facebook twitter Feed RSS
Martedì - 19 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Una grande Roma passa al San Paolo, Dzeko spietato. La Juve sorpassa?

Domenica 04 marzo 2018
A furia di rimirarsi e dirsi quanto si è belli, viene la notte in cui lo specchio si rompe e i cocci feriscono. Clamoroso al San Paolo, il Napoli della grande bellezza crolla al cospetto di una Roma senza trucco, ma sicura di sé, priva di complessi, il classico tipo che piace. Capolista in attesa di giudizio: la squadra di Sarri conserva il primato, però si ritrova la Juve a meno uno e la Signora, come è noto, deve recuperare la gara con l'Atalanta, per cui parliamo di un primo posto virtuale e di un potenziale più due dei bianconeri in vetta. Nulla è perduto per i sarriani, ma la botta è fragorosa e non sarà di facile assorbimento perché mina certezze, toglie sicumera, anche se quest'ultimo aspetto sarà salutare. Gli scudetti non si vincono soltanto con la presunzione di sé, a volte servono un po' di ignoranza e di bruttezza. In attesa che giochi l'Inter, la Roma scavalca la Lazio al terzo posto e Di Francesco si ripiglia quel che forse aveva un po' perduto, la piena fiducia dei giocatori. Alisson e Dzeko sono stati protagonisti di prestazioni monumentali. Se hai portiere e centravanti forti, dicevano i vecchi allenatori Guardiola-esenti, il più è fatto.

PSICO-BOTTA - Il gol di Dybala agli sgoccioli di Lazio-Juve è stato devastante per la psiche del Napoli. I sarriani avevano fatto la bocca allo 0-0 dell'Olimpico, pregustavano l'occasione di salire a più sei, seppure temporaneamente, e però prima di cominciare si sono scoperti con la Juve attaccata al collo. Difficile ricalibrare la testa. Per paradosso, ma non troppo, sarebbe stato tutto più semplice se la Signora fosse andata in vantaggio con largo anticipo. Viceversa, con la mazzata del Dyba-gol a meno di un'ora dal calcio d'inizio del San Paolo, il Napoli è stato costretto a riprogrammarsi nelle motivazioni e nei pensieri. L'avvio degli azzurri è stato buono, venti minuti di discreto sarrismo. Insigne ha schiodato subito lo 0-0, ma c'è stato l'immediato pareggio romanista, figlio di un inconscio rilassamento altrui, come se il Napoli avesse pensato che il più fosse stato fatto, eppure si era agli albori del match. Quel «down» mentale è stata l'ulteriore spia di un disagio. Di Francesco ha costruito una Roma a due piani, due linee strette tra difesa e centrocampo, per una sorta di 4-5-1 in non possesso, con particolare pressione sui palleggiatori azzurri della mediana e relativo disinnesco dei tre. Ingarbugliare, sporcare e ripartire i tre verbi declinati dai giallorossi. Fisiologiche concessioni sulle fasce, con Florenzi e Kolarov costretti a remare da terzini vecchio stampo. Non a caso l'azione più gettonata dal Napoli è stata la palla dai lati per Insigne, bravo a smarcarsi a in area, ad arretrare quel tantino che occorreva per lasciare a mezza via Manolas e Fazio (lo prendi tu o lo prendo io? Lo prendono altri?). Più di Insigne e dei suoi ripetuti tiri hanno però potuto l'aggressività romanista nel recupero palla e il ritrovato attivismo di Nainggolan, abile a camuffarsi in zone diverse.

REAZIONE E RESA - Risalito dall'intervallo in svantaggio di un gol, il Napoli si è riversato nella metà campo avversaria, per 20 minuti in cui la Roma alle corde si è aggrappata ai guantoni di Alisson e ha dimostrato enorme attitudine alla sofferenza. Il Napoli è stato arrembante, ma monocorde, con la sola soluzione offensiva del tiro di Insigne, via via sempre più leggibile. La forbice tra i piani di rimonta degli uni e le capacità di resistenza degli altri ha cominciato ad allargarsi e nel cuore della ripresa è salito sul ponte di comando Dzeko, formidabile nel doppio ruolo di rifinitore-smistatore e stoccatore. Quando il bosniaco ha infilato il terzo gol, il secondo personale, è stato chiaro a tutti che non ci sarebbe più stato nulla da fare. Neppure l'inserimento del redivivo Milik ha spostato qualcosa. La Roma ha portato a casa la 15a vittoria nelle ultime 20 trasferte in campionato. Una squadra a trazione esterna, che ieri ha vestito maglie con tratti arancioni, il colore dell'Olanda, squadra che sempre ricordiamo volentieri, con rispetto e ammirazione.
di S. Vernazza
Fonte: Gazzetta dello Sport

