facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 24 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Al di là della linea: Astori, un calciatore speciale

Lunedì 05 marzo 2018
Al di qua o al di là della linea? Ce lo siamo chiesto per alcuni, lunghissimi, secondi, il 6 gennaio 2015. Era gol, il colpo di testa di Davide Astori su cross di Francesco Totti. Se ne accorse l'arbitro ma non l'assistente di porta. Se ne accorsero tutti, ma fecero finta di no, tirarono fuori la parallasse e altre parolacce pur di provare a dimostrare che non era gol. Si capisce, la Roma era a -1 dalla Juve capolista, fermata sul pareggio dall'Inter. Non è mai più stata così vicina alla vetta, da quel gol di Davide Astori, che intanto già viaggiava al di là delle polemiche. «Domani è il mio compleanno, mi sono fatto un bel regalo». Lo festeggiò il giorno dopo negli studi di Roma Radio, dove era già stato ospite un paio di mesi prima, ricevendo la telefonata a sorpresa di un tale Pasquale da Ascoli. Lo scherzo durò poco, come quelli belli. Riconobbe subito Mattia Destro, da cui aveva ricevuto uno schiaffo durante Cagliari-Roma dell'anno prima, episodio divenuto poi l'unico caso di prova tv usata per un fatto visto dall'arbitro. Tre giornate a Destro. I due erano tornati amici subito dopo e per Destro-Pasquale lui era «uno splendido compagno di squadra».

Anche lì, Davide viaggiò subito al di là delle polemiche. Viaggiare. Amava farlo, ma a modo suo: giro dell'India zaino in spalla. E già questo rende l'idea di un tipo diverso dagli altri. Lo leggi negli occhi e nelle parole di chi lo ha conosciuto, ma a quel punto non è come se lo conoscessi. Ti viene il rammarico di non averlo conosciuto. Il suo viaggio nel mondo del calcio era iniziato a San Pellegrino Terme, dove non era nato solo perché l'ospedale è poco al di là, a San Giovanni Bianco. Un debito in educazione fisica, che diventa un credito da riscuotere quando lo chiama il Milan. Pendolare per un po'. Di qua, il cortile del condominio e l'oratorio, dove le porte da calcio servivano come sostegno dei canestri del campo di basket. Di là, il Milan. Passa per Pizzighettone e Cremonese, prima di essere venduto al Cagliari. Il primo gol in Serie A arriva proprio contro la Fiorentina, la squadra di cui era Capitano e contro cui fa il suo esordio nel 2014 con la maglia della Roma.

Il suo arrivo fu un derby vinto, perché il giorno prima sembrava dovesse essere acquistato dalla Lazio e il giorno dopo partiva con la Roma per la tournée negli Stati Uniti. "L'Astori siamo noi", titolammo. Al di qua o al di là della linea? Davide non sbagliava mai. La Roma gli ha dato la Champions League e lo ha riportato in Nazionale, che comunque già frequentava da un bel po', dai tempi della rappresentativa Under 18. Nella Confederations Cup 2013 era diventato il primo giocatore del Cagliari a far gol con la maglia azzurra dopo Gigi Riva, contro l'Uruguay di Muslera. Un altro derby vinto, come quello che chiuse la sua avventura alla Roma, con gol di Yanga-Mbiwa, colui con cui si alternava accanto a Manolas. Giocò più di quanto non era stato messo in preventivo, perché chi si trovò al di qua o al di là della vita in quel periodo fu Castan. Sostituito proprio da Astori alla fine del primo tempo di Empoli-Roma per dedicarsi a partite ben più delicate. Andò così per tutta la stagione: Manolas e poi uno tra Yanga-Mbiwa e Astori, che andò meglio nel girone d'andata, mentre il francese ebbe più presenze (una soprattutto...) nel girone di ritorno. Poi la Fiorentina, che prima lo riscatta e poi ne fa il Capitano, evidentemente perché lì in tanti hanno avuto la fortuna di averlo conosciuto.

Ieri a Trigoria, dove pure mancava da tre anni, il vuoto che ha lasciato si poteva toccare con mano. Non è eccessivo dire che, oltre a lasciare un vuoto nel cuore di tutti, al calcio italiano lascia in eredità la goal line technology, proprio a causa di quel gol (e non "non gol") segnato proprio a Udine. Già, Udine. Il destino, quando ci si mette, fa le cose in maniera spaventosa. Sabato sera, sul 3-1 per la Roma, c'è stata una punizione in area per il Napoli. Florenzi ha respinto sulla linea e, grazie alla goal line technology, nessuno si è chiesto se il pallone fosse al di qua o al di là della linea. Davide Astori, invece, stava per andare aldilà. Purtroppo.
di L. Pelosi
Fonte: Il Romanista

