facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 17 dicembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Jorginho contro De Rossi: due registi a caccia dell'Oscar

Sabato 03 marzo 2018
Otto anni di differenza sono una vita, specie se fai il centrocampista e devi scattare appresso a pallone e avversari. Jorginho da una parte, De Rossi dall'altra: due registi a caccia dell'Oscar. Uno, la carriera, la sta portando avanti con successo, l'altro è quasi alla fine e tante soddisfazioni se le è pure tolte. Il brasiliano/italiano sogna e gioca per lo scudetto, il secondo lo sogna e basta e quando la Roma lo ha vinto era solo un bravissimo giovincello della Primavera. Se Daniele - ai tempi - ci ha messo un attimo a prendersi in mano la Roma, a Jorginho per entrare definitivamente nel cuori dei suoi allenatori ci sono voluti anni: solo un paio di stagioni fa, proprio contro la Roma, venne sostituito e fischiato dopo essere stato ingoiato dal pressing di Nainggolan.

MARCATO E MARCATORE - La posizione dei due rivali in campo è la stessa e, per consolidati giochini di passaporto, pure la nazionalità è la stessa, tant'è che Jorginho (brasiliano) stava scavalcando De Rossi nel ruolo di centrale della Nazionale. La posizione è la stessa, dicevamo, il modo di interpretare il ruolo ad essere molto diverso: Jorginho un regista classico, distributore di palloni e idee, Daniele più un mediano/difensore, trasformatosi in regista senza mai diventarlo sul serio. La distribuzione palla è diversa di squadra in squadra, al di là delle caratteristiche del singolo interprete in regia: il Napoli gioca nel corto, con palleggio rapido e fraseggio continuo ad alta velocità; la Roma predilige il pressing e la ripartenza rapida in verticale, di possesso ne fa meno. Uno, Jorginho, ha meno esperienza dell'altro, questo lo si evidenzia per l'età e il numero di partite vissute ad alto livello. Sarri al suo regista non rinuncia quasi mai, mentre Di Francesco, specie quando aveva Gonalons, lo ha fatto risposare, spiegando anche ieri la diversità tra il romano e il francese. «Nella gestione della palla Daniele ha più esperienza, Maxime ha più capacità fisiche per recuperare. Possono interpretare questo ruolo entrambi. Se la squadra si allunga puoi giocare con tutti i sistemi di gioco, ma ti serve la grande giocata; se la squadra si accorcia puoi fare con qualsiasi modulo, giocando corti. Abbiamo fatto grandi prestazioni rimanendo compatti, quando ci allunghiamo qualcosa non va. Strootman a San Siro ha fatto bene il regista perché coadiuvato dagli altri. Si parla spesso di discorsi individuali, il concetto di fondo è sempre di squadra, anche per il modulo di gioco».

NUMERI - Di Francesco ha utilizzato De Rossi 15 volte in campionato e 5 in Champions, il numero 16 ha risposto con un assist e zero gol (da quando gioca da difensore aggiunto, di reti ne ha sempre fatte poche, ovviamente). Diverso lo score del suo dirimpettaio: 23 partite in campionato, due in Champions più le due nel preliminare con il Nizza, poi una in Europa League e una in Coppa Italia: due gol (uno su rigore uno su ribattuta dopo un penalty fallito) e 4 assist. La differenza, insomma, è nei passaggi gol più che nei gol. Sempre per capire la distanza tra i loro modi di "assistere" la squadra in fase di proposizione del gioco, basta notare lo squilibrio nel numero dei tiri in porta in campionato: 5 totali e uno nello specchio per De Rossi, 14 e 5 per Jorginho. Perde meno palloni il romanista (40) rispetto al napoletano (80),me ne recupera di più quest'ultimo (56) rispetto a Daniele (29). Chi gioca contro il Napoli sa bene quanto sia necessario tappare la fonte di gioco, appunto Jorginho. Ed ecco perché un giallorosso dovrà andare ad aggredirlo in fase di possesso avversario. Contrastare le giocate di Jorginho sarebbe già un modo per limitare la portata offensiva del Napoli: Dzeko, Nainggolan hanno il compito di coprire il campo davanti a lui; De Rossi più che marcato dovrà essere marcatore: su Hamsik, come gli capita spesso, o su Allan, bravo pure lui come lo slovacco, ad aggredire l'area. Ecco perché Jorginho è un Pirlo, mentre Daniele è un Desailly, appunto, un difensore aggiunto. La gestione dell'inizio azione è più compito di Fazio (o Juan Jesus), solo dopo di De Rossi. La Nazionale ancora potrebbe accomunarli: l'italo brasiliano è il futuro, dopo la sfida con la Svezia ha colto l'investitura di De Rossi, ma dopo qualche tempo è ricambiato tutto e il romanista ha dato la sua disponibilità a tornare in Nazionale (o quantomeno a non abbandonarla subito). Rivali stasera, rivali in azzurro. Sempre in cabina di regia, da diversamente registi.
di Alessandro Angeloni
Fonte: Il Messaggero

