facebook twitter Feed RSS
Domenica - 26 maggio 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

RANIERI: "A De Rossi andava detto in un'altra maniera. Fossi rimasto avrei chiesto di tenerlo"

SASSUOLO-ROMA LA CONFERENZA STAMPA DI CLAUDIO RANIERI: "Mi auguro che quanto successo possa essere uno stimolo positivo, ormai i giocatori sono abituati a tutto. Pellegrini dovrebbe farcela. Non so i progetti di Pallotta per il futuro. Tra due partite finirò il rapporto con la AS Roma"
Giovedì 16 maggio 2019
Claudio Ranieri, mister della Roma, è intervenuto in conferenza stampa a due giorni dalla partita contro il Sassuolo. Queste le sue parole:

E' stata una settimana diversa dalle altre. E' finita in secondo piano la partita col Sassuolo. Una settimana come questa potrebbe avere una conseguenza negativa o positiva sulla squadra, è più preoccupato o spera che possa essere uno stimolo per le prossime due partite?
"Io credo che debba essere uno stimolo positivo e propositivo. Ormai i giocatori sono abituati a tutto. Poteva essere uno stimolo negativo anche il fatto di tutte quelle le voci sull'allenatore del futuro, i ragazzi non hanno mai mollato. Mi auguro invece che questo fatto sproni a fare bene, ci sono due partite da completare, c'è ancora una piccola possibilità però dobbiamo avere la coscienza a posto di aver fatto il massimo che potevamo fare."

Come stanno i giocatori, in particolare Zaniolo e Pellegrini?
"Zaniolo riprende oggi, aveva il polpaccio indurito, ed oggi farà differenziato, mentre gli altri differenziato. Pellegrini ha una cosa che gli cresce, credo di averlo a disposizione sabato o al massimo per la prossima settimana."

Ieri si è parlato di "testa grigia" e così via. Volevamo verificarle...
"Non mi sembra di aver detto queste cose. Quando i nostri tifosi chiedevano spiegazioni della fine del rapporto di Daniele con la Roma ho detto sicuramente a Londra ed a Boston. Chi decide sono loro e la persona che gli sta più vicino è in Inghilterra."

Vuole rassicurare i tifosi per i progetti del futuro di Pallotta?
"Non li so, non ne possono aver parlato con me sapendo che tra due partite finisco il rapporto con la Roma. In ogni società di calcio ci sono ricambi, per cui ci sta. Lo abbiamo visto anche in Italia di squadre che hanno perso punti di riferimento. Forse a Daniele andava detto in un'altra maniera e dargli il modo di pensarla bene, ma non è stato dato. E' la legge del calcio: la società vuole cambiare e scegliere i giocatori, così come i giocatori scelgono società, queste scelgono allenatori, direttori sportivi. Hanno un amore sviscerato per la squadra, una considerazione più attenta avrebbe richiesto più attenzione."

Se le fosse stato offerto il ruolo da dirigente che cosa avrebbe fatto con De Rossi?
"Io avrei detto: 'Lo voglio perché so che capitano è, che uomo è'."

Quanto incide Baldini sul lavoro quotidiano?
"Con me non incide affatto. Non lo so che rapporti abbia con il presidente, qui non incide. In generale non lo so, non conoscendo quello che fa."

De Rossi nello spogliatoio fino a dove arriva?
"Si parla sempre di leader. Ci sono vari leader: per la società, per i giornalisti, per i tifosi o per i social. Ci sono anche i leader per l'allenatore. Lui è l'allenatore in campo, gli puoi parlare e ragiona con la mentalità fine alla squadra. Questi sono i leader che vogliono gli allenatori."

Si aspettava di trovare una situazione così diversa?
"Sapevo di trovare una squadra giù mentalmente, non fisicamente, e le mie forze sono state principalmente per questo e fargli ricredere nel senso della squadra. Queste cose non mi aiutano. Quanto possono aver inciso le chiacchiere nella partita di Genova? Non lo posso verificare. Avevo chiesto aiuto ai tifosi e ci hanno aiutato a vincere partite difficilissime, io posso solamente ringraziarle."

De Rossi ha parlato anche di Totti, dicendo che spera che incida di più in società. I tifosi dicono di lasciare la Roma. Che dice a Totti in questo caso?
"Ogni persona intelligente capisce che sono decisioni che deve prendere Francesco, non so quanto potere abbia. Io so che mi ha chiamato, quindi era uno che conta e che decide. Io non so quanto all'interno di questa crescita, visto che non può smettere di giocare e fare il dirigente, quanto sia felice e soddisfatto. Sono domande da rivolgere a lui e non a me."

Sono 11 anni che non si vince un trofeo alla Roma. Puoi dare un consiglio dall'alto della tua esperienza su come si può vincere?
"Io non so i programmi e mi è difficile rispondere alla domanda. Io credo che un fatto importante sia la costruzione dello stadio. Farlo per poi programmare una Roma grande. E' una mia considerazione che tiro fuori leggendo quello che scrivete voi. Io sto pensando solamente alla squadra, cercando di tirare fuori il massimo ogni partita. Mi sono messo l'elmetto per aiutare la squadra e tirare fuori il meglio."

