facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 21 settembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Al di là della linea: Astori, un calciatore speciale

Lunedì 05 marzo 2018
Al di qua o al di là della linea? Ce lo siamo chiesto per alcuni, lunghissimi, secondi, il 6 gennaio 2015. Era gol, il colpo di testa di Davide Astori su cross di Francesco Totti. Se ne accorse l'arbitro ma non l'assistente di porta. Se ne accorsero tutti, ma fecero finta di no, tirarono fuori la parallasse e altre parolacce pur di provare a dimostrare che non era gol. Si capisce, la Roma era a -1 dalla Juve capolista, fermata sul pareggio dall'Inter. Non è mai più stata così vicina alla vetta, da quel gol di Davide Astori, che intanto già viaggiava al di là delle polemiche. «Domani è il mio compleanno, mi sono fatto un bel regalo». Lo festeggiò il giorno dopo negli studi di Roma Radio, dove era già stato ospite un paio di mesi prima, ricevendo la telefonata a sorpresa di un tale Pasquale da Ascoli. Lo scherzo durò poco, come quelli belli. Riconobbe subito Mattia Destro, da cui aveva ricevuto uno schiaffo durante Cagliari-Roma dell'anno prima, episodio divenuto poi l'unico caso di prova tv usata per un fatto visto dall'arbitro. Tre giornate a Destro. I due erano tornati amici subito dopo e per Destro-Pasquale lui era «uno splendido compagno di squadra».

Anche lì, Davide viaggiò subito al di là delle polemiche. Viaggiare. Amava farlo, ma a modo suo: giro dell'India zaino in spalla. E già questo rende l'idea di un tipo diverso dagli altri. Lo leggi negli occhi e nelle parole di chi lo ha conosciuto, ma a quel punto non è come se lo conoscessi. Ti viene il rammarico di non averlo conosciuto. Il suo viaggio nel mondo del calcio era iniziato a San Pellegrino Terme, dove non era nato solo perché l'ospedale è poco al di là, a San Giovanni Bianco. Un debito in educazione fisica, che diventa un credito da riscuotere quando lo chiama il Milan. Pendolare per un po'. Di qua, il cortile del condominio e l'oratorio, dove le porte da calcio servivano come sostegno dei canestri del campo di basket. Di là, il Milan. Passa per Pizzighettone e Cremonese, prima di essere venduto al Cagliari. Il primo gol in Serie A arriva proprio contro la Fiorentina, la squadra di cui era Capitano e contro cui fa il suo esordio nel 2014 con la maglia della Roma.

Il suo arrivo fu un derby vinto, perché il giorno prima sembrava dovesse essere acquistato dalla Lazio e il giorno dopo partiva con la Roma per la tournée negli Stati Uniti. "L'Astori siamo noi", titolammo. Al di qua o al di là della linea? Davide non sbagliava mai. La Roma gli ha dato la Champions League e lo ha riportato in Nazionale, che comunque già frequentava da un bel po', dai tempi della rappresentativa Under 18. Nella Confederations Cup 2013 era diventato il primo giocatore del Cagliari a far gol con la maglia azzurra dopo Gigi Riva, contro l'Uruguay di Muslera. Un altro derby vinto, come quello che chiuse la sua avventura alla Roma, con gol di Yanga-Mbiwa, colui con cui si alternava accanto a Manolas. Giocò più di quanto non era stato messo in preventivo, perché chi si trovò al di qua o al di là della vita in quel periodo fu Castan. Sostituito proprio da Astori alla fine del primo tempo di Empoli-Roma per dedicarsi a partite ben più delicate. Andò così per tutta la stagione: Manolas e poi uno tra Yanga-Mbiwa e Astori, che andò meglio nel girone d'andata, mentre il francese ebbe più presenze (una soprattutto...) nel girone di ritorno. Poi la Fiorentina, che prima lo riscatta e poi ne fa il Capitano, evidentemente perché lì in tanti hanno avuto la fortuna di averlo conosciuto.

Ieri a Trigoria, dove pure mancava da tre anni, il vuoto che ha lasciato si poteva toccare con mano. Non è eccessivo dire che, oltre a lasciare un vuoto nel cuore di tutti, al calcio italiano lascia in eredità la goal line technology, proprio a causa di quel gol (e non "non gol") segnato proprio a Udine. Già, Udine. Il destino, quando ci si mette, fa le cose in maniera spaventosa. Sabato sera, sul 3-1 per la Roma, c'è stata una punizione in area per il Napoli. Florenzi ha respinto sulla linea e, grazie alla goal line technology, nessuno si è chiesto se il pallone fosse al di qua o al di là della linea. Davide Astori, invece, stava per andare aldilà. Purtroppo.
di L. Pelosi
Fonte: Il Romanista

