facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 14 dicembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Dr Dzeko e Mr Hyde: parla lo psicologo dello sport Panella

L'analisi su squadra e singoli: «Il blocco è soprattutto mentale. La Roma è con il tecnico. Edin e Perotti volti umani: non bisogna "stressare" i giocatori»
Mercoledì 07 marzo 2018
Succedono cose strane nel calcio, così come nella vita. Succede che una Roma in crisi - ancora qualcuno non se lo spiega - va a vincere a Napoli contro la capolista, una specie di Barcellona d'Italia per alcuni, una squadra con un organico non superiore a quella allenata da Di Francesco, per altri. Succede che, ancora oggi, in pochi giurano che la crisi della Roma sia alle spalle, non tanto per scarsa fiducia, quanto perché dati alla mano questa squadra ha dimostrato di essere se stessa e il suo contrario a distanza di pochi giorni, macché giorni, minuti. Dottor Jekyll e Mister Hyde. Un grattacapo, una doppia faccia che si fa fatica a comprendere e ad analizzare.

Problema fisico o mentale
«La squadra è questa, i valori tecnici sono questi. Al di là del rendimento e dello stato dei singoli, ciò che cambia sono soprattutto gli aspetti di gruppo e psicologici, ai quali sono legati, ma assolutamente secondariamente, quelli fisici», ci spiega il dottor Gianluca Panella, psicologo dello sport della ASD Dreaming Football Academy. Aspetti sui quali «Di Francesco si è impegnato molto, è palpabile in ogni sua uscita pubblica», e ne ha tratto anche risultati. «Perché la squadra è decisamente dalla sua parte e lavora con cognizione di causa». Che il blackout sia mentale e non fisico «spiega la gestione di un tempo - primo o secondo indifferentemente - così diverso dall'altro, o la gestione del vantaggio maturato, vedi Shakhtar-Roma, che a volte è "sporcato" da un episodio (la mezza rovesciata di Florenzi che spiana la strada a Ferreyra)».

I giocatori non sono robot
Tutti con DiFra. È quanto emerge anche dalle dichiarazioni dei giocatori, che troppo spesso vengono considerati delle macchine, ma che hanno invece anche risvolti umani: «Le dichiarazioni di Dzeko e Perotti dopo la gara di Napoli sono emblematiche. Sono sintomo innanzi tutto di un'insofferenza per quelle che sono le pressioni o gli stress (ansia da prestazione) a cui sono sottoposti. Ci mancherebbe, sono professionisti e devono gestire questi momenti, ma sono esseri umani. Quando Dzeko "rinfaccia" che a Napoli avrebbero dovuto perdere 5-0 secondo molti è significativo anche di una reazione. Se Perotti chiarisce che non dorme quando perde o non parla con la moglie e non gioca col figlio è un segnale che il giocatore sta "verbalizzando" i suoi disagi». Ed è bene farlo, specialmente nella quotidianità, strutturalmente: «Bisognerebbe parlare spesso con i giocatori, far tirar fuori loro le emozioni che necessariamente accumulano, per prevenire quelli che sono dei periodi, più o meno lunghi, di blackout». Che poi è il lavoro dello psicologo dello sport, utile soprattutto «per coltivare giorno dopo giorno la fiducia».

Come arriva la fiducia
Ecco, fiducia. Sembra una parola magica, se n'è parlato spesso in questa stagione a proposito della Roma. «Non arriva, o si perde, per caso, ma anche e soprattutto, appunto, per episodi: la grande prestazione di Napoli è stata costruita sicuramente da una reazione al gol subito e da un gol ben confezionato, quello di Ünder, ma anche un po' fortunoso. Che però ha dato fiducia». Il turco nella crisi della squadra ha avuto un po' il ruolo del "marziano", parlava un'altra lingua ma sapeva segnare e ha iniettato nuova linfa al gruppo: «Bisogna rimanere cauti su Cengiz - secondo Panella - vista la giovane età e il margine di miglioramento che ha. Va gestito e mi pare che Di Francesco stia lavorando bene con lui. Ha personalità e questo già è un buon punto di partenza. Ha dimostrato che i gol segnati non erano casuali, è stato una ventata d'aria fresca e ha rappresentato una forma di stimolo anche per i big. Un traino».