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 15 giu 2018 
CALCIOMERCATO Roma, Golovin era stato offerto ai giallorossi ad aprile
Aleksandr Golovin, centrocampista del CSKA Mosca e obiettivo di mercato della Juventus,...
CALCIOMERCATO Roma, Raiola tratta con i giallorossi per Pinamonti
Andrea Pinamonti, attaccante dell'Inter, potrebbe essere al centro di una trattativa...
Calciomercato Roma, Real-Alisson: prossime ore decisive
Il Real Madrid spinge sull'acceleratore per Alisson. Le prossime ore potrebbero...
CALCIOMERCATO Roma, Monchi blinda il giovane Calafiori fino al 2021
La Roma blinda Riccardo Calafiori, terzino sinistro dell'Under 17. Come riferito...
Roma nuovo stadio: Baldissoni incontra la Raggi. La società chiede tempi rapidi
La società è disponibile a proseguire nel progetto a patto che le verifiche dell'Amministrazione siano completate velocemente
Calciomercato, Roma-Meret pista concreta: Le Ultime
Continua a tenere banco in casa Roma il futuro di Alisson Becker. Per il 25enne...
Curatore o "sostituto" per salvare l'opera
Un curatore della società Eurnova nominato dal tribunale al posto di Luca Parnasi,...
"Caro Pallotta, l'avevamo detto: a Roma non si può..."
Gentile James Pallotta. L'avevamo avvertita in tempo. Esattamente un anno e mezzo...
Calciomercato Roma, il Chelsea su Manolas
L'agente Ramadami è stato in Italia per conto del Chelsea. L'obiettivo era un difensore...
Calciomercato Roma, El Shaarawy resta: conferma per l'attaccante
L'attaccante giallorosso non è sul mercato: vestirà la maglia della Roma anche nella...
Una Roma fatta in casa
Un ritiro fatto in casa per la Roma: prima della partenza per la tournée americana,...
CAOS STADIO ROMA, questa mattina incontro Raggi-Baldissoni in Campidoglio
Dopo il caos scaturito intorno al progetto sul futuro stadio della Roma e che ha...
Cronaca di un dietrofront: dal no al sì con la regia di Mr Wolf
«Io il parere lo chiedo ma poi a quel punto, qualsiasi sia la risposta, ci si adegua....
Stadio, ora il progetto rischia un ritardo record: un anno
Progetto stadio sospeso per (almeno) un anno. Il primo passo sarà la nomina del...
Parnasi voleva mollare lo stadio
C'è una sorta di via d'uscita che potrebbe salvare, magari in tempi non necessariamente...
Perdere lo stadio: un delitto sociale
Mettiamocelo bene in testa. Con tutta la lucidità e tutta la generosità di cui siamo...
Raggi in tv: sola contro tutti: "Stadio, ora destino incerto"
Sos in Comune, caccia a un altro costruttore
Calciomercato Roma, "Ora basta, Peres firma per il Toro"
La Roma intima al brasiliano di firmare con il club granata altrimenti potrebbe finire ai margini del club
Calciomercato Roma, Alisson è a un soffio dal Real
In Spagna sicuri, a Trigoria ancora no: 75 milioni più bonus. Pallotta prima conferma poi: “Scherzavo”
Calciomercato Roma, l'Inter insiste per Nainggolan. Ausilio sente Monchi e avvia la trattativa
La Roma “scende” a 35 milioni e valuta anche i giovani come contropartita tecnica nell’affare per il centrocampista belga
Parnasi e i fondi a Lega e 5 Stelle: "Se vincono è fatta"
Una dote, di certo, a Luca Parnasi non mancava: il fiuto, anche in politica. E così...
Roma, voci e smentite. Pallotta: "Alisson al Real e Nainggolan all'Inter"
A Napoli è famoso il detto secondo il quale Pulcinella a forza di scherzare diceva...
 Gio. 14 giu 2018 
Alisson, ecco la prima offerta del Real alla Roma
E' uno dei pezzi più pregiati di questa estate di calciomercato, parliamo di Alisson,...
Stadio Roma, Di Maio: "Se è tutto a posto il progetto andrà avanti"
"Se e' tutto a posto, il progetto dello stadio della Roma andra' avanti, ma questo...
La nuova strategia di Pallotta per lo stadio dopo gli arresti
Il presidente della Roma dovrà rivedere la strategia per la costruzione del nuovo stadio a Tor di Valle. Dopo gli arresti per corruzione di mercoledì i tempi per la realizzazione del progetto si dilateranno. Bisognerà capire quanto Pallotta sia disposto ad attendere
Calciomercato, dalla Spagna: accordo totale col Real per Alisson: alla Roma 75 milioni più bonus
Il portiere brasiliano ha rifiutato il Liverpool: la sua volontà era solo quella di vestire la maglia dei Blancos
Stadio della Roma, Raggi: "Se non ci sono irregolarità si potrà andare avanti con l'iter"
"Fraccaro e Bonafede mi presentarono Lanzalone”
CASSETTI: "Nainggolan non ha intenzione di lasciare Roma"
L'opinionista ed ex calciatore della Roma Marco Cassetti ha dichiarato quanto segue:...
Stadio Roma, indagato il sovrintendente Prosperetti
IL sovrintendente Francesco Prosperetti, che si occupò del vincolo sulle tribune...
Stadio Roma, Fuksas: "Lo progetto io gratuitamente, per i giallorossi farei di tutto"
L’archistar aggiunge: “Lo farei vicino ad una metropolitana, servirebbe un sistema di infrastrutture”
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>