facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 17 gennaio 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME NEWS FORUM SQUADRA CAMPIONATO CHAMPIONS LEAGUE EUROPA LEAGUE COPPA ITALIA
 
SHOP AMICHEVOLI CALCIOMERCATO FORMAZIONI PALMARÉS SUPERCOPPA ITALIANA CONTATTACI LAVORO
 

Pincolini: "Shakhtar Donetsk? Non sarà semplice per i giallorossi"

Il preparatore atletico racconta il suo calcio: "Arrigo con i calciatori era un martello, Lippi un papà in mezzo a tanti figli. Gli infortuni muscolari di Dybala e Matuidi non sono un caso: a Torino vanno sempre al massimo"
Venerdì 09 febbraio 2018
Se Arrigo Sacchi può essere ritenuto uno dei più grandi innovatori tattici della storia del calcio negli ultimi 40 anni, Vincenzo Pincolini ha dato un contributo fondamentale nell'evoluzione della gestione atletica di una squadra. Preparatore di fama internazionale, è tornato a vivere in provincia di Parma, là dove tutto è cominciato. E proprio un evento organizzato dal "Cus Parma" con il sostegno dello studio di radiologia Pasta (la presentazione del libro scritto dal giornalista Rai Fulvio Paglialunga, "Un giorno questo calcio sarà tuo. Storie di padri e figli, e di pallone") è stata l'occasione per conoscere il suo passato ma anche il suo presente: "Attualmente faccio parte integrante del comitato scientifico di Giocampus: stiamo realizzando studi di altissimo livello sull'apprendimento motorio con il gruppo delle neuroscienze. La lungimiranza del presidente Cus, Michele Ventura, e la capacità organizzativa del responsabile Giocampus, Elio Volta, stanno facendo la differenza".

Ai tempi in cui lavorava con il Milan, invece, chi erano i giocatori che, fisicamente, facevano la differenza?
"Un nome su tutti: Ruud Gullit. Un atleta completo: aveva una facilità di corsa impressionante. Univa doti fisiche straripanti a tecnica e temperamento. Perché non bisogna mai dimenticare che è il temperamento a fare la differenza".

In che senso?
"Lui voleva sempre vincere. La mentalità italiana, all'epoca dei due punti per vittoria, prevedeva di pareggiare in trasferta e battere gli avversari in casa: così si vincevano gli scudetti. Ruud in campo e nello spogliato assillava tutti chiedendo di attaccare sempre".

Lei e Sacchi avete cambiato il calcio di quegli anni.
"Sa di cosa vado fiero? Di essere stato un pioniere. Io e Arrigo cercavamo di andare oltre la normalità, alzando sempre l'asticella. Quando sono andato in Ucraina, ho provato le stesse sensazioni: abbiamo portato la nostra organizzazione facendo crescere tutto il movimento calcistico".

A proposito di Ucraina: la Roma affronterà lo Shakhtar Donetsk in Champions League. Un pronostico?
"In questo caso è necessario andare oltre i discorsi tecnici. Dal punto di vista fisico la Roma troverà una squadra al top della condizione. La sosta invernale ha permesso loro di prepararsi fisicamente, giocando amichevoli di alto livello in giro per l'Europa. La situazione è molto cambiata rispetto a qualche anno fa, quando le squadre ucraine pativano questo momento di inattività. Non sarà semplice per i giallorossi".

Per la Roma sembrano lontani gli anni dello scudetto vinto con Capello. Lei ha lavorato al fianco di Don Fabio. Mi concede un paragone con Sacchi e Lippi, altri due allenatori con cui ha condiviso alcune esperienze lavorative?
"I grandi allenatori sono simili nell'attenzione per i dettagli. I tre che ha citato invece sono molto diversi nella gestione del gruppo. Arrigo era martellante: i calciatori dovevano pensare al ruolo che avevano anche fuori dal campo. Fabio manteneva sempre la stessa distanza da tutti i suoi calciatori mentre Marcello era un papà in mezzo a tanti figli".