Cosa direbbe ai tifosi della Roma?
"Il tifoso si sente partecipe in tutto e per tutto, è una piazza particolare. L'Olimpico pieno ti soffia dietro e ti permette cose che in altri stadi sono impossibili. Il tifoso dice spesso che il Presidente è distante e così via, ma io ho trovato poche volte il presidente vicino alla squadra. Al Leicester il vecchio presidente l'ho visto più volte adesso che prima. Abramovic credo di averlo visto io più di tutti, Sarri forse non l'ha mai visto. Tu lavori sul campo ed il resto non interessa, l'importante è che quando hai bisogno di qualcosa ci sia qualcuno, questo è importante, il resto non conta. Non è importante la presenza di un presidente, ma che tutto vada come deve andare."

Come ha visto De Rossi in questi giorni?
"Sembra strano ma ancora non ci siamo parlati (ride, ndr). L'ho visto bello e motivato come sempre. Dentro di sé sarà sconvolto, non dormirà la notte immagino. Chi ha dato tutto ed ha giocato anche non al 100% lo ha fatto per l'attaccamento alla maglia ed ai tifosi. E' normale, ma ancora devo parlarci."

Sarà una Roma col 4-3-3 o il 4-2-3-1?
"Sto studiando. Il Sassuolo è una squadra ben organizzata, ho visto la partita d'andata. Mi sto facendo un'idea, ma vediamo i prossimi due allenamenti e deciderò."

De Rossi giocherà contro il Sassuolo?
"Parlerò con lui e vedremo."

Che cosa consiglierebbe a De Rossi per la prossima avventura?
"Vuole continuare a giocare ed è giusto che sia così. Ha già la mentalità da allenatore, il padre lo è. E' un leader positivo, non pensa al suo ego ma al bene di tutti. C'è una visione d'insieme e non da singolo giocatore."

Chiude la conferenza Ranieri: "Mi auguro che l'ultima partita all'Olimpico sia una festa, ci sarà tempo per le contestazioni. L'ultima partita sarà una dimostrazione d'amore per Daniele che è la cosa più importante".
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Sab. 25 mag 2019 
Arrestato a Roma un agente sportivo: molestava i piccoli calciatori giallorossi
L’uomo, 53 anni, è stato fermato in flagranza di reato. Prometteva ai ragazzini una carriera luminosa e ne abusava sessualmente
Curva Sud: "Fuori la voce per la Roma e per Daniele De Rossi. Salutiamo l'ultima bandiera"
"Salutiamo l’ultima bandiera che lascia i nostri colori”
La lettera di De Rossi ai tifosi della Roma: "Nessun mai vi amerà più di me"
De Rossi, lettera di addio ai tifosi della Roma: "Lascio la fascia a Florenzi"
Roma-Parma, i convocati
Ecco i 25 convocati giallorossi per l'ultimo match della stagione contro il Parma:...
De Rossi incontra i tifosi della Roma prima del suo ultimo allenamento
Cori, striscioni e anche qualche lacrima per la bandiera giallorossa che davanti ai cancelli di Trigoria ha voluto salutare i tifosi
Roma-Parma, i convocati di Mister Roberto D'Aversa
Collecchio - Al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta...
PRIMAVERA 1 TIM - Udinese-Roma 1-3
Nella 30ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
D'AVERSA: "A Roma ci sarà una bell'atmosfera visto l'addio di De Rossi. A disposizione Gervinho"
Roberto D'Aversa, tecnico del Parma prossimo avversario della Roma in campionato...
MIRANTE: "Difficile immaginarsi una Roma senza De Rossi, è come se un tifoso smettesse di giocare"
Antonio Mirante ha parlato a Sky Sport: "Daniele è un capitano in cui ci riconosciamo,...
Non solo De Rossi: contro il Parma anche Dzeko darà l'addio a Roma
Dopo quattro stagioni il bosniaco si prepara alla sua ultima partita in giallorosso: con un gol diventerebbe il settimo marcatore di sempre del club
Da Pellegrini a Zaniolo, Petrachi è pronto ad agire per la Roma
Il futuro ds giallorosso ha già in mente le sue prime mosse. Gasperini, Percassi è irritato: c'è il rischio di un braccio di ferro
Ecco quello che De Rossi ha detto ai compagni a cena. E sul suo futuro...
Il capitano della Roma si appresta a vivere l'ultima partita con la maglia giallorossa. I tifosi divisi fra rabbia e commozione
Cargnelutti in volo: piace a Parma, Sassuolo e Torino
Su Riccardo Cargnelutti, capitano della Primavera della Roma, si stanno orientando...
Schick, quale futuro? Bundesliga, Premier o ancora la Roma?
Negli ultimi anni, fra i calciatori della Roma, il nome più accostato alla parola...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>