facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 18 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Dr Dzeko e Mr Hyde: parla lo psicologo dello sport Panella

L'analisi su squadra e singoli: «Il blocco è soprattutto mentale. La Roma è con il tecnico. Edin e Perotti volti umani: non bisogna "stressare" i giocatori»
Mercoledì 07 marzo 2018
Succedono cose strane nel calcio, così come nella vita. Succede che una Roma in crisi - ancora qualcuno non se lo spiega - va a vincere a Napoli contro la capolista, una specie di Barcellona d'Italia per alcuni, una squadra con un organico non superiore a quella allenata da Di Francesco, per altri. Succede che, ancora oggi, in pochi giurano che la crisi della Roma sia alle spalle, non tanto per scarsa fiducia, quanto perché dati alla mano questa squadra ha dimostrato di essere se stessa e il suo contrario a distanza di pochi giorni, macché giorni, minuti. Dottor Jekyll e Mister Hyde. Un grattacapo, una doppia faccia che si fa fatica a comprendere e ad analizzare.

Problema fisico o mentale
«La squadra è questa, i valori tecnici sono questi. Al di là del rendimento e dello stato dei singoli, ciò che cambia sono soprattutto gli aspetti di gruppo e psicologici, ai quali sono legati, ma assolutamente secondariamente, quelli fisici», ci spiega il dottor Gianluca Panella, psicologo dello sport della ASD Dreaming Football Academy. Aspetti sui quali «Di Francesco si è impegnato molto, è palpabile in ogni sua uscita pubblica», e ne ha tratto anche risultati. «Perché la squadra è decisamente dalla sua parte e lavora con cognizione di causa». Che il blackout sia mentale e non fisico «spiega la gestione di un tempo - primo o secondo indifferentemente - così diverso dall'altro, o la gestione del vantaggio maturato, vedi Shakhtar-Roma, che a volte è "sporcato" da un episodio (la mezza rovesciata di Florenzi che spiana la strada a Ferreyra)».

I giocatori non sono robot
Tutti con DiFra. È quanto emerge anche dalle dichiarazioni dei giocatori, che troppo spesso vengono considerati delle macchine, ma che hanno invece anche risvolti umani: «Le dichiarazioni di Dzeko e Perotti dopo la gara di Napoli sono emblematiche. Sono sintomo innanzi tutto di un'insofferenza per quelle che sono le pressioni o gli stress (ansia da prestazione) a cui sono sottoposti. Ci mancherebbe, sono professionisti e devono gestire questi momenti, ma sono esseri umani. Quando Dzeko "rinfaccia" che a Napoli avrebbero dovuto perdere 5-0 secondo molti è significativo anche di una reazione. Se Perotti chiarisce che non dorme quando perde o non parla con la moglie e non gioca col figlio è un segnale che il giocatore sta "verbalizzando" i suoi disagi». Ed è bene farlo, specialmente nella quotidianità, strutturalmente: «Bisognerebbe parlare spesso con i giocatori, far tirar fuori loro le emozioni che necessariamente accumulano, per prevenire quelli che sono dei periodi, più o meno lunghi, di blackout». Che poi è il lavoro dello psicologo dello sport, utile soprattutto «per coltivare giorno dopo giorno la fiducia».

Come arriva la fiducia
Ecco, fiducia. Sembra una parola magica, se n'è parlato spesso in questa stagione a proposito della Roma. «Non arriva, o si perde, per caso, ma anche e soprattutto, appunto, per episodi: la grande prestazione di Napoli è stata costruita sicuramente da una reazione al gol subito e da un gol ben confezionato, quello di Ünder, ma anche un po' fortunoso. Che però ha dato fiducia». Il turco nella crisi della squadra ha avuto un po' il ruolo del "marziano", parlava un'altra lingua ma sapeva segnare e ha iniettato nuova linfa al gruppo: «Bisogna rimanere cauti su Cengiz - secondo Panella - vista la giovane età e il margine di miglioramento che ha. Va gestito e mi pare che Di Francesco stia lavorando bene con lui. Ha personalità e questo già è un buon punto di partenza. Ha dimostrato che i gol segnati non erano casuali, è stato una ventata d'aria fresca e ha rappresentato una forma di stimolo anche per i big. Un traino».

