facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 25 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

Jorginho contro De Rossi: due registi a caccia dell'Oscar

Sabato 03 marzo 2018
Otto anni di differenza sono una vita, specie se fai il centrocampista e devi scattare appresso a pallone e avversari. Jorginho da una parte, De Rossi dall'altra: due registi a caccia dell'Oscar. Uno, la carriera, la sta portando avanti con successo, l'altro è quasi alla fine e tante soddisfazioni se le è pure tolte. Il brasiliano/italiano sogna e gioca per lo scudetto, il secondo lo sogna e basta e quando la Roma lo ha vinto era solo un bravissimo giovincello della Primavera. Se Daniele - ai tempi - ci ha messo un attimo a prendersi in mano la Roma, a Jorginho per entrare definitivamente nel cuori dei suoi allenatori ci sono voluti anni: solo un paio di stagioni fa, proprio contro la Roma, venne sostituito e fischiato dopo essere stato ingoiato dal pressing di Nainggolan.

MARCATO E MARCATORE - La posizione dei due rivali in campo è la stessa e, per consolidati giochini di passaporto, pure la nazionalità è la stessa, tant'è che Jorginho (brasiliano) stava scavalcando De Rossi nel ruolo di centrale della Nazionale. La posizione è la stessa, dicevamo, il modo di interpretare il ruolo ad essere molto diverso: Jorginho un regista classico, distributore di palloni e idee, Daniele più un mediano/difensore, trasformatosi in regista senza mai diventarlo sul serio. La distribuzione palla è diversa di squadra in squadra, al di là delle caratteristiche del singolo interprete in regia: il Napoli gioca nel corto, con palleggio rapido e fraseggio continuo ad alta velocità; la Roma predilige il pressing e la ripartenza rapida in verticale, di possesso ne fa meno. Uno, Jorginho, ha meno esperienza dell'altro, questo lo si evidenzia per l'età e il numero di partite vissute ad alto livello. Sarri al suo regista non rinuncia quasi mai, mentre Di Francesco, specie quando aveva Gonalons, lo ha fatto risposare, spiegando anche ieri la diversità tra il romano e il francese. «Nella gestione della palla Daniele ha più esperienza, Maxime ha più capacità fisiche per recuperare. Possono interpretare questo ruolo entrambi. Se la squadra si allunga puoi giocare con tutti i sistemi di gioco, ma ti serve la grande giocata; se la squadra si accorcia puoi fare con qualsiasi modulo, giocando corti. Abbiamo fatto grandi prestazioni rimanendo compatti, quando ci allunghiamo qualcosa non va. Strootman a San Siro ha fatto bene il regista perché coadiuvato dagli altri. Si parla spesso di discorsi individuali, il concetto di fondo è sempre di squadra, anche per il modulo di gioco».

NUMERI - Di Francesco ha utilizzato De Rossi 15 volte in campionato e 5 in Champions, il numero 16 ha risposto con un assist e zero gol (da quando gioca da difensore aggiunto, di reti ne ha sempre fatte poche, ovviamente). Diverso lo score del suo dirimpettaio: 23 partite in campionato, due in Champions più le due nel preliminare con il Nizza, poi una in Europa League e una in Coppa Italia: due gol (uno su rigore uno su ribattuta dopo un penalty fallito) e 4 assist. La differenza, insomma, è nei passaggi gol più che nei gol. Sempre per capire la distanza tra i loro modi di "assistere" la squadra in fase di proposizione del gioco, basta notare lo squilibrio nel numero dei tiri in porta in campionato: 5 totali e uno nello specchio per De Rossi, 14 e 5 per Jorginho. Perde meno palloni il romanista (40) rispetto al napoletano (80),me ne recupera di più quest'ultimo (56) rispetto a Daniele (29). Chi gioca contro il Napoli sa bene quanto sia necessario tappare la fonte di gioco, appunto Jorginho. Ed ecco perché un giallorosso dovrà andare ad aggredirlo in fase di possesso avversario. Contrastare le giocate di Jorginho sarebbe già un modo per limitare la portata offensiva del Napoli: Dzeko, Nainggolan hanno il compito di coprire il campo davanti a lui; De Rossi più che marcato dovrà essere marcatore: su Hamsik, come gli capita spesso, o su Allan, bravo pure lui come lo slovacco, ad aggredire l'area. Ecco perché Jorginho è un Pirlo, mentre Daniele è un Desailly, appunto, un difensore aggiunto. La gestione dell'inizio azione è più compito di Fazio (o Juan Jesus), solo dopo di De Rossi. La Nazionale ancora potrebbe accomunarli: l'italo brasiliano è il futuro, dopo la sfida con la Svezia ha colto l'investitura di De Rossi, ma dopo qualche tempo è ricambiato tutto e il romanista ha dato la sua disponibilità a tornare in Nazionale (o quantomeno a non abbandonarla subito). Rivali stasera, rivali in azzurro. Sempre in cabina di regia, da diversamente registi.
di Alessandro Angeloni
Fonte: Il Messaggero