Dottor Dzeko
E di fiducia, adesso, ne ha ritrovata anche Edin Dzeko, al quale non si perde occasione da più parti - e senza chiedersi se sia più o meno controproducente - di ricordare che deve essere più cattivo: «Lui ha determinate caratteristiche, eviterei di stare sempre a rimarcare che può incidere di più, o meglio. Parlerei con lui di altro. A Napoli fa due gol straordinari. Nel primo si vede il gruppo, l'azione collettiva in mano al grande finalizzatore, il secondo è l'individualità». Gol che serviranno forse (d'obbligo) a sbloccare la Roma definitivamente: «È una partita che può rappresentare una molla, ma ci vuole un lavoro di equilibrio importante, che sono sicuro Di Francesco cercherà di intraprendere. Solo attraverso questo percorso e senza "stressare" tutti troppo i giocatori - da dentro e da fuori Trigoria - si può arrivare a essere continui». Va ridotta la pretesa per aumentare le probabilità di un risultato. È un po' quello che è successo con il gol di Dybala al 93', «magari anche inconsciamente. Non è più il calcio di una volta, lo spezzatino condiziona sicuramente e quel gol ha fatto le fortune della Roma che si è liberata psicologicamente in una partita sulla carta durissima e le sfortune del Napoli, che ha invece sentito a distanza il fiato del diretto avversario per il titolo più forte».

Gli occhi di Astori
Succedono cose strane, nel calcio come nella vita. Ed è quello che torna alla mente quando a Udine, tra il pallone e il cuore, una domenica mattina come le altre, nel ritiro della Fiorentina viene trovato senza vita a trentun'anni il capitano dei viola ed ex romanista, Davide Astori, per cause naturali. Non sono dei robot, non sono degli eroi, neanche loro che sono belli e ricchi. Più di qualcuno non se lo spiega, e quasi tutti lo trovano incredibile: «Una vicenda che colpisce innanzi tutto guardando gli occhi di questo ragazzo, puliti e sempre pronti a regalare un sorriso a tutti. Innanzi tutto alla sua famiglia, che diventa il primo pensiero, ovviamente, ma si vede che ha dispensato del bene in tutto il mondo del calcio». E ne è testimonianza il fiume di messaggi tutt'altro che di circostanza di amici e colleghi: «Chi ha condiviso con lui momenti di vita non può che reagire male, i casi dei malori di Lopez e Sanchez sono assolutamente "normali" - afferma Panella -. Se ne va, poi, un capitano, uno che aveva responsabilità, di prendere la parola e di stimolare il gruppo. Nel caso di Astori non era stato scelto il giocatore più forte, ma l'uomo. Un capitano d'altri tempi». E a proposito di tempi, sarà un lavoro, se non altro faticoso, per la Fiorentina, ricominciare: «Per proteggere il livello emotivo dei giocatori, perché del calcio in questo senso non ci interessa nulla, non importa se giocano con il Benevento, io chiederei anche un altro turno di stop per la squadra. Sarebbe anche rispettoso. Il lutto è un trauma e riunire i pezzi subito è impossibile. In questo mondo del calcio, e non solo, dove tutti vanno veloci e stanno appresso ai calendari, alle prestazioni, io rimetterei al centro le persone, bisogna fermarsi in questo momento».
di G. Fasan
Fonte: Il Romanista