Trigoria - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 23 set 2018 
Roma, da stasera la squadra in ritiro a Trigoria
Dopo lo 0 a 2 incassato in trasferta con il Bologna, Eusebio Di Francesco ha ordinato...
TRIGORIA, domani mattina la ripresa degli allenamenti in vista della partita contro il Frosinone
Dopo la sconfitta per 2-0 subita al Dall'Ara, la Roma riprenderà gli allenamenti...
Di Francesco non fa sconti: rischiano anche i big
Una sconfitta oggi a Bologna aprirebbe la crisi. E lui cambia ancora formazione
Karsdorp non parte: "È scelta tecnica". Possibile cessione a gennaio
L'universo giallorosso è anche questo: un tifoso che si avvicina a Di Francesco,...
 Sab. 22 set 2018 
Roma, i baby che fanno? Tra dubbi e volti da scoprire
Bianda male in Primavera. Coric e Luca Pellegrini: poco spazio a fronte di investimenti importanti
La falsa partenza di Dzeko: simbolo di una squadra che ha smarrito la fiducia
Sfiduciato, nervoso, troppo spesso a testa bassa, quasi disinteressato a quello...
 Ven. 21 set 2018 
Karsdorp: "Ho bisogno di fiducia". Di Francesco recupera Pastore
Il terzino olandese: "Adesso mi serve fiducia, in me stesso e da parte degli altri. Solo così potrò tornare ad essere un buon giocatore". L'argentino, salvo sorprese, tornerà tra i convocati
TRIGORIA, domani mattina la rifinitura e la conferenza di Di Francesco
Domani sarà il giorno di vigilia di Bologna-Roma. La squadra scenderà in campo a...
Totti: "Spalletti ha spinto per il mio ritiro. E quel calcio a Balotelli..."
“Se avessi chiuso la carriera in Asia o America avrei rovinato 25 anni di carriera”
Trenta tiri del Real e 4 falli subiti: tutti i numeri di una rosa spenta
Chi volesse rimproverare alla Roma una scarsa cattiveria, oggi ha i numeri per farlo....
Per i 50 anni di Monchi pochi auguri tante critiche
«Non te vende pure la torta». Tra i tanti "auguri" speciali recapitati, via social,...
Codice DiFra. Roma, le scelte del tecnico bocciano il mercato estivo
No, questo mercato non mi è piaciuto. Non lo dirà (forse) a parole, ma lo fa capire...
Eusebio e Monchi una crisi per due
Il confronto è adesso, cioè urgente. Dentro Trigoria. Fuori ognuno può dire e pensare...
 Gio. 20 set 2018 
Roma, l'eredità del Bernabeu: difesa inconsistente e i casi Karsdorp e Kluivert
Di Francesco ha punito i due olandesi spedendoli in tribuna a Madrid. A preoccupare il tecnico è soprattutto la tenuta del reparto arretrato che nelle prime cinque partite della stagione ha incassato già 10 reti. Pastore torna ad allenarsi
TRIGORIA, sabato la conferenza stampa di Di Francesco in vista del Match contro il Bologna
Eusebio Di Francesco parlerà in conferenza stampa sabato alle 13:30, dopo la...
Roma, il day after è nero. Monchi e Di Francesco finiscono sulla graticola
Dopo la sconfitta di ieri contro il Real in Champions i tifosi insorgono contro d.s. e l'allenatore, rei di aver "distrutto la squadra arrivata in semifinale". E a Trigoria i nervi sono piuttosto tesi...
Roma, il giorno non era ieri
ROMA - Contro un Real che di marziano ha solo le orecchie di Bale, la Roma fa...
Una piccola squadra senza gioco e anima
Le indiscrezioni estive, da qualche ora, sono diventate verità. Si diceva, nel mese...
 Mer. 19 set 2018 
TRIGORIA, domani pomeriggio la ripresa degli allenamenti
Dopo la brutta sconfitta contro il Real Madrid, la Roma tornerà ad allenarsi a Trigoria...
Roma, tutto confermato: Zaniolo titolare al Bernabeu
Di Francesco deciso a lanciare il giovane centrocampista, accanto a De Rossi e Nzonzi: sarebbe l'esordio assoluto con la maglia giallorossa
Roma, la tentazione è Zaniolo titolare al Bernabeu
Il giovane sembra in vantaggio su Cristante e Pellegrini. E Di Francesco gli ha fatto provare le punizioni
Roma, in cento a Madrid. E Monchi salterà il pranzo con Florentino Perez
Tra Champions e Youth League, da Trigoria è partita una spedizione di massa. Ci sono anche i tifosi, tra cui il presidente dell'UTR alla 118ª trasferta europea
 Mar. 18 set 2018 
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>