facebook twitter Feed RSS
Sabato - 20 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Nzonzi: la Roma in pressing sul Siviglia, il Barça resta alla finestra

I blaugrana vogliono un altro centrocampista e il francese corrisponde all'identikit delineato da Valverde. Per averlo servono 35 milioni (più 5 al padre procuratore)
Domenica 12 agosto 2018
Se ci fosse stato ancora bisogno di una conferma della volontà di Nzonzi, la giornata di ieri ne ha fornito un'altra. Direttamente dalla bocca del direttore sportivo del Siviglia, Joaquin Caparros, che interpellato da Il Romanista ha sentenziato: «Il giocatore vuole partire». Senza ulteriori "se" e "ma".

«La situazione è sempre la stessa - ha specificato il successore di Monchi alla guida del mercato andaluso - non abbiamo sentito la Roma e non ci sono offerte al momento. Il giocatore ci ha chiesto la cessione, ma lui ha con noi ancora due anni di contratto e una clausola. Se dovesse arrivare un'offerta adeguata, la valuteremmo serenamente». Che tradotto vuol dire: chi lo vuole deve sborsare i 35 milioni (più 5 al padre-procuratore) previsti dalla clausola rescissoria. O quantomeno una cifra molto vicina a quella prevista per liberare senza ulteriori trattative Nzonzi. Che però vuole cambiare aria, dopo aver assaporato il sapore del successo con la propria nazionale. E guadagnare molto di più degli attuali due milioni di ingaggio percepiti in Spagna. Verosimilmente uno stipendio intorno al doppio di quello attuale.

Ma di conferme in questo senso non c'era grande necessità. Il desiderio del centrocampista di volare verso differenti lidi è ormai palese da tempo. Così come la volontà della Roma di assicurarsi le prestazioni di questo gigante di origine congolese che appena un mese fa si è laureato campione del mondo in Russia. È lui il tassello mancante di una rosa già ricca di talento, che il ds Monchi ha messo a disposizione del tecnico Di Francesco giocando in gran parte d'anticipo e portando a casa la maggior parte degli acquisti nella primissima fase della sessione estiva.

Adesso però il tempo stringe, il mercato chiuderà i battenti fra meno di una settimana e da domenica prossima si tornerà in campo a fare sul serio. Il che significa che bisogna fare in fretta, da una parte come dall'altra. Nella guerra di posizioni che coinvolge la Roma e il Siviglia, bisogna capire chi cederà prima sulle rispettive posizioni. I giallorossi da qualche giorno hanno una concorrente in meno nella corsa a Nzonzi: con il mercato inglese già chiuso, l'Arsenal è ormai fuori gioco. Ma quaranta milioni complessivi per il cartellino e un ingaggio da almeno quattro milioni netti a stagione per un giocatore di 29 anni sono considerati eccessivi dallo stesso Monchi, che pure ha scoperto e lanciato il francese nel calcio che conta.

Il direttore sportivo probabilmente ha percepito che il suo arrivo riaccenderebbe quella parte di piazza che in questa fase sembra diventata un po' insofferente. Ma non è disposto a svenarsi. Chi potrebbe invece cogliere l'affare come un'opportunità è il Barcellona. Dopo aver visto sfumare l'arrivo di Pogba - e constatate le difficoltà di arrivare a uno fra Rabiot e Pjanic - i blaugrana hanno bisogno di un altro centrocampista di livello e l'identikit potrebbe corrispondere a quello di Nzonzi. Alla vigilia della Supercoppa spagnola che i catalani disputeranno questa sera proprio con il Siviglia, il tecnico Valverde ha ammesso: «Credo sia necessario far arrivare un altro centrocampista. È arrivato Vidal, ora siamo una squadra forte, ma siamo sempre disposti a iniziare trattative per portarne alcuni nuovi».

Mentre dal canto suo, il tecnico andaluso Machin ha sostanzialmente ribadito le parole del proprio direttore sportivo: «Ho parlato con Nzonzi, è molto ragionevole: riconosce che il Siviglia gli ha dato molto. Per convincere i potenziali acquirenti in futuro, sa di avere un'opportunità qui. Io conto su di lui finché non mi diranno che non potrò più farlo. Una cosa è volersene andare, un'altra è potersene andare. La società ha parlato con lui, per me resta un giocatore importante. Le sue qualità sono indiscusse, nessuno andrà via gratis. Bisogna trovare un accordo con il club, che insiste venga pagata la clausola rescissoria o che si tratti per una cifra vicina». Eppure Nzonzi non sarà in campo. Un altro segnale verso la partenza. Con la destinazione da decifrare ancora: in Spagna oppure in Italia.
di Fabrizio Pastore & Daniele Trecca
Fonte: Il Romanista