News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Mer. 20 giu 2018 
Calciomercato Roma, dalla Spagna: offerto Wass del Celta Vigo
La Roma sarebbe in contatto con l'agente di Daniel Wass, centrocampista centrale...
Calciomercato Roma, offerta ufficiale dell'Inter per Nainggolan
È arrivata l'offerta ufficiale dell'Inter per Nainggolan. Come riferito da Alessandro...
CALCIOMERCATO Roma, Machin convince il Pescara: sarà riscattato
José Machin verrà riscattato dal Pescara. Ci sono gli accordi, manca soltanto l'annuncio....
CALCIOMERCATO Bologna, arriva Calabresi: oggi la firma
Prima esperienza in Serie A, Arturo Calabresi è pronto a diventare un nuovo calciatore...
Gioia Pastore: "Voglio la Roma"
Il 'Flaco' già vola e, in vacanza alle Baleari, ha spiegato agli amici il suo piano: il grande rilancio in giallorosso. Forse venerdì sarà in città
PROCEDURA DA STADIO
L'ANGOLO DELLA POESIA
Di Francesco studia Pastore: 'El Flaco' può fare due ruoli
Se, come sembra, nelle prossime ore verranno completate le pratiche per il trasferimento...
Manolas, c'è qualcosa che si muove: un intermediario sonda gli umori di Real e Barcellona
Non è sul mercato ma al tempo stesso la Roma non lo ritiene un incedibile. Tutto...
Seconde squadre, sei club di A chiedono il rinvio: tra queste anche la Roma
Sei club di Serie A stanno valutando chiedere alla Federcalcio il rinvio dell'introduzione...
Roma, sullo stadio tutti contro tutti. Lanzalone: "Non me ne sono occupato"
Tutti lo indicano come la longa manus all'interno della pubblica amministrazione...
Nainggolan: "Ci vediamo a Milano". Il post, la smentita, il giallo
Ieri il centrocampista belga della Roma era a Trigoria. E sta già cercando casa al Nord
Ecco perché la Roma non ha ancora ufficializzato Kluivert
Nonostante sia sbarcato a Roma una settimana fa, l'acquisto di Justin Kluivert non...
Calciomercato Roma, Oggi la risposta di Peres al Torino
La trattativa tra Peres e il Torino vive un momento di stallo ma, oggi vedrà la...
Calciomercato Roma, Meret piace tanto. Pupillo di Savorani, è una scommessa
Ragazzo dai grandi margini di crescita, costa almeno 20 milioni e strapparlo ai friulani, magari facendo un’asta col Napoli, non sarebbe – o sarà – facile
Calciomercato Roma, Areola è il sogno ma c'è da lottare pure col Napoli
A Trigoria piace, ad Ancelotti pure, la sensazione è che se lascerà il Psg potrebbe davvero andare in uno di questi due club e provare il campionato di A
Calciomercato Roma, l'esperto Olsen, Sergio Rico indietro
Il diesse lo ha fatto studiare, ne apprezza la freddezza e il fisico di quasi due metri e anche il costo, non elevatissimo.
Calciomercato, Donnarumma vuole la Roma: disposto anche a ridursi l'ingaggio
L’agente Raiola avrebbe proposto a Monchi i due fratelli. Gigio vuole giocare la Champions in giallorosso
Calciomercato Roma, conto alla rovescia Inter-Nainggolan. Il sì a 35 milioni entro fine mese
La Roma sblocca la trattativa: ok al cash più due-tre giovani. È il quarto colpo per Spalletti: il belga firmerà fino al 2022
Baldissoni: "Lanzalone si occupava dello stadio per conto del Comune"
Il direttore generale della Roma, Mauro Baldissoni, ha rilasciato delle dichiarazioni...
Difra stravede per Pastore: "Così nasce un super gruppo"
Chi lo conosce, lo definisce letteralmente impazzito per Pastore. L'ha chiesto,...
"Così abbiamo trasformato il no dei grillini in un sì"
È il primo indagato a decidere di collaborare pienamente con la procura di Roma...
La Roma di Pastore è senza Nainggolan
La direttiva del calciomercato che sta portando avanti Monchi è duplice: aumentare...
Il caso Tor di Valle: "Pagavamo i politici e non avevamo più soldi da dare ai dipendenti"
I finanziamenti ai politici di ogni schieramento, mentre in Eurnova «non avevamo...
 Mar. 19 giu 2018 
Calciomercato Torino, domani attesa la risposta definitiva di Bruno Peres
Il possibile ritorno al Torino e la risposta definitiva che arriverà a breve. Bruno...
Calciomercato Napoli, si continua a lavorare per Areola: alternativa Meret
Tra le priorità di mercato del Napoli c'è sempre la ricerca di un portiere che sostituisca...
Calciomercato, Inter-Nainggolan e Roma-Pastore verso la chiusura: aggiornamenti
Operazioni praticamente collegate, classico effetto domino del calciomercato. Pastore...
Il ritorno del buon Pastore: la Roma è pronta ad accoglierlo
Javier Pastore e l'Italia nel destino. Il Flaco è ormai a un passo dalla sua nuova...
CALCIOMERCATO, il Real Madrid acquista il portiere Lunin
Il Real Madrid ha chiuso per Andriy Lunin, portiere diciannovenne dello Zorya Luhansk,...
CALCIOMERCATO Roma, Gomez dà il bentornato in Italia a Pastore
Alejandro Gomez, attaccante dell'Atalanta, dà il bentornato in Italia a Javier Pastore,...
Calciomercato Torino, con la Roma rischia di sfumare anche l'affare Gonalons
I dirigenti di Torino e Roma nelle ultime settimane (come ormai accade da diverse...
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>