facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 19 giugno 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

MONCHI: "Pallotta ha idee diverse dalle mie. Alla Roma sono cresciuto, resterà sempre nel mio cuore"

"Via per incomprensioni con Pallotta, mi dispiace che le cose siano finite così. Totti sta crescendo come dirigente, spero che i frutti del mio lavoro si vedano in futuro"
Lunedì 18 marzo 2019
Monchi, nuovo direttore sportivo del Siviglia, oggi ha rilasciato alcune dichiarazioni nella conferenza stampa di presentazione. Lo spagnolo ha parlato anche della sua avventura alla Roma. Queste le sue parole:

Monchi prende il posto di Joaquin Caparros, passato a guidare in prima persona la prima squadra del 'Nervion' dopo l'esonero di Machin. Il suo nuovo incarico nel club andaluso sarà effettivo dal prossimo 1 aprile.

"C'è un progetto che lo ha convinto, altrimenti non sarebbe qui. E' il miglior ds e nel Siviglia sarà più di un semplice direttore sportivo", le parole in apertura del presidente José Castro. Poi Monchi prende parola: "E' un giorno particolare, difficile da immaginare e da descrivere a parole. Il presidente ha parlato chiaro: non sono qui per salvare nessuno, il Siviglia ha una squadra inviabile. In questi ultimi giorni mi hanno trasmesso un''idea di futuro che coincide molto con quello che ho in mente. Non sono qui perchè abbiamo un problema, ma per aiutarci a crescere. Sono stato due anni fuori dal Siviglia, in un club importante come la Roma, che resterà sempre nel mio cuore, nel quale sono cresciuto. Ho il dovere ora di far crescere il club che amo"

"Arrivo convinto che bisognerà lavorare tanto, sono state fatte molte cose buone. Sono qui per restare a lungo. Vengo per contribuire alla crescita del Siviglia. Il mio contratto è indefinito, non c'è una durata stabilita - prosegue Monchi, che poi commenta le voci su una cessione del club - Con il presidente abbiamo parlato di un progetto a lungo termine, cose che mi sono piaciute e loro mi hanno dimostrato di credere in questo futuro. Non mi hanno dato la sensazione che il club è in vendita. Non sono nella testa degli azionisti, ovviamente, ma prima che un direttore sportivo sono un tifoso del Siviglia. Sono tranquillo in questo senso. L'attuale allenatore è Caparros e lo aiuterò. Il mio addio? Avevo scelto una piazza difficile, anche se avevo molte possibilità poi scelsi un progetto che mi avrebbe aiutato a crescere. A livello professionale questa crescita da parte mia c'è stata. Ora ho scelto il progetto che mi ha convinto di più. A Roma lavoravo 24 ore al giorno, farò lo stesso qui"

"Il mio addio di due anni fa? Dopo 18 anni volevo cambiare per crescere. Avevo scelto una piazza difficile, anche se avevo molte possibilità poi scelsi un progetto che mi avrebbe aiutato a crescere. A livello professionale questa crescita da parte mia c'è stata. Ora ho scelto il progetto che mi ha convinto di più. A Roma lavoravo 24 ore al giorno, farò lo stesso qui, sempre da tifoso del Siviglia"

"Il mio addio di due anni fa? Dopo 18 anni volevo cambiare per crescere. Avevo scelto una piazza difficile, anche se avevo molte possibilità poi scelsi un progetto che mi avrebbe aiutato a crescere. A livello professionale questa crescita da parte mia c'è stata. Ora ho scelto il progetto che mi ha convinto di più. A Roma lavoravo 24 ore al giorno, farò lo stesso qui, sempre da tifoso del Siviglia"

"Non è nel mio stile promettere titoli, ma prometto che il Siviglia crescerà - prosegue - Quando il presidente Castro mi ha chiamato dopo aver rescisso con la Roma mi è piaciuto quello che mi illustrato. E' importante che passi il messaggio che io sono qui perché sono d'accordo con la dirigenza in merito a quello che posso portare. E' difficile sentirsi amati come mi sono sentito io negli ultimi giorni. Sono qui perché credo di poter far crescere il Siviglia"

Poi un passaggio con la Roma: "Non cambierei i due anni che ho trascorso a Roma, rifarei quella scelta. Ho commesso degli errori, non conoscevo la situazione del club quando arrivai, ma non mi pento della mia scelta. Mi è servito per crescere a livello personale. E' una squadra a cui vorrò sempre bene. La battuta che avevo fatto sul 'Circo Massimo'? Mi sembra assurdo considerarla una mia dichiarazione, parlavo con un tifoso, non era una dichiarazione istituzionale. Sono andato via per una semplice ragione: ad un certo punto ho capito che la proprietà aveva idee diverse dalle mie. Il presidente voleva andare a destra, io a sinistra. Giusto finirla così. Ma posso solo parlare bene di Pallotta e di tutti quelli che hanno pensato di portarmi a Roma. Mai sentirete da me una parola contro la Roma. Abbiamo capito che prendevamo strade diverse, era giusto fermarsi. Dalla Roma mi porto l'esperienza di aver lavorato fuori da casa da mia, in un ambiente che mi ha reso un professionista più attento. E' stata una bellissima esperienza. I risultati in questo anno non sono arrivati, ma la scorsa stagione è stato bellissima. Lavorare nella Roma mi ha fatto crescere tantissimo".

