facebook twitter Feed RSS
Domenica - 9 dicembre 2018
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Mediapro, lo show del calcio comincia qui

Martedì 27 febbraio 2018
Cambiare si può. Vale anche per il calcio italiano, costretto al commissariamento per poter finalmente mutare regole e protagonisti. Non solo Fabbricini e Malagò: l'opportunità di un profondo cambiamento passa anche attraverso una società spagnola, l'ormai famosa Mediapro, che, tra lo stupore generale, ha acquisito la totalità dei diritti televisivi del nostro campionato. Ma chi sono, cosa vogliano realmente fare questi spagnoli, ora con il 53,5% in mano dei cinesi della Orient Hontai Capital, della nostra Serie A? E' bastata una giornata in una delle due loro sedi a Barcellona, quella produttiva (un palazzone di 16 piani con terrazza all'ultimo piano da cui si domina l'intera città catalana), per capirne la portata, la filosofia e le potenzialità. Sono i due fondatori Jaume Roures e Tatxo Benet a spiegare il mondo di Mediapro. Una società nata poco più di 20 anni fa con un pullman regia per la ripresa delle partite e ora diventato uno dei più importanti gruppi audiovisivi del mondo. Calcio, film, fiction, show televisivi, pubblicità: la sensazione è quella di una autentica "macchina da guerra". Sale regia, studi (il più grande di 1000 mq), redazioni, uffici e, sparsi in tutto il mondo, 561 giornalisti, 542 tecnici, 158 operatori di ripresa, 543 producers e 74 ingegneri. L'attività all'interno dell'edificio è pulsante, con partite, telecronache, servizi e produzioni realizzate per i vari canali spagnoli e per operatori di ogni continente.

LE CIFRE
Durante la visita si assiste alla regia remota, fatta direttamente dal centro di produzione e non allo stadio, di Celta Vigo-Eibar. E' uno dei 4 set up con i quali vengono prodotte le partite della Liga e quelle della seconda e terza divisione. Il formato top è naturalmente per le gare di Real Madrid e Barcellona, sempre riprese con 20 telecamere, mentre per el Clasico ne sono previste 25. Dalla sede di Avinguda Diagonal, si passa al Nou Camp per toccare tecnologia, operatività ed efficienza sul campo. Tutto perfetto, fin troppo, conoscendo i limiti strutturali degli impianti italiani, scomodi e antiquati. Una volta compresa la potenzialità del gruppo e aver ammirato il Barcellona di Messi travolgere il malcapitato Girona, che Roures e Benet seduti intorno ad un tavolo, tra jamon, paella e buon vino, lasciano intendere come si muoveranno nel nostro Paese dopo un investimento di 1.050.001.000 di euro. Il loro obiettivo è di estendere la visione del nostro campionato a più tifosi possibili. Non solo satellite e digitale ma tutte le piattaforme. «Il calcio italiano come prima cosa deve capire cosa genera - afferma Tatxo Benet -. La nostra stima è di minimo 2 miliardi. In Italia il prezzo dei dritti era fermo da anni ma ci sono più abitanti e abbonati che in Spagna. Manca la concorrenza fra operatori. Distribuendo su più piattaforme si raggiungono più tifosi e cala il prezzo». Ovvio che il canale tematico sia il loro principale obiettivo, sicuri che rappresenti la soluzione migliore alla quale arriveranno presto in Inghilterra e Spagna. Al momento, venderanno pacchetti ai vari operatori, fatta salva la possibilità di realizzare pezzi di prodotti audiovisivi a un distributore-editore che li richieda (telecronache o interviste pre e post partita). Di certo Mediapro vuole negoziare la produzione dei match coi club (ora 6 lo fanno in proprio, 14 con Infront) per dare un'identità al campionato, passando anche per prati curati e spalti pieni. «La Liga ha una locomotiva, Real-Barcellona. La Serie A almeno 4: manca solo che il treno sia ben agganciato e prenda ritmo - dice Roures -. Però i club non devono difendere interessi particolari, in Lega serve una governance forte e bisogna avvicinare i fan. In Spagna abbiamo spezzettato tutte le partite per valorizzare le piccole squadre con due ore di esposizione esclusiva in tv, non per farle vedere in Cina».
di Massimo Caputi
Fonte: Il Messaggero

