasi. Stava ritardando tutto e sono arrivato bene per giocare la finale. Era normale che non mi avessero messo in finale, non avendo giocato in tutta la Coppa. Non potevo essere al 100%. Era illogico che giocassi."

Sempre credeva che tu saresti stato il partner di Messi, prima o poi. La stessa speranza esiste ora con Dybala e Suarez. Sarà dato?
"Sì. Questo è sempre parlato. Il partner di Messi o no... Il team deve cercare una squadra in cui "Leo" possa sentirsi a suo agio e giocare nel modo migliore. Che il rivale non sta solo pensando a lui. Trovare un partner per Messi non è la cosa più importante, ma mettere insieme una buona squadra in cui tutti possano sentirsi a proprio agio. Come tutti fanno nei loro club. Per quanto riguarda Dybala e Suarez, sono molto felice che ci siano dei Cordoban che ci rappresentano così. Dybala è una stella di fama mondiale. Suarez è andato al River a 30 anni e, con il livello che ha dimostrato, è andato in nazionale e giocherà la Copa América. Lui se lo merita. Spero che possa rimanere così per continuare a vincere."

Come stava giocando con Messi?
"È il migliore sta giocando con il miglior giocatore del mondo. Sono stato in grado di farlo ed è qualcosa che nessuno sarà in grado di tirarmi fuori. Sono stato toccato dalla bacchetta magica: ho giocato con lui e ho condiviso molte cose sul campo, nei campionati, nei costumi, nei rally e nei viaggi. Come è stato toccato dalla bacchetta magica per giocare a calcio ed essere ricordato per sempre."

Il presente e il futuro.
"Ho un contratto per altri tre o quattro anni. Non vedo alcuna ragione per andarmene. Dato che l'anno scorso non è stato così buono, mi piacerebbe davvero fare un anno importante qui. Voglio che mi conoscano per come gioco e per quello che posso fare. È quello che penso."

L'interesse di River e Boca era reale?
"Ci sono state molte chiacchiere, ma non so se c'era l'intenzione di assumermi da entrambi i club o da uno, con me nessuno ha parlato."
Fonte: mundod.lavoz.com.ar
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 15 ott 2019 
Roma, ecco quando torneranno Cengiz Under e Mkhitaryan
I giocatori stanno recuperando dalle rispettive lesioni muscolari: potrebbero essere convocati contro il Monchengladbach e scendere in campo nella gara contro i rossoneri di Pioli
Liechtenstein-Italia , Le Formazioni Ufficiali
Mancini, Cristante e Zaniolo dal primo minuto. Alle 20:45 il fischio d'inizio
L'Uefa promuove la nuova Trigoria: sarà sede di allenamento per Euro 2020
Alcune nazionali, tra cui Svezia e Ucraina, sono già venute a visionare il Bernardini...
LOTITO: "La Lazio dopo la Juve è la squadra che ha vinto più di tutte"
Ospite nella sede del Corriere dello Sport, il presidente della Lazio Claudio...
AG. DZEKO: "Sarebbe andato volentieri all'Inter, ma alla fine rinnovo con la Roma scelta migliore"
Silvano Martina, agente di Edin Dzeko, ha parlato ai microfoni di Sportitalia...
Tutto pronto per Totti procuratore: il campione si mette in proprio
Entro novembre l'ex capitano della Roma presenterà i piani per il futuro. Continuerà a collaborare con la Figc per Euro2020, ma sarà soprattutto mediatore nel mercato italiano e non solo
RANIERI: "Sono tifoso della Roma ma in campo non ci saranno amori. Vinca il migliore"
"Bizzarro che arrivi sempre al posto di Di Francesco, spero non ce l'abbia con me"
Calciomercato Roma, tutto su Pellegrini: pronto un nuovo contratto
La società ha deciso di investire su Lorenzo: per lui un rinnovo di altri due anni (fino al 2024), la clausola da cancellare e la maglia numero 10
Petrachi, fissata per lunedì la convocazione in Procura
È stata fissata per lunedì 21 ottobre l'audizione di Gianluca Petrachi presso la...
I numeri di Ranieri spaventano la Roma
Rispettato e molto amato dalla maggioranza dei tifosi romanisti - la stragrande...
Italia, Zaniolo guida la linea verde
L'Italia riparte da Zaniolo. Dopo aver conquistato la qualificazione ai prossimi...
Kluivert, il talismano di Fonseca
C'è un imbattuto nella Roma. Si chiama Justin Kluivert e in questi giorni in Olanda...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>