facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 18 ottobre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Al di là della linea: Astori, un calciatore speciale

Lunedì 05 marzo 2018
Al di qua o al di là della linea? Ce lo siamo chiesto per alcuni, lunghissimi, secondi, il 6 gennaio 2015. Era gol, il colpo di testa di Davide Astori su cross di Francesco Totti. Se ne accorse l'arbitro ma non l'assistente di porta. Se ne accorsero tutti, ma fecero finta di no, tirarono fuori la parallasse e altre parolacce pur di provare a dimostrare che non era gol. Si capisce, la Roma era a -1 dalla Juve capolista, fermata sul pareggio dall'Inter. Non è mai più stata così vicina alla vetta, da quel gol di Davide Astori, che intanto già viaggiava al di là delle polemiche. «Domani è il mio compleanno, mi sono fatto un bel regalo». Lo festeggiò il giorno dopo negli studi di Roma Radio, dove era già stato ospite un paio di mesi prima, ricevendo la telefonata a sorpresa di un tale Pasquale da Ascoli. Lo scherzo durò poco, come quelli belli. Riconobbe subito Mattia Destro, da cui aveva ricevuto uno schiaffo durante Cagliari-Roma dell'anno prima, episodio divenuto poi l'unico caso di prova tv usata per un fatto visto dall'arbitro. Tre giornate a Destro. I due erano tornati amici subito dopo e per Destro-Pasquale lui era «uno splendido compagno di squadra».

Anche lì, Davide viaggiò subito al di là delle polemiche. Viaggiare. Amava farlo, ma a modo suo: giro dell'India zaino in spalla. E già questo rende l'idea di un tipo diverso dagli altri. Lo leggi negli occhi e nelle parole di chi lo ha conosciuto, ma a quel punto non è come se lo conoscessi. Ti viene il rammarico di non averlo conosciuto. Il suo viaggio nel mondo del calcio era iniziato a San Pellegrino Terme, dove non era nato solo perché l'ospedale è poco al di là, a San Giovanni Bianco. Un debito in educazione fisica, che diventa un credito da riscuotere quando lo chiama il Milan. Pendolare per un po'. Di qua, il cortile del condominio e l'oratorio, dove le porte da calcio servivano come sostegno dei canestri del campo di basket. Di là, il Milan. Passa per Pizzighettone e Cremonese, prima di essere venduto al Cagliari. Il primo gol in Serie A arriva proprio contro la Fiorentina, la squadra di cui era Capitano e contro cui fa il suo esordio nel 2014 con la maglia della Roma.

Il suo arrivo fu un derby vinto, perché il giorno prima sembrava dovesse essere acquistato dalla Lazio e il giorno dopo partiva con la Roma per la tournée negli Stati Uniti. "L'Astori siamo noi", titolammo. Al di qua o al di là della linea? Davide non sbagliava mai. La Roma gli ha dato la Champions League e lo ha riportato in Nazionale, che comunque già frequentava da un bel po', dai tempi della rappresentativa Under 18. Nella Confederations Cup 2013 era diventato il primo giocatore del Cagliari a far gol con la maglia azzurra dopo Gigi Riva, contro l'Uruguay di Muslera. Un altro derby vinto, come quello che chiuse la sua avventura alla Roma, con gol di Yanga-Mbiwa, colui con cui si alternava accanto a Manolas. Giocò più di quanto non era stato messo in preventivo, perché chi si trovò al di qua o al di là della vita in quel periodo fu Castan. Sostituito proprio da Astori alla fine del primo tempo di Empoli-Roma per dedicarsi a partite ben più delicate. Andò così per tutta la stagione: Manolas e poi uno tra Yanga-Mbiwa e Astori, che andò meglio nel girone d'andata, mentre il francese ebbe più presenze (una soprattutto...) nel girone di ritorno. Poi la Fiorentina, che prima lo riscatta e poi ne fa il Capitano, evidentemente perché lì in tanti hanno avuto la fortuna di averlo conosciuto.

Ieri a Trigoria, dove pure mancava da tre anni, il vuoto che ha lasciato si poteva toccare con mano. Non è eccessivo dire che, oltre a lasciare un vuoto nel cuore di tutti, al calcio italiano lascia in eredità la goal line technology, proprio a causa di quel gol (e non "non gol") segnato proprio a Udine. Già, Udine. Il destino, quando ci si mette, fa le cose in maniera spaventosa. Sabato sera, sul 3-1 per la Roma, c'è stata una punizione in area per il Napoli. Florenzi ha respinto sulla linea e, grazie alla goal line technology, nessuno si è chiesto se il pallone fosse al di qua o al di là della linea. Davide Astori, invece, stava per andare aldilà. Purtroppo.
di L. Pelosi
Fonte: Il Romanista