Real Madrid - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 08 dic 2018 
Roma, se la difesa sbanda, l'attacco è inesistente
CAGLIARI Se la difesa dorme, perché prende un gol con la squadra avversaria...
CORIC:"Il mio momento sta arrivando. La Roma per Totti è una famiglia e grazie a lui sento di farne"
Il croato ha raccontato la sua esperienza in giallorosso: “All’inizio è stato difficile, ma il mio periodo di ambientamento è quasi finito. Col Real mi sono fatto male per la troppa adrenalina, non so dire quanto fossi felice”
 Ven. 07 dic 2018 
Monchi: "Una stagione sotto le aspettative, ma sto bene a Roma e non me ne vado"
"Una stagione sotto le aspettative". Queste sono le dichiarazioni di Monchi rilasciate...
Under pressure. Roma, c'è Cengiz al comando là davanti
«Cadi sette volte, rialzati otto». Cengiz Under ha usato un proverbio buddista per...
Pellegrini torna a Natale. Pastore ora sfida Zaniolo
Stesso muscolo (il flessore) e dinamica dell'infortunio molto simile. Quello che...
 Gio. 06 dic 2018 
Schick, dal tacco alla punta
Abbiamo esaltato un recupero palla sotto la Tevere (Roma-Real Madrid), poi strabuzzato...
 Mer. 05 dic 2018 
Zaniolo, la bella "svista" che fa felice la Roma
Ci sono tante persone che ogni mattina si svegliano e dicono: «Da oggi cambio vita»....
 Mar. 04 dic 2018 
Russia 2018, ecco quanti milioni hanno incassato i club
185 milioni di euro è la somma totale che la Fifa verserà a tutte le società che hanno fornito dei giocatori alle nazionali: Juve unica italiana nella top ten
Roma, fischiata al passaggio del turno, ora goditi gli applausi
Con una partita tutto cuore la squadra giallorossa rimonta due volte l'Inter. Un pareggio che sa di svolta
Nicolò è l'uomo nuovo della Roma
È sulla bocca di tutti, non solo perché è il protagonista del discusso episodio...
Tutti pazzi per Zaniolo. E il ct Mancini gongola
Si è reso protagonista dell'episodio più discusso dell'ultima giornata, ma sarebbe...
 Lun. 03 dic 2018 
Pallone d'Oro, la notte del trionfo di Modric
Dopo Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, ecco (con ogni probabilità) Luka Modric....
 Dom. 02 dic 2018 
Roma-Inter 2-2, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Florenzi e Kolarov top, Under dimentica il Real
Roma-Inter, la spinta dei 40mila
Buon numero di spettatori per accompagnare la squadra nella partita contro i nerazzurri. Restano ancora pochi Distinti
Roma, "persi" 4 anni in due mesi. Contro l'Inter giocano tutti i baby
Il 29 settembre la Roma giocava il derby con questa squadra: Olsen; Santon, Manolas,...
 Sab. 01 dic 2018 
PATRICK KLUIVERT: "Justin è felice alla Roma, si sente a suo agio"
Patrick Kluivert torna a parlare del figlio Justin, attaccante della Roma. L'ex...
La Roma sta con Eusebio Di Francesco: garantisce Monchi
Il direttore sportivo giallorosso ha voluto l'allenatore abbruzzese e continua a sostenerlo con una fiducia che ufficialmente rimane immutata
Roma-Inter: più di 40mila tifosi pronti a spingere la squadra
La domenica ecologica cambia a causa della partita: finisce alle 18.30 per garantire l'accesso e il deflusso del pubblico. Restano ancora disponibili alcuni tagliandi
Bayram Tutumlu: "Monchi soffre ma resterà"
Martedì, ora di pranzo, la sera si gioca Roma-Real Madrid di Champions League all'Olimpico,...
Dzeko rientra con la Juve: ora tocca a Schick
Schick scopre la continuità. Tre partite consecutive da titolare alle spalle e,...
 Ven. 30 nov 2018 
Dzeko ed El Shaarawy out per 4 partite. Pellegrini: domani il test decisivo
La Roma perde Edin Dzeko e Stephan El Shaarawy per una ventina di giorni, almeno...
Roma, tra infortuni e paure: cercasi mental scotch
Uno psicologo, un fisiatra e un osteopata ci guidano in un viaggio attraverso le incertezze della squadra che partono dalla testa e arrivano al corpo
Perotti e Karsdorp, quanti infortuni: ma il peggio è passato
In due hanno collezionato solo 237 minuti in questa stagione. Un calvario che li ha afflitti negli ultimi mesi ma ora l'argentino e l'olandese rivedono la luce
Monchi corre ai ripari. In arrivo tre rinforzi
Non bastano ritocchi: Traorè, Nastasic, Dolberg. E intanto Schick sempre più verso la Sampdoria
Il colpo è Zaniolo
Alla fine l'affare l'ha fatto la Roma. Se cinque mesi fa la Capitale era in lutto...
Ehi Patrik, adesso DiFra ti vuole davvero...Schick
(...) Ora che Dzeko mancherà per un po', Schick deve cambiare marcia, accelerare,...
Nicolò il predestinato. Il suo ex tecnico Vecchi: "Zaniolo puó sfondare"
Zaniolo affronta il suo passato, per quanto si possa parlare di passato per un ragazzo...
 Gio. 29 nov 2018 
Le rimonte da scalare: questa Roma non sa reagire
Nella gestione Difra sono 23 gli svantaggi iniziali. Soltanto in tre occasioni la squadra è riuscita a ribaltare. L’ultima volta in campionato a Napoli il 3 marzo scorso
I 7 peccati capitali. La crisi della Roma riassunta attraverso i punti principali
1. INFORTUNI - «È tempo di capire la natura di certi infortuni». Se lo domanda...
Romascapocchia. Infortuni, critiche e k.o.: la squadra perde pezzi e Pallotta si chiede perché
Romascapocchia. Infortuni, critiche e k.o.: la squadra perde pezzi e Pallotta si...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>