facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 21 giugno 2018
Mappa Cerca Versión italiana Inglés versión
RomaForever.it
Home News Forum La Squadra Campionato Champions League Europa League Coppa Italia
Shop Amichevoli Calciomercato Le Formazioni Palmarés Supercoppa italiana Contattaci Lavoro
 

TOTTI: "De Rossi? Anche lui concluderà con un'unica maglia. Nel 2003 sono stato un passo dal ..."

"Nel 2003 sono stato un passo dal lasciare Roma"
Mercoledì 14 febbraio 2018
Francesco Totti ha parlato a I Signori del Calcio su Sky Sport: "Prima o poi quel giorno doveva arrivare. Ero consapevole che potesse diventare uno dei giorni più brutti della mia vita ma fa parte del calcio, della vita. C'è un inizio e c'è una fine. È stato abbastanza lungo perché è stato deciso quasi alla fine. Avevo voglia di continuare mentre la società tentennava e alla fine abbiamo preso questa decisione. Abbiamo capito che fosse il momento giusto per smettere".

Sul primo giorno da ex calciatore
"Non ho dormito quella notte. Pensavo a quello che era successo, dalla mattina a Trigoria fino alla sera allo stadio. Poi la cena con gli amici. È stata una sera diversa dalle altre ma, fortunatamente, poi sono andato in vacanza con mia moglie e i miei figli".

Le immagini dell'addio
"Mi capita di rivederle e mi commuovo. È un giorno che rimarrà dentro di me per sempre. La chiusura della mia carriera calcistica, tutta vissuta con la stessa maglia. Un traguardo davvero importante".

Sul Totti giocatore
"Dal 2000 al 2010 mi sono sentito un giocatore abbastanza forte. Ero tra i primi 5 del mondo".

Sul figlio Cristian
"Sta crescendo ma deve ancora crescere tanto. Ha ampi margini di miglioramento. SI sta divertendo e voglio che ora si diverta. Se poi tra 5-6 anni vedrò che avrà le prospettive per diventare un giocatore lo lascerò continuare, altrimenti cambierà sport. Gli insegno i valori, il rispetto, come un papà normale. In casa sono solo Francesco, non sono Totti. Gli dico di divertirsi e di non pensare ad altro. Un bambino deve solo crescere e divertirsi. Devono essere bravi i genitori a far loro capire che il calcio è divertimento, senza pensare alla serie A, ai soldi, al fatto che possa cambiare la vita di tutti. Un bambino deve essere sicuro di quel che fa, con la testa giusta e allora diventa tutto più semplice. Lo dico a mio figlio ma vale per tutti i bambini, sono le cose basilari".

Sulla Roma
"L'offerta più concreta per lasciare la Roma è stata quella del Real Madrid, nel 2003/04, e sono stato in dubbio fino alla fine, a un passo dal lasciare la Roma. Ho fatto una scelta ben precisa: precludermi la possibilità di vincere tanto per rimanere con un'unica maglia, che per me è stata la cosa più importante. Era più il Real Madrid a spingere, io cercavo di frenare con la punta dei piedi e ci sono riuscito. E alla fine ho avuto tutto: amore e passione per me sono stati più importanti che vincere trofei altrove. Per la Roma ho dato il 101%, perché ho messo la Roma davanti a tutto, davanti a me, alle cose personali, alla vita privata. La Roma è stata tutto".

Sul Pallone d'Oro.
"È una delle cose che mi è mancata personalmente. Giocando con la Roma sapevo di avere meno possibilità rispetto ad altri giocatori che giocavano con Real Madrid, Juventus, Milan... loro avevano più visibilità in campo internazionale, anche perché il Pallone d'Oro si vince conquistando la Champions o il Mondiale, oppure qualche altro trofeo importante. Io con la Roma ho vinto Scudetto, Supercoppa Italiana e Coppa Italia, perciò non ero in grado di poter combattere con altri giocatori".

