facebook twitter Feed RSS
Martedì - 11 dicembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Una grande Roma passa al San Paolo, Dzeko spietato. La Juve sorpassa?

Domenica 04 marzo 2018
A furia di rimirarsi e dirsi quanto si è belli, viene la notte in cui lo specchio si rompe e i cocci feriscono. Clamoroso al San Paolo, il Napoli della grande bellezza crolla al cospetto di una Roma senza trucco, ma sicura di sé, priva di complessi, il classico tipo che piace. Capolista in attesa di giudizio: la squadra di Sarri conserva il primato, però si ritrova la Juve a meno uno e la Signora, come è noto, deve recuperare la gara con l'Atalanta, per cui parliamo di un primo posto virtuale e di un potenziale più due dei bianconeri in vetta. Nulla è perduto per i sarriani, ma la botta è fragorosa e non sarà di facile assorbimento perché mina certezze, toglie sicumera, anche se quest'ultimo aspetto sarà salutare. Gli scudetti non si vincono soltanto con la presunzione di sé, a volte servono un po' di ignoranza e di bruttezza. In attesa che giochi l'Inter, la Roma scavalca la Lazio al terzo posto e Di Francesco si ripiglia quel che forse aveva un po' perduto, la piena fiducia dei giocatori. Alisson e Dzeko sono stati protagonisti di prestazioni monumentali. Se hai portiere e centravanti forti, dicevano i vecchi allenatori Guardiola-esenti, il più è fatto.

PSICO-BOTTA - Il gol di Dybala agli sgoccioli di Lazio-Juve è stato devastante per la psiche del Napoli. I sarriani avevano fatto la bocca allo 0-0 dell'Olimpico, pregustavano l'occasione di salire a più sei, seppure temporaneamente, e però prima di cominciare si sono scoperti con la Juve attaccata al collo. Difficile ricalibrare la testa. Per paradosso, ma non troppo, sarebbe stato tutto più semplice se la Signora fosse andata in vantaggio con largo anticipo. Viceversa, con la mazzata del Dyba-gol a meno di un'ora dal calcio d'inizio del San Paolo, il Napoli è stato costretto a riprogrammarsi nelle motivazioni e nei pensieri. L'avvio degli azzurri è stato buono, venti minuti di discreto sarrismo. Insigne ha schiodato subito lo 0-0, ma c'è stato l'immediato pareggio romanista, figlio di un inconscio rilassamento altrui, come se il Napoli avesse pensato che il più fosse stato fatto, eppure si era agli albori del match. Quel «down» mentale è stata l'ulteriore spia di un disagio. Di Francesco ha costruito una Roma a due piani, due linee strette tra difesa e centrocampo, per una sorta di 4-5-1 in non possesso, con particolare pressione sui palleggiatori azzurri della mediana e relativo disinnesco dei tre. Ingarbugliare, sporcare e ripartire i tre verbi declinati dai giallorossi. Fisiologiche concessioni sulle fasce, con Florenzi e Kolarov costretti a remare da terzini vecchio stampo. Non a caso l'azione più gettonata dal Napoli è stata la palla dai lati per Insigne, bravo a smarcarsi a in area, ad arretrare quel tantino che occorreva per lasciare a mezza via Manolas e Fazio (lo prendi tu o lo prendo io? Lo prendono altri?). Più di Insigne e dei suoi ripetuti tiri hanno però potuto l'aggressività romanista nel recupero palla e il ritrovato attivismo di Nainggolan, abile a camuffarsi in zone diverse.

REAZIONE E RESA - Risalito dall'intervallo in svantaggio di un gol, il Napoli si è riversato nella metà campo avversaria, per 20 minuti in cui la Roma alle corde si è aggrappata ai guantoni di Alisson e ha dimostrato enorme attitudine alla sofferenza. Il Napoli è stato arrembante, ma monocorde, con la sola soluzione offensiva del tiro di Insigne, via via sempre più leggibile. La forbice tra i piani di rimonta degli uni e le capacità di resistenza degli altri ha cominciato ad allargarsi e nel cuore della ripresa è salito sul ponte di comando Dzeko, formidabile nel doppio ruolo di rifinitore-smistatore e stoccatore. Quando il bosniaco ha infilato il terzo gol, il secondo personale, è stato chiaro a tutti che non ci sarebbe più stato nulla da fare. Neppure l'inserimento del redivivo Milik ha spostato qualcosa. La Roma ha portato a casa la 15a vittoria nelle ultime 20 trasferte in campionato. Una squadra a trazione esterna, che ieri ha vestito maglie con tratti arancioni, il colore dell'Olanda, squadra che sempre ricordiamo volentieri, con rispetto e ammirazione.
di S. Vernazza
Fonte: Gazzetta dello Sport