Dottor Dzeko
E di fiducia, adesso, ne ha ritrovata anche Edin Dzeko, al quale non si perde occasione da più parti - e senza chiedersi se sia più o meno controproducente - di ricordare che deve essere più cattivo: «Lui ha determinate caratteristiche, eviterei di stare sempre a rimarcare che può incidere di più, o meglio. Parlerei con lui di altro. A Napoli fa due gol straordinari. Nel primo si vede il gruppo, l'azione collettiva in mano al grande finalizzatore, il secondo è l'individualità». Gol che serviranno forse (d'obbligo) a sbloccare la Roma definitivamente: «È una partita che può rappresentare una molla, ma ci vuole un lavoro di equilibrio importante, che sono sicuro Di Francesco cercherà di intraprendere. Solo attraverso questo percorso e senza "stressare" tutti troppo i giocatori - da dentro e da fuori Trigoria - si può arrivare a essere continui». Va ridotta la pretesa per aumentare le probabilità di un risultato. È un po' quello che è successo con il gol di Dybala al 93', «magari anche inconsciamente. Non è più il calcio di una volta, lo spezzatino condiziona sicuramente e quel gol ha fatto le fortune della Roma che si è liberata psicologicamente in una partita sulla carta durissima e le sfortune del Napoli, che ha invece sentito a distanza il fiato del diretto avversario per il titolo più forte».

Gli occhi di Astori
Succedono cose strane, nel calcio come nella vita. Ed è quello che torna alla mente quando a Udine, tra il pallone e il cuore, una domenica mattina come le altre, nel ritiro della Fiorentina viene trovato senza vita a trentun'anni il capitano dei viola ed ex romanista, Davide Astori, per cause naturali. Non sono dei robot, non sono degli eroi, neanche loro che sono belli e ricchi. Più di qualcuno non se lo spiega, e quasi tutti lo trovano incredibile: «Una vicenda che colpisce innanzi tutto guardando gli occhi di questo ragazzo, puliti e sempre pronti a regalare un sorriso a tutti. Innanzi tutto alla sua famiglia, che diventa il primo pensiero, ovviamente, ma si vede che ha dispensato del bene in tutto il mondo del calcio». E ne è testimonianza il fiume di messaggi tutt'altro che di circostanza di amici e colleghi: «Chi ha condiviso con lui momenti di vita non può che reagire male, i casi dei malori di Lopez e Sanchez sono assolutamente "normali" - afferma Panella -. Se ne va, poi, un capitano, uno che aveva responsabilità, di prendere la parola e di stimolare il gruppo. Nel caso di Astori non era stato scelto il giocatore più forte, ma l'uomo. Un capitano d'altri tempi». E a proposito di tempi, sarà un lavoro, se non altro faticoso, per la Fiorentina, ricominciare: «Per proteggere il livello emotivo dei giocatori, perché del calcio in questo senso non ci interessa nulla, non importa se giocano con il Benevento, io chiederei anche un altro turno di stop per la squadra. Sarebbe anche rispettoso. Il lutto è un trauma e riunire i pezzi subito è impossibile. In questo mondo del calcio, e non solo, dove tutti vanno veloci e stanno appresso ai calendari, alle prestazioni, io rimetterei al centro le persone, bisogna fermarsi in questo momento».
di G. Fasan
Fonte: Il Romanista