Lippi è stato per anni sinonimo di Juventus: come si possono spiegare due infortuni come quelli di Dybala e Matuidi, entrambi al flessore della coscia? Casualità?
"Si tratta di uno degli infortuni più classici nel mondo del calcio. Il motivo? Alla Juventus gli allenamenti vengono vissuti alla massima velocità. Tutti gli atleti raggiungono il proprio limite. Questo comporta qualche rischio dal punto di vista atletico ma sicuramente mette nelle mani di Allegri un gruppo in piena efficienza. I bianconeri hanno una rosa vasta e un tecnico che sa gestire al meglio il turn over. Non avranno problemi".

Sono loro i principali indiziati alla vittoria del campionato quindi?
"Fino a poco tempo fa avrei risposto affermativamente, senza troppi dubbi. Ora qualche dubbio ce l'ho".
di Pietro Razzini
Fonte: Gazzetta dello Sport

Capello - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 14 gen 2019 
Capello: "Via dalla Roma perché non mi divertivo più. Tornavo dagli allenamenti e non ero contento"
Fabio Capello, ex allenatore della Roma, ha rilasciato un'intervista pubblicata...
 Ven. 04 gen 2019 
Capello: "Con i giovani bisogna osare"
«Ho finito, io. Nè allenatore nè dt. Nemmeno manager. Il mio calcio è solo da opinionista....
 Ven. 21 dic 2018 
CAPELLO: "Dalla Juve alla Roma ho provato a portare la mentalità vincente"
"Cosa ho provato a portare dalla Juventus alla Roma? Decisamente la mentalità vincente...
Juve-Roma, sfida eterna tra promesse infrante e bocche... sciacquate
Juventus-Roma è una sfida che si è giocata spesso, oltre che con il pallone, anche con le parole. Tra frecciatine e polemiche vere e proprie, quella tra bianconeri e giallorossi non è mai una sfida come tutte le altre...
Capello, Lippi e le ombre di DiFra
Il panettone, a patto che gli piaccia, la sera di Natale lo mangerà da allenatore...
 Gio. 20 dic 2018 
Juve-Roma, la strana attesa: in passato veleni e tensione
I problemi giallorossi e lo stato di forma dei bianconeri hanno allentato l’avvicinamento alla partita dello Stadium. Una sfida che ha sempre regalato polemiche e ironia
 Mar. 18 dic 2018 
Rosella Sensi: "Non auguro a nessuno di girare con la scorta. Spalletti, perdono ma non dimentico"
"A Totti farei fare il d.t. Capello non voleva essere simpatico, voleva solo vincere. Samuel la cessione più dolorosa, non avrei voluto firmare”
 Sab. 15 dic 2018 
Monchi rilancia: subito 3 rinforzi
Monchi vola lunedì negli States. Non da turista, però, in stile cinepanettone. Niente...
 Ven. 14 dic 2018 
Un film già visto
L'ennesima replica di un film già visto e rivisto. La Roma si ritrova allo stesso...
DiFra in salita: la Roma sceglie il "perdono", i tifosi invece no
[..] Domenica all'Olimpico è attesa una contestazione come non se ne vedono da anni,...
 Gio. 13 dic 2018 
Roma in crisi tra rassegnazione e solitudine
Alla partita di domenica col Genoa di Cesare Prandelli, si affida il compito di decidere quello che i tanti dirigenti, dal boss James Pallotta in giù non hanno avuto finora il coraggio di decidere
 Gio. 06 dic 2018 
Capello: "Soltanto Suning può pensare di opporsi alla Juve"
"Nazionale? Abbiamo giovani di valore assoluto, ad esempio Zaniolo"
 Mer. 05 dic 2018 
Aquilani: "Spalletti era pazzo ma il calcio di quegli anni l'ho visto poche volte. Totti mio idolo"
Questa sera alle 22:30 Alberto Aquilani, ex centrocampista della Roma, sarà protagonista...