News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Mar. 11 dic 2018 
PROPOSTA una buonuscita a Di Francesco, ma il tecnico ha il sostegno dei giocatori
Dopo il match contro il Cagliari ci sarebbe stato un colloquio tra Eusebio Di Francesco...
Calciomercato Roma, Weigl e Zappacosta se i conti lo permettono
Due rinforzi a gennaio: il club vuole acquistare ma i soldi da spendere non sono tanti. Monchi segue anche Thomas dell'Atletico Madrid
Cristante, piccola consolazione
La fortuna non è dalla parte di Bryan Cristante. Il finale di Cagliari ha fatto...
Ritiro Roma, malumore dei giocatori. Ma il club non cede
La squadra si adegua nonostante il provvedimento non piaccia L’obiettivo: sensibilizzare il gruppo. E dopo Plzen si continua
De Rossi in lista col Genoa per esserci contro la Juve. La squadra va a Plzen a caccia di autostima
La partenza per Plzen di oggi pomeriggio alleggerisce un ritiro che vede i giocatori...
Nzonzi senza alternative: deve riposare ma non ha cambi
14 partite di seguito. E tutte per intero, con la sola eccezione della sfida casalinga...
Missione Schick: torna a casa per prendersi Roma
La speranza è l'aria di casa gli faccia bene. Domani Patrik Schick guiderà l'attacco...
"Stadio, favori a Parnasi": Lanzalone subito a processo
Consulente plenipotenziario del Campidoglio, consigliere di punta della sindaca...
Roma, maledetta rimonta
Una malattia chiamata rimonta. Un male sconosciuto a Di Francesco nella passata...
Pallotta fissa il prezzo: 800 milioni per cedere la Roma
La tentazione di Pallotta: 800 milioni e cede la Roma
Così solida prima, così fragile oggi: metamorfosi di una rosa in-difesa
Florenzi e Kolarov esterni, Manolas e Fazio centrali. Era il quartetto tipo dello...
Non ci resta che DiFra. Roma, gli ex assolvono il tecnico: "Sono i giocatori a dover dare di più"
C'è una Roma che crede ancora in Di Francesco. È quella degli ex calciatori giallorossi...
Eusebio si salva con una Viktoria
Il paradosso della settimana si sposta oltre confine. In Repubblica Ceca. La trasferta...
 Lun. 10 dic 2018 
Champions: Roma a Plzen per ritrovarsi. C'è Pastore dal 1'
Giallorossi già qualificati e sicuri del secondo posto nel girone, ma vista l'aria Di Francesco non può permettersi passi falsi in Repubblica Ceca
Calciomercato: da Rossi a Nasri, ecco la lista degli svincolati di lusso
Vantano presenze nei massimi campionati europei, in Champions League o nelle rispettive Nazionali e sono a caccia di una squadra
Torino, l'auto dei giocatori della Juve primavera si schianta contro una volante
Incidente a Torino tra una volante della polizia e l'auto su cui viaggiavano alcuni...
COPPA ITALIA 2018/2019 - Sorteggio Ottavi di Finale: Le Date
Si riportano qui di seguito gli accoppiamenti degli Ottavi di finale determinati...
Uefa: Dzeko e Manolas tra i 50 candidati alla squadra dell'anno. In lizza anche Alisson
Unico giocatore italiano, 4 calciatori Juve, 3 Roma e 1 Napoli
Serie A, le folli strategie delle romane un regalo per le milanesi
Con il doppio pareggio subìto in fotocopia, allo scadere e in superiorità numerica,...
Astori, due medici indagati per la morte del calciatore viola
La Procura di Firenze ha inviato due avvisi di garanzia per la morte di Davide Astori,...
Rocchi: l'arbitro pronto a denunciare per le offese dopo Roma-Inter
Non si placano le polemiche sull'utilizzo o meno del Var scaturite dopo l'arbitraggio...
PLZEN-ROMA, domani la rifinitura a Trigoria. In serata la conferenza stampa in Repubblica Ceca
Domani sarà vigilia di Champions League per l'ultima gara del girone eliminatorio,...
TRIGORIA 10/12 - Individuale in campo per Dzeko, Coric e De Rossi.
ALLENAMENTO ROMA - In palestra per El Shaarawy, Lorenzo Pellegrini e Karsdorp
Roma, decide Monchi: Di Francesco va avanti
Pallotta lascia la scelta al ds, che fa prevalere la linea morbida: il tecnico si gioca tutto col Genoa. Paulo Sousa o Blanc all’orizzonte
La Roma spinge sul mercato: subito Weigl
Prendono forma le strategie di Monchi, che la settimana scorsa era in missione europea: Il regista del Dortmund diventa il primo obiettivo
Ultrà romanisti aggrediscono steward
Cinque steward in servizio alla Sardegna Arena sono stati aggrediti ieri sera da...
CHAMPIONS LEAGUE 2018-2019 - Viktoria Plzen-Roma: Designazione Arbitrale
La Uefa ha reso note le designazioni arbitrali per il sesto turno di Champions League....
Se il bomber è Kolarov, l'attacco fa sempre cilecca
C' è uno spettro che si aggira per Trigoria. È quello della sterilità offensiva,...
Tormento De Rossi: senza di lui sono guai. Ora mirino sulla Juve
Quanto manca. Per carattere, personalità, carisma e qualità. Scegliete voi l'ordine...
Colpa della preparazione sbagliata
Con più di venti giocatori infortunati e con qualcuno che ha giocato in condizioni...
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>