Trigoria - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Mer. 17 ott 2018 
ROMA-SPAL, venerdì la conferenza stampa di Di Francesco
Venerdì alle 13:45 il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco parlerà all'interno...
Roma-Spal, Lorenzo Pellegrini e Bryan Cristante sanno come si fa
I due centrocampisti giallorossi hanno segnato un anno fa contro la Spal. Per il prodotto del vivaio è stato il primo gol in prima squadra, sotto la Sud
I venti giorni della verità
Quella inguardabile, impaurita e perdente di inizio stagione, oppure la versione...
Nainggolan: "La fine del rapporto con la Roma? Non per colpa mia. Tra 10anni mi vedo nella Capitale"
Radja Nainggolan lo apprezzi per una tuta da fashion week che si è chiusa un quarto...
 Mar. 16 ott 2018 
Roma, a Trigoria prove anti Spal, ma Di Francesco ha il gruppo decimato
Pastore, Kolarov e De Rossi assenti contro i ferraresi. Fuori anche Perotti per un problema al polpaccio sinistro, al suo posto El Shaarawy
Roma, Gandini: "Monchi è a Trigoria per provare a vincere ogni anno"
Lui non tornerà al Milan, ma pensa di aver lasciato la Roma in buone mani. Quelle,...
Ex mental coach di Perotti: "La pressione può influire sugli infortuni. DiFra? Bravo, ma non un top"
Diego Perotti è senza dubbio uno delle grandi delusioni di questo inizio di stagione...
TRIGORIA 16/10 - Individuale per De Rossi, Kolarov, Ünder e Pastore. Terapie per Perotti
ALLENAMENTO ROMA - Lavoro diviso tra palestra e campo.
Calciomercato, scacco alla Juventus: doppio colpo per i Giovanissimi regionali
Sembravano destinati alla squadra bianconera, ma alla fine l'ha spuntata la Roma: ecco Bolzan e Vadalà
Tunnel senza fine
Un tunnel infinito. Dentro e fuori dall'infermeria, senza trovare un briciolo di...
Roma, Dzeko-Schick i due cari nemici
Guai se a Edin tocchi Patrik; guai se a Patrik tocchi Edin. Ma alla fine ne gioca...
 Lun. 15 ott 2018 
Roma, che sfortuna per Perotti: altro infortunio, è già il terzo
L’attaccante argentino si ferma ancora per un problema al polpaccio. Proprio ora che, viste le assenze per i nazionali, Di Francesco lo avrebbe schierato dall’inizio contro la Spal
Robin Olsen sugli scudi. E la UEFA lo esalta
Gran parata del portierone svedese contro la Russia. La Nations League lo esalta tramite il suo profilo Twitter. Ma nella Roma si è già messo in evidenza
Calciomercato Roma, Cengiz Under, la prossima plusvalenza
Alla sua età c'è già chi vale 100 milioni, e comunque non se ne incontrano molti...
Pastore pronto per la Spal, De Rossi rientra contro il Cska
Sosta conclusa, adesso c'è la Spal e un calendario fitto che in meno di un mese...
Da Vidal e Pastore fino a Malcom: quelli che il mercato ha fatto flop
Da protagonisti assoluti di calciomercato ad acquisti misteriosi di questa prima...
 Dom. 14 ott 2018 
La dirigenza della Roma si riunisce a Boston: l'obiettivo è lo stadio
Il ds Monchi, Fienga e Calvo partono domani. Al centro dell’incontro le ultime novità sull’impianto giallorosso
Roma, da Ünder a El Shaarawy: per i rinnovi non c'è fretta
Quando il campionato si ferma, spuntano prolungamenti e adeguamenti. Il più urgente è De Rossi, il più necessario il turco, ma da Trigoria dicono: «Nessun incontro»
Schick torna al gol: "Adesso sto bene". E la Roma lo aspetta
«È stata una vittoria decisiva, che ci permette di andare in Ucraina a giocarci...
Roma, le novità (di mercato) prendono i voti
Se giustamente «un mercato non può essere giudicato a settembre» (Monchi dixit),...
La doppia vita di Schick
Tre minuti in nazionale per segnare un gol di prepotenza, 248 con la Roma senza...
 Sab. 13 ott 2018 
Roma, Schick e Kluivert in gol per Di Francesco. La dirigenza è a Boston
Trigoria deserta, il tecnico ha concesso alla squadra un fine settimana di riposo. Intanto, Baldissoni e Monchi volano negli Usa per ragguagliare il presidente sul progetto stadio
Santon gioca con la figlia, De Rossi: "Hai trent'anni e modifichi gli addominali"
Il capitano della Roma commenta una foto postata dal terzino nel giardino di casa
Quando il virtuale travalica la realtà
Tra luoghi comuni e manicheismo, è innegabile che il club non susciti simpatie in larga parte della comunicazione
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>