 Ven. 23 nov 2018 
Ora Delvecchio incanta in radio: "Rimpianti? Quella finale del 2000"
Dal calcio giocato a quello…parlato. La seconda vita di Marco Delvecchio è con le cuffie e il microfono. Lavora in una radio sportiva romana e ha solo un rimpianto: la finale persa con la Francia nel 2000. L’Italia poteva essere Campione d’Europa con un suo gol. Ma si è rifatto l’anno dopo.
 Mer. 14 nov 2018 
Negrisolo lo applaude: "Marco il migliore al mondo"
«Macché il miglior preparatore di portieri d'Italia! Savorani è il migliore del...
 Lun. 12 nov 2018 
COVERCIANO - Allegri vince la Panchina d'Oro. Di Francesco: "La VAR? Va utilizzata nel modo giusto"
Quarto riconoscimento in carriera come miglior allenatore della Serie A per l'attuale tecnico della Juventus: primato assoluto, staccati Capello e Conte a quota tre
Bouah, da ala a terzino eroe in Europa
Quando lui nasceva, la Roma di Capello era ancora nel pieno degli strascichi della...
 Ven. 09 nov 2018 
Paradosso Di Francesco: tra il record in Champions e le voci sul no di Zidane
Criticato e sull'orlo del licenziamento in Italia, protagonista da record in Europa....
 Gio. 08 nov 2018 
DI FRANCESCO, mai nessuno come te in Champions
Con il successo contro il Cska Mosca, la Roma sotto la gestione Di Francesco sale...
 Mer. 07 nov 2018 
Da pasticcione a eroe nazionale. La metamorfosi di Akinfeev
(...) Passato il Mondiale, Mosca è tornata onesta e malinconica, frenetica secondo...
 Lun. 05 nov 2018 
Piove sul bagnato
Non è che alla Roma non sia mai accaduto di ritrovarsi con 16 punti dopo 11 giornate...
 Sab. 03 nov 2018 
Alla ricerca del rendimento perduto lontano da casa
A Firenze, per ritrovare la Roma formato-trasferta targata Di Francesco. Quella...
 Mer. 31 ott 2018 
Prandelli: "De Rossi è una sicurezza, anche a 35 anni, sarà un ottimo allenatore. Totti persona..."
"Totti persona straordinaria e calciatore impressionante"
 Sab. 27 ott 2018 
Allan: "Dalla favela alla favola scudetto con il Napoli: ora voglio battere la Roma"
CASTEL VOLTURNO Allan, chi vince domani? «Ahi, qui a Napoli siamo scaramantici,...
 Mar. 23 ott 2018 
DE ROSSI: "Siamo stati bravi, loro sono forti. Devo migliorare la forma fisica"
ROMA-CSKA 3-0 LE INTERVISTE POST-PARTITA DE ROSSI A ROMA TV Partita perfetta della...
 Dom. 21 ott 2018 
Pallotta voleva mandare tutti in ritiro: stop di Baldini
Edin Dzeko prende una bottiglietta - durante la sosta per l'espulsione di Milinkovic-Savic...
 Mar. 16 ott 2018 
Ex mental coach di Perotti: "La pressione può influire sugli infortuni. DiFra? Bravo, ma non un top"
Diego Perotti è senza dubbio uno delle grandi delusioni di questo inizio di stagione...
Roma, Dzeko-Schick i due cari nemici
Guai se a Edin tocchi Patrik; guai se a Patrik tocchi Edin. Ma alla fine ne gioca...
 Lun. 15 ott 2018 
Capello: "Roma? Potrei tornare come consulente"
Il tecnico che ha vinto lo scudetto con i giallorossi: «Ho ottimi ricordi come giocatore e come allenatore ma ormai ci sono altre persone che possono fare qualcosa di più, magari potrei tornare per una consulenza»
 Sab. 13 ott 2018 
Cassano: "A parte la Juventus e Higuain, in Italia tutte schiappe"
Il talento barese che oggi ha annunciato l'addio al calcio: «Quando ero bambino ho fatto a botte. Le ho prese da Stramaccioni? Gli piacerebbe... Ci siamo solo spintonati e basta»
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>