Nainggolan - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 10 dic 2018 
Serie A, le folli strategie delle romane un regalo per le milanesi
Con il doppio pareggio subìto in fotocopia, allo scadere e in superiorità numerica,...
 Ven. 07 dic 2018 
ZANIOLO, parla il papà: "Nicolò ha più estro e tecnica di me. Lui ha tanta voglia di correre..."
Giunto questa estate nell'operazione di mercato che ha portato Nainggolan all'Inter,...
 Gio. 06 dic 2018 
Calciomercato, da Barella a Chiesa: i talenti azzurri valgono sempre di più
Il baby Cagliari primo colpo dell’era Marotta con Ausilio che pensa anche a Biraghi e sfida la Roma per Tonali. Il viola priorità della Juve ma il Napoli ci riproverà: vale 60 milioni
 Mer. 05 dic 2018 
Zaniolo, un talento da 10: tutte le curiosità
Alla scoperta di Nicolò: le origini, Kakà come punto di riferimento, i tatuaggi dedicati alla famiglia, lo studio attento degli avversari e una crescita che ha stupito tutti
Monchi riprende quota grazie a Zaniolo
Il centrocampo della Roma ha ingranato scacciando i fantasmi di inizio stagione...
Zaniolo e Pellegrini sono l'esempio e ora tocca a Schick. Il futuro accelera
Sui social network sta diventando virale un video: lo slalom gigante con assist...
 Mar. 04 dic 2018 
Tutti pazzi per Zaniolo. E il ct Mancini gongola
Si è reso protagonista dell'episodio più discusso dell'ultima giornata, ma sarebbe...
Gran Galà del Calcio, Nainggolan: "Roma è stata una parte molto importante della mia carriera"
Radja Nainggolan, ex centrocampista della Roma, attualmente all‘Inter, ha parlato...
 Lun. 03 dic 2018 
Roma: Zaniolo incanta, Under top. E in tribuna l'Arsenal osserva i due...
Notte da sogno per il giovanissimo contro la sua ex squadra. Il turco con un missile cancella l'errore col Real. E all'Olimpico emissari dei Gunners guardano interessati
Pellegrini "prenota" il Cagliari
E adesso gli infortuni stagionali sono 36. Un'ecatombe. L'ultimo a fermarsi Fazio...
Totti e arbitro, Spalletti fuori di testa
Tornare all'Olimpico contro la Roma non è cosa semplice per Luciano Spalletti. Il...
 Dom. 02 dic 2018 
Zaniolo in campo, Nainggolan in tribuna: il destino capovolto
Zaniolo in campo, Nainggolan in tribuna. Come se il destino si fosse capovolto....
ROMA-INTER, Nainggolan allo stadio Olimpico
Qualche minuto fa Radja Nainggolan è arrivato allo Stadio Olimpico, luogo dove alle...
Zaniolo, il volo del predestinato. L'erede del Ninja che sogna Kakà
Dopo la partita di martedìscorso contro il Real Ma­drid è successo qualcosa. Nell'umor...
Tifosi e Totti contro Spalletti, ex sgradito
E' un ritorno ingombrante quello di Luciano Spalletti nella capitale. L'allenatore...
Roma, viaggio verso il futuro
Eusebio Di Francesco ha come immagine del suo profilo WhatsApp lo stemma della Roma,...
Altro che plusvalenza, Zaniolo è il vero Radja nella Roma dei giovani
Quando all'inizio di giugno l'Inter decise di assicurarsi Radja Nainggolan, dalla...
Ritorno a casa Totti, il senso di Spalletti per le rivincite
Allineare i pensieri con rigore tattico, non farsi assalire dalla tentazione della...
 Sab. 01 dic 2018 
DI FRANCESCO: "Pastore e Perotti convocati. Schick Deve avere maggiore determinazione"
ROMA-INTER, LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Dobbiamo tirare fuori quel qualcosa in più. Abbiamo bisogno di uomini forti. Dobbiamo cercare di eliminare i soliti errori, rischiando di meno."
SPALLETTI: "A Roma ho legami bellissimi, contento di tornare. Totti? Devo leggere il libro..."
ROMA-INTER, LA CONFERENZA STAMPA DI LUCIANO SPALLETTI: "Perisic, dichiarazioni normali. Quella di papà Martinez danneggiano la squadra. "Se vedo Totti lo saluto, ho sempre fatto il bene della Roma"
Roma-Inter: da Santon a Politano, la sete di rivincita alla fiera dell'ex
Doveva essere la partita di Nainggolan. Potrebbe diventare quella di Zaniolo. Due...
 Ven. 30 nov 2018 
Da Santon e Zaniolo a Spalletti e Nainggolan: Roma-Inter è la sfida degli ex
Domenica sera all'Olimpico saranno in tanti gli ex che avranno voglia di prendersi una rivincita
Il colpo è Zaniolo
Alla fine l'affare l'ha fatto la Roma. Se cinque mesi fa la Capitale era in lutto...
Nicolò il predestinato. Il suo ex tecnico Vecchi: "Zaniolo puó sfondare"
Zaniolo affronta il suo passato, per quanto si possa parlare di passato per un ragazzo...
Nainggolan costretto a saltare la sfida contro gli ex compagni
Quando Nainggolan ha lasciato il campo di Wembley al 44' del primo tempo, per un...
 Gio. 29 nov 2018 
Pallotta pensa solo allo stadio e non c'è mai
Le attuali difficoltà della Roma hanno ragioni assai serie e riguardano in primo...
I 7 peccati capitali. La crisi della Roma riassunta attraverso i punti principali
1. INFORTUNI - «È tempo di capire la natura di certi infortuni». Se lo domanda...
Tanti (troppi) stop muscolari. Altra stagione nera a Trigoria
Più che un'emergenza, si tratta di un'ecatombe. Difficile trovare un termine diverso...
 Mer. 28 nov 2018 
Roma, infermeria piena per l'Inter: ma Pastore e Perotti ci provano
Di Francesco contro i nerazzurri dovrà fare a meno di Dzeko, El Shaarawy e De Rossi. I due argentini proveranno almeno a strappare una convocazione. Si ferma anche Coric
La Roma si butta via
Cosa rimane dopo questa serata malinconica? Una qualificazione agli ottavi di Champions...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>