Su Spalletti.
"Con Spalletti non c'è mai stato un confronto e mai ci sarà. Avrei preferito chiudere in altro modo. Fossi stato in lui avrei gestito il calciatore, e soprattutto la persona, in maniera diversa: mi sarei confrontato con lui, gli avrei parlato. Avendo la fortuna di conoscerlo bene speravo che la cosa fosse diversa. Comunque sono riuscito a fare questo passaggio da calciatore a dirigente della Roma, e l'ho fatto con lo spirito giusto: con l'armonia, con l'intelligenza di una persona grande. Dopo 25 anni di calcio non voglio cambiare lavoro. Sono cresciuto nel campo e nel campo morirò. La mia vita è stata bellissima e spero continuerà a essere ancora più bella. Lascio il campo verde e sarà bello da scoprire il nuovo campo e sarà ancora più impegnativo"

Sul calcio di oggi e le scelte societarie.
"Bandiera è amore, passione, amare la maglia ed essere fedeli a una sola maglia. De Rossi credo che concluda con un'unica maglia ma non sono nella sua testa. Non ci sono più bandiere. Non penso che esista un altro Totti e che nel caso possa rimanere a lungo nella Roma. Oggi conta il business. È difficile che un giovane della Roma crescendo rimanga e possa fare le stesse cose che abbiamo fatto io o Daniele De Rossi. Perciò la situazione è diversa ed è impossibile che quello che è successo con noi si ripeta. C'è troppo business rispetto a 20 anni fa. Prima si pensava ai giovani promettenti del nostro Paese più che a scoprire un giovane brasiliano, argentino, sudamericano, o di qualsiasi altro Paese nel mondo. Si viveva tutto diversamente, c'erano meno stranieri, era tutto più raccolto, più bello. Più andremo avanti e più il peso del business aumenterà"

Sui top player.
"Se dipendesse da me spenderei qualsiasi cifra al mondo per comprare i giocatori più forti, anche perché per vincere servono giocatori forti. Questo l'ho sempre detto e lo dirò sempre. Però poi non sono io a gestire i soldi, è il presidente che decide. Il presidente metterà un budget e in base a quel budget dovrà essere bravo a costruire una squadra. Prima 100 milioni li spendevi per un attaccante, ma si poteva pensare potesse costare così tanto un difensore. In questo mercato pazzo? Io costerei 200 milioni".

Sulla Nazionale
"Cambierei tutte le persone che non hanno fatto quello che i tifosi italiani si aspettavano. Inizierei una nuova avventura con gente giovane, di calcio, che vuole fare il bene del calcio italiano. Quando si sbaglia, si sbaglia tutti insieme. Non c'è n attore principale. L'eliminazione dal mondiale peserà tantissimo. Forse è stata presa sotto gamba la situazione, eravamo sicuri di passare e di essere più forti ma le gare vanno vinte sul campo. L'eliminazione brucerà per tanti anni"