"Sapete tutti dell'interesse dell'Arsenal, anche altri club mi hanno cercato, alla fine ho detto si al Siviglia, la proposta che ha avuto tutte le condizioni necessarie per il mio si - ribadisce Monchi, che poi risponde a chi gli chiede della possibilità di cessioni eccellenti - Ho in mente un modello vincente, i passi da fare sono tanti. Stare fuori per due anni ti cambia la prospettiva, non voglio ripetere gli errori del passato. Il club è sano ma ci sono limitazioni chiare ed evidenti se vogliamo continuare ad avere una rosa con questi costi, in questo senso le cessioni sono una possibilità" "

"Sono ambizioso e competitivo per natura - conclude -. Resto con i piedi per terra, ci sono tante squadre che stanno lavorando bene, la parola chiave per noi è ‘crescita'".
COMMENTI
Area Utente
Login

Mercato - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 18 giu 2019 
GONALONS saluta il Siviglia e torna a Roma: "Me ne vado con una certa nostalgia"
Maxime Gonalons saluta il Siviglia dopo una sola stagione in prestito, trascorsa...
BALDISSONI: "Abbiamo offerto a Totti il ruolo da direttore tecnico. Dispiaciuti dalle sue parole"
"Abbiamo offerto il ruolo da DT a Totti a febbraio. Il suo addio una sconfitta per tutti. Senza lo stadio l’orizzonte resta molto complesso per primeggiare. Pallotta non ha alcuna intenzione di cedere la società."
Le parole di Totti, il mercato, Pellegrini: Florenzi, la fascia di capitano è un po' più debole
Una fetta di tifosi vorrebbe il giovane azzurro come capitano al suo posto. Intanto l’Inter sta alla finestra...
Stadio e mercato, Pallotta rilancia così
James Pallotta non ha nessuna intenzione di vendere la Roma. Il presidente giallorosso,...
Dietro lo show l'amico Malagò e l'affare stadio
Se l'obiettivo di Totti era davvero quello di "fare il bene della Roma", allora...
Lorenzo è il magnifico, non Florenzi. Francesco sceglie il principe ereditario
Un Totti diverso. Non il solito guascone conosciuto nei suoi trent'anni a Trigoria,...
"Fuori dalla realtà": la società vuole portare Totti in tribunale
Totti, la Roma lo vuole portare in tribunale: lo accusano di turbativa d'asta
Il Napoli insiste per arrivare a Manolas della Roma.
Manolas della Roma: la trattativa continua, ma resta ancora da sciogliere il nodo...
 Lun. 17 giu 2019 
Calciomercato Sampdoria-Di Francesco: venerdì il giorno della firma
Era il giorno buono per la definizione della risoluzione del contratto con i giallorossi...
CALCIOMERCATO Fiorentina, Veretout dà priorità al Milan
Nella giornata di oggi a Casa Milan è atteso Mario Giuffredi, agente di Jordan Veretout...
Conferenza Totti, la Roma preoccupata per i riflessi sull'ambiente
Anche il merchandising potrà subire effetti negativi da luglio
Dzeko, è stallo. La Roma rilancia: vuole 22 milioni, l'Inter è ferma a 13
Tra Roma e Inter la trattativa per Dzeko fatica a decollare. Vuoi perché il club...
Rischiano di lasciare il club anche Manolas e Zaniolo
Non solo Totti e De Rossi. La Roma continua a perdere pezzi. Dopo Dzeko (a un passo...
Diawara e Mancini nel mirino
Non solo mercato in uscita, ma anche in entrata. Le prime mosse di Petrachi hanno...
Tutti i nodi del post-bufera
Per un'era che si chiude, subito se ne apre un'altra. Dal 1° luglio Petrachi sarà...
 Dom. 16 giu 2019 
MALINOVSKYI: "A gennaio ho rifiutato la Roma ma ora il Genk non vuole cedermi"
Ruslan Malinovskyi, centrocampista del Genk e dell'Ucraina, ha parlato del disagio...
Sarri alla Juve: ora è ufficiale
Il club ha ufficializzato l'arrivo sulla panchina dell'ex tecnico del Chelsea, che ha firmato un triennale
Zaniolo-Juve si scalda, Paratici tenta la Roma
Per rientrare nei paletti del Fair Play Finanziario la Roma ha bisogno entro il...
Napoli su Manolas: accordo raggiunto, ma la Roma chiede tutti i 36 milioni
(...) Aurelio De Laurentiis vuole Kostas Manolas per sostituire Raul Albiol. E in...
E adesso resta solo Florenzi. Forse...
I cento giorni dell'Apocalisse giallorosso. Dal 7 marzo, data dell'esonero di Di...
Totti stavolta sarà 'Franco'
James Pallotta fa ancora centro. Quando c'è da prendere la mira e inquadrare il...
 Sab. 15 giu 2019 
Calciomercato Roma, offerta per Pau Lopez: i dettagli e la posizione del Betis
C'è la questione legata all'addio di Francesco Totti (lunedì in programma la conferenza...
Il Napoli trova l'accordo con Manolas: sorpassata la Juve
Per il difensore pronto un quadriennale da 3,5 milioni all'anno. Ma Pallotta chiede di pagare per intero la clausola
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>