Di Francesco - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 17 giu 2018 
Calciomercato Roma-Berardi, si ragiona sullo scambio: tutti i nomi sul tavolo
Può essere Domenico Berardi l'ultimo rinforzo per la Roma di Eusebio Di Francesco....
Calciomercato, la Roma non si ferma: ecco tutte le mosse
Dal rinnovo di Di Francesco alle cessioni, fino ad una suggestione...
Florenzi, il rebus ora diventa doppio
Lontani. Mai come in questi giorni. Florenzi e la Roma non fanno passi in avanti,...
 Sab. 16 giu 2018 
Calciomercato Roma, un piano doppio: Areola o Meret-Olsen
Monchi al lavoro per consegnare un portiere a Di Francesco. Pronti 25 milioni per il francese. Il baby italiano e lo svedese rappresentano il piano B
 Ven. 15 giu 2018 
Stadio Roma, comunicato-video di Baldissoni e Raggi: "Verifiche per la legalità del progetto"
Virginia Raggi ha dichiarato che verrà avviata immediatamente una verifica e che...
Una Roma fatta in casa
Un ritiro fatto in casa per la Roma: prima della partenza per la tournée americana,...
Perdere lo stadio: un delitto sociale
Mettiamocelo bene in testa. Con tutta la lucidità e tutta la generosità di cui siamo...
 Gio. 14 giu 2018 
Calciomercato Roma, Ziyech, prima il mondo e poi la Roma
La parola disponibilità sul mercato è un refolo di vento nelle estati torride: allarga...
Calciomercato Roma, dopo Kluivert anche Ziyech: con l'Ajax altro accordo vicino
Capitolo Nainggolan: l’Inter ha presentato una prima offerta da 25 milioni e un contratto da 4,5 milioni al giocatore. Ne servono almeno 10 di più per convincere la Roma
Calciomercato, Roma sotto choc: adesso il club ha paura di perdere i top player
Il caos stadio potrebbe spingere Alisson verso il Real Madrid. E con Nainggolan, in lista di imbarco anche Manolas e Dzeko
 Mer. 13 giu 2018 
Serie A, il domino è completo: le 19 società hanno scelto il tecnico
In attesa dell'ultima neopromossa, le 19 società certe della partecipazione alla...
Roma, Nainggolan e il club non si parlano più. Un faccia a faccia potrebbe degenerare in un litigio
Le due parti non hanno contatti se non attraverso il procuratore Beltrami. Sta finendo malissimo la storia del Ninja in giallorosso, manca solo qualche tassello (ma non di poco conto) da incastrare al posto giusto e la sua carriera proseguirà all’Inter
Coric, Cristante e Kluivert: la giovane età della ragione
Tre giocatori, media anni: 21. Sono molto giovani, ma è pure vero che ognuno di loro ha un collaudo già effettuato. MOnchi vuole anche Sandro Tonali del Brescia, classe 2000, a quanto pare, il nuovo Pirlo
La Roma in prestito. Torna per ripartire
Castan vorrebbe restare in Italia, Sadiq è richiesto da mezza Europa, Verde cerca rilancio. In 25 da sistemare
Inter-Radja, c'è l'offerta. Intesa con Nainggolan e primo squillo alla Roma
Per il club giallorosso la cifra è bassa: ma la trattativa è partita. Il belga è stimolato da Spalletti e dal ritorno nerazzurro in Champions
Radja, tifosi sulle barricate: "Non cediamo i nostri simboli"
Roma e Inter trattano il trasferimento di Nainggolan. Qual è l'umore della piazza...
 Mar. 12 giu 2018 
Calciomercato Roma, Kluivert ha firmato: i dettagli dell'accordo tra club
Ieri sera è sbarcato, oggi ha sostenuto le visite mediche ed ha firmato il contratto...
Roma, una squadra di ragazzi fatti col pennello
La squadra giallorossa si presenta al via con una nidiata di giovani talenti rara. Ma per essere al top in Italia e confermarsi in Europa servirà inserire anche qualcuno di grande carattere e personalità
Nainggolan, "un animale": a Spalletti piace perché gioca così
Per il tecnico dell’Inter il belga è il giocatore ideale. Ma la cosa è reciproca: proprio con lui Radja ha trovato collocazione e rendimento ideali
Kluivert, ok da 20 milioni. Oggi le visite e la firma
Justin Kluivert è un giocatore della Roma. Chiuso nella giornata di ieri, dopo un...
Roma, è Kluivert il quarto uomo
Monchi cala il poker. Dopo Coric, Marcano e Cristante, nella capitale è sbarcato...
Arancia meccanica, ecco Justin Kluivert
Pallotta farà in tempo ad abbracciare Justin Kluivert prima di ripartire domani...
 Lun. 11 giu 2018 
Nel nome di Kluivert: Roma, ecco chi è Justin
Velocità, dribbling e tanta personalità: ecco chi è Justin Kluivert, nuovo acquisto della Roma
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>