facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 19 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Pellegrini: "A Trigoria stiamo a casa, conosciamo tutto. Strootman? E' una macchina da guerra"

"Sono contento della mia prima stagione, la quantità di partite è stata giusta. Sta a me aumentare la qualità, la concorrenza è uno stimolo"
Giovedì 12 luglio 2018
Lorenzo Pellegrini è intervenuto a Roma TV.

Come sono andate le vacanze?
"Bene, anche il viaggio è stato fantastico. Il matrimonio? Non ci ho pensato più di tanto, quando stai bene con una persona non ti pesa. Ho trovato la persona giusta e me la godo".

Il ritiro a Trigoria?
"Benissimo, non lo diciamo perché siamo qui, ma perché stiamo veramente bene. Qui abbiamo le nostre abitudini, conosciamo tutto alla perfezione, stiamo a casa. Magari stavamo bene anche in altri posti, dove faceva più fresco, ma non ci interessa: siamo qui per lavorare".

Vi siete presentati bene...
"Kevin è sempre perfetto. Rispetto agli anni scorsi, per la nazionale abbiamo avuto più tempo in vacanza. Dopo 15 giorni di relax ti inizi a preparare, tutti hanno voglia di rimettersi in modo. Quest'anno è stato più semplice".

Un bilancio della prima stagione.
"Sono contento, la quantità è stata quella giusta, forse a inizio anno non tutti si aspettavano che potessi giocare tanto. Sta a noi tenere la quantità e aumentare la qualità".

È aumentata la concorrenza.
"È bello, ci aiuta a crescere".

Il mister ha detto che voleva aggiungere qualità a centrocampo...
"Assolutamente, abbiamo fatto degli acquisti importanti. Cristante ha fatto benissimo, Pastore lo conosciamo tutti. Per noi giovani crescere così è più facile. Abbiamo voglia di fare ed imparare. la concorrenza è uno stimolo."

Oggi troverete il pubblico del Tre Fontane. Che sensazioni hai?
"Viviamo per questo, quando ci sono i nostri tifosi a guardare siamo i più contenti del mondo. Sono uno stimolo, una carica. Averli anche durante l'allenamento è eccezionale."

E' lo stadio dello scudetto di Liedholm. Ci sono stati i gol dei centrocampisti, l'anno scorso sono mancati?
"Si poteva fare di meglio. Volevo fare qualcosa in più a livello realizzativo e speriamo di fare molto meglio di quei 3 gol segnati. Ogni giocatore gioca per i gol anche se abbiamo anche altro da fare."

Che effetto ti hanno fatto le parole di Monchi su di te?
"In chiave Roma fa piacere sentire queste cose. Con lui abbiamo un rapporto bello, ci parliamo, ci vediamo tutti i giorni ed è normale avere questo rapporto. Ti fa sentire importante e per un giocatore è la cosa primaria."

Ha detto anche che resterai molti anni a Roma...
"Sono contento che il direttore ha tenuto a puntualizzare questa cosa. Il mio desiderio è quello di stare qui perché altrimenti non sarei qui adesso. Io voglio crescere e sono contento di essere qui e di crescere insieme alla Roma. Voglio rimanere qui."

I centrocampisti fortissimi al Mondiale non ne ho visti. La nazionale?
"Ambizione, fare bene in nazionale è una delle cose più belle. Il giocatore cambia club ma non nazionale, che è sempre quella. Fa piacere e uno è contento quando riesce a rappresentare il proprio paese. Ora abbiamo bisogno di lavorare e abbiamo del tempo per farlo. Non bisogna avere fretta e non guardare agli altri, dobbiamo pensare a noi stessi. Uno non deve puntare ad essere migliore di te ma di se stesso."

Ti ha colpito qualcuno dei nuovi?
"Mi è piaciuto Kluivert. Calcia molto bene e poi altri li aspettiamo. Cristante lo conosciamo. El Flaco è un grande giocatore. Abbiamo fatto degli ottimi acquisti. Ci dispiace per Radja, ma ci siamo migliorati."

Chi vince il Mondiale?
"Ho seguito con dispiacere. Penso che alla fine la Francia sia la squadra che mi ha più impressionato. La Croazia non molla mai, è sempre arrivata ai supplementari. Dico la Francia."

Obiettivi generale della squadra? Rapporto col mister?
"Come ho sempre detto ha sempre avuto le idee chiare. Ci aspettiamo tanto l'uno dall'altro, lui più da me ed è normale. C'è un rapporto di stima però ci si aspetta tanto. Di questo sono contento, perché aspettarsi tanto da una persona crea responsabilità."

Il calendario, è necessario evitare qualcuno?
"Magari è vero. La tournée ti porta benefici giocando contro grandi squadre. Giocare contro Real è partita vera, anche mentalmente. Sicuramente è un aspetto positivo. Aspetto negativo è che non sei a casa. Il fuso, le ore di volo. Noi dobbiamo lavorare e basta, chi capita capita. Dobbiamo lavorare e vincere."

Soprattutto con le piccole...
"Come sempre, dobbiamo limare questa cosa e sono sicuro che lo faremo."

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mar. 18 set 2018 
DI FRANCESCO: "Sarà a noi riportare entusiasmo dando maggiore continuità. ritrovando spensieratezza"
REAL MADRID-ROMA LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Il Real senza Ronaldo è più squadra. Sono indignato per quello che ho sentito su presunte parole di mio figlio Federico a Douglas Costa. E' stato un grande uomo, sono orgoglioso."
DE ROSSI: "Siamo i primi a chiedere di più a noi stessi. Sono fiducioso"
REAL MADRID-ROMA LA CONFERENZA STAMPA DI DANIELE DE ROSSI: "L'abbattimento per non vedere più giocatori molto forti deve durare due giorni, poi si deve andare avanti. Ne ho lasciati andare tanti che non avrei mai voluto veder partire, ma si deve andare avanti"
Roma-Chievo 2-2 Decisioni Giudice Sportivo: Ammenda a De Rossi e Florenzi per la fascia da capitano
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO: Ammenda a De Rossi e Florenzi per aver indossato una fascia da capitano non regolamentare
BLEACHER REPORT, lo stemma della Roma il più bello della Champions League
La celebre rivista statunitense, Bleacher Report, ha stilato una speciale classifica...
LA ROMA è atterrata a Madrid
La Roma è partita alle 15.30 per Madrid, dove domani affronterà il Real Madrid alle...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>