Real Madrid - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 20 giu 2018 
La Roma prende Santon e il baby Zaniolo dall'Inter in cambio di Nainggolan e 24 milioni
Affare quasi chiuso tra i due club, a Trigoria arriva Pastore
Meret, l'Udinese alza le pretese: Roma e Napoli alla finestra
Tutti pazzi per Alex Meret. Il portiere classe 1997 dell'Udinese è nel mirino...
Manolas, c'è qualcosa che si muove: un intermediario sonda gli umori di Real e Barcellona
Non è sul mercato ma al tempo stesso la Roma non lo ritiene un incedibile. Tutto...
 Mar. 19 giu 2018 
CALCIOMERCATO, il Real Madrid acquista il portiere Lunin
Il Real Madrid ha chiuso per Andriy Lunin, portiere diciannovenne dello Zorya Luhansk,...
Cinque club italiani nella top 20 dei più ricchi
Forbes ha pubblicato la classifica annuale delle squadre di calcio che valgono di più al mondo: al primo posto c'è il Manchester United
Di Francesco: "Sono contento dei calciatori che sono arrivati"
Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, dopo aver firmato il rinnovo di contratto...
Calciomercato Roma, il canale parigino: dopo Pastore, Monchi spinge per prendere Areola
La Roma potrebbe fare il doppio colpo in casa Psg. Infatti dopo Pastore, Monchi...
Calciomercato Inter-Nainggolan, è feeling con la Roma
Entro il 30 giugno i giallorossi annunceranno un giovane dei nerazzurri che garantirà loro una notevole plusvalenza. A luglio poi, ci sarà il via libera per la cessione del Ninja
Difra rinnova. Monchi gli regala l'asso Pastore
Prolunga Di Francesco, si avvicina Pastore. Non ha alcuna intenzione di fermare...
 Lun. 18 giu 2018 
CALCIOMERCATO Roma, dalla Spagna: Sergio Rico il favorito di Monchi per sostiture Alisson
Real Madrid, Sporting Clube de Portugal, Napoli, Roma, Arsenal... molti cercano...
Calciomercato Roma, doppio tavolo col PSG: le ultime su Areola, Pastore e Ziyech
UN EMISSARIO DEL CLUB PARIGINO NELLA CAPITALE NEI GIORNI SCORSI
Calciomercato Areola e gli altri tra Napoli e Roma: ecco il punto
Azzurri e giallorossi a caccia di un portiere: per i due club si tratta di una priorità
Roma-Pastore attacco al Psg
Al supermarket Psg la Roma cerca gli affari migliori. In tanti chiedono di andar...
Calciomercato Roma, Alisson: c'è l'offerta e non è quella giusta
Il braccio di ferro è alle porte. Entro 48 ore, il Real Madrid presenterà la prima...
 Dom. 17 giu 2018 
Calciomercato Roma, Alisson a un passo dal Real Madrid: decisiva la prossima settimana
Da domani ogni giorno della prossima settimana sarà determinante per il futuro di...
Calciomercato Roma, il rinnovo Florenzi entra nel vivo. Niente sconti per Nainggolan
Settimana di incontri per Monchi. Fiducia sull'intesa con l'esterno destro che chiede un ingaggio da top player e garanzie tattiche. L'Inter continua ad offrire 25 milioni più un giovane per il belga, da Trigoria non fanno passi indietro sulla richiesta di 40
Cubero (Mundo Deportivo): "Alisson sarà il portiere del Real Madrid. Tra due anni mi aspetto che..."
"Tra due anni mi aspetto che la Roma vinca la Champions League”
Calciomercato Roma, Pastore è l'ultima idea. Muro Manolas: no al Chelsea
Per le sanzioni Uefa il Psg pensa di cederlo, l’argentino vuole l’Italia ed è seguito anche dal West Ham: Monchi ci prova. Difesa: respinta l'offensiva dei Blues. Piace Bianda
Nainggolan a un passo dall'Inter
Appuntamento con l'Inter per vendere Nainggolan. La Roma accelera sul fronte cessioni,...
 Sab. 16 giu 2018 
Calciomercato Roma, il retroscena, Perez: "Se vogliono 80 mln per Alisson può andare al Liverpool"
C'è un retroscena nella trattativa che porterebbe Alisson a giocare per il Real...
Calciomercato Roma, Carnevale: "Meret sarà il titolare dell'Udinese"
IL DIRETTORE TECNICO DEL CLUB FRIULANI HA SPIEGATO I PIANI SUL PORTIERE, CERCATO DA GIALLOROSSI E NAPOLI
Ninja e Alisson, Roma al rialzo
Dopo i quattro «botti» in entrata, anche se l'acquisto di Kluivert deve ancora essere...
Calciomercato Roma, un piano doppio: Areola o Meret-Olsen
Monchi al lavoro per consegnare un portiere a Di Francesco. Pronti 25 milioni per il francese. Il baby italiano e lo svedese rappresentano il piano B
Calciomercato Napoli, De Laurentiis: "Ho offerto 60 milioni per Alisson"
Ormai il portiere della Roma, Alisson, sembrerebbe predestinato a vestire la maglia...
Ziyech per il dopo Radja. In porta l'ipotesi Meret
Ha esordito ieri al Mondiale con la maglia del Marocco (sconfitto dall'Iran 0- 1),...
Meret & Olsen tra i pali. Intanto Florenzi....
Roma, se parte Alisson pronta la strana coppia Meret-Olsen
Calciomercato Roma, accordo Alisson-Real. Manca l'intesa tra i club: le ultime
Il futuro di Alisson Becker comincia a definirsi. Il portiere brasiliano ha avuto...
 Ven. 15 giu 2018 
Mondiali 2018, i romanisti da seguire
L'attesa è ormai finita. Con il fischio d'inizio di Russia-Arabia Saudita fissato...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>