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 19 ott 2018 
MALCOM escluso di nuovo dalla lista dei convocati del Barça
In casa Barcellona fa sempre più discutere il caso legato a Malcom; il brasiliano...
Roma-Spal, i convocati di Semplici
Leonardo Semplici, allenatore della Spal, in vista della gara di domani contro la...
Roma-Spal, Le Probabili Formazioni
9ªGiornata di Serie A
Roma-Spal, i convocati
Ecco i 21 convocati giallorossi per Roma-Spal: Olsen, Fuzato, Mirante, Luca Pellegrini,...
Roma-Spal: la promo studenti è estesa anche alla Tevere Parterre Nord!
A seguito dell’imminente esaurimento del settore Curva Nord, la promozione in oggetto è estesa anche al settore Tevere Parterre Nord al costo di € 20.
PRIMAVERA 1 - Roma-Palermo 5-0
Nella 5ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
TRIGORIA 19/10 - Tattica nella rifinitura. Terapie per Perotti e Karsdorp, individuale per De Rossi
ALLENAMENTO ROMA - Rifinitura tattica in vista della Spal
Semplici: "La Roma tra le migliori in Serie A, ma nessun timore. Djourou è out"
Leonardo Semplici, tecnico della Spal, ha parlato in conferenza stampa prima della...
DI FRANCESCO: "Qualche problemino per Schick, va valutato. De Rossi e Kolarov non saranno convocati"
ROMA-SPAL, LA CONFERENZA STAMPA DI ESUSEBIO DI FRANCESCO: "Sono veramente dispiaciuto per Perotti, vive il calcio con amore, è un calciatore che va aiutato sotto tutti i punti di vista. Luca Pellegrini titolare"
Giannini: "Roma, Berardi può fare al caso di Di Francesco"
Le vittorie contro il Frosinone, la Lazio e l'Empoli in campionato e contro il Viktoria...
BURDISSO: "A Roma ho trovato la consacrazione definitiva"
Nicolas Burdisso è stato intervistato per il numero dell'AS Roma Match Program...
Calciomercato Roma, futuro Herrera: l'annuncio di Sergio Conceicao
IL CENTROCAMPISTA MESSICANO È IN SCADENZA DI CONTRATTO A GIUGNO
Il Barcellona scarica Malcom ex obiettivo della Roma
L'acquisto estivo di Malcom è divenuto un caso a Barcellona. Soffiato l'estate scorsa...
Stadio Roma, revocati gli arresti domiciliari a Parnasi: obbligo di firma e dimora nella capitale
L'ex amministratore della Eurnova era stato accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione
Calciomercato Roma, il caro Berardi tenta i giallorossi
Attaccante di destra, mancino, fisico: è l’uomo che manca. Ora DiFra può spingere
Calciomercato Roma, c'è un altro figlio d'arte nel mirino
Non solo Kluivert, la Roma sta provando a portare a Trigoria un altro figlio d'arte....
Capitan De Rossi presente e futuro
Tic-tac, manca poco. Meno di un anno, per contratto, o forse qualcosina in più....
De Rossi e Kolarov resteranno a riposo. Pastore "vede" la Spal
Per la prima volta dall'inizio della "sosta nazionali", Di Francesco oggi avrà tutta...
Santon paradosso dell'insostituibilità
«Prenditi il diritto di sorprenderti». Senza scomodare lo scrittore Milan Kundera,...
La Roma valuta ció che è Justin
Non è esattamente un taciturno. Justin Kluivert parla, a volte lancia grida di dolore...
 Gio. 18 ott 2018 
Fece rapine a mano armata: chiesti 4 anni all'ex Roma
Il calciatore marocchino era stato arrestato lo scorso marzo in Belgio, dove aveva fatto perdere le sue tracce dopo il prestito al Westerlo. Lo portò Sabatini nel 2016, la sua procura era gestita da Raiola
Santon:"Ci siamo ritrovati, parlare tra noi ci è servito. Contento di aver giocato e vinto il derby"
"L'accoglienza di Monchi è stata bella, mi ha fatto sentire subito importante. Dal primo giorno di ritiro ho sempre dato il massimo"
Slovacchia, il ct spiega l'addio: "7 giocatori tra cui Skriniar a una festa dopo il ko"
Kozak si era dimesso dopo la sconfitta con la Repubblica Ceca: «Mi ha fatto male, è stato come uno schiaffo»
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>