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 13 dic 2018 
Grazie a Salah e Alisson lievita il market pool
Due vecchi amici - molto rimpianti dalla tifoseria giallorossa - hanno «regalato»...
Crisi nera: la Roma non riparte più
C'è anche la piccola Plzen nell'elenco delle delusioni del 2018. La Roma, infatti,...
Trovata continuità ma nelle delusioni
Senza stendere un velo pietoso sull'imbarazzante prestazione, contro un avversario...
Roma, il corto circuito tra prime e seconde linee. La squadra è bruciata
Non funzionano le prime linee, e lo abbiamo visto; non funzionano le seconde linee,...
La Roma fa solo brutte figure
Il fondo è stato toccato. A Plzen. Il risultato in Repubblica Ceca non conta, la...
Pallotta scherza: "Non l'ho vista perché ero dal mio psichiatra"
A Plzen nevica sul bagnato. E a Boston Pallotta si fa curare il mal di Roma: "Ero...
Viktoria Plzen-Roma 2-1, Le Pagelle dei Quotidiani
CHAMPIONS LEAGUE: VIKTORIA-PLZEN-ROMA 2-1 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI...
 Mer. 12 dic 2018 
Champions League, Roma e Juventus: ecco le possibili avversarie degli ottavi
Lunedì prossimo il sorteggio di Nyon
DI FRANCESCO: "Non ho ottenuto le risposte che avrei voluto. Dobbiamo metterci tutti in discussione"
VIKTORIA PLZEN-ROMA 2-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA, EUSEBIO DI FRANCESCO: "Mi aspettavo una prestazione differente, venivamo da un periodo brutto e dovevamo fare di più"
FLORENZI: "Sembra girare tutto storto. Dobbiamo cercare una soluzione, siamo amareggiati"
VIKTORIA PLZEN-ROMA 2-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA FLORENZI A SKY Difesa da rivedere....
MANOLAS: "Abbiamo perso con un avversario inferiore e ora serve coraggio per ripartire, così è dura"
VIKTORIA PLZEN-ROMA 2-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA MANOLAS A ROMA TV Cosa non è...
Viktoria Plzen-Roma 2-1, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Schick un fantasma. Difesa colabrodo
Roma, k.o. che non fa male. Perde 2-1 ma è agli ottavi
I giallorossi già agli ottavi da secondi del girone cedono ai cechi che volano in Europa League. Nel finale espulso per doppia ammonizione Luca Pellegrini. I cechi in Europa League
PLZEN-ROMA, cori e striscione contro Pallotta dal settore ospiti: "Go home"
La Roma non sta attraversando un buon periodo e i tifosi nelle ultime uscite l'hanno...
MIRANTE: "E' un momento particolare ma in Champions è stato fatto un buon cammino"
VIKTORIA PLZEN-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA MIRANTE A ROMA TV Partita importante...
Viktoria Plzen-Roma, Le Formazioni UFFICIALI
Champions League
KLOPP: "Se avessi saputo che Alisson era così bravo lo avrei pagato il doppio"
L'allenatore del Liverpool, Jurgen Klopp, ha commentato le prestazioni del suo portiere,...
UEFA YOUTH LEAGUE - Viktoria Plzen-Roma 2-4, Giallorossi qualificati ai Spareggi!
Nella 6ª giornata del Gruppo G della fase a gironi della UEFA Youth League 2018/2019...
Oggi la 100esima partita della Roma in Champions League
Il recordman di presenze per i giallorossi è De Rossi (60: 58 nella fase finale e 2 nei preliminari); alle sue spalle Totti, che ne ha totalizzate 57
Calciomercato Roma, oro Riccardi: avanti su Piatek
Poste le basi per blindare il talento del 2001: 250.000 euro. Il club giallorosso insiste per il polacco: solo un sondaggio per Kouamè
Occasione per Mirante, De Rossi per la Juve
"In porta giocherà Mirante". È l'unica concessione di un nervosissimo Eusebio Di...
Di Francesco sotto esame
Di crederci non ha mai smesso, ma d'altronde non è mai stato un processo alle intenzioni....
Roma, 2,7 milioni di ragioni per essere seri
Ecco un buon motivo per non snobbare la partita contro il Viktoria Plzen: 2,7 milioni...
Alla Primavera basta un punto per qualificarsi ai playoff
Forti, carichi e senza paure. La Roma oggi alle 12 (diretta su RomaTv) affronta...
Pastore & Co: sera d'Europa per sognare la rinascita
(...) Il capofila dei portatori di speranza, stasera, sembra essere innanzitutto...
Pallotta non molla e attende lo stadio. Da Monchi a Difra tutti in discussione
A volte succede durante la partite: un gol subìto, un risultato un po' così, e sui...
Stadio, il caso del manager: a processo ma ancora in sella
La procedura per sostituirlo nel ruolo di commissario dell'Ipa, a sentire il Campidoglio,...
Roma in fuga dalla sconfitta
Inutile e soprattutto rognosa. Ingombrante, insomma. Fin troppo facile capire che...
"Eusebio è intoccabile"
Mi fido al cento per cento di Di Francesco». Monchi è l'unico dirigente che ci mette...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>