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 18 set 2018 
Di Francesco: "Gestire i nuovi è stimolante ma complicato. Mi aspettavo un inizio migliore"
Alla vigilia della sfida di Champions League contro il Real Madrid, il tecnico della...
Manolas: "Dobbiamo andare al Bernabéu a giocare con la testa positiva. La Roma è in costruzione"
Il difensore della Roma, Kostas Manolas, ha parlato a Marca alla vigilia...
Ieri i funerali della signora Sensi. Ferrero: "L'assenza dei tifosi mancanza di rispetto a Franco"
Sul suo feretro era appoggiata la maglia giallorossa numero 10. In chiesa i volti...
Ma cos'è questa crisi?
Roma in crisi. Viaggio tra cause (evidenti) e rimedi (possibili): c'è da evitare...
Roma in crisi verso Madrid. Totti: "Andiamo dai marziani"
La crisi c'è, inutile negarla. Ha colpito i nuovi, ma pure i senatori ovvero gli...
 Lun. 17 set 2018 
Di Francesco sulla graticola. Totti predica fiducia: "A Madrid possiamo far bene"
Il tecnico giallorosso ha tanti problemi da risolvere: dal modulo più adatto ai giocatori a una condizione che stenta ad arrivare. L'ex capitano prova a restituire serenità all'ambiente: "Dobbiamo avere la consapevolezza di essere una squadra competitiva. Se scenderemo in campo tranquilli, al Bernabeu faremo bella figura"
Totti, il figlio Cristian esempio di fairplay: portiere k.o. e lui rinuncia al gol (VIDEO)
È accaduto durante un torneo a Madrid: il figlio dodicenne di Francesco si è scontrato con un avversario, che è rimasto a terra, e si è fermato per sincerarsi delle sue condizioni. Poi, in tv, ha commentato il fatto in un ottimo inglese
TRIGORIA, domani mattina la rifinitura, poi la partenza per Madrid
Niente rifinitura al Santiago Bernabeu. Domani, infatti, i giallorossi si alleneranno...
DZEKO: "Tutti uniti se va bene, ma ancora di più se va male"
"Tutti uniti se va bene, ma ancora di più se va male", con queste parole affidare...
MONCHI: "Il tifoso della Roma è tremendamente emotivo. La cessione di Salah è stata inevitabile..."
Il DS giallorosso Monchi ha parlato al portale El Mundo: Tutto ciò che hai...
Benzema: "Roma? Buona squadra con giocatori molto bravi"
L’attaccante del Real attende i giallorossi al Bernabeu: «Dobbiamo avere più ritmo rispetto all’avversario. Champions? I favoriti siamo sempre noi»
REAL MADRID-ROMA, De Rossi in conferenza stampa con Di Francesco
Domani alle ore 19.00 si terrà la conferenza stampa di Eusebio Di Francesco...
TRIGORIA 17/09 - Scarico per chi ha giocato con il Chievo. Personalizzato per Pastore
ALLENAMENTO ROMA - Scarico per chi ha giocato ieri, partitella con la Primavera per gli altri
Totti: "Real? Sappiamo come metterlo in difficoltà"
Il dirigente giallorosso presenta la supersfida del Bernabeu: «Loro sono la squadra top della Champions, ma abbiamo le risorse per fare una bella figura»
Roma e Inter: aria di crisi con allenatori in confusione
Con il ritorno della Serie A ci siamo tolti un gran peso: Cristiano Ronaldo ha finalmente...
Oro e gloria, riecco la Champions: la coppa di cui nessuno può fare a meno
Sempre più ricca (ogni vittoria nella fase a gironi vale 2,7 milioni), fondamentale per i club perché oltre al prestigio regala tanti soldi. Il Real Madrid, che la vince da tre anni, non parte favorito. Davanti Manchester City, Barcellona e la Juve di Ronaldo
Costa, scuse a Di Francesco? Non sapete
Giocatore replica a follower su Instagram: mi scuso con chi devo
Totti, Zeman, Ranieri: l'ultimo abbraccio a Maria Sensi
Si sono svolti stamattina i funerali della moglie dell'ex presidente della Roma, Franco Sensi. Presenti tantissimi personaggi del mondo del calcio, incluso il presidente della Sampdoria Ferrero
Maria Sensi: oggi il funerale. Il saluto di Rosella: "Era fiera di essere romana e romanista"
Oggi alle 11, nella chiesa di San Lorenzo fuori le mura, si sono tenuti i funerali...
Funerale Maria Sensi, Ferrero attacca i tifosi della Roma: "Perché non sono qui?"
Alle 11 Roma ha dato l'ultimo saluto a Maria Nanni, moglie dello storico presidente...
CHAMPIONS LEAGUE 2018-2019 - Real Madrid-Roma: Designazioni Arbitrali
La Uefa ha reso note le designazioni arbitrali per il primo turno di Champions League....
A Madrid con Fazio e De Rossi
Il clima non è dei migliori, ma 24 ore dopo lo stop casalingo contro il Chievo la...
Prima applausi, poi fischi e cori: è partita la caccia al colpevole
Partiamo dalla fine, dai fischi dell'Olimpico che ancora non conosce vittoria, dai...
Rosella Sensi ringrazia la Sud: "Ci avete commosso, vi aspetto a San Lorenzo per salutare mamma"
Rosella Sensi ringrazia la Curva Sud per l'affetto espresso in occasione di Roma-Chievo...
Esperimenti fatali. La Roma si butta via
L'anticipo rispetto all'anno scorso, quando l'illusione di essere competitivi al...
Giallorossi spreconi. E Olsen evita il crac
Elsha e Cristante in gol, però il doppio vantaggio non basta: il portiere spegne il sogno Chievo ma non la contestazione
Roma, continua l'incubo Olimpico per gli uomini di Di Francesco
Il tabù casalingo: i giallorossi continuano a subire troppo nel loro stadio. Dopo le sei sconfitte del passato campionato, ora due pareggi in altrettante gare
Roma-Chievo 2-2: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-CHIEVO 2-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
Bunker infranto. La difesa ora trema per l'effetto Real
Sono 7 i gol subiti finora. Nella scorsa stagione sono stati 28 in 38 partite
Roma inguardabile
Dalla voglia di affrontare il Liverpool alla paura di imbarcarsi per Madrid. La...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>